Tag Archives: Babalibri

Luigi. Il giorno in cui ho regalato…

14 Ott

luigi_couv4_0Luigi, impagabile Luigi. Il simpaticissimo gatto che i giovani lettori hanno conosciuto in Luigi. Alcuni giorni molto interessanti della mia vita torna con cinque brevi episodi che piaceranno a chi ha appena imparato a leggere e può godersi un bel libro, formato giusto e copertina cartonata. Anche qui Luigi filosofa, sul filo delle sue giornate, mentre passeggia insieme all’amico Miki e si sente invaso dalla gentilezza: ha trovato una pianta e vuole regalarla a qualcuno. Sceglie a caso sull’autobus: una nutria che, per la felicità, gli dona un animaletto esaudi-desideri e innesca una serie di incontri che hanno tutti a che fare col donare e col ricevere. Luigi, come sempre, è leggero e leggiadro: dice quello che pensa senza farsi problemi, e lo dice bene, con la grazia di chi sa avere cura persino della propria tristezza.

Il lettore ritrova gli amici del libro precedente e altri nuovi: sempre esilarante Titi, l’uccellino che risponde con frasi sconnesse e apparentemente senza senso che vi faranno ribaltare dal ridere.

Luigi, imperdibile Luigi.

Catharina Valckx – Nicolas Hubesch, Luigi. Il giorno in cui ho regalato una pianta a uno sconosciuto (trad. di Tanguy Babled), Babalibri 2017, 72 p., euro 17,50

Annunci

Il postino dei messaggi in bottiglia

18 Ott

postino-dei-messaggi-in-bottigliaIl testo di Michelle Cuevas (“Le Avventure di Jacques Papier” De Agotini, Premio Andersen 2016 come miglior libro 9-12 anni) è sicuramente poetico, ma ancora più poesia e grazia le aggiunge il tratto di Erin Stead che rende materiche le sensazioni, le emozioni e i pensieri che attraversano il protagonista dell’albo, un postino a cui è affidato il compito di raccogliere i messaggi in bottiglia e consegnarli ai destinatari. Ha lo sguardo malinconico e perso di chi gioca a carte in solitario davanti a una sedia vuota, ha le spalle un po’ curve anche quando guarda verso l’alto, ha la cura dei gesti di chi sa fare bene il suo mestiere mettendoci passione.

Quando pesca un invito ad una festa senza altro riferimento si dà da fare per trovare chi riconosca la calligrafia: interroga grandi e bambini, gabbiani e musicisti senza venirne a capo. Poi decide di presentarsi alla festa per scusarsi con chi l’ha organizzata di non aver saputo trovare il suo invitato. Con una manciata delle sue conchiglie preferite, ovviamente, perché non si va mica a mani vuote. Alla fine della serata, il postino avrà la bocca piena di torta e il cuore colmo fino all’orlo: straborderà come succede quando la gioia vera, quella che arriva coi piccoli gesti, ci fa pieni . Succede che esca in piccole lacrime di commozione oppure che costringa a rimanere un poco a bocca aperta, come di fronte all’essenziale bellezza di questo albo.

Il sito dell’autrice. Il sito dell’illustratrice.

Michelle Cuevas – ill. Erin E. Stead, Il postino dei messaggi in bottiglia (trad. di Cristina Brambilla), Babalibri 2016, 40 p., euro 13,50

Milano Millestorie

29 Giu

MilanoMillestorieTra le tante guide per bambini relative a Milano pubblicate negli ultimi mesi, abbiamo parlato di quella edita da Panini in cui Pimpa fa da cicerone, ma possiamo ricordare anche “La mia Milano” di Ferrero, Fuga e Labianca (Electakids) e l’ottimo ebook Milano ad altezza bambino, realizzato da Rottermaier e Tangerine Lab per De Agostini. Il progetto Babalibri prevede invece di raccontare la città attraverso una serie di storie: ci sono sette percorsi che corrispondono ad altrettanti quartieri e colori e per ciascuno si raccontano episodi speciali, personaggi, curiosità e si approfondiscono particolari negli specchietti colorati. Quando si parla di un fatto storico, si ritrova nella pagina anche una linea del tempo che permette di posizionarlo adeguatamente nel periodo in cui è avvenuto. Si può procedere linearmente oppure sfogliare alla ricerca di quel che colpisce di più, in un accattivante mix di illustrazioni e riproduzioni fotografiche. Da Bruno Munari alla Chiesa del mal di testa, dallo sciopero dei sigari ai musei a cielo aperto, dalla battaglia navale ai maiali a zonzo per le vie della città… ecco di che incuriosire non solo chi arriva in visita, ma anche gli stessi bambini milanesi che di certo non conosceranno tutti gli episodi e i luoghi scelti e inseriti tra queste pagine.

Al fondo c’è un supplemento in bianco e nero che contiene la traduzione dei testi in inglese.

Il sito relativo al progetto, registrandosi al quale e inserendo il codice che si trova su ogni copia del libro è possibile accedere a contenuti extra: mappe, percorsi speciali, quindici audiostorie da scaricare in mp3 relative a personaggi vari (dai fratelli Colla a Tex Willer, da Beatrice d’Este a Liliana Segre, da Giuseppe Verdi a Enzo Jannacci).

Il sito di Giulia Orecchia che ha realizzato le illustrazioni per questo libro.

Patrizia Zelioli – Giulia Orecchia – testo in inglese di Elisabetta Gnecchi Ruscone, Milano Millestorie, Babalibri 2015, 192 p., euro 16,50

Cornabicorna contro Cornabicorna

11 Giu

CornabicornaControCornabicornaQuando parliamo di albi che funzionano sempre (o comunque al 99%!) sappiamo che ognuno ha il suo tesoretto di storie da utilizzare a colpo sicuro, utili soprattutto in quelle occasioni in cui non si conosce ancora la classe che è venuta in biblioteca o in cui si ha di fronte un gruppo di lettori eterogenei che partecipano ad un incontro a partecipazione libera. Tra questi sicuramente la serie di Cornabicorna, che va ad arricchirsi del terzo volume, e che permette anche – nel caso di letture cadenzate nel tempo con il medesimo gruppo – di creare attesa rispetto alla storia e di tendere un filo rosso tra gli incontri grazie al medesimo personaggio.

Dopo i precedenti Cornabicorna (2012) e La vendetta di Cornabicorna (2014), torna il personaggio di Pietro che continua ad odiare le minestre alle prese non con una, ma con ben due streghe. Tutta colpa dei suoi adulti che, come sottolinea lui, non sono manco in grado di vedere una strega in una zucca: la mamma affetta la cucurbitacea in cui era stata trasformata Cornabicorna nell’avventura precedente ed ecco che si fa realtà il detto “Zucca tagliata, strega raddoppiata”. Decise a trasformare il bambino in una succulenta minestra, le due finiranno per accapigliarsi vantando ciascuna di essere quella originale e si distruggeranno a vicenda.

Il testo presenta un’ottima carrellata di insulti, di quelli dove la fantasia si ingegna per prendersela con qualcuno senza mai utilizzare una parolaccia, come già avevamo sottolineato nel caso dell’albo Due mostri e come nel romanzo Dakota dalle bianche dimore di Ridley (Salani, 1992; in commercio c’è un’edizione del 2008 oppure andate a cercarlo in biblioteca). Un crescendo di epiteti che fa ridere i bambini; potete sfidarli a trovarne di nuovi, gentili ma pungenti!

Magali Bonniol – Pierre Bertrand, Cornabicorna contro Cornabicorna (trad. di Federica Rocca), Babalibri 2015, 32 p., euro 14

Luna e la camera blu

15 Nov

luna e la camera bluNel periodo in cui ragazzina tenevo il naso costantemente tra i gialli di Agatha Christie ero affascinata da un racconto in cui il ricordo dell’infanzia e di omicidio visto commettere proprio in quel periodo emergeva grazie alla tappezzeria – grano e papaveri – conservata in un armadio a muro chiuso da tempo mentre tutto intorno nelle stanze era cambiato. Eppure, grazie a quei colori e a quei disegni la protagonista capiva come mai tanto le era familiare il luogo e i gradini del giardino e la balaustra della scala: aveva vissuto in quella casa da bambina; la tappezzeria era quella della stanza dove aveva dormito e ricopriva i muri tra i quali aveva fantasticato, proprio come la piccola protagonista di questo albo, di cui tutti si preoccupano perché a scuola, durante la ricreazione se ne sta in un angolo a guardare gli altri. Ma i grandi non capiscono che non soffre per l’isolamento e nemmeno è asociale, semplicemente sta sognando ad occhi aperti guardando gli altri giocare. Sta facendo galoppare la fantasia esattamente come quando va a trovare la nonna e la accompagna a fare il riposino: quella stanza silenziosa ha una tappezzeria che par quasi un racconto, ci sono nave e vele e fari e ponti e carrozze e persone abbigliate secondo i gusti di un’altra epoca. Più Luna osserva e fantastica, più le vien facile infilarsi tra le storie narrate dai muri in compagnia della sua matita rossa, vivere avventure e lasciare qua e là traccia del proprio passaggio. Finché la nonna la sveglia e insieme lasciano a briglia sciolta l’immaginazione guardando le nuvole.

Mgadalena Guirao Jullien – Christine Davernier, Luna e la camera blu (trad. di Federica Rocca), Babalibri 2014, 36 p., euro 13

Se vuoi vedere una balena

4 Giu

balenaDopo aver gustato la delicatezza di E poi è primavera, ecco un nuovo albo col testo di Julie Fogliano e le illustrazioni di Erin E. Stead. Ancora una volta la grazia leggera, declinata a questo giro nei suggerimenti da mettere in pratica se si desidera avvistare una balena. Bisogna procurarsi una finestra, un oceano, molta pazienza e del tempo per guardare, per pensare, per rendersi conto. Non si deve stare troppo comodi e nemmeno distrarsi alzando gli occhi verso le nuvole oppure guardando in qua e in là pellicani, rose, barche, prati. Bisogna stare all’erta e tenere gli occhi aperti. Ma intanto ci si è guardati intorno, si sono scoperte meraviglie piccine nascoste tra le foglie, forse il sorriso di un pellicano, le forme diverse e mutevoli delle nuvole che corrono. Si è ascoltato il vento e preparata una barca e poi navigato pazientemente. E la balena è lì, sotto la superficie dell’acqua su cui stiamo navigando. Stiamo viaggiando insieme anche se non lo sappiamo; stiamo viaggiando per arrivare proprio lì, all’attimo in cui l’attesa incontra un muso che spunta dall’acqua e lo scambia magari per uno scoglio rugoso, rendendosi conto appena con un momento di ritardo che è lì, balena sorniona e sorridente, tanto cercata e tanto aspettata.

Nel momento in cui la balena sbuca, i musi attenti degli occupanti della barca (un cane, un bambino e un uccellino), quasi identici nell’espressione di chi non sa improvvisamente cosa fare o dire dopo aver tanto desiderato e atteso, mi fanno pensare al silenzio perfetto di quell’attimo in cui si sta per aprire il sorriso. Un sorriso che porta in sé tutto quello che si è visto, incontrato, scoperto nel cammino dell’attesa. Un sorriso che sa la misura esatta della bellezza dell’attesa che merita.

Il booktrailer dell’albo. Il sito di Erin Stead e il suo blog.

Julie Fogliano – Erin E. Stead, Se vuoi vedere una balena (trad. di Cristina Brambilla), Babalibri 2014, 32 p., euro 12,50

Aiuto, arriva il lupo!

12 Feb

ramadierGli albi che richiedono la diretta interazione dei piccoli lettori, attivando le medesime modalità di quando si trovano davanti a uno schermo su cui far correre le dita e battere le nocche, ci riportano al noto “Un libro” di Hervé Tullet (Panini), ma anche al divertente “Siamo in un libro!” (Il Castoro) di Mo Willems, dove Reginald e Tina si sentono vagamente osservati e poi decidono di giocare col lettore che sta sfogliando le pagine facendogli dire “banana” a comando e altre amenità simili. 

Il successo nella lettura coi bambini è assicurato perché il libro li chiama in causa direttamente all’interno di una storia che ha bisogno di loro per continuare (un po’ come nell’app Another Monster at the end of this book che riprende non a caso il libro del 1971 dove Grover ed Elmo dei Muppet vengono aiutati dal bambino a scoprire se davvero ci sia un mostro a fine libro) ed è così anche in questo cartonato tradotto per Babalibri che può essere scosso, ruotato, inclinato esattamente come un tablet. Lo scopo è far scivolare fuori dalle pagine il lupo che si sta minacciosamente avvicinando: la grafica basilare, i colori netti e la possibilità di ripetere la storia (all’infinito, cari adulti lettori 😉 ) ne fa sicuramente un libro adatto ai piccolissimi che potranno appunto reiterare più e più volte l’operazione e le risate conseguenti.

P.S. con sorriso: questo libro è scritto da adulti. E da cosa si vede? Dal fatto che hanno bisogno ogni volta di scrivere “Volta la pagina!”, dimostrando scarsa fiducia nell’intuitività della storia e dei piccoli lettori.

Il sito di Cédric Ramadier.

Cédric Ramadier – Vincent Bourgeau, Aiuto, arriva il lupo! (trad. di Tanguy Babled), Babalibri 2014, 24 p., euro 11,50

E poi… è primavera

19 Lug

Più riguardo a E poi... è primavera!

No, non è primavera. È estate piena, anche se un po’ bizzosa. Però mettiamo in vetrina questo albo delicato e il suo occhialuto protagonista che sul finir dell’inverno scruta, avvoltolato nella lana di sciarpa, berretto e guanti, tutto il marrone della terra spoglia che c’è intorno. Poi ci sono i semi da piantare, la pioggia che arriva e fa crescere, la pazienza del giardiniere, qualche momento di sconforto, il vegliare, i sussurri delle piante che crescono e infine il verde che viene a ricoprire tutto e gli steli che cominciano a fare capolino.

Lo mettiamo in vetrina per ricordarci che, quando seminiamo e vegliamo per avere cura dei semi, il marrone è sempre e comunque pieno di possibilità. Anche se ci sembra solo marrone, anche se vorremmo dare una spinta al tempo, anche se i nostri pollici prudono e non vediamo l’ora di dondolarci di beatitudine nel vento.

Il sito di Erin Stead (l’illustratrice de “Il raffreddore di Amos Perbacco”, sempre Babalibri, scritto col marito Philip. A proposito, ecco cosa dice di loro l’impareggiabile Julie Danielson), con qualche immagine in cui è all’opera. E il suo incantevole blog. Nell’albo potete perdervi nei particolari: le casette per gli uccellini, gli animali che popolano le pagine e le loro espressioni partecipi, quel buffo cane che ha voluto dire la sua anche nella semina.

Julie Fogliano – ill. Erin E. Stead, E poi… è primavera (trad. di Cristina Brambilla), Babalibri 2013, 32 p., euro 13

La vita segreta dell’orto

28 Giu

Più riguardo a La vita segreta dell'orto

Penso sempre che giugno sia il mese migliore per stare nell’orto, dalle mie parti: il verde dell’insalata, i primi zucchini, melanzane e pomodori che fanno crescere i loro frutti, la selva dei lamponi rossi e zuccherini, il riverbero del ribes che spunta tra le foglie dei cespugli, i fiori leggeri della malva, il mescolarsi di rucola prezzemolo basilico maggiorana. Cosmee che occhieggiano qua e là coi loro fiori colorati. Cestini di albicocche tonde e un po’ lanose, prime piccole pesche di vigneto da fare ripiene al forno, ciliegie da mangiare sull’albero facendo gara a chi sputa i noccioli più lontano.

In questo albo Sofia scopre – grazie alle vacanze, all’orto dei nonni e all’aiuto che dà loro – come si prepara un orto, come si pianta, perché zucche e meloni vengono poggiati su un asse di legno, dove vanno a finire gli ortaggi in piccola e grande distribuzione. Si parla di pacciamatura, di quanto potrebbe essere facile e pericoloso confondere l’umbella delle carote con la cicuta, dell’utilità delle coccinelle e dei lombrichi, dei sostegni per il mais e per i pomodori. E si segue visivamente la piccola protagonista mentre impara, lavora, osserva: il lettore ha una guida pratica nelle illustrazioni.

Poi ci sono le altre stagioni: l’autunno con gli ultimi raccolti, gli alberghi per gli insetti e le palle di grasso coi semi per gli uccelli; l’inverno con la neve  sotto cui tutto riposa; le prime avvisaglie di primavera, in cui far nascere un piccolo orto anche sul balcone o sul terrazzo della casa di città.

E buoni frutti dell’orto a tutti!

Gerda Muller, La vita segreta dell’orto (trad. di Isabella Riva Macerata), Babalibri 2013, 32 p., euro 14

Sulla mia testa

7 Ago

Sulla testa di Gastone compare un uccellino giallo, simpatico  che lo accompagna costantemente e sembra proprio che si trovi a suo agio, lì in mezzo ai capelli, anche quando bisogna mettere la cuffia per entrare in cucina. Eppure nessun altro si accorge che Gaspare – così è stato ribattezzato – ha eletto a sua dimora la testa del bambino. Poi Gastone ricorda: la bestiola è comparsa il giorno in cui la maestra, visto che lui non sapeva la poesia, l’ha rimproverato di avere “il cervello di un uccellino”.

Piccolo albo dai poetici leggeri disegni per dire di quando un modo di dire si fa, specie nell’immaginario di un bambino, reale (ricordo ancora quando sentii mia madre dire che la tal signora le aveva attaccato un bottone per strada. E io a immaginarmele lì con ago e filo…).

Il sito di Émile Jadoul. Un video in cui racconta del suo lavoro.

Émile Jadoul, Sulla mia testa (trad. di Federica Rocca), Babalibri 2012, 40 p., euro 10