Tag Archives: animali

Gli amici del fiume

10 Feb

gli_amici_del_fiumeDi questo libro innanzitutto mi piace il formato: copertina morbida e illustrazione accattivante, proprio un “ben fatto” vien da dire, che si mette volentieri in mano ai lettori tra gli otto e i dieci anni. Poi c’è la storia, una storia di animali che potrà piacere ai giovani lettori e che dipana davanti ai loro occhi tutte le specie che vivono intorno a un fiume: dai bruchi ai tassi, dalle libellule alle rane toro, compresi volpi, cinghiali, pesci e uccelli.

Tre amici – un riccio, un’anatra e una lepre – si lanciano nella pazza e pericolosa avventura di imparare a nuotare; sono una banda ben composita, dal carattere diverso e complementare; si spalleggiano e si incoraggiano al bisogno. La storia li segue nella scoperta del mondo intorno e nei diversi tentativi di avvicinarsi al fiume, addirittura di provare ad attraversarlo in groppa a un cavallo compiacente. Intanto cercano la fine dell’arcobaleno, incontrano altre bestiole, si fanno domande su quel che vedono, compreso l’umano che seguono sulla spiaggia. Per poi finire davvero tra le acque del’amico fiume, ripescati in tempo da una lontra, al di là di ogni paura: non sono spaventati, ma esaltati dall’aver finalmente nuotato.

Una storia a passo lento e sguardo profondo, dove l’avventura è il quotidiano. Una storia che richiama “Il vento tra i salici” e che può suggerire di andare a rileggerla, magari nell’ultima versione pubblicata da Gallucci, un flipbook con la traduzione di Beppe Fenoglio, con le illustrazioni di Valerio Berruti e una traccia musicale di Gian Maria Testa.

Il sito dell’autrice. Il sito dell’illustratrice.

Guia Risari – ill. di Giulia Rossi, Gli amici del fiume, San Paolo 2017, 93 p., euro 12

La parola alla natura

2 Gen

 

la-parola-alla-naturaNon ci sono parole in questo libro, se non nella breve istruzione data in apertura e poi nell’appendice finale. Le istruzioni invitano rispettivamente a osservare, indagare, stupirsi. Nel finale invece ecco la riproduzione delle tavole informato minore con l’indicazione degli animali che vi compaiono e la breve sintesi di alcune loro caratteristiche. In mezzo pura libertà: di guardare, sfogliare, fermarsi dove più si preferisce, interpretare. Le diverse strisce che  appaiono in ogni pagina raffigurano ciascuna una sequenza in cui si muovono gli animali – da soli o interagendo tra di loro – oppure assistiamo allo scorrere delle stagioni sulla chioma di un albero  o sul ciclo di vita di un fiore di tarassaco, dal suo fiorire fino al dissolversi del soffione.

C’è la talpa che va in letargo e si riaffaccia a primavera; una femmina di petrello inseguita dal compagno; pinguini che si dichiarano, animali che mettono al sicuro il loro cibo, che succhiano nettari o che si mangiano altre bestie più piccole di loro; c’è chi si affronta, chi scappa, chi insegue. Non sempre le strisce vicine sono in rapporto tra di loro, ma è bella la libertà data al lettore non solo di inventare una storia per ogni striscia, ma di provare a tessere un legame, magari anche solo di similitudine.

Ancora una volta un volume che ci ricorda dell’importanza di dare in mano ai bambini qualcosa di bello, fin dalla sua composizione grafica, dall’accostamento dei colori; nel contempo qui possiamo offrire ai lettori la piena libertà di essere creativi, partendo dalla semplice chiarezza delle illustrazioni che riassumono graficamente l’informazione che vogliono dare.

Davvero un prezioso regalo. Uno strumento nel senso migliore del termine, direi.

Thomas Hegbrook, La parola alla natura (trad di Lucia Feoli), Emme 2016, euro 22

Lucilla Scintilla e il suo cucciolo

28 Nov

lucilla-scintillaLucilla Scintilla ha sei anni e mezzo, è testarda, curiosa e attenta osservatrice. Sta cercando la cagna del nonno che si è nascosta per partorire. Allora, dopo aver giustamente osservato come il nonno borbotti e sussurri alle sua piante dell’orto (è forse quel che dice che fa arrossire i pomodori?), decide anche lei di accompagnare la ricerca con un dialogo rivolto al cucciolo che dovrà nascere. Questo dialogo è proprio quel che legge il lettore, mentre cammina con la bambina lungo il tempo di una giornata estiva, tra orto, campi e bosco, nella libertà del tempo della vacanza quando si vive a contatto con la natura. Lucilla descrive e interroga, si presenta, cerca di guardare lontano, non esita a strisciare per terra o a frugare tra le felci. E intanto parla a quello che dorme dove è ancora notte, che dorme prima della vita. Il lettore cammina tra le illustrazioni a grandi tratti neri, vivacizzati qua e là da tocchi di arancione: ecco il primo albo di una serie di quattro, dove le avventure della protagonista scandiscono le stagioni, con il suo buffo modo di fare e la saggezza di chi sa vedere e sa gustare quel che sta intorno: le primizie dell’orto, la sorpresa dietro l’angolo, il cielo azzurro, le avventure sempre pronte.

Anche questo albo, come altri testi Sinnos, rispetta le caratteristiche dell’alta leggibilità; in più è scritto in stampatello maiuscolo, il che lo rende davvero perfetto per i lettori coetanei di Lucilla. Lucilla e Dory Fantasmagorica sono sicuramente le migliori uscite dell’anno per i lettori che cominciano a muoversi autonomamente.

Il sito dell’illustratore, Charles Dutertre. Di Alex Cousseau invece aspettiamo che qualcuno porti in Italia i suoi romanzi per adolescenti, davvero preziosi.

Alex Cousseau – Charles Dutertre, Lucilla Scintilla e il suo cucciolo (trad. di Angela Attolini), Sinnos 2016, 32 p., euro 7

P.s. Sono davvero felice che arrivi in Italia la traduzione delle avventura di Louison Mignon, una delle protagoniste per cui ho passione. Adesso, tra le traduzioni dalla Francia, mi piacerebbe che qualcuno vi regalasse la traduzione delle avventure in serie di Rita e Machin, disegnate da Olivier Tallec.

Il cappello di Topolina

30 Set

cappello-di-topolinaUn senza parole quadrato, dedicato ai più piccoli e ai loro adulti che avranno voglia di metterci voce, o magari solo versi e suoni di stupore, chissà… Sì, si presta anche a far le voci questo libro in cui Eric Battut inanella una catena di animali generosi e allegri che si prestano a vicenda il cappello rosso di Topolina. Ovviamente ciascuno lo adatta alle proprie orecchie e, con disinvoltura, anche alle proprie dimensioni, per cui, quando torna in mano alla sua proprietaria, non è più esattamente il cappello che aveva lasciato… Niente paura, perché dietro l’angolo c’è una grande idea che dà nuova forma (e nuova vita) al copricapo.amici

Come già detto, il libro è un senza parole: a volte questi libri fanno paura agli adulti, mentre invece danno possibilità di vera condivisione coi bambini con cui vengono letti perché si può creare insieme la storia, interpretarla, scegliere e dar voce, appunto. Ha le stesse dimensioni e lo stesso pubblico destinatario di un’altra novità Bohem Press, Amici, di Paloma Canonica, che invece il testo ce l’ha. Un testo breve che parla di amicizia, di quel che gli amici fanno insieme, di quel che condividono, di come si può essere diversi ma prossimi: le coppie di animali che infatti si vedono nelle illustrazioni sono in generale bestie che non accosteremo perché per stereotipo siamo abituati a considerarli come opposti.

Bel formato, belle scelte grafiche: due buone proposte per i lettori dai due anni in su.

Eri Battut, Il cappello di Topolina, Bohem Press, 32 p., euro 9,80

Paloma Canonica, Amici, Bohem Press, 32 p., euro 9,80

Scheletri e Bocche. Animali straordinari come non si sono mai visti

21 Set

scheletriGuardare da un punto di vista particolare; guardare gli animali che sempre interessano i giovani lettori; guardarli e farli apprezzare attraverso due volumi di alta qualità, lussuosi oserei dire dove lusso significa poter avere a portata di mano dei contenuti di qualità all’interno di volumi curati.

“Scheletri” ripropone il meccanismo che già Florence Guiraud aveva utilizzato in I frutti della terra (Gallucci, 2012): informazioni chiare e semplici a doppia pagina, ai sinistra una scheda tecnica con informazioni, curiosità, modi di dire sull’animale in questione, a destra la silhouette della bestia che si solleva per scoprire com’è lo scheletro, con altra didascalia informativa. Giraffe, gatti, passeri, ma anche grifoni, formichieri, razze chiodate, fenicotteri: insomma, sicuramente di che incuriosire gli appassionati, e non solo.

Passa invece attraverso il punto di vista del modo di nutrirsi, “Bocche”, primo volume di una nuova collana edita da portada BOCASKalandraka a cui seguirà “Occhi”, volumi pensati per scoprire le modalità straordinarie che alcuni animali mettono in atto nel loro quotidiano. La prima uscita descrive con attenzione dodici esemplari diversi e dodici strategie di alimentazione, in rapporto all’ambiente in cui vivono, con schede riassuntive finali che raccolgono notizie, dimensioni e curiosità di ciascuno. Anche qui troviamo il formichiere accanto alla megattera, alla zanzara, alla locusta, alla lampreda… tra testo e illustrazioni di  Nicolás Fernández.

Ancora una volta la possibilità di offrire di che bearsi: tra l’altro entrambi i volumi sembrano graficamente e strutturalmente pensati apposta per essere aperti sul pavimento ed essere goduti da lettori spaparanzati a pancia in giù su un morbido tappeto, tuffati tra le notizie e tra le immagini.

Florence Guiraud – Judith Nouvion, Scheletri. Gli animali come non si sono mai visti (trad. di Roberta Cardinali), Rizzoli 2016, 83 p., euro 24

Xulio Gutiérrez – Nicolás Fernández, Bocche. Animali straordinari (trad. di Francesca Massai, Enrico De Donà), Kalandraka 2016, 31 p., euro 17

L’ultimo branco selvaggio

7 Gen

L'ultima terra selvaggia

Quanto mai attuale l’ambientazione catastrofica a livello naturale di questo romanzo: un mondo dove gli animali non esistono più, colpiti da una misteriosa epidemia chiamata virus degli occhi rossi, dove gli umani si sono concentrati a vivere nelle città e mangiano un preparato che cambia gusto ogni giorno in quanto non è più possibile coltivare nulla. Un mondo dove un’azienda ha preso il controllo di tutto, comprese le azioni governative.

Kester vive a Spectrum Hall, un istituto rieducativo per ragazzi difficili dove è stato portato dopo aver perso la parola in seguito alla morte della madre. Da sei anni non sa nulla del padre, valido veterinario, non fa che seguire gli orari e le regole della scuola e non pronuncia parola. Fino al giorno in cui si rende conto che uno degli scarafaggi che osserva e che tocca nonostante i divieti gli sta parlando e lui riesce a comunicare. Kester ha il dono della parola, non quella verso gli uomini, ma quella che gli permette di interagire con le bestie: sono proprio loro, scarafaggi e piccioni, a portarlo fuori dall’istituto e a mostrargli l’ultimo branco di animali rimasti che, guidati da un cervo, lo accolgono come colui che può aiutarli a salvare i superstiti dal virus. Kester conosce allora un mondo mai visto prima: la natura selvaggia, i fiumi, la campagna rimasta; incontra Polly, i cui genitori hanno per lungo tempo resistito nella fattoria di famiglia fino a quando – finito il cibo – sono andati verso la città per non fare più ritorno. Inseguiti dai classici “cattivi”, i ragazzi e il loro branco cercano la soluzione, assai più vicina di quanto potessero pensare: le peripezie, i pericoli condivisi, gli insegnamenti che ricevono a proposito della natura non sono altro che tappe di avvicinamento a chi può davvero fare qualcosa. il padre di Kester.

Questo libro è il primo di una trilogia: pur concludendosi l’avventura narrata, il finale dà già l’apertura sul seguito; i conti con la Facto non sono certo chiusi, bisogna ritrovare i genitori di Poly e il mondo deve trovare una sua misura. Non c’è che da sperare che le traduzioni dei due volumi successivi non tardino e i lettori non rimangano sospesi troppo a lungo.

Il sito dell’autore. L’illustrazione di copertina – ma che bella copertina! – è di Thomas Flintham.

Piers Torday, L’ultimo branco selvaggio (trad. di Dida Paggi), Salani 2015302 p., euro 15,90, ebook euro 9,99

Sorridi!

4 Gen

SORRIDIDalla Polonia, dalle stesse autrici la casa editrice Sinnos aveva già presentato l’albo “Chi vuole un abbraccio?” stampato con le apposite font per facilitare l’accesso di tutti alla lettura. Questa volta l’invito è al sorriso ed è una catena, con lo stesso andamento ripetitivo e circolare che piace ai piccoli lettori e che li aiuta a seguire la storia e spesso a parteciparvi attivamente quando si legge insieme.

Una piccola rana con tanto di vezzoso cappello a tesa larga e sottogola guarda riflessa la propria immagine nello stagno, seduta su una foglia di ninfea: si sente sola e triste. La sua mamma invece è in negozio e anche se sorride ai clienti ha una puntura nel cuore perché sente – in quel modo intimo che ci lega a quelli a cui teniamo – che la sua piccola ha qualcosa che non va. Decide allora di affidare a un castoro un sorriso per la sua ranocchia. Il castoro sulla via vede un mucchio di tronchi perfetti e passa l’incarico a una lontra dando il via a una serie di animali diversi che si incontrano e si passano la consegna, dando la possibilità a chi sfoglia l’albo di incontrarne tanti e di seguire il percorso di un sorriso che approderà in fine e finalmente sul muso gracidante della rana gentile che ringrazia chi glielo ha portato e si ricorda improvvisamente di non essere sola. Perché c’è chi la pensa anche se non è lì presente e trova comunque il modo di farglielo sapere.

Oltre all’uso di caratteri ad alta leggibilità, le parti dei dialoghi sono scritte in stampatello maiuscolo.

Il blog dell’illustratrice.

Przemysław Wechterowicz – Emilia Dziubak, Sorridi! (trad. di Aneta Kobylanska), Sinnos 2015, 40 p., euro 11

La cena di Natale

24 Dic

cena di natalePer tutti voi che stasera festeggerete il Natale con una succulenta cena della vigilia, ecco una storia divertente e irriverente che mette sottosopra la base di partenza. Un trio di furboni – un lupo, una volpe e una donnola – decide di rapire una tacchina da cucinare per il cenone. Ma la Signora Tacchina, anzi quella che nella versione originale francese è la Dame Dinde, non si fa certo mettere i piedi in testa da un trio di patatoni in realtà facili da governare e comincia subito a dettare legge rimproverando la volpe perché, prima di invitare a casa una fanciulla, è necessario mettere un po’ d’ordine. E alla protesta delle volpe – “Non sei mia ospite. Sei la mia Cena di Natale!” – rigira prontamente la frittata suggerendogli che è ancor peggio: la cena di Natale è così importante che bisogna averne massima cura.

Cesarina tiene saldo tra le zampe il comando delle operazioni e comincia a dare ordini: fare le pulizie, arieggiare, lavarsi le zampe quando si entra in casa, andare a raccogliere cibo perché lei deve essere messa all’ingrasso, appendere le decorazioni, addobbare il pino, tenere acceso il fuoco nel camino e intanto divertirsi, giocare tutti insieme; insomma, l’atmosfera natalizia – scoprono gli animali che non avevano mai preparato nulla – non è affatto male, e nemmeno starsene in compagnia. Così accettano di buon grado la proposta di Cesarina di rimandare il festino di un anno in modo che lei possa ancora ingrassare un po’. E intanto ecco i vizi e le abitudini: l’aperitivo servito mentre ci si trastulla sull’amaca, la lettura della buonanotte e tanti altri particolari da scoprire nelle illustrazioni.

Cesarina è irriverente, divertente, ha sempre la risposta pronta e riesce a spiazzare i suoi interlocutori, che rimangono spesso a bocca aperta (e asciutta!) e obbedienti, un po’ allocchi. Le illustrazioni di Magali Le Huche ancora una volta regalano particolari e proprio lì c’è il la minuzia che dice di come va a finire davvero la storia. Perché a Natale mica è obbligo essere buoni, ricordatevelo 😉

Il blog di Nathalie Dargent.

Nathalie Dargent – Magali Le Huche, La cena di Natale (trad. di Tania Spagnoli), Clichy 2015, 32 p., euro 15

Il libro pop-up degli animali

20 Dic

il-libro-pop-up-degli-animaliLuca e Marta sono curiosi e come tutti i bambini curiosi hanno tante domande da fare e da condividere con il lettore che li potrà seguire nella loro camminata per il mondo alla ricerca di risposte, particolari bizzarri, record e caratteristiche inimmaginabili. Tutto il libro è a tema animali, quindi perfetto per i bambini che ne sono appassionati: grazie alla sua struttura pop-up, con alette da sollevare, ruote da girare, pagine che si aprono li terrà impegnati, sia che lo sfoglino da soli, sia che lo guardino in compagnia di un adulto che legga loro le varie didascalie.

Ogni doppia pagina rappresenta un ambiente diverso – fattoria, spiaggia, prato, deserto, mare, foresta amazzonica – oppure riunisce animali per caratteristiche particolari: stranezze, furbizia, record e … peli! Questi ultimi in un’esilarante seduta in barberia dove conigli, cani, capre e persino uno yak si fanno accorciare le frange, aggiustare le pellicce, accorciare il pelo.

Ovviamente la lettura è l’occasione per non rispondere solo a curiosità, ma anche per conoscere nuovi animali che non incontriamo proprio tutti i giorni: il komondor, l’echidna, l’effimera.

Sylvie Baussier – Didier Balevic, Il libro pop-up degli animali (trad. di Micol Doria), Editoriale Scienza 2015, 36 p., euro 19,90

Guarda che tipi!

20 Ago

animali buffi_coverUna nuova collana Panini che affianca la tanto apprezzata “Apri gli occhi” curata da  Stéphane Frattini che, con le sue grandi finestre e ponendo l’accento sui particolari, invitava a indovinare l’animale prima e a scoprire poi curiosità in proposito. Il nuovo progetto, curato insieme al WWF, presenta dei libri cartonati dagli angoli stondati che raccontano, in ogni doppia pagina, un animale diverso: a sinistra vien fornito un identikit che lo posiziona geograficamente, indica le caratteristiche, cosa mangia, quali sono i suoi nemici (sì, anche il cacciatore che imbraccia il fucile!); l’immagine fotografica a destra è in realtà una carta staccabile per giocare con tanto di punti per le abilità e tecniche di attacco e difesa.

Come già l’altra collana citata, anche in questo caso è utilizzato lo stampatello maiuscolo che permette di proporre i libri a chi sta imparando a leggere soddisfacendo così le curiosità a proposito degli animali più diversi – dal tamarino al bradipo, dal diavolo spinoso alla volpe volante dagli occhiali, tanto per citarne alcuni.

Il progetto è a cura di Giulia Calandra Buonaura; le illustrazioni sono di Francesca Carabelli e sono per ora disponibili tre titoli:

Animali buffi, Panini 2015, 18 p., 7,50 euro 

Animali forti, Panini 2015, 18 p., 7,50 euro

Animali schifosi, Panini 2015, 18 p., 7,50 euro