Tag Archives: Bao Publishing

Il piccolo vagabondo

11 Apr

Considerata – data la giovane età e la bravura – un sorprendente talento narrativo, Cristal Kung è nata in Cina, presto si è trasferita a Taiwan e si considera in transito per i diversi Paesi in cui ha vissuto e tra cui continua a muoversi. Proprio dal girovagare da una città all’altra, dal non sentirsi a casa in nessun posto, conscia però che ogni luogo avrebbe potuto diventare casa, nasce questo grapich novel senza parole che inanella sei diverse storie, legandole attraverso un personaggio che compare quasi come deus ex machina a risolvere i nodi in cui i protagonisti sono finiti o spalancando le gabbie in cui si sentono rinchiusi. Sono persone in ricerca, persone arenate, persone perse dietro un punto mentre intorno il mondo ruota. Che siano a New York o a Shanghai, si muovono tra folle cosmopolite, ma anche tra i loro ricordi; scoprono la bellezza di un segreto condiviso, di un incrocio di sguardi, del tenere lo sguardo verso l’alto.

Sarà affascinante per i lettori più piccoli leggere un mondo quasi onirico; sarà interessante vedere i lettori adulti riconoscere sensazioni e tratti di vita in illustrazioni che paiono pronte per finire in una versione animata, non a caso uno degli interessi dell’autrice.

Curiosa la postfazione del caporedattore dell’edizione originale che racconta il lavoro dell’autrice visto formarsi negli anni, negli anni di scuola, nell’emozionante affacciarsi sulla scena internazionale due anni fa ad Angoulême.

Cristal Kung, Il Piccolo Vagabondo, Bao Publishing, 172 p., euro 18

Annunci

Supergum

15 Gen

Gianluca ha otto anni, vive nel micropaesino di Pieve San Broccolo e ha appena scoperto di avere un fantastico super potere: sa comandare la gomma da masticare. In realtà, dopo l’entusiasmo iniziale e la ricerca di un nome degno insieme all’inseparabile amico Glauco, Gianluca – ora diventato Supergum – non è più così contento delle sue capacità soprannaturali; per ora infatti non ha fatto altro che aiutare un anziano ospite della casa di riposo a godersi la merenda, sostituendo con la gomma l’adesivo per la dentiera. E poi, gravissimo, anche la sua compagna Viviana, nota vipera della classe, è dotata di un super potere, visto quel che combina con lo yo-yo. I due si troveranno a fronteggiare i rapinatori che stanno svaligiando la gioielleria nel giorno della festa del paese; allora Gianluca scoprirà che quel che pare un super potere può in realtà venire da anni di allenamento e che le sue capacità trasformiste possono essere impiegate anche in altri campi.

Un fumetto adatto dai 6/7 anni in lettura autonoma; peccato semplicemente per il sospeso: ci vien detto che l’azione prosegue nel prossimo volume, e allora speriamo che arrivi presto e che i lettori non rimangano troppo fermi lì, sul furgone, insieme a due nuovi loschi individui che meditano un rapimento.

Il sito di Susanna Rumiz.

Laura Guglielmo – Susanna Rumiz, Supergum, Bao Publishing 2017, 72 p., euro 16

I racconti del vicoletto

12 Ago

Yu’er passa le sue giornate in compagnia del nonno, un anziano portalettere in pensione. Vivono in un vecchio, modesto quartiere di Pechino, in una stradina dove tutti si conoscono, dove si gioca per strada, si chiacchiera, si condividono i problemi del vicinato. La ragazzina fatica a camminare, si muove con una stampella e i ragazzi del quartiere la chiamano “la storpia”: il suo sogno è di imparare a nuotare tanto bene da vincere una medaglia alle paralimpiadi e così il nonno – siccome nessuna piscina la accetta – diventa il suo allenatore e le insegna i movimenti e la leggerezza del nuoto tenendola sospesa con l’imbrago ad un albero nel cortile di casa. E Yu’er nuota e vola con le proprie ali perché il suo sogno è forte; i sogni sono necessari, come dice un altro nonno del vicolo al nipote: “Ragazzo, se non hai dei sogni, un giorno te ne pentirai”.

Così sono questi quattro racconti, sospesi tra la realtà e il sogno, una forma a cui perfettamente si accorda la leggerezza dell’acquerello che aiuta l’autore a dire che tutto è possibile. Sulle pagine diventa possibile scrivere una lettera alla nonna mai conosciuta e fargliela recapitare, superare le delusioni e i limiti fisici, ascoltare un concerto tenuto da insetti, far volare una farfalla dall’ala spezzata. C’è poesia tra le pagine, legate dalla figura del nonno Doubao, conosciuto da tutti come un gran narratore di storie e conoscitore della storia del quartiere. Una poesia lieve quanto le illustrazioni che regala al lettore un tesoro, come sta scritto in apertura: se l’ideogramma “Bao” in cinese significa appunto “tesoro” ecco allora che questo libro fa parte della collana che la casa editrice milanese dedica ai migliori testi del fumetto cinese contemporaneo. I lettori ringraziano.

Nie Jun, I racconti del vicoletto (trad. di Francesco Savino), Bao publishing 2017, 127 p., euro 18

Anna e Froga. Tutte le storie

5 Giu

Questo volume della collana BaBao livello 1 raccoglie tutte le storie scritte da Anouk Ricard per Serbacane, dove sono edite in cinque differenti libri. Il lettore italiano ha così davanti tutto l’universo buffo di Anna, una bambina che ama suonare la chitarra e comporre canzoni. Ha quattro amici animali con cui condivide le giornate: una rana, un cane, un verme e un gatto. Si parla del quotidiano, di quel che succede intorno: come si trascorrono i pomeriggi, quando si parte in viaggio, gusti, condivisioni, bisticci e riappacificazioni. Il tutto sospeso tra la realtà e un mondo fantastico pieno di sorprese e

Le loro avventure sono raccontate in brevi episodi di quattro facciate ciascuno che facilitano la lettura anche per i più piccoli dando però nel contempo l’idea di aver un fumetto poderoso tra le mani (sono ben duecentootto pagine) e quindi la soddisfazione di aver da leggere per un bel po’. Inoltre le storie sono intervallate da illustrazioni a doppia pagina in cui ritrovare i personaggi e le ambientazioni dell’episodio appena visto.  Sicuramente un formato interessante, in un libro che va ad accrescere l’offerta di fumetti per i più piccoli, rispondendo a una richiesta sempre più forte.

Il blog dell’autrice.

Anouk Ricard, Anna e Froga. Tutte le storie (trad. di Alessia Casini), Bao publishing 2017, 208 p., euro 20

Orlando Curioso e il segreto di Monte Sbuffone

9 Mag

Una nuova uscita della collana BaBao, dedicata ai lettori più piccoli, quelli molto curiosi che – come il protagonista del fumetto – non tengono a freno la loro curiosità. Orlando si è trasferito coi genitori su una piccola isola caratterizzata da un vulcano spento, o almeno che spento pareva; quando si risveglia, le famiglie di pescatori lasciano le loro case e a lui restano alcuni giorni solitari prima di partire col traghetto. L’isola è deserta, non ci sono compagni di giochi con cui esplorare e a cui raccontare le storie che è bravissimo a inventare. Quando gli viene concessa un’uscita, ovviamente i suoi piedi si dirigono verso l’unico luogo proibito, il Monte Sbuffone. Per scoprire così il segreto degli sbuffi e trovare un nuovo amico.

Al fondo dell’avventura, un diario di viaggio sull’isola di Orlando che la fa conoscere al lettore, attraverso scorci, fotografie, francobolli, suggestioni, tutti indizi per scoprire qual è l’isola reale che ha ispirato quella disegnata 🙂

Il blog degli autori. Puoi sfogliare alcune pagine sul sito dell’editore.

Teresa Radice – Stefano Turconi, Il segreto di Monte Sbuffone, Bao Publishing 2017, 48 p., euro 12, disponibile anche per Kindle, Kobo e su GooglePlay e AppleStore

L’avventura atomica del professor Astro Gatto

29 Ago

astro fisicaDopo il successo de Il professor Astro Gatto e le frontiere dello spazio , libro Premio Andersen 2015 per il miglio libro di divulgazione, di cui è disponibile anche la relativa app, la coppia Walliman – Newman bissa  l’esperienza concentrandosi a questo giro sul mondo della fisica. Si parla di atomi e molecole, di forza di gravità, forze, galleggiamento, magnetismo, luci e colori, onde sonore e fisica nucleare. Il tutto sviluppato attraverso un dialogo costante con il lettore, a cui il professor felino si rivolge invitandolo a un nuovo, emozionante viaggio.

Grazie alle scelte grafiche, all’uso del colore e all’aspetto vintage sicuramente attrattivo, vengono declinati concetti scientifici che è possibile affrontare a più livelli e a differenti età di lettura, condividendo, curiosando oppure dedicandosi ad una lettura più approfondita.

Un glossario finale aiuta a riassumere e ritrovare le informazioni nel testo, lungo il quale si danno suggerimenti per mettere le mani in pasta – ad esempio, come realizzare un magnete; imperdibile la pagina con le differenti versioni di Astro Gatto là dove si parla di multiverso e di possibilità.  Sicuramente una nuova uscita editoriale vincente per quel che riguarda la divulgazione scientifica.

Il sito dell’illustratore e il suo blog. Potete seguire Domin Walliman su Twitter. Si possono sfogliare alcune pagine del libro sul sito dell’editore.

Ben Newman sarà al Treviso Comic Book Festival a fine settembre.

Dominic Walliman – Ben Newman, L’avventura atomica del professor Astrogatto (trad. di Leonardo Favia), Bao Publishing 2016, 64 p., euro 19

Una cosa difficile

22 Lug

una cosa difficileNoi piccoli degli anni Ottanta abbiamo avuto a che fare con macchine giocattolo in pura plastica, a cui succedeva spesso di perdere una ruota o due. Esteticamente non erano un granché, ma ci hanno permesso di esplorare il mondo, cortili e parcheggi, per chi viveva in città o campi assolati nei paesi in provincia.
Un amarcord forte, poetico è quello che mi ha acceso questo senza parole di profonda bellezza, pensato da Silvia Vecchini e illustrato da Sualzo, un sodalizio felice che ci ha già regalato ottimi libri.
Pochissimi elementi in questa narrazione: un paesaggio, due protagonisti, un oggetto da mettere a fuoco, destinato alla centralità narrativa. Prima oggetto stridente, lanciato da fuori, rimbalza per terra.
Più avanti, ecco il primo protagonista: un cane umanizzato, anzi un bambino. Incerto sul da farsi, si china finalmente per raccogliere l’oggetto misterioso. Lo tiene in mano, solo in mezzo al campo. Poi si incammina.
La strada diventa salita, il campo una montagna da scalare a fatica. Sulla cima, il cane bambino raggiunge l’amico. E’ di spalle, riflette su quanto accaduto prima che la narrazione incominciasse. Adesso è di fronte a noi, e ci accorgiamo che piange. Più in basso, la macchinina senza la ruota. Senza l’oggetto recuperato e riportato lassù.
Una sola parola campeggia in tutta la storia, semplice e difficilissima da pronunciare: “Scusa”. Insieme si può aggiustare tutto, ricucire lo strappo e salire insieme sulla macchina per nuove avventure.
Si scende a perdifiato per una dolce collina, adesso, non più un’aspra montagna. Il vento accarezza l’erba, l’infanzia torna ed essere spensierata, l’amicizia resa più forte da un’incomprensione risolta.
Sul suo blog  Silvia Vecchini ci racconta come è nato il libro, offrendoci anche interessanti spunti su come proporlo ad un gruppo di bambini, lasciando poi spazio alle loro interpretazioni attraverso il disegno. Qui trovate le poesie disegnate e qui un blog di Sualzo.

Silvia Vecchini – Sualzo, Una cosa difficile, Bao Publishing 2016, 48 p., euro 13

La principessa spaventapasseri

29 Giu

pricipessa spaventapasseriBella uscita in volume cartonato per il livello 3 della collana BaBao che apprezziamo fin dalla sua indicazione in quarta di copertina; recita così la fascetta “BaBAO Livello 3. Hai almeno dodici anni e nessuna intenzione di spiegare perché vuoi leggere questo libro? Siamo d’accordo con te”. Mica male, no?

Incalza il ritmo della storia di Morrigan, quattordicenne che arriva per un anno in una nuova cittadina al seguito della madre e del fratello maggiore che in coppia scrivono e illustrano una serie di fortunate e celebri storie, “I miti di Albione” basate su leggende locali esistenti. La scuola non è ancora cominciata e la ragazza cerca di dare un’occhiata in giro, in quel luogo dove pare non capiti mai nulla, facendo amicizia con Alma, dogsitter sua coetanea. Cercando di recuperare un braccialetto, finisce nella vecchia casa della vedova Abbott, temuta da tutti, che vive in solitudine e subito comincia a parlare del Re dei Corvi, della sua minaccia e della sua pericolosit. arrivando a regalare a Morrigan un bottone che – a suo dire – la proteggerà. La sera stessa, ecco la dimostrazione che le parole della vedova non sono farneticazioni: Morrigan trova madre e fratello addormentati in quello che pare un sonno eterno e fa la conoscenza del Re dei Corvi, il divoratore di occhi, la nube nera che tutto avvolge, tornato affamto per distruggere il mondo. Il bottone regalato fa parte del manto dello spaventapasseri che sceglie un portatore in cui incarnarsi e recuperare il potere che può fargli vincere il Re: Morrigan ha la possibilità di combattere, ma anche di trovarsi a fare i conti con se stessa, con quel che vuole dalla vita, con la possibilità di scegliere autonomamente o di farsi comandare dalle voci che le turbinano in testa, facendo i conti anche con il potere delle parole e dela rabbia e con la forza dell’amicizia.

Il sito dell’autore.

Federico Rossi Edrighi, La principessa spaventapasseri, Bao Publishing 2016, 160 p., euro 19, ebook disponibile

Thunder Ben

24 Giu

thunder benProcede il piano editoriale di BaBao, collana dedicata da Bao ai più piccoli; ecco un godibilissimo fumetto, direi prezioso proprio perché destinato ai lettori dagli 8 anni e, a dire il vero, magari leggendo insieme, anche ai più piccoli, appassionati di supereroi.

Ben vive sull’isola di  Saaret; è un solitario dotato di fervida fantasia che sogna di interagire con i quattro cavalieri del cielo e crea nuove situazioni utilizzando i pupazzi e immaginando per sé un ruolo centrale. Il mondo in cui vive è fatto di pianeti diversi su differenti livelli e lui – si vocifera a scuola – ha visto il livello di sopra: uno spettacolo inimmaginabile che non fa che crescere la curiosità di Ben. Figuriamoci il giorno in cui scopre che i quattro cavalieri, ciascuno in sella alla propria creatura (un piccione elegantissimo per Joanna regina del fuoco, un bruco gigante per Erik il vichingo, un drago serpente per Abed maestro dei venti e una balena astrale per Jack che affronta i pirati a suon di lazo) sono ospiti per un’esibizione nella sua città: si precipita a conoscerli aggirando la guardia all’ingresso e si nasconde in uno dei bauli dell’equipaggiamento di Jack, rivelandosi solo quando la compagine già ha ripreso il volo. Poi uno scoppio e il risveglio in un mondo popolato di strane creature, solo. A questo punto Ben deve fare appello al suo coraggio, a quel che ha imparato davanti ai bulli nel cortile della scuola e farsi degno del nome che ha scelto: diventare davvero Thunder Ben per salvare i quattro cavalieri e il mondo. Perché solo quando accetti di avere paura può cominciare l’avventura.

L’originalità non sta solo nella storia, ma anche nella realizzazione: le illustrazioni infatti si alternano a tavole in cui prevale l’uso del collage che utilizza stoffa, nastri, bottoni, pasta, carta. Ovviamente le pagine finali dicono che Ben è diventato il quinto cavaliere e quindi aspettiamo nuove avventure. Su Fumettologica, si sottolinea una caduta nell’indugio a voler lasciare qualcosa di positivo al proprio lettore. Voi che ne dite? Io trovo che – dato l’entusiasmo del protagonista – il messaggio certo non scade affatto nel tono didascalico o moralista.

Il blog dell’illustratrice. Sfoglia qualche pagina.

Vanessa Cardinali, Thunder Ben, Bao Publishing 2016, p. 136, euro 19

Sip Kids

17 Mag

sip kidsMoore si diverte ad immaginare come sarebbero stati, tutti insieme, i protagonisti della sua serie Strangers in Paradise, cult ormai da più di vent’anni, se si fossero frequentati fin da bambini. Li immagina al primo anno di scuola primaria e costruisce quattro storie intrecciate tra di loro, una per ogni stagione, in un evidente omaggio ai Peanuts: il lettore può infatti giocare a ritrovare i rimandi non solo nel carattere e nei modi di fare, ma a volte anche in alcuni tratti fisici con i protagonisti delle strisce di Schultz. Ne nasce un fumetto esilarante basato principalmente sull’amicizia tra la candida Francine e Katchoo, che ha sempre la risposta pronta; accanto a loro Tambi, Freddie, la perfida Darcy e il fratellino David, che pare di un altro pianeta: diversi i tempi, il modo in cui guarda la natura, inevitabilmente travolto dalla fretta degli altri, che giochino a calcio o cerchino di imparare a sciare.

Come nei Peanuts, anche questi personaggi dispensano tra le righe perle di saggezza e ritraggono spaccati di vita: chi vorrebbe che il padre si interessasse maggiormente a quel che fa (guai compresi), chi si crede padrona del mondo, chi cresce in una baracca lungo la ferrovia. Sono divertenti, ma anche caustici, estremamente solidali , ma anche veracemente cattivi come i bambini possono essere. Ognuno cerca di interagire con gli altri, festeggia Halloween a proprio modo, litiga per poi fare pace (è buffo vedere questi bambini che si gridano contro “sessista!” prima di interrogarsi su cosa significhi), prova a trovare il lato positivo delle cose, anche se a volte – come dice David – si vorrebbe giocare costantemente a controlla-posto e rimanere solitari, seduti sul quadrato d’erba che si è scelti a parlare con un simpatico verme immaginando – chissà perché – che sia arrivato direttamente dall’Argentina e sia poi cascato dal becco dell’uccello che lo trasportava.

Il sito di Terry Moore.

Terry Moore, Sip Kids (trad. di Leonardo Favia), Bao Publishing 2016, p. 96, euro 17