Archive by Author

Una ricetta miracolosa

22 Set

ricetta-miracolosaParlare di condivisione e di integrazione partendo dal quotidiano e dal vicinato, non guardando ai grandi flussi o ai casi del mondo, ma semplicemente ad un palazzo, un condominio a più piani e rendere visivo con le illustrazioni quanto si cerca di dire a parole. Dorémus costruisce una catena di personaggi che salgono in alto ad ora di cena: ognuno ha avuto la sua sua giornata, più o meno intensa, cominciando da Andrea, che si accorge di avere solo due carote per cena e allora decide di salire di un piano e bussare da Nicola, che a sua volta ha solo due uova e un po’ di formaggio nel frigo. E allora insieme salgono dai vicini di sopra: comincia un allegro peregrinare di pianerottolo in pianerottolo fino a casa di Rosina al quarto piano. Il segreto sta ovviamente nell’accomodarsi in salotto e unire le forze: con gli ingredienti di ciascuno si fa un bel tortino, anzi un pasticcio di pasta e verdure e, mentre si affetta, si aspetta che il forno faccia il suo dovere e poi si mangia, ecco che si condividono anche fette di vita. E non è solo un sogno!

Il colore riempie man mano le pagine, dal tortino passa a chi lo mangia per sottolineare l’allegria dello stare insieme, del mettere in comune, lo stare bene.

Lo sviluppo verticale di questa narrazione mi fa venire in mente Mon voisin, un albo di Marie Dorléans uscito per Les Éditions des Braques nel 2012, accompagnato da cd e trasformato poi in ebook da Tralalere, dando la possibilità di apprezzare come il digitale possa rendere la piena potenzialità di una storia costruita in questo modo: la possibilità di scorrere verso l’alto sullo schermo permette una continuità che il dover voltar pagina ovviamente interrompe e restituisce una forma completa alla storia. Allora immaginiamo, mentre leggiamo, che anche questo albo possa avere una continuità “visiva” e immaginiamo di salire piano dopo piano insieme ai suoi protagonisti.

Il sito dell’autore.

Gaëtan Dorémus, Una ricetta miracolosa (trad. di Rita Dalla Rosa), Terre di Mezzo 2016, 40 p., euro 12,90

Scheletri e Bocche. Animali straordinari come non si sono mai visti

21 Set

scheletriGuardare da un punto di vista particolare; guardare gli animali che sempre interessano i giovani lettori; guardarli e farli apprezzare attraverso due volumi di alta qualità, lussuosi oserei dire dove lusso significa poter avere a portata di mano dei contenuti di qualità all’interno di volumi curati.

“Scheletri” ripropone il meccanismo che già Florence Guiraud aveva utilizzato in I frutti della terra (Gallucci, 2012): informazioni chiare e semplici a doppia pagina, ai sinistra una scheda tecnica con informazioni, curiosità, modi di dire sull’animale in questione, a destra la silhouette della bestia che si solleva per scoprire com’è lo scheletro, con altra didascalia informativa. Giraffe, gatti, passeri, ma anche grifoni, formichieri, razze chiodate, fenicotteri: insomma, sicuramente di che incuriosire gli appassionati, e non solo.

Passa invece attraverso il punto di vista del modo di nutrirsi, “Bocche”, primo volume di una nuova collana edita da portada BOCASKalandraka a cui seguirà “Occhi”, volumi pensati per scoprire le modalità straordinarie che alcuni animali mettono in atto nel loro quotidiano. La prima uscita descrive con attenzione dodici esemplari diversi e dodici strategie di alimentazione, in rapporto all’ambiente in cui vivono, con schede riassuntive finali che raccolgono notizie, dimensioni e curiosità di ciascuno. Anche qui troviamo il formichiere accanto alla megattera, alla zanzara, alla locusta, alla lampreda… tra testo e illustrazioni di  Nicolás Fernández.

Ancora una volta la possibilità di offrire di che bearsi: tra l’altro entrambi i volumi sembrano graficamente e strutturalmente pensati apposta per essere aperti sul pavimento ed essere goduti da lettori spaparanzati a pancia in giù su un morbido tappeto, tuffati tra le notizie e tra le immagini.

Florence Guiraud – Judith Nouvion, Scheletri. Gli animali come non si sono mai visti (trad. di Roberta Cardinali), Rizzoli 2016, 83 p., euro 24

Xulio Gutiérrez – Nicolás Fernández, Bocche. Animali straordinari (trad. di Francesca Massai, Enrico De Donà), Kalandraka 2016, 31 p., euro 17

Non devi dirlo a nessuno

20 Set

non-devi-dirlo-a-nessuno

Una buona storia di formazione da proporre in lettura ai ragazzi più grandi, ambientata nel tempo estivo , nel tempo delle vacanza che si ripete ogni anno nello stesso luogo, lontano da casa, al paese dei nonni e che permette quindi di vivere un tempo sospeso: si è in un luogo diverso, conosciuto, ma in cui si è comunque stranieri. “Foresto” è Luca Ferrari, tredicenne genovese che trascorre l’estate a Lamon, sull’altopiano bellunese dove il Veneto va a toccare il Trentino. Foresti come lui sono un pugno di ragazzini che nelle partite di calcio si contrappongono alla squadra dei ragazzini che invece lì vivono tutto l’anno e insieme a cui cercano, nei mesi estivi, di fare gruppo tra condivisione, piccole gelosie, battibecchi e prime cotte. È l’estate del 1989, Greg LeMond vince il Tour, madonna, Jovanotti e Bennato urlano dalle radio, nasce il sesto governo Andreotti e Giorgio, il fratello di dieci anni, continua a chiamare Luca “amico” esattamente come ha sentito in una puntata di MacGyver. È un’estate di confine e di passaggio per Luca che riempie la testa di domande, che si chiede cosa significhi baciare una ragazza, cosa significhino le frasi dei genitori, cosa nasconda il padre magistrato e cosa nasconda il bosco. Il bosco vicino a casa, quello in cui Giorgio cerca instancabilmente di vedere il tasso, quello in cui compare una strana figura di uomo attorno a cui ruotano le dicerie del paese, quello in cui anni prima è scomparso un bambino.

Luca rompe con i suoi anni d’infanzia: fruga tra i segreti di famiglia, guarda i genitori con occhi diversi, fa di testa sua a costo di finire nel pericolo, scopre corpo e sentimenti. In qualche modo sa che quell’estate segnerà un passaggio: nei ritmi soliti della vita e nella sua adolescenza, perché la violenza del mondo lo obbligherà a crescere, lasciandogli però la sensazione forte che a volere fortemente qualcosa si può aggiustare in qualche modo il corso delle cose.

Ammetto, è sicuramente un romanzo affascinante per chi era ragazzino sulla fine degli anni Ottanta e la detonazione finale dei fatti può forse risultare troppo rapida nella narrazione, ma per noi che siamo sempre alla ricerca anche di buoni romanzi italiani da offrire ai lettori, sicuramente è una lettura da tenere in considerazione per le proposte ai giovani adulti. Non solo come romanzo di formazione, ma per la capacità di ricostruire in modo pressoché perfetto l’interrogarsi del protagonista, così come le meccaniche della vita di un piccolo paese quando si dilata e le vacanze portano per qualche settimane altre persone che ne vivono i luoghi, che ne condividono il tempo pur rimanendo comunque “foresti”: in questo gioca un ruolo fondamentale la scelta di mantenere l’uso della parlata locale così come di riportare leggende come quella dell’uomo selvatico, piccoli indizi dell’attaccamento e dell’affetto dell’autore per un luogo che ha vissuto anche da giovane, come i ragazzini che si incontrano  tra le pagine, e che ha parte importante nella sua vita.

Il sito dell’autore.

Riccardo Gazzaniga, Non devi dirlo a nessuno, Einaudi 2016, 243 p., euro 17,50, ebook euro 9,99

Dory fantasmagorica trova un’amica (per davvero)

15 Set

dory fantasmagorica-trova-unamicaIn questi giorni di inizio scuola, non possiamo non seguire il debutto alla scuola primaria di Dory, la protagonista della nuova serie tradotta da Terre di Mezzo di cui abbiamo già presentato il primo volume uscito a giugno. In quell’occasione abbiamo sottolineato la felice scelta di portare questa serie in Italia offrendo così ai lettori che già viaggiano sicuri delle avventure divertenti, accompagnate da illustrazioni in un formato che ci sembra della misura giusta.

Anche Dory dunque arriva alla scuola nuova; è piena di domande, proprio come tanti bambini in questi giorni e soprattutto è assillata dai fratelli maggiori che le spiegano come deve comportarsi e come deve vestirsi  per poter stringere nuove amicizia, pregandola anche di lasciare a casa per qualche ora la sua fervida fantasia. Ma Dory ha anche Mary, la sua amica amica immaginaria che non sopporta di esser lasciata sola e che si vendica con una serie di suggerimenti buffi. Tra i banchi c’è l’irrefrenabile Giorgio, ma soprattutto Rosabella, che veste in modo principesco  e ha familiarità cosi draghi: come spiegare ai propri fratelli che è una bambina vera, un’amica non solo immaginaria?

Ancora una volta Dory spiazza e regala risate pensate, rivendicando l’essere se stessa, con addosso nove paia di mutande, con le ossa luminose come lampadine (parola di Mary!) e il solito gnomo-fata madrina. Irresistibile.

Il sito dell’autrice. Inutile dire che aspettiamo il terzo volume😉

Abby Hanlon, Dory fantasmagorica trova un’amica (per davvero),trad. di Sara Ragusa, di Mezzo 2016, 168 p., euro 12

Mr Gershwin. I grattacieli della musica

14 Set

gershwinCurci continua il lavoro di invito per bambini e ragazzi a scoprire i grandi compositori attraverso la narrazione e lì’illustrazione. Affidata questa volta alla penna di Susie Morgenstern, ecco la storia di George Gershwin per voce del suo pianoforte. la scelta dell’autrice è quella di mettere in luce la famiglia Gershwin, l’infanzia dei ragazzi e le scelte dei genitori: il pianoforte che la signora Gershwin vuole comprare a tutti i costi è destinato al primogenito Ira, figlio adorato, ma ben presto si scopre che il vero talento di casa è George,considerato lo scapestrato di turno. George dice che la musica lo scombussola, che fa venir voglia di ribaltarsi e che è una fortuna potersi mantenere con quello che non considera un lavoro, ma un piacere.

Pagina dopo pagina  e nota dopo nota, grazie alle tracce contenute nel cd, si percorre la storia dello straordinario musicista, in una chiave particolare e attente: l’albo infatti sottolinea quello che molti tralasciano o non sanno: i brani sono frutto del lavoro congiunto dei due fratelli Gershwin; Ira infatti si scopre bravo non a suonare quanto piuttosto a scrivere le parole che si accordano alle melodie tessute da George, mentre la sorella sarà cantante. Intanto la lettura è anche un viaggio: nei diversi quartieri quartieri di New York, tra i trasferimenti della famiglia e la scoperta del jazz, fino a Parigi.

Il sito dell’autrice. Il blog dell’illustratore.

Susie Morgenstern – ill. Sébastien Mourrain, Mr Gershwin. I grattacieli della musica, Curci young 2016, p. 44, euro 21 con cd

L’albero delle bugie

7 Set

albero-delle-bugieUn perfetto ritratto della società vittoriana e una straordinaria protagonista che non potrà non far pensare alla Calpurnia, amata da tanti lettori. Anche Faith ha una passione per le scienze e il desiderio di condividere col padre gli studi archeologici e la passione per i fossili, eppure ha imparato a nascondere la curiosità, l’intelligenza viva e quel che già sa sotto la maschera della brava bambina dalle buone maniere, quella che per caso su una spiaggia ha permesso il ritrovamento di un reperto eccellente che ha dato la fama al padre, il reverendo Sunderly. Ma Faith non è la bambina che tutti ricordano, sbiadita sullo sfondo del racconto di un ritrovamento scientifico, non è una comparsa casuale sulla scena della scienza: Faith è ormai una quattordicenne che non vede l’ora di indossare un corsetto da adulta, che osserva le persone intorno con la stessa efficacia e puntigliosità con cui si dedica alle scienze, che vorrebbe poter far vedere al mondo la propria intelligenza e i propri desideri di studiare. Invece è costretta costantemente a non stare al suo posto: confinata in salotto a bere il tè con le signore, mentre gli uomini fumano sigari e discutono di scoperte scientifiche; a bada del fratellino, quasi bambinaia e governante. Faith freme, soprattutto nel momento in cui la famiglia si trasferisce su un’isola in seguito a uno scandalo che ha coinvolto il padre e lei riesce ad arrivare a documenti e carte segreti; soprattutto nel momento in cui il padre muore e lei è l’unica a non credere al suicidio. Sarà la scoperta del tesoro paterno, un albero che si nutre di bugie per rivelare segreti a offrirle lo spunto per addentrarsi ancora di più nel mistero.

Un romanzo che difende i valori della parità tra generi, che offre una buona trama di mistero e un lato oscuro e fantastico rappresentato dall’albero, ma nel contempo porta il lettore ad affrontare temi importanti: innanzitutto la condizione della donna nella società dell’epoca, la considerazione dei suicidi, ma anche l’esplorazione di un mondo chiuso come può esserlo un gruppo di persone che vive nell’ambiente ristretto di una piccola isola, dove tutti si conoscono, dove i segreti corrono più velocemente che altrove, dove si tenta di nascondere il proprio passato o la propria natura quando essa non si adatta alle convenzioni del momento.  Per non dire del conflitto interiore che vive la protagonista nel suo voler compiacere il padre ad ogni costo per guadagnarsi un briciolo di affetto e di stima, ritratto non scontato di quanto di se stessi sia possibile soffocare per desiderio di essere amati. Un romanzo che offre senza dubbio una galleria di ritratti dell’umanità: della bassezza, della violenza psicologica, della cattiveria di cui possono essere capaci gli esseri umani, ma anche nel contempo della libertà e della capacità di volare alto che molti di loro vivono quotidianamente, senza paura di scontrarsi con stereotipi e giudizi altrui.

Il libro ha giustamente vinto lo scorso anno il Costa Book Award, primo romanzo per ragazzi a ricevere questo premio rivolto ad autori che statunitensi e irlandesi. La sua scrittura alta ci viene restituita in una traduzione  di grande qualità che penso restituisca appieno la complessità e la varietà lessicale utilizzata dall’autrice, la costruzione del marasma interiore della protagonista e insieme la ragnatela della trama che porta il lettore sempre più in profondità: gli scavi  che tanta parte hanno nel libro, lo scendere nelle viscere della terra, nelle gallerie e nei pozzi scavati per scoprire qualcosa di nuovo che viene dal passato rimandano in parallelo al percorso di Faith che scava non solo nella storia del padre e della famiglia, ma anche in se stessa, per portare alla luce la sua vera essenza e ribadire quanto vuole davvero essere se stessa sotto la luce del sole.

Il sito dell’autrice.

Frances Hardinge, L’albero delle bugie (trad. di Giuseppe Iacobaci con la collaborazione di Claudia Lionetti), Mondadori 2016, 415 p., euro 17, ebook euro 8,99

Palla rossa e palla blu

31 Ago

pallaLe avventure di Palla Rossa e Palla Blu escono sulle pagine di “G Baby” ad opera di Maicol&Mirco, la firma con cui Michael Rocchetti sigla fumetti caustici da ritrovare in fanzine e autoproduzioni (tanto per citarne uno, sui tanti, leggete qui). Questa invece è una raccolta di storie apparse appunto sulla rivista dedicata ai bambini che segnano un percorso nel quotidiano, dove i protagonisti danno voce a un punto di vista bambino, attento alle cose della vita e a ragionare alto partendo dal piccolo. L’amicizia, le promesse, la mamma, le cose che si possono comprare e quelle no (e del loro valore), i sogni, il riconoscersi: tutto passa attraverso le resa grafica semplice ed efficace che, dalle forme ai colori, non può non rimandare a Lionni e Munari. E questa semplicità è sicuramente il tratto distintivo delle storie che i bambini apprezzano: sta tutto lì, senza bisogno di fronzoli, senza bisogno di andare a cercare le cose lontano.

Alla base delle diverse narrazioni, l’amicizia e l’essenziale: Palla Rossa è un cerchio rosso, mentre Palla Blu è un quadrato blu che si crede un cerchio; guai però a considerarlo strano o ad avere a ridire perché Palla Rossa si arrabbia e subito vi fa vedere quanto vanno d’accordo e soprattutto come rotolano bene insieme, loro due tondi. Tra le tante storie , godetevi quella relativa alla frinchezza… già, che cos’è la frinchezza? Un concetto da imparare e da applicare, certamente.

Il blog relativo e la pagina FB. Alcune pagine sfogliabili sul sito dell’editore.

Maicol & Mirco, Palla Rossa e Palla Blu. L’amicizia arrotonda tutto, Bao Publishing 2016, 240 p., euro 18. Disponibile anche in versione digitale, euro 8,99.

L’avventura atomica del professor Astro Gatto

29 Ago

astro fisicaDopo il successo de Il professor Astro Gatto e le frontiere dello spazio , libro Premio Andersen 2015 per il miglio libro di divulgazione, di cui è disponibile anche la relativa app, la coppia Walliman – Newman bissa  l’esperienza concentrandosi a questo giro sul mondo della fisica. Si parla di atomi e molecole, di forza di gravità, forze, galleggiamento, magnetismo, luci e colori, onde sonore e fisica nucleare. Il tutto sviluppato attraverso un dialogo costante con il lettore, a cui il professor felino si rivolge invitandolo a un nuovo, emozionante viaggio.

Grazie alle scelte grafiche, all’uso del colore e all’aspetto vintage sicuramente attrattivo, vengono declinati concetti scientifici che è possibile affrontare a più livelli e a differenti età di lettura, condividendo, curiosando oppure dedicandosi ad una lettura più approfondita.

Un glossario finale aiuta a riassumere e ritrovare le informazioni nel testo, lungo il quale si danno suggerimenti per mettere le mani in pasta – ad esempio, come realizzare un magnete; imperdibile la pagina con le differenti versioni di Astro Gatto là dove si parla di multiverso e di possibilità.  Sicuramente una nuova uscita editoriale vincente per quel che riguarda la divulgazione scientifica.

Il sito dell’illustratore e il suo blog. Potete seguire Domin Walliman su Twitter. Si possono sfogliare alcune pagine del libro sul sito dell’editore.

Ben Newman sarà al Treviso Comic Book Festival a fine settembre.

Dominic Walliman – Ben Newman, L’avventura atomica del professor Astrogatto (trad. di Leonardo Favia), Bao Publishing 2016, 64 p., euro 19

Una lucciola per lanterna

22 Ago

lucciola per lanternaC’è una certa magia nel vedere le lucine delle lucciole che aprono nel buio, nel seguirne la traiettorie e anche nell’osservarle più da vicino, quando nelle sere d’estate le si blocca per un attimo sotto un bicchiere, a patto di lasciarle andare in fretta, come impara la protagonista di questo albo.

Quando la lucina che Nina tiene sempre accesa la notte per combattere la paura del buio si spegne improvvisamente , ecco che la lucciola che brilla nel barattolo sembra la soluzione migliore. Ma Nina non ha più sonno, quindi si ingegna a intrattenere la nuova amica organizzando un tè per bambole e giocando con le ombre cinesi. Le ombre sono le protagoniste delle illustrazioni, sia quelle che spaventano la bambina sia quelle che lei stessa crea sul muro, e il contrasto di bianco e nero ravvivato dai particolari rossi dell’abbigliamento di Nina accompagna il lettore lungo le pagine, mentre la piccola prende coscienza che non si può ricaricare una lucciola, ma solo renderle la libertà.

Il testo è in stampatello maiuscolo,la copertina cartonata. Una bell’uscita da proporre ai lettori alle prime armi che possono soddisfarsi leggendo da soli una buona storia.

Il sito di Gabriel Alborozo.

Gabriel Alborozo, Una lucciola per lanterna, Sinnos 2016, 32 p., euro 10

Il coraggio di un campione

17 Ago

4431-Sovra.inddIl piccolo Arcady è un talento del calcio, per lui riuscire a fare gol non significa soltanto il piacere del bel gioco e della sfida, ma la possibilità di sopravvivere: nell’orfanotrofio in cui cresce, diviso dai suoi genitori considerati nemici del popolo, vincere la sfida con un compagno vuol dire avere una razione di più di pane. Quando il temibile direttore gli ingiunge di esibirsi durante la visita degli ispettori, Arcady vede il suo destino cambiare: poco tempo dopo, l’uomo che lo ha colpito in quell’occasione per i suoi modi così distanti dalla brutalità degli altri, lo viene a cercare per adottarlo e portarlo a vivere in una linda casa ai confini con la campagna. Arcady è convinto che sia un allenatore colpito dal suo talento e che possa aiutarlo a coronare il sogno di giocare nella Società sportiva della casa dell’Armata Rossa. Il loro duplice percorso sarà alla scoperta del momento storico che vivono, del valore della libertà e del significato dell’amicizia, in un reciproco addomesticarsi a vicenda.

Pur essendo ispirato ad una storia vera, il romanzo si distingue dai tanti che vengono in questi mesi pubblicati (a sfondo storico; con al centro della narrazione un personaggio realmente esistito) perché non è didascalico, ma cattura l’attenzione del lettore con una prosa fluida e soprattutto con le illustrazioni dello stesso Yelchin che accompagnano tutto il testo, impreziosendo il volume fin dalla copertina.

Il sito dell’autore.

Eugene Yelchin, Il coraggio di un campione (trad. di Giorgio Salvi), Piemme 2016, 187 p., euro 16