Archive by Author

La guerra di Catherine

19 Gen

Questo fumetto nasce dall’omonimo romanzo di Julia Billet, pubblicato nel 2012 dall’École des loisirs, a cui Claire Fauvel regala una veste grafica che rende ancora più vicino al lettore la narrazione, permettendogli tra l’altro di ritrovare la storia della Maison des enfants de Sèvres, fondata nel 1941 inizialmente per dare un tetto ai bambini della regione parigina vittime delle restrizioni alimentari e attiva fino al 2009 con funzioni diverse, ma dove in realtà furono salvati clandestinamente durante la guerra più di sessanta bambini ebrei. In questa scuola, dove fu nascosta Tamo Coehn, madre dell’autrice,  lavorarono pedagogisti d’avanguardia che portavano avanti parallelamente un forte impegno civile; il libro rende omaggio e a tutte le persone impegnate in vari modi sul fronte della Resistenza.

Attraverso la storia di Rachel Cohen, affidata dai genitori alla Maison, il lettore segue l’incalzarsi degli avvenimenti: non è la guerra fatta di combattimenti e linea del fronte, ma quella della violenza sottile di ogni giorno che priva i bambini della propria identità, degli adulti che rischiano la vita per cercare di salvarli, della fuga continua. C’è la guerra quotidiana per trovare cibo, per passare indenni i controlli d’identità; ci sono i cambiamenti e le miserie che la nuova condizione impone.

Diventata Catherine Colin, Rachel posa il suo sguardo sul mondo attraverso l’obiettivo della macchina fotografica: appassionatasi grazie al marito della direttrice della scuola e capace di sviluppare i rullini, rimarrà salda alla sua Rolleiflex in balia degli eventi. Fotografare diventa il suo modo di resistere, di tenere alto lo sguardo e di testimoniare quel che sta accadendo attraverso le immagini che scatta. Fotografare diventa anche il mezzo che le permette di rimanere se stessa nonostante la falsa identità, il mezzo che la condurrà fino alla festa nella Parigi liberata e al ritrovare le persone che ha incontrato lungo il cammino, per affacciarsi poi su una nuova vita, dove la fotografia continuerà ad avere una parte importante. Il libro infatti ha il pregio di spingersi un poco oltre la fine della guerra e di riflettere sulle tracce lasciate nelle persone; le fotografie sono invece la traccia che Rachel utilizza per narrare, per testimoniare e anche per resistere e sentirsi viva.

Il fumetto è finalista – peraltro in ottima compagnia – nella sezione ragazzi al festival di Angoulême, che si tiene a fine mese.

Julia Billet – Claire Fauvel, La guerra di Catherine (trad. di Elena Orlandi), Mondadori 2018, 168 p., euro 18

Annunci

Supergum

15 Gen

Gianluca ha otto anni, vive nel micropaesino di Pieve San Broccolo e ha appena scoperto di avere un fantastico super potere: sa comandare la gomma da masticare. In realtà, dopo l’entusiasmo iniziale e la ricerca di un nome degno insieme all’inseparabile amico Glauco, Gianluca – ora diventato Supergum – non è più così contento delle sue capacità soprannaturali; per ora infatti non ha fatto altro che aiutare un anziano ospite della casa di riposo a godersi la merenda, sostituendo con la gomma l’adesivo per la dentiera. E poi, gravissimo, anche la sua compagna Viviana, nota vipera della classe, è dotata di un super potere, visto quel che combina con lo yo-yo. I due si troveranno a fronteggiare i rapinatori che stanno svaligiando la gioielleria nel giorno della festa del paese; allora Gianluca scoprirà che quel che pare un super potere può in realtà venire da anni di allenamento e che le sue capacità trasformiste possono essere impiegate anche in altri campi.

Un fumetto adatto dai 6/7 anni in lettura autonoma; peccato semplicemente per il sospeso: ci vien detto che l’azione prosegue nel prossimo volume, e allora speriamo che arrivi presto e che i lettori non rimangano troppo fermi lì, sul furgone, insieme a due nuovi loschi individui che meditano un rapimento.

Il sito di Susanna Rumiz.

Laura Guglielmo – Susanna Rumiz, Supergum, Bao Publishing 2017, 72 p., euro 16

Lettere ad Alice che legge Jane Austen per la prima volta

10 Gen

Questo libro arriva dal 1984: non si citano telefoni cellulari, per acquistare un biglietto di viaggio bisogna andare di persona in agenzia, le distanze hanno un certo peso anche nelle comunicazioni e le lettere sono lettere, quelle che si spediscono per posta e che impiegano un po’ a giungere a destinazione. Il tempo dilazionato della comunicazione epistolare si presta pertanto perfettamente alla riflessione che queste lettere contengono, intorno alla letteratura e alla scrittura, prendendo spunto dalla figura di Jane Austen.

Fay Weldon, romanziera tradotta in Italia da Feltrinelli, Fazi ed e/o tra gli altri, nota per le sue posizioni femministe e per i personaggi femminili che caratterizzano le sue opere, scrive quindici lettere a una ipotetica nipote di nome Alice, diciottenne in fase punk e in rotta con la madre, che vorrebbe diventare scrittrice e sta lavorando alla sua prima opera. Il pretesto è la lettura dei libri di Jane Austen imposta alla ragazza; quel che nasce è un susseguirsi di spunti di lettura, analisi della scrittura e tentativi di convincimento di come i romanzi di Austen siano imprescindibili, specie a diciott’anni, di quanta fosse l’energia che la scrittrice portava in sé (tanta da saper costruire). La zia parla del proprio lavoro di scrittrice, della propria vita personale e intanto inquadra Austen nella sua epoca, confrontando passi dei romanzi con le condizioni di vita dell’autrice. Parallelamente descrive il mondo della letteratura attraverso la curiosa ed affascinante metafora della Città dell’Invenzione, in cui romanzieri e poeti costruiscono Case dell’Immaginazione: ne percorre le strade, i diversi quartieri assegnati ai generi, gira intorno al castello Shakespeare, scopre magagne e angoli segreti.

Questo libro arriva dal 1984, ma non sente il passar del tempo: il tono  e i modi ne fanno un discorso attuale sempre sulla lettura e sulla scrittura. Magari alcuni dei nomi citati risulteranno nuovi alle orecchie di chi legge; potrà essere spunto per andare a cercarne i libri, esattamente come l’elenco finale di autori con cui bisognerebbe avere una certa familiarità, un “elenco di letture alternativo per i facilmente distratti”.

Fay Weldon, Lettera ad Alice che legge Jane Austen per la prima volta (trad. di Beatrice Masini), Bompiani 2017, 264 p., euro 13

La sfolgorante luce di due stelle rosse

7 Gen

Dopo quella meraviglia pluripremiata che è stato Il rinomato catalogo Walker & Dawn, Morosinotto si presenta a una nuova prova dove la storia conta, ma pure la grafica e il modo in cui il romanzo è concepito nella sua struttura fisica. Ancora una volta infatti il libro si presenta graficamente bello come il precedente, con fotografie d’epoca, cartine e inserti che riproducono i quaderni dei due gemelli protagonisti con tanto di osservazioni e note a margine, aggiunte – ecco l’escamotage narrativo dell’autore – dall’incaricato del Commissariato del Popolo per gli Affari Interni che li sfoglia dopo che non hanno passato il vaglio della censura. Si ricostruisce così il clima dell’epoca: l’Unione Sovietica nella Seconda Guerra Mondiale e in particolare dal 1941, alla dichiarazione di guerra della Germania. Viktor e Nadya sono gemelli di dodici anni, figli di due conservatori dell’Ermitage che vengono mandati via da Leningrado sui treni che partono per portare in salvo i bambini lontano dalla città verso cui sta avanzando il nemico. I due però finiscono su treni diversi e, attraverso le loro storie, il lettore ricostruisce la vicenda da punti diversi, comprensivi di quello che veniva nascosto alla popolazione e degli intrighi politici sottesi. Il loro obiettivo è ricongiungersi, avendo promesso di non separarsi e di avere vicendevole cura, e anche di salvare la loro città, tenuta in scacco da un assedio che durerà quasi novecento giorni.

Nel corso delle pagine quindi si alternano quindi le due voci, le due vicende (luoghi geografici diversi, nuovi amici e compagni di strada) e i due punti di vista: in font nero la parte di Nadya, in rosso – non certo lettura agevole per tutti – quella di Viktor. Il romanzo piacerà a chi è appassionato di vicende storiche  e a chi sarà attento alla ricostruzione dei fatti, anche laddove può sembrare più complicato per il racconto sovrapposto dei due narratori.

Davide Morosinotto. La sfolgorante luce di due stelle rosse. Il caso dei quaderni di Viktor e Nadia, Mondadori 2017, 432 p., euro 17, ebook euro 8,99

Piante e animali terribili

4 Gen

In questo libro, Dino Ticli, geologo, naturalista e valido divulgatore scientifico, ha raccolto una trentina di piante e di bestie conosciuti per essere tra i più velenosi e pericolosi in circolazione e spesso considerati anche disgustosi; ne ha raccolto le caratteristiche per il gusto di far scoprire ai ragazzi la meraviglia della natura, per mostrare come in natura appunto nascano alleanze e relazioni, si sviluppino meccanismi di difesa e di sopravvivenza. E anche come sovente gli uomini, nei tempi passati, abbiano su queste caratteristiche costruito leggende o affibbiato nomi terribili che non sempre corrispondono al vero. Dal ragno sputatore alle piante urlatrici, dalla pianta vampiro al coleottero bombardiere, ecco per ciascun selezionato una scheda che contiene  i riferimenti da sapere (nome comune e scientifico, dove si trova, cos’è), una descrizione e poi un racconto in cui la pianta o l’animale velenoso sono protagonisti, per affiancare a quel che si può imparare anche la narrazione.

Ma la vera meravigliosa meraviglia di questo libro (non ce ne voglia l’autore) sono le illustrazioni di Andrea Antinori, che aggiungono preziosità. Se avete avuto modo di apprezzarlo in altri testi (ne La zuppa dell’orco edito da Biancoenero come nel recente L’entrata di Cristo a Bruxelles di Corraini, tra gli altri) sapete la particolarità del suo tratto, che non ha paura del nero, che qui illumina i neri e i blu con esplosioni di rossi e gialli.

Il formato non è tascabile, ma “portatile” sì: la compattezza e la copertina morbida fanno sì che si possa facilmente infilare nello zaino e leggere immersi nella natura.

Dino Ticli – Andrea Antinori, Piante e animali terribili, Lapis 2017, 207 p., euro 12,50

Mumin e le follie invernali

2 Gen

Riecco i Mumin! Iperborea ribalta il suo formato classico, lo presenta in orizzontale per offrire ai lettori le strisce dei Mumin, per la prima volta in versione a colori e come singole storie. I troll finlandesi creati da Tove Jansson sono protagonisti sia di una serie di romanzi tradotti negli Istrici Salani sia in strisce che apparvero su Linus; nella prima uscita di un piano editoriale che almeno altre tre nei prossimi mesi, la buffa famiglia di Troll è alle prese con l’arrivo della neve con le temperature bassissime e ben si addice alla stagione! Visto che i Mumin non vanno più in letargo tra il fieno come i loro antenati, perché non temprarsi nel salutare freddo? Che il gelo rinvigorisca è una certezza per il signor Brio, presidente dell’associazione Grandi Giochi all’Aperto che cerca di convincere i quattro a praticare sci, pattinaggio, salto col trampolino. La vanitosa Grugnina, fidanzata di Mumin figlio, così come Mimla, sventata amica e vicina della famiglia, cade vittima del fascino del signor Brio, sempre pimpante e vigoroso, e soprattutto desideroso di essere sempre primo in qualunque gara e competizione. Per consolarlo della disfatta di un disonorevole secondo posto, i Mumin organizzano una battaglia di palle di neve, seguita da una gara in slittino: nulla frena l’esuberanza di Brio, che non sa vedere null’altro che se stesso. Intanto c’è posto per le considerazioni su come sono fatti gli uomini e su come siano a volte irrecuperabili le femmine, sul coraggio, sulla vita, sui risvolti dello sport. Sempre col sorriso a fior di labbra, sempre con un fondo poetico, surreale e con battute irriverenti. E per fortuna poi arriva la primavere che chissà quali altre follie porterà.

Per chi non conosce la saga dei Mumin, l’occasione di avvicinarcisi attraverso un formato originale per poi scoprire un mondo di storie.

Tove Jansson, Mumin e le follie invernali (trad. di Sofia Sacchi), Iperborea 2017, 90 p., euro 12

Loop. Indietro non si torna

30 Dic

Ritrovarsi senza volerlo con dei superpoteri. Ritrovarsi a dover imparare a gestirli, ad avere a che fare con qualcosa di non previsto che ti cambia la vita. I sette protagonisti di questo fumetto sono, loro malgrado, dotati di poteri straordinari: chi sa leggere i pensieri altrui, chi lancia fiamme dalle mani, chi ha tanta forza da sollevare un’automobile, chi ha la pelle impenetrabile, chi individua al volo il punto debole delle persone che ha difronte. Il dottor Geni, che ne ha intuito particolarità e somiglianze, li riunisce periodicamente convinto della loro possibilità di confronto e di intesa, ma si trova davanti anche le loro paure, la rabbia, la fatica di accettarsi, l’avere a che fare con gli altri, con corpi particolari. Sullo sfondo una minaccia che si nasconde tra i sotterranei dello stesso ospedale dove si incontrano, che potrà essere superata solo trovando l’accordo, l’incastro dei tanti che si fanno uno per andare avanti insieme, per non tirarsi indietro, per essere parte.

Un fumetto che nasce da un lavoro corale all’interno de Il Progetto Giovani, uno spazio da cui nascono storie, musica, mostre, video, collezioni di moda; bellezza, insomma. Un’iniziativa del reparto di pediatria oncologica dell’Istituto Nazionale dei Tumori di Milano, sostenuta dall’Associazione Bianca Garavaglia onlus ; a ogni nuovo progetto partecipano una ventina di ragazzi, ciascuno con le proprie tempistiche e il proprio apporto e così anche per questo progetto di scrittura che ha debuttato nel 2015 e, attraverso la guida di Lorenza Ghinelli della Scuola Holden, si è fatto romanzo prima di prendere la strada del fumetto. Un lavoro corale appunto, in cui si è scelto insieme il tema dei supereroi e poi lo si è sviluppato creando personaggi e situazioni; ognuno ha dato il suo contributo, come raccontano le biografie degli autori a fine volume: leggerle vi dà il senso del gruppo e di tutto quel che dentro ci è successo, vi raccontano uno spaccato della vita di reparto, dei legami che si creano, di quel che la vita fa succedere; vi invitano anche – se le ritrovate al fondo della vostra lettura – a ritornare alla storia e a cercare echi delle vite dei ragazzi tra i dialoghi dei personaggi, tra le pieghe dei caratteri che gli autori hanno loro regalato.

Il Progetto Giovani e Mammaiuto Lab, da un’idea di Andrea Ferrari ed Edoardo Rosati, sceneggiatura di Giorgio Trinchero, disegni di Claudia Razzoli e Francesco Guarnaccia, Loop. Indietro non si torna, Rizzoli Lizard 2017, 144 p., euro 15

A margine. Questo libro, questo progetto vengono da un luogo dove ho trascorso una parte della mia vita bambina e adolescente. Quando io frequentavo il 6° e il 7° piano dell’INT non esisteva “il progetto giovani” e sarei comunque stata, entrambe le volte, troppo piccola per farne parte, anche se non dubito del fatto che avrei rotto le scatole abbastanza per costringere a farmi partecipare a un progetto di scrittura! Ho conosciuto molte delle persone che ancora oggi vi lavorano e mi viene naturale pensare al loro sguardo lungo anche dietro a questo progetto. Sono molto orgogliosa del risultato di questo libro, originale e non scontato, e confesso che trovarmelo tra le mani per quel che oggi è il mio lavoro mi ha fatto molto sorridere. È un libro che dice quanta vita c’è in un luogo in cui tanti preferiscono non guardare e mi sembra una buona segnalazione per affacciarsi sul nuovo anno, per guardare avanti, per essere ironici e sinceri e dire la vita per com’è: vera.

Come funziona la città

28 Dic

Cartonato resistente, ricco di informazioni, di alette da sollevare e di finestre da aprire, dedicato agli appassionati che svela come storicamente si siano sviluppati villaggi, paesi e città, per poi lasciare posto agli approfondimenti a doppia pagina dedicati a grattacieli, spazi verdi, municipi e servi vari, a quel che accade sottoterra, a come ci muove e a come saranno in futuro le città. C’è davvero tanto da scoprire, tra un ascensore e una fognatura, tra la caserma dei vigili del fuoco e la galleria della metro, tra orti verticali e musei. C’è anche la possibilità di vedere cosa succede in città di giorno e di notte, quando buona parte degli abitanti ma non certo tutti, dormono.

Questa tipologia di libri ha sempre i suoi appassionati che possono passare ore a osservare tutti i particolari della illustrazioni e a leggere ogni informazione presentata o nascosta sotto le varie alette; in questo caso poi si presenta robusto rispetto ad altre uscite editoriali simili, alette e finestrelle non sono troppo piccole e anche in biblioteca non si rischia di veder subito il libro strappato o con qualche pezzo in meno.

Il sito dell’autore, che – come dice lui stesso – è ossessionato dal re-immaginare e dal reinventare il mondo intorno a lui. E che probabilmente ama molto viaggiare. Del resto, da uno che porta nel suo nome Gulliver e qualche assonanza a James Cock, cosa potevamo aspettarci? 🙂 Godetevi anche il suo profilo Instagram e i suoi papillon…

James Gulliver Hancock, Come funziona la città (trad. di Claudia Valentini), Edt Lonely Planet Kids 2017, 24 p., euro 17,50

Rosmarino

27 Dic

C’è un pagina senza testo in questo albo in cui Cneut immagina la passeggiata nel bosco della protagonista come un’avanzare tra varietà differenti di fiori in cui lei si addentra arrivando quasi a confondersi tra loro, grazie al colore del suo vestito e nello stesso tempo spicca in qualche modo, decisa come il suo carattere. Rosmarino è una fata che vive come tutte le fate in un castello dalle torri dorate, dove tutte indossano abiti sui toni del rosso e del rosa e cappelli a punta e seguono regole ben precise di super buona educazione (niente briciole, niente schizzi, niente pattini a rotelle). Rosmarino non ci sta e decide di essere strega; nonostante gli avvertimenti della mamma, parte per il bosco delle streghe e ci si trova benissimo. sono gentili, le insegnano un sacco di trucchi e le prestano pure i pattini. E mica si annoia, come la mamma nel suo castello; del resto lei è Rosmarino e basta: un giorno mette il cappello tondo e un altro quello a cono; un giorno fa visita al castello, un altro un giro in barca. Non è tutta nera come le streghe né tutta leziosa come le altre fate: è se stessa e basta.

Un albo per pensare alla libertà di fare le cose che ci si sente di fare, per affermare se stessi.

Brigitte Minne – Carl Cneutt – adattamento di Giovanna Zoboli, Rosmarino, Topipittori 2017, 48 p., euro 24

Contro corrente

21 Dic

Continua il racconto delle edizioni Sinnos di storie in cui spiccano l’impegno e la passione investiti per raggiungere un obiettivo. In questo caso è la vicenda di Gertrude Ederle che ne 1922 si qualifica per le Olimpiadi, battendo a soli diciassette anni, sette record in un giorno e che ai Giochi Olimpici di Parigi di due anni dopo sale sul podio tre volte; suo sarà anche il record femminile di traversata della Manica del 1926, imbattuto per ventiquattro anni.

La scelta vincente di questo libro è data dalla forma grafica e dal punto di vista: la storia di Gertrude e dei suoi primi successi è narrata in prima persona da una ipotetica cuginetta di nome Emily, affascinata dalla ragazza che tutti giudicano male (non è abbastanza femminile, ha le spalle da boscaiolo e la fissa dello sport) che un tempo le ha regalato un costume da bagno. Nel mito di Gertrude, Emily comincia ad allenarsi segretamente, imparando i movimenti dalle pagine dei libri e contando sulla silenziosa amicizia di Leo, che tiene il capo della corda mentre lei si allontana da riva e la spalleggia senza fare commenti nei suoi tentativi. In realtà la ragazzina può contare su tutta la famiglia di Leo e sull’atmosfera che si respira in quella casa, dove lei finge di andare a fare i compiti: un’aria anticonformista e libera, certamente diversa da casa sua dove si guarda di mal occhio a quella zia e a quella cugina newyorkesi, così differenti, così poco “consone”. L’equilibrio tra illustrazione e testo (sia esso in fumetto o sia narrazione fatta da Emily) è proprio giusto perché il lettore possa godersi la storia, prendere parte, assaporare il valore della vittoria di raggiungere quell’isola in mezzo al lago che vale una medaglia d’oro alla costanza e alla passione.

Alice Keller e Veronica Truttero sono due delle fondatrici della libreria Momo di Ravenna; ci vien da dire che questa loro buona prova nasce anche dalla consuetudine coi giovani lettori.

Alice Keller – Veronica Truttero, Contro corrente, Sinnos 2017, 80 p., euro 12