Archivio | Libri 3 – 5 anni RSS feed for this section

Pomelo, Nino e Taddeo

3 Lug

Pomelo_elefantino_da_giardinoPost  tutto Chaud. Benjamin Chaud si affaccia nel catalogo Terre di Mezzo con due libri che i piccoli e i lettori alle prima armi apprezzeranno di sicuro.  Pomelo è un gradito ritorno: alcune delle sue avventure erano state pubblicate da De Vecchi nel 2006 e presentano oggi ai lettori il minuscolo elefante rosa che sovente fa presenza anche nelle tavole di Bachelet, tra gli elefanti che omaggia e prende in giro (Elmer e gli altri). Abita su un soffione ed è di dimensioni così ridotte che la sua lunga proboscide lo ingombra, anche se a volte può esser utile per scherzi divertentissimi. Il volume contiene tre avventure inventate da Ramona Badescu e illustrate da Chaud in un’assoluta pulizia della pagina che fa da contorno e risalto alle figure che vi compaiono.

Sono tre anche le avventure nel volume di Nino e Taddeo, in francese semplicemente Nino_e_Taddeo_v1Taupe e Mulot, talpa e topolino: è Henri Meunier a scrivere il testo su cui Chaud ricama, giocando sul filo degli equivoci, dei fraintendimenti  e dei sorrisi che ne possono derivare. Talpa ovviamente ci vede pochissimo e ha bisogno dell’aiuto dell’amico quando si mette a dipingere, quando va a pesca di [s]carpe, quando decide di dichiararsi alla sua innamorata, altrettanto orba pure lei. Bel formato adatto a chi comincia a muoversi autonomamente nella lettura, che sarà contento di trovare belle illustrazioni e una buona misura di testo con cui cimentarsi.

Inutile dire che aspettiamo i nuovi volumi di entrambe le serie per proseguire le avventure.

Ramonda Badescu – Benjamin Chaud, Pomelo. Elefantino innamorato (trad. di Gioia Sartori), Terre di Mezzo 2020, 92 p., euro 12

Henri Meunier – Benjamin Chaud, Nino e Taddeo dipingono la primavera (trad. di Gioia Sartori), Terre di Mezzo 2020, 64 p., euro 12

Un giorno d’estate

9 Giu

UN-GIORNO-D-ESTATE-coverEccolo, finalmente riesco a sfogliare dal vivo questo albo edito da Kira Kira che prosegue nel suo intento di portare all’attenzione dei lettori italiani una selezione di albi illustrati di autori e illustratori giapponesi ancora poco conosciuti.

Come racconta in questa intervista, l’albo nasce da un ricordo d’infanzia, un’avventura in un giorno estivo da cui l’illustratore ha tratto soprattutto le sensazioni da riportare sulla pagina: è questo infatti che gli interessava più di ogni altra cosa e bisogna dire che ci è riuscito perfettamente. Un bambino corre verso la sfida che ha scelto: catturare un cervo volante nella valle che così si chiama e farlo da solo. Davvero è la grande avventura, la dimostrazione che può esseren capace, l’addentrarsi lungo la strada. La scelta di ridurre il testo al minimo indispensabile, di usare in modo sapiente la ripetizione, il susseguirsi delle immagini con i suoi colori vivi (la natura pare quasi strabordare e venire verso il lettore come le rane che si incontrano in una delle tavole) rendono perfettamente le emozioni del protagonisti, il suo batticuore, fanno vivi persino gli odori e i suoni, la calura della giornata e soprattutto la pioggia che scroscia improvvisa come solo l’estate sa fare. Il sole che torna illumina il viso lavato di pioggia e luminoso della felicità dell’esserci riuscito: la gioia della conquista che sicuramente è sensazione famigliare per tutti i bambini.

Dritto dritto tra i miei albi del cuore. Spero sia un colpo di fulmine anche per voi.

Koshiro Hata, Un giorno d’estate (trad. di Roberta Tiberi e Elena Rambaldi), 40 p., euro 16.

La bambina di vetro

2 Mar

La bambina di vetroSi può festeggiare il centenario di Gianni Rodari anche così, pubblicando in Italia un albo di Beatrice Alemagna ispirato al rodariano “Giacomo di cristallo” e uscito in Francia nel 2002. Un albo che, attraverso un gioco di lucidi sovrapposti, racconta la storia di una bambina trasparente che tutti corrono a vedere e che ben presto si rende conto di come sia visibile pure tutto quel che le passa per la testa. La sua fragilità, che la rende prossima alla tristezza e alla rabbia, si somma ai rimproveri degli altri: dovrebbe smettere di pensare, secondo loro, e vergognarsi di mostrare certe cose. Così Gisèle prende la via del mondo, cercando un posto da chiamare “casa” nel senso del sentirsi bene, a proprio agio, per poi tornare, avendo assaggiato quel che c’è in giro e compreso che è necessario star bene con se stessi, avere coraggio e fiducia in sé.

Proprio di questo vuol dire l’autrice che lo esplicita in una nota iniziale: l’albo parla di fiducia in se stessi e coraggio, “doti che coloro che oggi lottano nella vita non dovrebbero mai perdere”. In questa storia sicuramente avranno un personaggio che glielo ricorda.

Beatrice Alemagna, La bambina di vetro, Topipittori 2020, 32 p., euro 20

Cerfoglio

10 Feb

Se siete degli appassionati di piante, di erbe o anche solo di erbari, le carte di guardia di questo albo non potranno che farvi felici. Un albo che viene da un grande illustratore della prima metà del Novecento e che sicuramente finirà tra le proposte di chi, di questi tempi, costruisce bibliografie intorno all’ambiente e alla sua difesa. Racconta infatti – in un formato dal bel respiro di illustrazioni e testo – di un pino che ha nella sua lunga vita ne ha viste di ogni e che, storto e sbilenco, protegge la famiglia di un cervo e con lui invecchia. L’amicizia tra albero e cervo è la chiave con cui si leggono i cambiamenti intorno, la vita nel bosco e anche quel che accade quando un cacciatore pensa di spezzare l’equilibrio creato.

E poi, perché non pensare di sfogliare solamente le pagine di destra, dove compaiono le illustrazioni, che paiono suggerire la storia, permettere al lettore di arricchirla di particolari, provare a farne un senza parole in aggiunta al testo che l’autore ha scritto?

Ludwig Bemelmans, Cerfoglio (trad. di Gabriella Tonoli), Lupo Guido 2020, 44 p., euro 17

La buca

28 Gen

L’albo è superpremiato (Premio August “Miglior libro per bambini e ragazzi” 2018; Premio dell’Associazione svedese dei commessi librai “Il tuo libro – La nostra scelta” 2018; Vincitore del Premio culturale “Piuma D’oro” – Barometern Oskarshamns-Tidningen 2019) e non è un caso: con grazia e unorismo Emma AdBåge dipinge uno spaccato di vita scolastica ad altezza bambino, dove si evidenza il contrasto tra grandi e piccoli a proposito del considerare le cose. Una questione di sguardi e di punti di vista, dunque. La voce narrante, quella di un’alunna che sul frontespizio si identifica con la freccina che dice “io”, racconta con grande entusiasmo di come nel cortile della sua scuola ci sia la Buca con l’iniziale maiuscola, nata tempo prima perché qualcuno in un dato punto ha tolto della ghiaia: lì sono cresciuti arbusti e cespugli, fino a farne un luogo ideale dove giocare, arrampicarsi, immaginare qualsiasi tipo di gioco intorno alla Grande Radice. Di questa geografia quasi mitica – lo dicono le iniziali maiuscole appunto e il tono entusiasta della narratrice, un po’ epico nel narrare di certe avventure – gli adulti hanno ben altra considerazione: quel buco è pericoloso e poco importa che Vibeke sia inciampata nei lacci delle sue scarpe: viene proibito giocare dentro la Buca. Ma non di certo intorno, su quel Bordo che diventa subito ritrovo, grazie alla capacità inventiva dei bambini. Anche messi di fronte a una drastica soluzione, ecco che troveranno un luogo pieno di possibilità, all’insegna della libertà, dell’intraprendenza, del gioco in mezzo alla natura, senza bisogno di palloni, altalene e manco di campane.

Un bello sguardo ad altezza infanzia appunto; un bello sguardo anche a livello di prospettiva e di resa sulla pagina, come le illustrazioni che presentano la stessa fila di bambini attoniti di fronte alla sparizione della loro buca: paiono così visti di spalle, ma appena l’illustratrice ce ne presenta i visi ecco gli occhi che scartano di lato e un luccichio di novità che ne illumina già alcuni.

Emma AdBåge, La buca (trad. di Samanta K. Milton Knowles), Camelozampa 2020, 40 p., euro 15

Peter nella neve

23 Dic

Peter_nella_nveChe le feste che arrivano siano buone ve lo auguriamo con questo albo, pubblicato negli Stati Uniti nel 1962 e ora finalmente in Italia. Racconta del picolo Peter, infilato nella sua tuta rossa, e della scoperta della magia della neve in città. A New York ha nevicato e si può scorazzare per stara, fare pupazzi e angeli, fare impronte, mettersi un po’ di neve in tasca per poi non trovarla più, raccontare alla mamma con entusiasmo le avventure del giorno. E poi il giorno dopo ricominciare.

Lo stile di Keats è per l’epoca diverso da ogni altro, gioca coi colori, ma soprattutto col collage di carte diverse e con l’immagine del primo bambino nero in un albo, in modo che tutti abbiano la possibilità di riconoscersi sulla pagina. A fondo libro, quattro pagine approfondiscono la figura dell’autore, il suo percorso e le sue scelte, così come nella recensione su Lettura Candita a cui rimandiamo perché ci sembra importante saperne di più su questo autore e sul contesto in cui ha lavorato, per questo e per gli altri suoi libri.

E più che feste buone, auguriamo che il prossimo anno sia buono: che – come ha fatto Terre di Mezzo in questo caso – porti ai lettori italiani libri necessari, imperdibili, buoni proprio.

Ezra Jack Keats, Peter nella neve (trad. di Giulia Genovese), Terre di Mezzo 2019, 

Desperado

21 Dic

desperadoOlle Könnecke non tradisce mai: se Camillo è un personaggio imperdibile tra quelli che abitano gli albi illustrati e accompagnano i lettori nella loro crescita, con storie buffe a cui tornare sempre, ecco che dalla stessa penna arriva Roy. Ambientazione western, tanto per gradire, in cui non manca nulla: dai cactus ai banditi, dal fido cavallo al cappello a tesa larga in testa all’eroe fino alla fanciulla da salvare. Che in questo caso si chiama Heidi ed è la maestra dell’asilo frequentato da Roy: Barbanera, capo dei banditi, l’ha rapita perché la vuole sposare e adesso tocca a Roy, arrivato tardi a scuola, mettersi sulle tracce. In sella al fido Desperado avanza nel deserto e con un briciolo di coraggio e un po’ di sana intraprendenza equina risolve la situazione. Ci vuole poco in fondo per stare bene: biscotti e succo, amici, una dolce maestra.

Olle Könnecke, Desperado (trad. di Chiara Belliti), Beisler 2019, 36 p, euro 15

Becco giallo e pesce grigio

20 Dic

Dove vince la semplicità. Una storia breve, adatta ai piccolissimi anche se non cartonata, poche parole che conducono il lettore e chi legge insieme a lui a seguire la vicenda di Becco Giallo che vorrebbe toccare il mare e di pesce grigio che lo inghiotte. Il testo compare sulla pagina sinistra ed è scritto in stampatello maiuscolo, cosa che piacerà anche ai primi lettori autonomi. A destra invece le immagini, che rimandano al gioco forma-colore di Lionni e simili, e che sono realizzate in xilografia da Adriano Moneghetti. Sono da leggere insieme, integrandole, per seguire i personaggi e l’evoluzione della storia nello scorrere del tempo.

Perché allora non pensare anche all’utilizzo di questo albo in un altro contesto? Certo è una lettura per i più piccoli, ma sarà interessante anche mostrarlo ad altri lettori focalizzandosi appunto su come è realizzato e utilizzandolo come punto di partenza per ragionare insieme sulle tecniche: la xilografia, ma anche la serigrafia, rifacendosi ad altre opere, non ultimi i lavori più recenti di Else Edizioni di cui vi invitiamo a scoprire in particolare Chickamauga, un racconto di Ambrose Bierce illustrato da Davide Reviati.

Irene Zanello – Adriano Moneghetti, Becco giallo e pesce grigio, Albe edizioni 2019, 24 p., euro 13,50

Clara e l’uomo alla finestra

13 Dic

Che bello ritrovare la voce di María Teresa Andruetto in un’opera narrativa, questa volta un albo illustrto che non necessita certo di molte parole per trasmettere il messaggio che sta dietro alla storia della mamma dell’autrice ai tempi della sua infanzia. Bastano i gesti dei protagonisti e le immagini che Martina Trach, alla sua opera prima, mette in pagina. Illustra la pamapa argentina degli anni Cinquanta, un piccolo paese senza scuola né biblioteca e case un po’ distanziate tra di loro. La protagonista è la nipote della lavandaia che viene inviata a portare la cesta del bucato lavato e stirato all’uomo della casa grande, come lo definisce la nonna, facendole mille raccomandazioni: non sporcare, fa’ attenzione, i soldi sono sotto lo zerbino. L’uomo non esce di casa da anni; è una casa piena di libri, che diventano il tramite tra i due, la via di addomesticamento, la strada verso la luce del mondo. Clara sa leggere, glielo ha insegnato la nonna e allora sotto lo zerbino troverà anche un libro la volta sucessiva. E via così: ogni cesta di bucato, un libro prestato che possiamo immaginare l’uomo scegliere con cura, magari facendo provare alla bambina tipi di storie diversi, generi differenti. Sappiamo solo che le è piaciuto tra tutti di più quello delle principesse e che un giorno entra in casa a scegliere da sola: le sue domande gentili, prive di curiosità e di insistenza, permettono all’uomo di raccontare la sua storia, di dimenticare le paure, di scordarsi che c’è una soglia oltre cui non vuole più andare. Potere dei libri e capacità di coraggio, cioè quel che ti permette di vivere davvero, come vuoi.

María Teresa Andruetto – Martina Trach, Clara e l’uomo alla finestra (trad. di Lorenza Pozzi), Uovonero 2019, 48 p., euro 16

Hugo

5 Dic

Bella scelta della casa editrice Il Barbagianni che porta in Italia un albo di Mia Nilsson in cui l’autrice utilizza modi differenti ben amalgamati tra loro e coinvolgenti per il lettore: illustrazione, testo narrativo e fumetto, uniti al sapiente uso del contrasto che genera divertimento e tiene alta l’attenzione. Il libro infatti presenta la storia di un coccodrillo che si trova a vivere in una foresta, non certo il suo luogo naturale, perché è stato spinto fuori dal vagone del treno del circo da colleghi invidiosi e che non corrisponde ai canoni stereotipati sulla sua figura. Hugo non è crudele né sanguinario, piuttosto fa maglia, cucina e tiene pulitissima la sua tana. Gli animali del bosco però, che non lo conoscono e manco provano a saperne di più, hanno intessuto leggende metropolitane sulla sua ferocia, scappano appena lo vedono e tutti i suoi tentativi di trovare amici vanno a vuoto. Sarà il gesto istintivo di portare in salvo due piccoli cinghiali a far aprire gli occhi agli abitanti del bosco, evitandogli il trasferimento a cui è già pronto e riempiendogli la casa di amici.

L’albo ruota intorno al tema del diverso, dell’istinto diffidente verso chi non si conosce e di cui si immaginano cose non vere, ma riesce – proprio grazie al tratto dell’autrice e alle scelte narrative – a uscire dal legame stretto col tema e ad essere semplicemente un bell’albo per una bella lettura condivisa, con tanto di momento di suspense verso la fine dove tutto sembra, ma… no, non è!

Mia Nilsson, Hugo (trad di Susanna Di Cosimo e Tor Anders Grönlund), Il Barbagianni 2019, 44 p., euro 16,90