Archivio | Libri 3 – 5 anni RSS feed for this section

L’uovo del sole

12 Dic

Di Elsa Beskow abbiamo parlato quando LO editions ha pubblicato Olly va a sciare lo scorso anno; è un piacere trovare in italiano un altro albo di una delle principali autrici svedesi per bambini vissuta tra fine Ottocento e inizio Novecento e poter leggere insieme questa storia circolare che attraversa le stagioni e che fa parlare animali del bosco e abitanti del Piccolo Popolo come Elfina e Pignetto. Tutta “colpa” di un bambino di nome Giulio dal cui cestino, mentre camminava nel bosco, è caduta un’arancia: questo però il lettore lo scopre solamente alla fine, quando gli è già ben nota la catena di avvenimenti che quel frutto ha suscitato. Elfina infatti lo crede un uovo del sole e solo un fringuello saprà renderle conto di cosa sia veramente; allora tutti ne assaggiano la bontà del succo, anche se ad Elfina non basta: è affascinata dalla valle di sole in cui il fringuello sverna e andrà a vederla, tornando in primavera proprio con gli uccelli migratori.

Un mondo incantato, quello ritratto da Beskow, dove Rana Felice ha un bistrot, gli uccellini cinguettano al meglio di fronte alla gentilezza e il bosco intero fa capriole al ritorno di chi è mancato. Per i lettori, ancora una volta la possibilità di scoprire storie che vengono da un’altra epoca e che non hanno perso lo smalto e l’incanto narrativo. In più in questo albo c’è un’efficace rimando nelle immagini: tratteggiate o giocate in bianco e nero in un angolo della pagina di sinistra che ospita il testo, eccole quasi fare un balzo nella pagina accanto e virare in colore, inquadrandosi nell’ambiente del bosco, dando vita a una scena corale.

Come già nell’altra occasione, vi rimandiamo anche al sito di Design Stockholm House se vi va di avere una tazza o una palla per l’albero di Natale  o un altro oggetto decorato con le illustrazioni dell’autrice.

Elsa Beskow, L’uovo del sole (trad. di Caroline Kocjancic), Lo editions 2017, 32 p., euro 14

Annunci

Passo davanti

8 Dic

Per le illustrazioni, il fine umorismo e i modi di Olivier Tallec ho un debole risaputo da vecchissima data e del suo sodalizio con Nadine Brun-Cosme trovo imperdibile la trilogia di Lupo & Lupetto pubblicata da Clichy dal 2013, che gratifica tra l’altro nel formato i lettori che necessitano di una storia “già lunga, ma ancora breve”, adatta alle capacità di chi si avvia a leggere speditamente.

Qui invece i due autori affrontano con lieve grazia e attraverso la metafora del viaggio il tema della crescita, dell’apprendere, del trovare un posto proprio nel mondo e una propria autonomia. C’è un trio che si aggira per Parigi; un buffo assortimento: un bambino di nome Max, un coniglio chiamato Rémy e Léon, un fagiolo peloso (un orso?) che ha tutte le caratteristiche di molti personaggi di Tallec. Ma il testo non ci dice come sono, basta l’illustrazione, e non fa differenze tra chi ha sembianze più umane: li mette sullo stesso piano, dicendoci semplicemente che uno è il grande, uno il secondo, uno il piccolo. Camminano in fila tenendosi permano, la silhouette di Léon a proteggere gli altri due, a suggerire quando attraversare la strada, a fare largo, quasi un apripista. Ma chi ti cammina davanti con una massa imponente ti toglie anche la vista e la curiosità fa domandare a Max di passare avanti: smette di raccontare l’avventurosa storia imbastita per Rémy, molla la mano e procede in testa. “Tocca a te!” ha decretato del resto Léon dopo un attimo di esitazione. Davanti ci si sente grandi, proprio come capita a Rémy quando è il suo turno. Capita anche che davanti si possa stare in tre, in riga, uno accanto all’altro a raccontarsi storie e a guardare il mondo insieme. Qualcuno canta, qualcuno narra, qualcuno è più veloce di altri ad avvertire dei pericoli. E insieme camminando si cresce: non è solo una passeggiata in città quella ritratta, si vede il tempo che passa, le stagioni che cambiano e la storia diventa allora una metafora delle vita e un augurio per i lettori: che chi li guida, li protegge e li avverte di stare attenti sappia un giorno farli passare avanti con naturalezza, magari nascondendo quel pizzico di paura che non siano capaci, magari rimanendo in fondo come accade a un certo punto a Léon. Quando la sua imponente massa chiude la fila si sente benissimo ancora il senso di protezione, ma la vista sull’orizzonte è sgombra.

Un momento fortunato per le traduzioni di Tallec in italiano: sono sbarcati da poco in libreria due suoi albi col testo di Charlotte Moundlic: “Lo slip da bagno. Ovvero le peggiori vacanze della mia vita” e “Il mio cuore in briciole. Ovvero i più bei giorni della mia vita”. Sono i primi Libri con gli Stivali, editi dalla libreria Il Libro con gli Stivali di Mestre, e raccontano di Michele, alle prese con la vita quotidiana: qualche disastro, qualche imbarazzo, un bel po’ di divertimento. Sono stampati con font EasyReading®, ad alta leggibilità e adatti ai lettori da sette anni, un testo lungo illustrato, che ricorda appunto “Lupo & Lupetto”. Ne parleremo prossimamente.

Bene, visto che è arrivato tanto Tallec, io aspetto che – più prima che poi – abbia voce italiana anche quel gioiellino che è La croûte, edito da Flammarion nel 2009 e sempre col testo di Charlotte Moundlic. A forza di parlarne e di leggerlo a voce alta, talvolta mi scordo che qui ancora non c’è 🙂

Nadine Brun-Cosme – Olivier Tallec, Passo davanti (trad. di Marie-Josè D’Alessandro), Coccole 2017, 32 p., euro 13.

Guarda fuori

29 Nov

Un senza parole che riprende l’arguzia e l’ironia delle migliori uscite di Minibombo. Un albo che infila una sequenza di campo-controcampo per giocare tra l’interno e l’esterno di una casa. Nevica e, se fuori fiocca e non ti lasciano uscire, allora si sta a guardar dalla finestra, come i due bambini della storia. Proprio la finestra diventa il tramite dello scambio, visto che questa storia è tessuta dai giochi di sguardi e dai cambi d’espressione che si leggono sui visi e sui musi.

Lì fuori, tra la neve, i bambini vedono un pettirosso, poi tre conigli, un gatto, un orso. Quel che succede, quel si dicono il lettore lo indovina e lo interpreta; ci mette le parole e magari poi vorrebbe metterci pure le gambe quando i due corrono fuori per cercare di risolvere il pasticciaccio combinato dalle bestie. Ma… be’, ve lo avevamo detto che era un campo-controcampo tra dentro e fuori!

Da non perdere per leggerlo insieme, per metterci le parole, per ridere in compagnia.

Silvia Borando, Guarda fuori, Minibombo 2017, 44 p. euro 12,90

Irene la coraggiosa

27 Nov

Se siete degli appassionati delle storie di William Steig, edite negli anni passati da Mondadori nella serie Junior +7 (quelli sottili con la costa verde, tanto per capirci); se sapete quanto funzionano letti ad alta voce alcuni suoi libri, come “Silvestro e il sassolino magico” e “Margherita e l’osso parlante” (questo era nella collana Un libro in tasca di EL), siate felici. Silvestro torna in libreria per Rizzoli, come Shrek, in un grande formato che dà respiro alle illustrazioni, con copertina cartonata. I due sono accompagnati da Irene, protagonista dell’albo scelto nel 1986 dal New York Times come miglior illustrato, un’avventura che metterà il lettore a fianco di questa coraggiosa bambina. Irene è figlia della signora Rocchetto, la sarta che ha appena finito di cucire l’abito per la duchessa, ma che si prende l’influenza e non può consegnarlo in tempo per il ballo della sera. La bambina non ci pensa due volte: si copre bene, bacia sei volte la madre e parte abbracciata alla scatola del vestito, felice sotto la neve che sta cominciando a cadere. Ben presto la nevicata si trasforma in tormenta; il vento soffia contrario e ce la mette tutta per strapparle la scatola. È un vento bisbetico (bella definizione, no?), ma Irene reagisce con la forza della rabbia: gli urla contro, gli volta la schiena e non gliela dà vinta; ha ottimi motivi e pensieri per reagire con furia anche quando finisce nella neve fino al collo, per scivolare veloce sulla scatola senza che il vento la possa raggiungere. E ha tempo anche per un ballo e per tornare a casa in carrozza.

Una storia dal sapore di fiaba e la peculiarità di essere illustrato in modo che le diverse illustrazioni paiono frammenti di un lungo piano sequenza, attraverso il quale il lettore vede la protagonista avanzare nella neve, intestardirsi, arrabbiarsi, farsi avanti tutta bagnata e reagire fino ad avere la meglio. Irene non cede davanti a nulla; non le viene probabilmente manco l’idea che si possa cedere, visto che – per quanto abbattuta – ha pur sempre un pensiero che la fa indomita e anche un po’ temeraria. Una storia da condividere ad alta voce, per poi andare a riprendere tutto quel che di Steig trovate a catalogo o sugli scaffali della biblioteca.

William Steig, Irene la coraggiosa (trad. di Mara Pace), Rizzoli 2017, 40 p., euro 15

Questa notte ha nevicato

16 Nov

Questa-notte-ha-nevicatoQualche notte fa ha nevicato. Ben prima che la neve arrivasse su Bologna e si prendesse i titoli del telegiornale, qui ha nevicato. Per parecchie notti e appena a ridosso dei giorni vissuti con la paura degli incendi. Ha nevicato così tanto che la stagione dello sci è felicemente cominciata in anticipo laddove tutti, fino a una manciata di giorni prima, lamentavano la grande siccità.

Ha nevicato anche in questo libro di Ninamasina che, con un delicato accostamento di fotografie e illustrazioni, racconta l’incanto della città che si sveglia ammantata, tutti i rumori attutiti, gran parte delle forme nascoste e azzerate dal bianco che uniforma, una sorta di immobilismo magico, quasi un incantesimo calato sull’intorno. La voce è quella di una bambina che deve andare a scuola, a piedi ovvio, e vive la scoperta del nuovo paesaggio, tra il reale e l’immaginario: ecco le impronte e poi lupi e guardiani di neve e cose di tutti i giorni improvvisamente trasformate, a cui da re nuovo significato. Una passeggiata dell’immaginazione, che va e galoppa, mentre gli stivali lasciano tracce che una nuova neve cancellerà presto.

L’autrice racconta qui com’è nato questo libro e come ha preso forma. Se poi avete voglia di dare un’occhiata a quel che Ninamasina fa, potete – tra gli altri – sbirciare qua e . E qui e .

Ninamasina, Questa notte ha nevicato, Topipittori 2017, 64 p., euro 18

Bella

11 Nov

Il trillo di una chat aperta sul computer della strega: è l’orco che la invita a un pic-nic alla palude. Lei non vede l’ora e prova tutti i possibili vestiti, per poi uscire esattamente come il lettore l’ha vista prima, cioè lei stessa, senza preoccuparsi più di tanto. Sono gli animali che incontra lungo la strada a dirle che sarebbe più bella senza gobba, ritoccando i capelli, il mento… Basta un colpo di bacchetta magica ed ecco fatto. Peccato però che la strega non sia più lei e che l’orco non la voglia nemmeno vedere: vuole indietro quella vera! Con buona pace delle bestiole, destinate a pagare cari i loro suggerimenti.

Un inno all’essere se stessi e al “bello è ciò che piace” scritto e illustrato da Canizales, che lo ha pensato durante i viaggi nella sua natia Colombia, quinta destinazione mondiale per il turismo estetico.

Con questo albo e con Il libro più straordinario del mondo sempre di Canizales comincia la collana Alboom!-Gli albi col botto della casa editrice bolognese Les Mots Libres che si propone di fare libri con parole libere, quelle che – come dicono nella loro presentazione – “sono un impegno a esserci. Sono una responsabilità: poter rispondere delle nostre parole, questa è la nostra libertà”. L’esordio in primavera era avvenuto con un romanzo di Federica Iacobelli, dedicato ai giovani adulti, che ruotava intorno a David Bowie, primo della collana intitolata Vidas, come le biografie dei trovatori provenzali del basso medioevo in cui il racconto delle vite si muove tra storia e leggenda, intessendo insieme, come trama e ordito, aneddoti romanzeschi e fatti realmente accaduti. E scusate se è poco ;).

Canizales, Bella, Les Mots Libres 2017, 32 p., euro 15

Moabi

21 Ott

Il lussureggiante moabi, il più grande d’Africa visto che raggiunge fino a 70 metri d’altezza, si fa protagonista di questa storia, con splendide tavole evocative e un testo essenziale in cui l’albero più vecchio del mondo narra, in prima persona, la propria storia. Dal seme che germoglia nella terra feconda al primo ramo e poi via via, mentre tutto intorno vengon su altre piante, altri fiori e poi tutti gli animali nella foresta fino all’uomo, che però ha mire diverse sulla preziosa legna del moabi.

Il testo segue l’andamento delle illustrazioni, si curva lungo la linea delle colline, segue i rami, si fa tondo nelle tane sottoterra: è breve e poetica la voce della pianta che lascia poi il posto ad alcune informazioni botaniche scritte da Francis Hallé, esperto di foreste tropicali primarie e inserite in forma di calligramma a comporre le chiome degli alberi che popolano le pagine finali. Il canto del moabi e la sua speranza finale, l’inno a un giorno in cui l’uomo tornerà per fare pace e non per ferire e approfittare della foresta, è come un sussurro di sottofondo alla forza delle illustrazioni, alla potenza dei colori.

Sfogliate qualche pagina sul sito dell’editore.

Mickaël El Fathi, Moabi (trad. di Giulia Genovesi), Terre di Mezzo 2017, 48 p., euro 15

Come ti vesti?

12 Ott

Sono delicatissimi questi pop-up per piccoli lettori, con linguette da tirare in sensi diversi a seconda della pagina, uno dedicato ai modi di dormire degli animali e l’altro invece agli abiti da mettersi addosso a seconda del momento. Vanno trattati con cura o meglio, va messo in conto che perderanno i pezzi, si romperanno e magari li sostituiremo, come succede con i migliori cartonati che si vorrebbe  comunque sempre avere a portata di mano.

Pensati da Bernard Duisit, sono in rima: un po’ più lungo, quasi una filastrocca per ogni bestiola quello sulla nanna illustrato da Olivia Cosneau, brevissimo – botta e risposta – quello sull’abbigliamento. Mettiamo in vetrina quest’ultimo per affezione a Janik Coat e perché i suoi personaggi sono sempre una delizia. Scegliere come vestirsi dipende da molti fattori; infilarsi un costume a pois o uno a righe può essere frutto di una scelta ponderata; ci si mettono in mezzo il tempo, la destinazione, l’orario, il cielo e persino la neve. Magari c’è il vento, che solleva la gonna di Rosaria quasi fosse Marilyn Monroe in “Quando la moglie è in vacanza”; oppure detta legge l’umore, come sa bene Salvatore che non disdegna  il colore e gli accostamenti forti.

Janik Coat – Bernard Duisit, Come ti vesti (trad. di Margherita Vecchiati), Panini 2017, 16 p., euro 12

Olivia Cosneau – Bernard Duisit, Come dormi? (trad. di Margherita Vecchiati), Panini 2017, 16 p., euro 12

Quando sarò grande

11 Ott

Ettore e il suo papà sono in riva al mare e guardano le rondini che si preparano a migrare; il bambino incuriosito chiede se anche lui andrà lontano quando sarà grande. Persino più lontano delle rondini, risponde il babbo. Ecco allora un dialogo serrato in cui Ettore fa domande su tutti le situazioni o i pericoli che possono presentarsi, ricevendo una risposta pronta e fiduciosa. Il papà infatti ricorda che il vento si calma, che le onde che bagnano son poi solo acqua, che se ci si annoia ci si può sorprendere e che quando si cade è permesso – se non auspicabile – piangere prima di rimettersi in piedi e in cammino.

Le immagini delicate di Pauline Martin accompagnano con colori pastello dal sapore di caramella o ghiacciolo (anice, giallo pallido, rosa confetto) la passeggiata dei due e danno forma ai diversi stati d’animo che Ettore immagina. Certamente è un libro che piacerà ai grandi innanzitutto e che, per qualcuno, suonerà un po’ di frase fatta zuccherosa: in realtà si enunciano le piccole verità sulla vita che si vorrebbe tenere a mente sempre, come la capacità – ne scegliamo una tra tutte – di non permettere alla paura di vincere.

Ci piace metterlo in vetrina perché rappresenta un bel dialogo e un buon confronto tra grande e piccolo (il titolo originale dell’albo è “Ce que papa m’a dit”), dove il bambino viene considerato, come ribadisce sempre Alain Serres, un interlocutore valido fin da subito. Ci piace perché alle domande fatte si risponde. Ci piace che stia in vetrina proprio oggi in cui sui social postate la vostra a proposito della circolare che impedisce ai ragazzi fino a 14 anni di percorrere da soli il tragitto casa-scuola; questo papà invece sospinge il suo bimbo nel mondo, gli dà una spinta per il momento con le parole, ma si intravede benissimo che non avrà remore a lasciargli andare la mano e a guardarlo da lontano.

Astrd Desbordes – Pauline Martin, Quando sarò grande, La Margherita 2017, 36 p., euro 12

La balena nella tempesta in inverno

8 Ott

Per chi ha amato il precedente albo, ecco tornare Nico, il suo papà e anche la balena che – salvata dalla tempesta – era stata riaccompagnata in mare. Nico ne ha nostalgia, sente quella mancanza forte e insieme tenera che a furia di durare ti fa immaginare di vedere la sagoma di chi ti manca ad ogni dove, e ogni volta invece ti sbagli. Ma l’amica balena sa tornare, proprio quando il bambino ha bisogno d’aiuto, uscito di notte tra i ghiacci dell’inverno a cercare il babbo partito per l’ultima pesca della stagione.

Benji Davies ripropone i suoi personaggi e la sua grazia, quella lieve con cui dice dei legami forti, del quotidiano di un padre e di un figlio, delle piccole cose di ogni giorno che si fanno imprese di una notte e che poi rimangono nei ricordi, nei discorsi come momenti condivisi che fondano i fili che non si possono scindere, anche quando si è lontani.

E si può giocare con i due albi per scoprire gli stessi paesaggi in stagioni diverse, per riconoscere forme sotto la coltre di neve.

Benji Davies, La balena nella tempesta (trad. di Anselmo Roveda), EDT Giralangolo 2017, 32 p., euro 15