Tag Archives: Benjamin Chaud

Mezzacalzetta dove sei?

19 Apr

mezzacalzettaUna nuova storia di Benjamin Chaud, che comincia ironicamente in modo politicamente scorretto e decisamente divertente: il protagonista si sente troppo grande per avere come compagno di giochi un coniglio, pensa sia ora di trovarsi nuovi amici più dinamici e più partecipativi e decide allora di abbandonare Mezzacalzetta – così ha battezzato l’animale – nel bosco.

Il coniglio non solo ha un nome che già la dice lunga sulla considerazione che il bambino ha di lui, ma viene descritto come una palla al piede: non capisce la differenza tra indiani e cowboy, è lento e non molto furbo, fa gli occhi da principessa tenera quando vuole attenzione e cura. A nulla valgono gli sforzi del bambino nel mostrargli le meraviglie del bosco, tentando di affascinarlo con l’ipotetica vita da coniglio selvatico. Per di più c’è pure una bambina che vaga col suo cane (lo vorrà abbandonare anche lei?) e bisogna fare in fretta; insomma, il bambino lega Mezzacalzetta a un albero con un filo del suo maglioncino e se va, per poi pentirsene a breve, tornare sui propri passi e non trovarlo più. E ovviamente il narratore ribalta la situazione a proprio favore: possibile che il suo affezionato coniglio abbia deciso di abbandonarlo così? Parte la ricerca, decisamente fruttuosa visto che porta alla scoperta di una baita di legno, una bambina, un cane, il coniglio e pure una tazza di tè!

Le immagini sempre buffe di Chaud regalano ancora più ironia strampalata alla storia, che riecheggia di elementi fiabeschi: il bosco, l’abbandono di Pollicina memoria, la casetta tra gli alberi quasi fosse quella di Hansel e Gretel, la bambina di rosso vestita. U bell’albo davvero da leggere insieme: anche il formato si presta a una lettura condivisa.

Sfoglia qualche pagina sul sito dell’editore.

Benjamin Chaud, Mezzacalzetta dove sei? (trad. di Rita Della Rosa), Terre di Mezzo 2016, P. 36, euro 15

Pupupidù. Orsi in pista

9 Ott

9788857007908Dopo Una canzone da orsi ecco una nuova avventura per Orsetto che in una bella mattina di primavera decide di fare un giro e cammina cammina non solo per sgranchirsi le zampe dopo il giusto letargo, ma soprattutto perché è curioso curiosissimo e a questo giro le pagine offrono, dietro le fustelle, particolari che invitano ad andare avanti. Qualcosa che occhieggia in fondo al bosco o dietro una tenda, un buco in cui infilarsi, una scatola in cui mettere il muso. Così dal bosco si passa ad una grotta e poi al circo dove il suo sempre sorprendente papà non perde occasione per esibirsi. In questo albo però conosciamo tutta la famiglia di Orsetto, formata da equilibristi perfetti che cedono volentieri al sonnellino quando è l’ora.

Ancora una volta Benjamin Chaud offre ai lettori un libro “da tappeto”, occasione per una situazione in cui mettersi comodi comodi e osservare tutti i particolari e le storie parallele che sono seminate tra le pagine. Possiamo scegliere percorsi diversi per leggere e rileggere, soffermandoci su facce, costumi, colori e situazioni. Imperdibile il sonno congiunto della famiglia primitiva addosso al mammut!

Benjamin Chaud, Pupupidù. Orsi in pista (trad. di Margherita Vecchiati), Panini 2014, 28 p., euro 14,50

Una canzone da orsi

11 Giu

canzone orsi

Ecco un grande albo da appoggiare sul parquet o sul tappeto e attorno a cui accovacciarsi per cercare indizi e particolari. La storia è presto detta: mentre il sonno del letargo sta arrivando, Papà Orso sente un improvviso freddo alla pancia e scopre che Orsetto è sceso ed è uscito dalla tana per inseguire un’ape (“Chi dice ape dice miele”!). Comincia così un doppio inseguimento che porta il lettore in ambienti diversi ad ogni doppia pagina, tutti molto affollati e ricchi di scene e storie parallele che permettono di seguire percorsi altri, non solo la corsa degli orsi. Dalla foresta alla città al foyer di un teatro tra musi, facce, piume e maschere con l’inconfondibile tratto di Benjamin Chaud.

Un albo da “giocare” a due o a tre, perdendoci il tempo (dove “perdere” ha il significato più positivo che si possa immaginare).

Il booktrailer della versione portoghese.

Benjamin Chaud, Una canzone da orsi (trad. di Giulia Calandra Buonaura), Panini 2013, 28 p., euro 14,50