Tag Archives: orco

La strega e il cestino misterioso

17 Dic

LA STREGA E IL CESTINO ITA_ Cover_16_06_2020.inddInteressante scelta illustrativa per questa breve storia che fa parte della collana Superbaba di Babalibri, scritta in stampatello maiuscolo e appetibile per chi sta imparando a leggere in autonomia. Maudet gioca infatti con il teatro delle ombre, con il bianco e nero e le silhouettes di grande impatto grafico che tanto mostrano quanto suggeriscono. Anche il testo di Leroy gioca, con figure classiche delle fiabe: la strega, l’orco e un saporito bambino che potrebbe finire in pasto. C’è la ripetizione a ritornello di una medesima frase da parte della strega; c’è l’altalenare tra sentimeni contrastanti che porta la vecchietta dal naso adunco a tornare sui suoi passi e sulle sue decisioni; c’è il cambio di ruolo rispetto a quel che il lettore può aspettarsi.

In questa stessa tornata autunnale di uscite per la collana Superbaba, segnaliamo anche Maialino in fuga che, sempre in stampatello maiuscolo, porta ai lettori una nuova storia di Arnold Lobel.

Jean Leroy – Matthieu Maudet, La strega e il cestino misterioso (trad. di Donata Feroldi), Babalibri 2020, 35 p., euro 7

Bella

11 Nov

Il trillo di una chat aperta sul computer della strega: è l’orco che la invita a un pic-nic alla palude. Lei non vede l’ora e prova tutti i possibili vestiti, per poi uscire esattamente come il lettore l’ha vista prima, cioè lei stessa, senza preoccuparsi più di tanto. Sono gli animali che incontra lungo la strada a dirle che sarebbe più bella senza gobba, ritoccando i capelli, il mento… Basta un colpo di bacchetta magica ed ecco fatto. Peccato però che la strega non sia più lei e che l’orco non la voglia nemmeno vedere: vuole indietro quella vera! Con buona pace delle bestiole, destinate a pagare cari i loro suggerimenti.

Un inno all’essere se stessi e al “bello è ciò che piace” scritto e illustrato da Canizales, che lo ha pensato durante i viaggi nella sua natia Colombia, quinta destinazione mondiale per il turismo estetico.

Con questo albo e con Il libro più straordinario del mondo sempre di Canizales comincia la collana Alboom!-Gli albi col botto della casa editrice bolognese Les Mots Libres che si propone di fare libri con parole libere, quelle che – come dicono nella loro presentazione – “sono un impegno a esserci. Sono una responsabilità: poter rispondere delle nostre parole, questa è la nostra libertà”. L’esordio in primavera era avvenuto con un romanzo di Federica Iacobelli, dedicato ai giovani adulti, che ruotava intorno a David Bowie, primo della collana intitolata Vidas, come le biografie dei trovatori provenzali del basso medioevo in cui il racconto delle vite si muove tra storia e leggenda, intessendo insieme, come trama e ordito, aneddoti romanzeschi e fatti realmente accaduti. E scusate se è poco ;).

Canizales, Bella, Les Mots Libres 2017, 32 p., euro 15