Tararì tararera

15 mar

More about Tararì tararera. Storia in lingua Piripù per il puro piacere di raccontare storie ai Piripù Bibi

Dice l’autrice che questo è il suo libro “fuori di zucca”, un libro immaginato mettendo al centro il rapporto voce che legge-bambino che ascolta. Dove ciò che conta è condividere una storia divertente, fare le facce, giocare con la voce e farsi complici. A rafforzare la complicità, il fatto che il testo del libro è scritto in lingua Piripù: una ligua segreta, quasi un messaggio in codice, un non-sense per l’adulto che apre per la prima volta il libro e vi cerca dentro la linearità di un albo. Il linguaggio Piripù lo cogli solo quando leggi ad alta voce, quando fai uscire i suoni guardando le immagini e cominci a ridere. E non importa se leggi con un treenne o con un trentenne, se si è a un’ora in fiaba tra un lettore e dei piccoli ascoltatori o a un’improvvisata tra grandi di fronte a un albo particolare. La storia è divertente, le immagini ci accompagnano e ci suggeriscono, ma quel che resta è il senso della condivisione: cosa c’è di più intimo nel parlare del condividere un linguaggio proprio, magari segreto, magari dove parole di tutti giorni hanno un altro significato speciale solo nostro? I lessici familiari (gli sbrodeghezzi che il babbo di Natalia Ginzburg non sopporta come i modi di dire raccontati da Gloria Origgi ne “La figlia della gallina nera”), il linguaggio cifrato tra due persone, le parole solo nostre che ci fanno isole dal mondo, che permettono di sentirci complici, unici, di sorridere del mondo senza farci scoprire: tutto questo diventa suono Piripù da leggere, da reinventare, da ampliare coi bambini quando l’albo è finito.

Dalle letture ad alta voce di questo albo stanno nascendo molte singolari esperienze. Sul blog dell’autrice si può ascoltare un file audio dove una mamma legge il libro al suo bimbo di due anni.

Emanuela Bussolati, Tararì tararera, Carthusia, 36 p., euro 13,90

About these ads

Una Risposta to “Tararì tararera”

  1. emanuela lunedì, 15 marzo 2010 at 11:30 #

    grazie Caterina! bellissimo commento! Arricchisce con nuove osservazioni i report di chi lavora “sul campo”. Un abbraccio
    Emanu

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 5.588 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: