Il segreto dell’ultimo

19 Feb

segreto_ultimo_copertinaUna polistoria, annuncia la premessa rivolta al lettore. Un storia un po’ diversa, da leggere su computer, ereader o su tablet, da riprendere per costruirne nuovi segmenti, per immaginare cosa succede se anziché scegliere quest cammino o quel personaggio ne avessi scelti altri. Già, perché questo libro eredita il gioco delle possibilità dei buoni libri-game che fecero la gioia dei lettori che han più o meno la mia età e che, col loro meccanismo, continuano ad intrigare i ragazzini.

In questo caso, alle possibilità di percorrere storie diverse all’interno della stessa cornice si aggiunge il saperne di più della materia di cui la storia è intrisa : gli elementi chimici. Il testo narra infatti dei tempi in cui Idrogeno, detentore del supremo potere del Sistema degli Elementi, si ridusse a tenere a bada le famiglie di temibili elementi e decise di inviare un emissario a raccogliere notizie nel Sistema. Ecco la prima scelta: con quale personaggio il lettore vuole affrontare il viaggio? Il calmissimo Argon, l’affidabile Niton, l’intraprendente Tantalia?

A seconda di scelte e direzioni si sviluppa la ricerca di informazioni per Idrogeno, ma anche le storie parallele delle famiglie di elementi, i quali rimandano a schede di spiegazione sulla loro natura, le loro proprietà, gli usi. Inoltre l’e-book contiene la pista per una rappresentazione teatrale con protagonista Argo. Con questo testo i ragazzi potranno realizzare un divertente spettacolo costruendo scenari e costumi particolari. In più, i wiki insertion per aggiungere parti del racconto sviluppabili dai lettori come forma di scrittura partecipativa, che potranno essere inviati on line e, se ritenuti validi, aggiunti nella prossima riedizione dell’ebook.

Nel panorama che affronta le nuove modalità di lettura e la fruizione da parte dei nativi digitali, questo progetto si pone lontano dall’appeal grafico e sonoro delle app (che, come ho già avuto modo di ribadire più volte, vanno utilizzate e apprezzate per il loro contenuto effettivo, al di là della patina di primo acchito) e prova innanzitutto a creare una storia nativa (non prende un cartaceo – albo o romanzo – e lo porta in forma digitale, tanto per capirci), testando direttamente coi ragazzi (anche con gruppi di giovani lettori, come accade col coinvolgimento dei gruppi di lettura delle Biblioteca De Amicis di Genova) in modo da provare  sul campo quello che va o meno e quel che i ragazzi si aspettano, in vista anche di progetti futuri.

Un’altra via, rispetto a quelle di cui abbiamo già parlato, tra le modalità di sviluppare occasioni di lettura coniugate col digitale: pensare un prodotto direttamente per un supporto digitale e coinvolgere in prima persona i giovani lettori. In quest’epoca di prosumer, non è male 🙂

Lo trovi qui (in .epub, mobipoket e pdf adattato). Il sito di Stefania Fabri. Il sito di Orsola Damiani.

Stefania Fabri – ill. di Orsola Damiani, Il segreto dell’ultimo, Quintadicopertina 2013, ebook, euro 6,49.

Annunci

Una Risposta to “Il segreto dell’ultimo”

Trackbacks/Pingbacks

  1. Il segreto di Castel Lupo | Le letture di Biblioragazzi - lunedì, 8 febbraio 2016

    […] storia; non una storia a bivi dove si può scegliere come continuare (come ad esempio succede ne Il segreto dell’ultimo), ma una narrazione continua dove l’intervento del lettore serve proprio per sbloccare, per […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: