Tag Archives: Zaü

Raccontare la storia

8 Mar

warhorseL’app War Horse realizzata da Touch Press insieme a Egmont e Illuminations, ha vinto la sezione Non Fiction del BolognaRagazzi Digital Award 2013; la motivazione recita tra l’altro “combina ingegnosamente testo tradizionale, performance musicale e tecniche fotografiche a 360 gradi…”.

Effettivamente l’app propone il testo del racconto, con le illustrazioni di François Place, affiancato dalla versione audio, per cui è possibile scegliere se leggere il libro da soli o ascoltarlo e seguire il testo sullo schermo. Accanto al testo è possibile far apparire una timeline che segue la vicenda di Albert e del suo cavallo in rapporto alle vicende belliche con relativi approfondimenti. Inoltre è possibile consultare la timeline indipendentemente dal testo e scegliere quale tema mettere in rilievo: se approfondire le vicende accadute su un certo fronte o in un determinato periodo, se fissarsi su una certa battaglia oppure sulla partecipazione di una singola categoria (soldati, civili, donne, cavalli…), osservando cartine, fotografie d’epoca. In più ci sono le interviste all’autore del testo, a curatori di musei, a storici che raccontano di quel periodo in brevi filmati (accanto a cui scorre il testo anche scritto e una serie di immagini che illustrano quanto detto). In più ancora il video di un intero intervento di Morpurgo che, in ottanta minuti, racconta “War Horse” al pubblico, accompagnato da due musicisti.

0707Questo modo di intrecciare il racconto con le notizie storiche a cui esso si lega, di sicuro impatto e interesse per i ragazzi, mi ha ricordato la collana Histoire d’histoire di Rue du Monde all’interno della quale autori e illustratori come Alain Serres, Didier Daeninckx, Pef, Zaü, Marcelino Truong, hanno raccontato episodi della storia del Novecento come le due guerre mondiali, la Resistenza, Hiroshima, il maggio del ’68, la conquista della luna, la Guerra d’Algeria, la Rivoluzione francese, l’11 settembre. I volumi sono costruiti affiancando un racconto alle illustrazioni e a fotografie d’epoca a fondo pagina vicino ad alcune notizie storiche in modo che la narrazione vada di pari passo col progredire dei fatti. Così costruiti possono essere letti già a partire dai 9/10 anni e risultano davvero molto accattivanti (penso in particolare alla trilogia “Les trois secrets d’Alexandra” di Daeninckx e Pef che racconta la Francia di Vichy, la deportazione, la resistenza).

A me sembra un modo vincente di raccontare la Storia.

Mandela, l’Africano arcobaleno

7 Giu

More about Mandela. L'africano arcobalenoQuesto libro ha le illustrazioni di Zaü e quindi non so se riesco a parlarne senza farlo pesare troppo. Ecco, tanto per capirci, credo che se Zaü disegnasse una linea di sottopiatti tenterei di farne la recensione… 🙂 Pubblicitario e illustratore è illustratore simbolo della casa editrice Rue du Monde fin dalla sua fondazione per opera di Alain Serres nel 1996. Le sue chine disegnano in modo essenziale volti e orizzonti, prendendo ispirazione in buona parte dai suoi viaggi e in particolare dalla terra africana.

In questo caso danno consistenza grafica alla storia di Nelson Mandela ripresa dallo stesso Serres secondo uno schema particolare: una biografia lineare, a partire dalla nascita nel 1918 e dalla scelta del nome che i suoi genitori gli diedero, Rholinhlahla, che in lingua xhosa significa “colui che fa domande, che pone problemi”. Le chine colorate raccontano la storia e le scelte di Mandela fino all’arresto nel 1961: qui il colore si interrompe e seguono 27 tavole giocate su bianco, nero e grigio, una per ogni anno che l’uomo ha trascorso in carcere. Il colore torna il 10 febbraio 1990, quando la folla lo accoglie ai cancelli della prigione Victor Verster.

Una scelta grafica azzeccata, per raccontare la storia di Mandela e del Sudafrica, con appendice storica finale sia sullo stato che biografica.

Rue du Monde non ha ancora un sito. O meglio, ne ha uno da un po’ di mesi in costruzione; però vi potete leggere la lettera aperta che Serres ha voluto scrivere a tutti quei critici letterari che non hanno – eufemisticamente – “ancora incontrato” la letteratura per l’infanzia… Eccola qui.

Un’intervista a  Zaü. Un suo incontro in biblioteca a Finistère. Le sue mani al lavoro.

Alain Serres – ill. di Zaü, Mandela, l’africano arcobaleno (trad. di Pier Maria Mazzola), EMI 2012, 70 p., euro 12