Tag Archives: Sabina de Waal

Il segreto dell’usignolo

7 Mar

More about Il segreto dell'usignoloDi questi tempi, nonostante l’aria fredda della coda dell’inverno, nei giardini cominciano a fare capolino le prime avvisaglie della primavera. In un giardino niente è quello che sembra: basta avvicinarsi un po’ di più ai crochi per scoprire che contengono mille sfumature diverse di viola che prima non avevamo visto, basta distrarsi mezza giornata di sole per scoprire quali bulbi han messo la testa fuori dalla terra e quali gemme si sono allungate. Nel giardino niente è quello che sembra dice anche questo splendido libro con cui cominciamo l’attesa della vera primavera. Centinaia di anni fa, l’imperatore cinese decise di far costruire il Giardino dei Giardini, scegliendone accuratamente il progetto e aspettando anni che fosse pronto. Noi guardiamo il giardino attraverso gli occhi di una bambina, bravissima arrampicatrice, chiamata a lavorare nelle cucine imperiali e spettatrice di quanto succede a palazzo: il canto di un usignolo fa il giardino perfetto e l’imperatore felice. Finché l’usignolo solitario e malato di solitudine sparisce, seminando tristezza. Una storia che dice del dolore e della tristezza, di quando si ha bisogno di qualcosa ma non lo si sa (o non lo si vuol sapere), del potere liberatorio e contagioso della risata, del segreto degli usignoli e del loro canto. E ripete quel che alla bambina diceva il suo papà: che non bisogna arrendersi mai, perché talvolta basta un solo fiammifero per incendiare un bosco.

Dalla favola di Andersen, testo di Peter Verhelst + illustrazioni di Carl Cneut = una storia d’incanto.

Peter Verhelst – ill. di Carl Cneut, Il segreto dell’usignolo (trad. di Sabina de Waal), Adelphi 2009, 61 p., euro 20.

Un milione di farfalle

2 Ott

Farfalle arcobaleno, dorate, striate, mulinello, sgarzoline, con petali, con vele; farfalle principessa, duchessa, carezza… una storia poetica piena di farfalle. Il protagonista è Stach, un nuovo elefante dalla matita di Cneutt, che una notte vede le farfalle, il segno – come spiegano i suoi genitori – che è diventato grande e che deve mettersi in viaggio. Stach incontra parecchi personaggi, ma le farfalle continua a vederle solo quando è solo, finché non ne vede un folto sciame sulla testa di una elefantessa. Sicuaramente questo libro dirà qualcosa in più agli adulti: quella sensazione di farfalle nello stomaco che Stach prova quando si innamora…

La collana I cavoli a merenda regala altri due splendidi albi illustrati da Carll Cneut, Mostro non mangiarmi (testo di Carl Norac) e La meravigliosa storia d’amore di Mr. Morf. Questo invece è il suo sito.

Edward van de Vendel – Carll Cneut, Un milione di farfalle (traduzione di Sabina de Waal), Adelphi, 2007, I cavoli a merenda, 32 p. , euro 14.