Tag Archives: rueBallu

Charlotte Brontë. Tre di sei

29 Dic

La collana “Jeunesse ottopiù” di RueBallu racconta le vite di grandi autori puntando su alcuni anni, alcune caratteristiche, alcuni aspetti che possono permettere di meglio conoscerli e interpretare anche la loro scrittura. In questo caso, per parlare di Charlotte Brontë, si dà voce alla sua bambinaia che arriva in famiglia per prendesi cura di cinque bambine e un maschietto orfani di madre. Tabby ne descrive le caratteristiche, ne veglia le azioni e i giochi, annota episodi salienti, ripercorre le partenze della bambine per quella scuola in cui non si trovano bene, li vede crescere e partire, nelle diverse accezioni che questo verbo può avere. Nella nidiata spicca Charlotte, così come nella fantasia che mette in pista quando si tratta di inventarsi un mondo nuovo n cui immaginare di vivere, tante isole, una per ogni famigliare, su cui immaginare, su cui basare la scrittura che un giorno verrà.

Pur non essendo uno dei titoli più riusciti della collana – abbiamo più volte detto la meravglia di due libri come La cena del cuore e Una grazia di cui disfarsi – il libro riesce bene nell’intento di dare un’idea, di raccontare il quotidiano in un certo periodo storico, di dare corpo all’infanzia che sta alla base di una grande scrittura e di raccontare la famiglia Brontë. Peccato solo per la copertina dove l’immagine scelta tra quelle di Vittoria Facchini che illustrano il testo non rende di facile lettura titolo e testi e sicuramente non invita il lettore a sfogliare le pagine.

Michela Monferrini – ill. Vittoria Facchini, Charlotte Brontë. Tre di sei, RueBallu 2018, 110 p., euro 19

Annunci

Una grazia di cui disfarsi

3 Mag

Penso sia davvero rara la felice scrittura che riesce, in questo libro, a trasferire sulla pagina l’emozione e il tormento della vita di Antonia Pozzi. Da sempre la collana “Jeunesse ottopiù” di rueBallu ci abitua a libri belli fin dalla grafica e dalla confezione, che sanno dare voce in modo naturale a persone come ad esempio la Emily Dickinson raccontata da Beatrice Masini. Anche questa volta ci sono le immagini di Pia Valentinis ad accompagnare i capitoli, anche questa volta si parla di una poetessa e le pagine finali presentano proprio una scelta della produzione poetica di Antonia Pozzi, che magari i ragazzi possono già aver incontrato tra le pagine di “Nel prato azzurro del cielo”, uno dei volumi della collana “Il suono della conchiglia”, edito da Motta junior nel 2015.

La bravura di Elisa Ruotolo sta nel mettere lei stessa poesia nel modo di raccontare una vita, affidando alla poetessa la narrazione in prima persona, raccontandone in capitoli cronologici la crescita: l’infanzia, la fatica nei confronti di genitori duri che la vorrebbero secondo l’idea che di lei si son fatti, l’adolescenza e l’amore per l’insegnante, coltivato e maturato nel tempo e poi finito per causa maggiore e in fondo mai finito, l’insegnamento nella Milano operaia, la scelta del suicidio. Un discorso interiore in cui Antonia si mette a nudo e spera che gli altri sappiano trovare la giusta prospettiva da cui guardarla. Un discorso che si fonda sul peso: quello dell’anima retta a due mani di cui Antonia risponde a sette anni alla nonna, quello della felicità che non arriva, quello della grazia da lasciar andare, una volta deciso. Il dirsi di Antonia è così onesto che queste saranno pagine importanti da presentare ai ragazzi, a chi potrà riconoscersi nelle pieghe di un verso, in un’emozione, in una ferita.

Ho incontrato questo libro in un giorno luminoso di perfetto cielo azzurro, uno di quei giorni in cui la luce è talmente chiara che toglie persino tridimensionalità e fa la montagna quasi piatta, contro il cielo, come se fosse semplice nel tratto di matita che la disegna. Ho pensato che la stessa luce sta nella poesia di Antonia Pozzi e in questo libro che la dice: una luce che svela, che mette in luce nel senso di mettere a nudo ogni particolare, quello felice e quello faticoso, che mette di fronte agli occhi le cose come sono, vere, che abbagliano nella loro grazia, che è cosa così rara e potente. Scriveva Umberto Fiori in una sua poesia: “Quando si mettono a nudo / in questo modo, di fronte a gente mai vista,/ e la vita – la loro –/ te la mettono in piazza come quella / di chiunque, così, ridotta all’osso, /sono talmente belle certe persone, / talmente pure / che ti fanno tremare”.

 

Elisa Ruotolo – ill. Pia Valentinis, Una grazia di cui disfarsi, RueBallu 2018, 112 p., euro 19

In solitaria parte

13 Set

Le stanze a cui fa riferimento il complemento del titolo non sono tanto quelle della poesia, quanto piuttosto le camere della casa di Recanati in cui è cresciuto Giacomo Leopardi. prestando la sua scrittura alla voce della di lui sorella Paolina, Silvia Vecchini accompagna il lettore tra i muri della casa, raccontando di come sia stata piena di vita e soffocante insieme. Delinea la famiglia, le figure e i caratteri di padre e madre, i fratelli, in modo particolare Paolina e Carlo, così vicini per età e compagni prima nei giochi, poi nelle riflessioni sulla vita e sul mondo, e il percorso di Giacomo che “amava il principio delle cose, l’attesa di altre ancora più belle”. Una casa che i genitori volevano fosse protettiva e tenesse lontano i figli da quel che avrebbe potuto contaminarli e distrarli. Una casa in cui Paolina trova posto anche per le stanze dei sogni di Giacomo, per dire del pensiero libero di suo fratello, ma anche di come la trattasse alla pari e alla pari le scrivesse.

Come già nelle altre uscite della stessa collana Jeunesse ottopiù (tra i più recenti La cena del cuore e Siamo partiti cantando), rueBallu dà la possibilità al lettore di avvicinarsi a una biografia in forma un po’ diversa: molto evocativa, accompagnata da illustrazioni d’autore e non scontata, nel senso che dà possibilità di approfondire a proprio piacimento altrove e non è didascalica. In più, come abbiamo sottolineato più volte, è di altissima qualità la parte materiale: la grafica, la carta, la cura di questi libri che sembrano taccuini chiusi con elastico.

Il blog dell’autrice. Il blog dell’illustratrice.

Silvia Vecchini – ill. Emanuela Orciari, In solitaria parte. Breve passeggiata tra le stanze di Giacomo Leopardi, rueBallu 2017, 109 p., euro 19

Siamo partiti cantando

24 Feb

siamo-partiti-candandoAncora una volta la casa editrice palermitana rueBallu regala ai lettori un piccolo gioiello di alta qualità nella collana “Jeunesse ottopiù”, nella confezione, nella scelta della carta, nella grafica e nel testo. Le stanze della poesia di Emily Dickinson affascinavano ed ecco che questa nuova uscita le ricorda nel suo inanellare dieci canzoni e una preghiera che raccontano la vita di Etty Hillesum, richiamata alla memoria nel momento in cui lascia il campo olandese di transito di Westerbork in direzione Auschwitz. La frase che dà titolo al libro viene dalla cartolina che Etty lascia cadere dal vagone, indirizzata ad un’amica a cui scrive appunto dello spirito con cui lei, i genitori e un fratello lasciano l’Olanda. Sono partiti cantando, come se il canto potesse sostenere e alleviare, come potesse far forza a loro stessi e a chi resta, come se quel partire potesse anche essere metafora dello staccarsi dalle cose pesanti e avviarsi con un animo in qualche modo più lieve verso l’inatteso e il dolore che verrà.

Nella scelta di Matteo Corradini, Etty non ricorda di quale canzone si trattasse esattamente e allora ecco dieci canzoni che partono ciascuna da un particolare e che le permettono di raccontare a chi legge i momenti salienti della sua vita, le sue scelte, le persone che ha incontrato, quello che ha visto ad Amsterdam e nel campo. Dieci canzoni che dicono la bellezza della natura, dell’amore, della vita; dieci canzoni che dicono la violenza della persecuzione, del desiderio di sentirsi viva e bella, che raccontano lo studio del russo, la presenza della musica, la famiglia. Dieci canzoni che partono dal diario che Etty scrisse su suggerimento di Julius Spier, che seguono le sue riflessioni, che si fanno meravigliosamente materiche: la polpa delle ciliegie, il nero dell’inchiostro sulle mani, la nodosità degli alberi su cui ti arrampichi, la pastosità del rossetto più rosso che c’è, il bianco di una camicia che mantiene l’impronta di un abbraccio, il suono di un sasso nell’acqua.

Un modo per dare insieme un’altra voce alla Shoah e per scoprire la figura di Etty Hillesum, che occhieggia dai collage di Vittoria Facchini.

Il sito dell’autore; la pagina FB dell’illustratrice.

Matteo Corradini – ill. di Vittoria Facchini, Siamo partiti cantando. Etty Hillesum, un treno, dieci canzoni, rueBallu 2017, 128 p., euro 20

La cena del cuore

6 Lug

la cena del cuore

La casa editrice palermitana rueBallu ci ha abituato a libri belli perché non c’è altro aggettivo per descrivere i libri della collana “Jeunesse ottopiù” che raccontano ai ragazzi le vite di grandi personaggi attraverso una qualità non solo di testo e di immagini, ma anche di fattura, scelta della carta, impaginazione, chiusura con elastico come un taccuino in cui conservare memorie, ritagli, pensieri importanti. Nel caso di questa ultima uscita inoltre Beatrice Masini riesce a costruire un testo che – poetico anch’esso – cuce i versi di Emily Dickinson alla sua vita, senza mai strafare, senza giudicare, facendosi nido in cui il lettore può immaginare ed evocare proprio come la casa di Amherst lo fu per la scrittrice.

Non è semplice cucire informazioni biografiche alla suggestione dei testi, ma in questo caso possiamo dire che il risultato è vincente: potete dare in mano il libro anche a chi di Emily Dickinson non sa nulla e nulla ha mai letto e qui potrà trovare informazioni e suggerimenti in forma di narrazione sospesa e insieme avvolgente come se la poesia narrativa si fondesse coi versi a fare un regalo al lettore. A ciò contribuisce di certo anche la perfetta armonia col testo delle illustrazioni di Pia Valentinis che fanno di questo testo – forse anche per il rimando a un taccuino chiuso – quasi un erbario dove a rimanere pressati e custoditi tra i fogli sono i fiori del pensiero della poetessa e l’incanto che può generare il raccontarla attraverso alcune parole che, in brevi capitoli, sottolineano i momenti, le scelte, la personalità. Ci sono successo, amore, morte, ma anche parole molto concrete, come fiori appunto, pietre, cani, il bianco degli abiti. Emily si fa vicina al lettore, svela pieghe altre del suo carattere e dei suoi modi rispetto a quel che di conciso e quasi banale siamo abituati a leggere sommariamente su di lei, invitando chi legge a sedere alla sua tavola, per quella “cena del cuore” che il titolo riprende dai suoi scritti.

Non ci può forse essere migliore invito a conoscere qualcuno (e la sua poesia, e la sua storia in questo caso) che anticiparne l’arrivo raccontandolo con passione discreta, suscitando in chi ascolta la voglia di sedercisi accanto, di sentirne la voce, di vederlo apparire in fondo al vialetto o in controluce mentre entra in casa dal giardino. Masini e Valentinis apparecchiano per il lettore una tavola elegante e discreta, tessono trame di stupore con la capacità poi di mettersi a lato per lasciare ad Emily e alla poesia il posto di capotavola, da cui guardare il mondo e fare al mondo – a loro modo – luce.

Il sito dell’illustratrice.

Beatrice Masini – ill. Pia Valentinis, La cena del cuore. Tredici parole per Emily Dickinson, rueBallu 2015, 108 p., euro 19

Improvviso scherzo notturno

27 Apr

improvviso scherzo notturnoQuesto libro suona bene. Detto così è una banalità, o un vezzoso sciocco gioco di parole per un testo che racconta di Chopin e della sua vita e di mani che suonano un pianoforte sul pianale di un tir. Eppure non so dirlo diversamente: lo sfogli, lo assaggi e capisci che fila liscio e piacevole a leggerlo ad alta voce, come fosse fatto per esser condiviso con qualcuno; poi incontri accenni poetici, paesaggi che ti si svelano sotto gli occhi e pure quei due che viaggiano insieme nella cabina del camion ti paiono vicini, presenti, vivi a te lettore insomma.

La trama è semplice: un camionista sulla tratta Varsavia-Parigi, appassionato di musica classica, o meglio di musica da pianoforti, trasporta proprio uno di questi strumenti nel suo carico, insieme ad altro. Improvvisamente gli pare di sentirlo suonare e scopre un varco nell’imballaggio, ha la misura della mano e poi capisce anche che la mano appartiene a un passeggero salito chissà come, che non ha resistito al richiamo dei tasti e che gli racconta pian piano la propria vita, in dodici capitoli che corrispondono a dodici brani composti da Chopin, che il lettore può divertirsi a cercare e con cui può accompagnare la lettura. La trama in realtà è un intrecciarsi di storie, come sempre lo sono i viaggi e le possibilità di incontro a cui danno vita: tratti di strada condivisi, racconti di vita, persone incrociate per un attimo, per qualche chilometro, per una serata o il tempo di una fuga, un rondò, un preludio.

Non è mai facile raccontare personaggi storici senza cadere nella banalità di escamotage di salti nel tempo e incontri fortuiti. In questo caso invece, il racconto che il protagonista fa del suo compagno di viaggio – Chopin appunto, del loro condividere, delle notizie che ha seminato come sassolini a proposito di sé (ma anche degli altri, del mondo, della vita) assolutamente non stonano. Anzi, suonano bene, come detto.

Ed è sempre un piacere poter offrire ai ragazzi volumi come quelli della collana “Jeunesse ottopiù” di RueBallu che sono belli anche fisicamente: nella cura, nella fattura con elastico da taccuino d’antan, nella scelta della carta e in questo caso nelle illustrazioni di Pia Valentinis che si accordano alla bellezza lieve del testo con i loro tratteggi che si fanno note e strada e cieli e tempo che passa, con le strade e i veicoli quasi pixel sgranati che rendono sospeso e possibile l’incontro narrato.

Il sito di Matteo Corradini. Il sito di Pia Valentinis.

Matteo Corradini – ill. Pia Valentinis, Improvviso scherzo notturno. Un viaggio nella musica di Fryderyk Chopin, RueBallu 2015, 123 p., euro 20

Il taccuino di Simone Weil

17 Giu

taccuino-Simone-WeilLa copertina di questo libro è sontuosa: un ritratto di Simone Weil nato dall’intreccio di foglie e rami mentre dietro corrono le nuvole. Ma è una sontuosità a tutto tondo, riflessa nella carta e nella chiusa con elastico proprio come un vero taccuino, nellka collana “Jeunesse ottopiù” del l’editore palermitano rueBallu che ai ragazzi ha già dedicato volumi sulle figure di Bach, Beethoven, Mozart, Ildegarda di Bingen.

Il romanzo ripercorre la vita di Simone Weil attraverso la sua stessa voce, o meglio immaginando il racconto a ritroso che ne fa in un diario durante il ricovero ospedaliero a Londra, nel 1943. In realtà, oltre alla suddivisione giornaliera tipica del diario, il lettore incontra dieci capitoli/argomenti, identificati ciascuno con un colore e un simbolo grafico che si ripete accanto alla numerazione delle pagine. Si legge così non solo della vita della protagonista, ma anche delle sue letture, del suo interrogarsi sul mondo, dei tentativi di comprendere e dei suoi viaggi (l’Italia; la fuga da Parigi invasa dai tedeschi; Marsiglia; gli Stati Uniti, meta salvifica come per tanti altri ebrei, ma anche il fronte della Guerra di Spagna e l’Inghilterra col tentativo di essere vicina e utile alla Francia resistente). Le immagini essenziali di Pia Valentinis accompagnano un altro viaggio parallelo di Weil: quello attraverso le persone che incontra, il suo farsi prossima a persone distanti dalla sua condizione di nascita, il suo farsi operaia e combattente e insegnante per comprendere, per aiutare, per svelare la verità e nella verità sentirsi uniti e forti. Con quel passaggio da sottolineare in cui Simone descrive come si rapporta coi bambini: senza trattarli da piccoli, senza raccontare storielle, sapendo che non hanno bisogno di bugie.

Un unico interrogativo: a chi proporre in lettura questo testo? È molto bello e insieme molto particolare, uno di quelli che non vanno in prestito in automatico, ma bisogna raccontare, accompagnare, far amare. Non avrebbe guastato certo una breve scheda che presentasse la figura di Simone Weil ai tanti lettori che non la conoscono e riassumesse la sua vita speciale al di fuori delle parole del diario, in modo da poter avere un’idea di chi sta raccontando e di quale sia il contesto storico in cui va inserita.

Il sito di Guia Risari. Il sito e il blog di Pia Valentinis.

Guia Risari – illustrazioni di Pia Valentinis, Il taccuino di Simone Weil, rueBallu 2014, 137 p., euro 22