Tag Archives: punto di vista

Un giorno da criceto

2 Mag

Nel computo delle letture brevi, da poter condividere insieme o da proporre a lettori che cercano una storia a loro misura, illustrata entra questo racconto di Anne Fine, edito da Biancoenero sempre con la solita attenzione all’alta leggibilità, Non è solo la misura, il formato a essere interessante, ma anche il contenuto: una riflessione sul punto di vista e sul sapersi calare nei panni altrui. Il protagonista infatti vuole a tutti i costi un criceto, promette di prendersene cura, di farlo uscire dalla gabbietta, di occuparsene e protesta di fronte all’osservazione del padre: il bambino è comuque assente per 7 ore al giorno da casa, il tempo in cui sta a scuola. Per fargli capire come possono essere lunghe sette ore rinchiusi nel medesimo luogo, il papà stringe un patto col bambino: faranno un esperimento in cui lui, con una bottiglia d’acqua, il piatto piano e tre giocattoli scelti dovrà rimanere nella stanza proprio per le sette ore di un itnerminabile pomeriggio. Inutile dire che il tempo passa troppo lentamente, che presto si esaurisce anche la fantasia e che le sagge decisioni rimano con libertà e possibilità di scegliere.

Le illustrazioni sono di Stefania Arcieri, in arte Les Oies.

Bella scelta dell’editore che propone racconti brevi e illustrati di autori importanti, come già fatto con Philippa Pearce e Un fantasma in soffitta.

Anne Fine – ill. Stefania Arcieri, Un giorno da criceto (trad. di Leonardo Sorrentino), Biancoenero 2019, 42 p., euro 8

Tu (non) sei piccolo

10 Ago

Tu_(non)_sei_piccolo_HIA proposito del “tutto è relativo”: è sufficiente l’arrivo di terzi incomodi a smontare la polemica, prima gentile e poi rissosa, tra chi fa confronti e cerca di gridare più forte per far valere il proprio punto di vista. In apertura di albo un orso marrone decisamente più grande dice ad un altro, azzurrino e più piccolo, “Tu sei piccolo”. L’interpellato, senza scomparsi ribatte: “io non sono piccolo. Tu sei grande” e su questa risposta, e sul modo in cui viene data, già ci sarebbe di che pensare e scrivere; il secondo orso infatti sembra fare una semplice constatazione che non intacca la pacificità della sua giornata, mentre l’altro, con la sua zampa accusatoria puntata in avanti, fa vanto della propria altezza. A dar man forte ai due arrivano in massa i loro simili, in un crescendo di toni, fino a quando ecco apparire zampe pelose di qualcuno che più grande non c’è e minuscoli orsi di taglia inferiore a chiunque altro presente sulla scena: i piccoli e i grandi diventano altri, la polemica si placa perché la fame la fa da padrone, ma c’è spazio per una scena finale che potrebbe riaprire ogni discorso e che regala sorrisi e risate.

Questo libro ha vinto il Theodor Seuss Geisel Award 2015, assegnato ogni anno dall’ALA al miglior libro per bambini in età prescolare. Il sito di Christopher Weyant, uno dei fumettisti di punta del New Yorker.

Anna Kang – Christopher Weyant, Tu (non) sei piccolo, Terre di Mezzo 2015, 32 p., euro 10