Tag Archives: musica per bambini

Squeak, rumble, whomp! whomp! whomp! : un’avventura sonora

5 Nov

11846Immaginate un musicista a passeggio per una città. Immaginate una città del Sud degli Stati Uniti, magari dalle parti della Louisiana. Immaginate che questo musicista sia Wynton Marsalis. Ora cercate di immaginare cosa sia per lui una passeggiata, cosa voglia dire per lui immergersi nei suoni della quotidianità. Ora aprite questo libro. E capirete che un jazzista sente la musica in ogni suono e che per lui ogni  passeggiata é un'”avventura sonora” e che un pensiero in musica nasce dal rumore del burro spalmato sul pane, come da una washboard.
Un libro pazzesco, da leggere rigorosamente a alta voce, pieno di onomatopee, per mettere alla prova le vostri doti da rumorista. Un libro che si legge prima gustando le immagini pop di Paul Rogers, poi immaginandosi in testa i mille suoni da riprodurre, infine liberando la voce e la fantasia.
Niente CD in allegato per un volume la cui musica sta nella voce di chi narra e canta questo libro quasi pazzo, un gioiellino nello scaffale dei Nati per la Musica.

Wynton Marsalis – ill. di Paul Rogers, Squeak, rumble, whomp! whomp! whomp! : un’avventura sonora (trad. di Daniela Magaraggia), Curci Young 2014, 36 p., euro 16

Il mio primo libro di musica

10 Mag

Un’introduzione alla musica pensata per bambini dai sei anni, con i colori e le divertenti illustrazioni di Chapman (l’autore di Stan e Mabel – Lapis 2011 – tanto per capirci) e con un percorso davvero particolare e credo azzeccato: si comincia infatti con una riflessione sulla musica che è ovunque, al cinema, a teatro, in una sala da concerto, può accompagnare la danza, i matrimoni e la doccia. Segue carrellata di compositori, da Händel a Adams (tanto per capire che i compositori sono anche… vivi!), e di strumenti, compresi lo xilofono, la voce e l’orchestra. Nel cd allegato ci sono 28 tracce per ascoltare i brani durante la lettura, un ascolto accompagnato, con l’invito ad immaginare, a prestare l’orecchio a particolari cambiamenti, agli strumenti che più consoni a certi animali, a certi movimenti. La ventinovesima traccia è una guida alla pronuncia dei nomi dei compositori.

Davvero una bella riuscita, che ci fa pensare a cosa potrebbe essere la musica se fosse davvero insegnata a scuola e potesse appassionare i ragazzi che non hanno la possibilità di venirne a contatto diversamente.

Ecco il sito di Chapman. E il suo blog. Dal testo inglese è nata un’app, che funziona così: 

Genevieve Helsby – illustrazioni di Jason Chapman, Il mio primo libro di musica (trad. di Cecilia Rivers), Curci young 2012, 64 p., euro 17 (con CD)