Tag Archives: Marina Marcolin

Il canto delle scogliere

8 Nov

canto delle scogliere coverDecimo titolo della collana “Le immagini della fantasia”, realizzata da Panini in collaborazione con la Mostra Internazionale d’Illustrazione per l’Infanzia di Sarmede, il libro raccoglie dieci storie e leggende provenienti dalla Scozia accompagnate dalla illustrazioni di Mina Braun, Aurora Cacciapuoti, Giovanni Manna, Marina Marcolin, Clotilde Perrin, Marco Somà, Lizzy Stewart. Ci sono fate, folletti e giganti, ma anche musica e coraggio e gli scherzi e le punizioni che il Piccolo Popolo infligge talvolta a chi osa troppo e non rispetta.

Come già gli altri volumi, il testo è una raccolta di racconti, ma anche di stili diversi; tra i tanti, vi suggeriamo di dare subito un’occhiata a “Morag e il Cavallo d’Acqua” dove Marina Marcolin ha saputo rendere l’atmosfera di bruma, quasi incantata, presente ma evanescente insieme, del lago abitato da una magica creatura. Per non dire del gregge, che pare proprio lì, a portata di mano.

La trentaduesima edizione de “Le immagini della fantasia” è stata inaugurata a Sarmede il 25 ottobre alla presenza di Giovanni Manna che ha realizzato anche l’illustrazione di copertina.

Del libro c’è anche una versione audio disponibile nella biblioteca digitale di Radio Magica: da domenica 26 ottobre sono in onda alle 10 e alle 16,30.

Luigi Dal Cin, Il canto delle scogliere. Fiabe e leggende dalla Scozia, Panini 2014,  48p., euro 14

Il segreto del signor L.

2 Lug

More about Il segreto del signor L.Nella mia scatola delle meraviglia, tra le altre molte cose, c’è una piccola coffa da cinquanta ami preparata apposta per me. La coffa è una lunga lenza a cui si legano ad intervalli regolari un amo, un piombo, un sughero e via così. Si butta in mare con una sorta di danza magica, perché dal cesto deve scivolare in acqua senza ingarbugliarsi, passando tra le mani di chi la butta e le dita si muovono come se la suonassero. Una meraviglia da guardare.

In questo albo ci sono tanti ami e tante esche di tutti i tipi, quelli che il signor Luigi vende nel suo negozio “paradiso del Pescatore”, dove non solo si compra e si vende ma si chiacchiera e si passa il tempo. Le esche sono conservate in un frigorifero rosso nel retrobottega che un giorno, per distrazione, forse per fretta di andare a pescare, il signor Luigi dimentica socchiuso. Ecco che, timide e incredule, le larve sentono il calduccio della stanza, si stiracchiano, si allungano e compiono la metamorfosi. La mattina seguente una nuvola di farfalle colorate dà il benvenuto al proprietario e mulinella nell’aria colorando l’intera via, meraviglia inaspettata che regala sorrisi ai passanti. Ogni sabato allora, il signor Luigi lascia che quella meraviglia si compia, facendo sì che da una distrazione nasca un incanto, un sorriso, una briciola di felicità.

Intervista a Cosetta Zanotti a proposito di questo libro. Il blog di Marina Marcolin.

Cosetta Zanotti – ill. di Marina Marcolin, Il segreto del signor L., Lapis 2012, 32 p., euro 14,50

Lettere fra i lacci

26 Giu

Flor è la più grande di noi sette.

Ha sette anni.

Per questo e perché è molto coraggiosa, insieme a lei possiamo andare ogni giorno a scuola.

L’ocra delle pagine di questo albo potrebbe farne una manciata di fotografie uscite da una vecchia scatola di ricordi; le lettere dell’alfabeto sulle carte di guardia un abecedario, un libro di scuola conservato nella stessa scatola aperta molti anni dopo per incontrare la voce di un bambino che racconta la sua prima esperienza a contatto con la scuola e con quelle lettere che a lui ancora non raccontano nulla, forse han capito che non ama leggere e così sono arrabbiate e stanno zitte.

Il narratore parla della sua famiglia numerosa, di loro sette fratelli che si stringono nel letto intorno alla mamma la domenica per averne u pezzetto ciascuno, della nonna con cui vivono, della strada per andare a scuola che percorre ogni mattina scalzo perché Flor permette a lui e a Dulce di mettersi le scarpe solo quando appare in vista l’edificio scolastico. Racconta del lunedì quando il viaggio si fa con la mamma, delle storie che lei racconta e delle raccomandazioni che fa, della vecchia nonna che intreccia i capelli alla nipote maggiore, del sogno di Flor di diventare maestra, delle lettere in fila sui libri che le han messo in testa quel sogno e che le scappano dalle trecce in una delle delicate, meravigliose immagini di Marina Marcolin.

Una piccola meraviglia. Sfoglia qualche pagina qui.

Il blog di Marina Marcolin, anche qui. Il sito di Cristina Falcón Maldonado.

Cristina Falcón Maldonado – ill. Marina Marcolin, Lettere fra i lacci (trad. di Giuliano Federici), Kalandraka 2012, 32 p., euro 15