Tag Archives: Mara Pace

Fai la prima mossa

29 Ott

Charlotte Lockard ha dodici anni; Ben Boxer undici. Non si conoscono, vivono distanti, ma si contendono il primato nel torneo di Scarabeo on line a cui partecipano da tempo. Pian piano si crea tra loro anche una certa intimità, quella che viene dalla voglia di dire e dall’incapacità di farlo. Non hanno molti amici e nelle loro rispettive scuole sono considerati abbastanza sfigati: nessuno conosce Ben e i suoi tentativi di farsi eleggere rappresentante ispirandosi ai presidenti americani fa quasi tenerezza al lettore; Charlotte invece non va più molto d’accordo con la migliore amica di sempre, sono distanti e presto si sente scaricata. I due cominciano a telefonarsi, come se ciascuno fosse l’unica possibilità dell’altro di confidarsi, ma sono conversazioni che ruotano intorno al banale quotidiano per sentire una voce amica, per covare insieme quello che è davvero difficile dire.

I due momenti particolari che stanno vivendo – il divorzio dei genitori di Ben e il ricovero ospedaliero del padre di Charlotte – saranno in realtà momenti per guardarsi allo specchio e intorno, per capire cosa conta davvero e chi sono le persone che possono essere loro amiche, condividendone interessi e passioni.

Una lettura agrodolce, molto veritiera e anche molto intimista nel ritrarre i pensieri e i sentimenti dei protagonisti.

Charlotte e Ben sono appassionati di Scarabeo: come non pensare a due altri splendidi romanzi dove lo Scrabble aveva una fondamentale importanza? Sono Lo sfigato e Stecco, e se non li avete mai letti, andate a cercarveli in biblioteca.

Erin Entrada Kelly, Fai la prima mossa (trad. di Mara Pace), Terre di Mezzo 2018, 228 p., euro 14

Annunci

Un giorno perfetto

28 Apr

Smith, vincitore della Caldecott Honor Book torna in Italia con una albo illustrato di rara bellezza, a regalarci una storia tanto semplice quanto ricca di raffinata ironia.
Ci sono Cane, Gatto, Uccellino e Scoiattolo; ciascuno di loro sta per assaporare la gioia piena e spensierata, quella che si vive solo in certe giornate speciali. Gatto assapora il calore del sole; Cane può giocare con l’acqua della piscina che un umano premuroso ha riempito; Uccellino becchetta i semi preparati per lui; Scoiattolo, un po’ più goffo degli altri, riceve ugualmente una gustosa pannocchia.
Il sole splende in cielo e le illustrazioni,magistralmente, riescono anche a farci respirare una calda aria di primavera. Tutto è immobile, perfetto, quasi bucolico finché l’arrivo inaspettato di un bestione peloso invade la quiete. Il libro cambia ritmo narrativo, le illustrazioni rendono bene il movimento, lo sconquasso e il fuggi fuggi che l’orso porta con sé.
Albo divertente e molto delicato, si presta bene anche per la lettura animata.

Lane Smith, Un giorno perfetto (trad. di Mara Pace), Rizzoli 2018, 40 p., euro 16

Capriole sotto il temporale

26 Mar

Ancora una volta Katherine Rundell costruisce per il lettore un personaggio femminile che cattura, che lascia il segno e che non passerà. Dopo Sophie e Feo, ecco Wilhelmina detta Will, che vive felice e spensierata in Zimbabwe, andandosene libera per il bush in compagnia di un cavallo e di una scimmia e dei ragazzi che lavorano nella fattoria del capitano Browne, di cui il padre è il fattore. Will è una ragazzina molto amata (ce lo dice il fatto che ha tanti soprannomi e nomignoli, come Scintilla e Saltarupe ad esempio), che è cresciuta libera di muoversi, di sperimentare, di uscire il mattino di casa e tornarci la sera impolverata come piace a lei. Il suo mondo è fatto di fischi che possono esprimere tutta la gamma delle emozioni, di polvere e pioggia che significano fango (“il fango è pieno di possibilità”), della meraviglia della natura in cui è immersa. È un mondo prevalentemente maschile: il padre, il capitano, i ragazzi della fattoria; un mondo in cui non manca nulla, un mondo di cui, in qualche modo, è regina: lei così esuberante, testarda, selvaggia, onesta e sincera. Quando una donna entra nel suo mondo lo fa nel peggiore dei modi: è una giovane vedova che mira a sposare il capitano, e ci riuscirà, segnando per sempre – dopo la morte del padre – la vita di Will che viene spedita in un collegio in Inghilterra. Will non è mai andata a scuola, non conosce maglioni, regole, imposizioni e cieli grigi e la rabbia e la tristezza che sente la spingono a scappare,  vagare per lo zoo, a nascondersi nel garage di un nuovo improvviso amico. Qui compare un altro personaggio, un cammeo imperdibile: la terribile nonna del ragazzo, che si rivela ben diversa da come sembra: crede nell’ascoltare le storie degli altri e nell’importanza di accorgersi delle cose; sa del coraggio, della forza e della pazienza che la vita richiede. Sa che il sorriso di Will può scavare buchi nel ghiaccio: appartiene a una ragazzina straordinaria che saprà tornare a far danzare la propria vita.

Ancora una volta l’autrice si dimostra capace di una scrittura alta e poetica, questa volta dividendo in due parti la storia, entrambe assolutamente credibili ed entrambe alla stessa altezza: quella africana e quella inglese, quella solare e quella grigia, quella felice e quella ombrosa in cui però si intravede comunque il diradarsi delle nubi, in un finale che è giusto così e che riesce a essere coerente fino in fondo.

Questo è il romanzo d’esordio di Katherine Rundell, ambientato appunto in Zimbabwe, dove lei stessa è cresciuta: ha messo nella storia di Will un po’ del suo vissuto, della libertà del periodo africano e del dramma che ha vissuto quando, a quattordici anni, la sua famiglia si è trasferita in Belgio. Qui racconta della sua vita e della sua scrittura.

Katherine Rundell, Capriole sotto la pioggia (trad. di Mara Pace), Rizzoli 2018, 267 p., euro 15

Irene la coraggiosa

27 Nov

Se siete degli appassionati delle storie di William Steig, edite negli anni passati da Mondadori nella serie Junior +7 (quelli sottili con la costa verde, tanto per capirci); se sapete quanto funzionano letti ad alta voce alcuni suoi libri, come “Silvestro e il sassolino magico” e “Margherita e l’osso parlante” (questo era nella collana Un libro in tasca di EL), siate felici. Silvestro torna in libreria per Rizzoli, come Shrek, in un grande formato che dà respiro alle illustrazioni, con copertina cartonata. I due sono accompagnati da Irene, protagonista dell’albo scelto nel 1986 dal New York Times come miglior illustrato, un’avventura che metterà il lettore a fianco di questa coraggiosa bambina. Irene è figlia della signora Rocchetto, la sarta che ha appena finito di cucire l’abito per la duchessa, ma che si prende l’influenza e non può consegnarlo in tempo per il ballo della sera. La bambina non ci pensa due volte: si copre bene, bacia sei volte la madre e parte abbracciata alla scatola del vestito, felice sotto la neve che sta cominciando a cadere. Ben presto la nevicata si trasforma in tormenta; il vento soffia contrario e ce la mette tutta per strapparle la scatola. È un vento bisbetico (bella definizione, no?), ma Irene reagisce con la forza della rabbia: gli urla contro, gli volta la schiena e non gliela dà vinta; ha ottimi motivi e pensieri per reagire con furia anche quando finisce nella neve fino al collo, per scivolare veloce sulla scatola senza che il vento la possa raggiungere. E ha tempo anche per un ballo e per tornare a casa in carrozza.

Una storia dal sapore di fiaba e la peculiarità di essere illustrato in modo che le diverse illustrazioni paiono frammenti di un lungo piano sequenza, attraverso il quale il lettore vede la protagonista avanzare nella neve, intestardirsi, arrabbiarsi, farsi avanti tutta bagnata e reagire fino ad avere la meglio. Irene non cede davanti a nulla; non le viene probabilmente manco l’idea che si possa cedere, visto che – per quanto abbattuta – ha pur sempre un pensiero che la fa indomita e anche un po’ temeraria. Una storia da condividere ad alta voce, per poi andare a riprendere tutto quel che di Steig trovate a catalogo o sugli scaffali della biblioteca.

William Steig, Irene la coraggiosa (trad. di Mara Pace), Rizzoli 2017, 40 p., euro 15

La ragazza dei lupi

18 Nov

ragazza-dei-lupiLo avevamo scritto parlando di Sophie sui tetti di Parigi: aspettavamo la traduzione dell’altro libro scritto da Katherine Rundell ed eccoci accontentati. Altrettanto sospeso tra l’onirico e il realismo, altrettanto poetico e coinvolgente, il nuovo romanzo si presta anche alla lettura ad alta voce, forte di un ritmo incalzante e di una storia che non lascia, in un crescendo narrativo che esplode nel finale per poi chiudere il cerchio con un’immagine simile a quella iniziale, con la sensazione che tutto sarà possibile, con il respiro ampio di chi sa lasciar andare i propri personaggi nel mondo perché in qualche modo li sa dotati di vita propria, con l’empatia che hanno sviluppato col lettore.

Feo non è una ragazzina semplice, in prima apparenza forse nemmeno troppo simpatica con le sue risposte taglienti, la sua incapacità di accordarsi a chi le sta di fronte e di riuscire a dire quel che vuole. Un po’ selvatica, qualcuno. Mezza selvatica, direbbe lei con la stessa definizione che riserva ai lupi che l’accompagnano. Feo e la sua mamma sono soffialupi: nella Russia dove è status symbol avere un lupo come animale di compagnia, loro rieducano alla vita libera i lupi quando i ricchi se ne stufano e vogliono sbarazzarsi di loro. Vivono nelle lande selvagge della Russia occidentale, in una calda casa nel bosco dove Feo impara l’arte di addestrare i lupi a tornare coraggiosi e quella di imparare ad ascoltare e a vivere la natura che la circonda. Fino a quando i soldati dello zar, guidati dal loro generale più temibile, non le prendono di mira fino a catturare la madre. Fino a quando Feo non acceca il generale e comincia un viaggio verso San Pietroburgo, con l’idea di trovare la mamma e liberarla. L’accompagna Ilya, ragazzino scappato dall’esercito, e insieme le persone che incontrano e che cercano una vita libera dalle regole dittatoriali e dai soprusi che subiscono.

Un inno alla libertà, un romanzo sul significato del resistere, sul potere del coraggio e della speranza, sulla forza dell’essere insieme. Ma prima di tutto una narrazione che brilla per la sua costruzione, per la sua capacità di far entrare il lettore nelle righe del testo e farlo partecipe, rendendogli vive e presenti davanti agli occhi le singole scene, facendogli sentire e vedere la tormenta, la neve, il calore del fuoco, la forza dell’entusiasmo.

Un video in cui l’autrice parla del suo libro. Le illustrazioni interne e di copertina sono di Gelrev Ongbico.

Katherine Rundell, La ragazza dei lupi (trad. di Mara Pace, Rizzoli 2016, 277 p., euro 15

Onora il padre

14 Giu

onoraLe tre sorelle Cresswell e i loro tre fratelli vivono nel bosco in una casa che sta andando in rovina, vendono al mercato quel che recuperano in discarica e riescono ad aggiustare, si ritirano ogni sera in preghiera e a volte finiscono nella Tomba, una sorta di antro nascosto nel bosco dove viene rinchiuso chi è in punizione. Il fautore del loro mondo, ai margini, nascosto dagli altri e soprattutto mai mescolato con gli altri, è un padre fanatico religioso che crede di parlare per bocca di Dio e ha scritto un libro di regole che la famiglia è costretta a seguire; i suoi figli vestono con abiti di altri tempi, non hanno accesso a cellulari, radio, televisione e frequentano la scuola solo perché obbligati dai servizi sociali. Il bosco è la loro unica zona franca, dove poter essere liberi e se stessi; a scuola è come se fossero invisibili, almeno così si sente Castley, la sedicenne protagonista che sta cominciando un nuovo anno scolastico e che comincia ad avere dubbi e desideri di ribellioni. L’immagine di se stessa è talmente diversa dalla realtà da rimanere scioccata ogni volta che vede riflessa la propria immagine; il desiderio di essere come gli altri, di indossare un paio di short di jeans, di uscire con degli amici, di baciare un ragazzo è tanto forte da non poterlo più fermare. Sarà proprio George, il nuovo compagno con cui è in coppia alla lezione di teatro, a farle desiderare una vita normale e insieme a metterla a nudo: Castley è tanto brava al corso di recitazione perché recita sempre, nascondendo quello che succede a casa, coprendo i fratelli, ma anche quel che si oscuro c’è nella storia di famiglia: chi è il ragazzo che compare nella fotografia che ritrae il padre, la madre e il fratellino morto prima della loro nascita? Chi è Michael Endecott che si presenta periodicamente alla loro porta e che il padre odia furiosamente? Castley comincia a cedere al mondo intorno e lo fa visibilmente, sciogliendo i lunghi capelli che – per tradizione e per ordine paterno – devono sempre essere legati a treccia e ben pettinati: la sua chioma immensa dietro cui quasi potrebbe scomparire la rende visibile, la fa notare dai compagni di scuola, la svela come un’altra persona che finalmente è un nome, non solo un cognome che fa gruppo omogeneo di tutti i fratelli.

La storia fila via veloce, scavando nella follia del padre e nel disagio della famiglia; il lettore è portato per mano dal narrare in prima persona della protagonista e ha così una possibilità di doppia visione: vede Castley, la sua famiglia, la scuola attraverso le sue parole e contemporaneamente guarda dal di fuori il suo prendere consapevolezza, le sue domande, i tentativi di ribellione e il suo trasformarsi in quella che è davvero, sconosciuta e libera. Davvero un’ottima scelta per il debutto di Hot Spot, il nuovo marchio crossover de Il Castoro.

Il sito dell’autrice.

Eliza Wass, Onora il padre (trad. di Mara Pace), Il Castoro, 228 p., euro 14,90

 

Il coraggio della libellula

29 Apr

Il-coraggio-della-libellula-Deborah-Ellis (1)Ammetto di non aver letto questo libro quando è uscito in libreria perché non sopporto molto tutta la serie di Parvana scritta dalla stessa autrice, non avendone per altro lei colpa, ma perché troppo sovente in questi anni gli insegnanti hanno mandato i ragazzi a cercare queste storie in biblioteca senza darsi occasione di segnalare altri libri, di vedere se c’erano altre storie simili, insomma come spesso succede. Lo recupero adesso, grazie a quella formidabile arma che è il passaparola e il racconto entusiasta che ti viene fatto e che incuriosisce; scopro così un thriller scritto (e tradotto) bene, che regge la tensione fino in fondo e che accompagna la trama ad un andamento temporale che mescola presente, passato, brani di diario e lettere, descrivendo in realtà la solitudine dell’adolescenza, il desiderio di sentirsi accettati dal gruppo anche a prezzo carissimo, la capacità di alcuni di essere comunque e sempre se stessi, di una lealtà pura fino in fondo.

Racconta della scomparsa di una bambina, poi ritrovata cadavere, da un campo estivo e dell’arresto della sedicenne Casey, che al campo era la responsabile del piccolo gruppo di cui faceva parte, attraverso la voce della miglior amica Jess, corresponsabile insieme a lei, dibattuta tra la grande amicizia e la sensazione di esser sempre stata tenuta ai margini: dal gruppo più in voga a scuola, che non l’ha mai considerata, e dal’amica stessa, impegnata a osservare e studiare insetti col sogno di diventare entomologa. Il tutto in una piccola cittadina della provincia canadese, dove tutti si conoscono, dove è semplice dire a posteriori “lo sospettavamo già”, dove tutti voltano immediatamente le spalle e pochi davvero – un’insegnante coraggiosa e la madre di Jess, considerate matte entrambe per motivi diversi –  sanno alzare la voce, prendere parte e tener alta la testa. Casey è innocente, ma basta un nulla per mettere in dubbio, per bollarla come strana e diversa, per fare di dicerie delle verità: Jess viene trascinata nel vortice di quel che tutti credono, ammaliata dal poter avere un attimo di notorietà e perde tutto il coraggio che l’amica le ha sempre attribuito.

Un libro duro come può essere dura la vita a volte, che mi ricorda altri due bei testi su argomenti simili, da cercare in biblioteca perché ormai fuori catalogo ma che merita recuperare per riproporre ai ragazzi: Sai tenere un segreto? di Jennifer McMahon (Terre di Mezzo, 2009) e Avete visto JJ? di Anna Cassidy (Mondadori, 1995).

Deborah Ellis, Il coraggio della libellula (trad. di Mara Pace), Rizzoli 2013, 200 p., euro 12,50

Sophie sui tetti di Parigi

17 Mar

sophie sui tetti di parigi

Se siete di quei lettori che sottolineano passaggi chiave, belle frasi, brani da leggere ad alta voce e magari anche momenti in cui ci si commuove, riempirete di certo con segni, linee e colori questo romanzo che oserei dire inclassificabile nella sua bellezza, sospeso tra onirico e realismo, ambientato tra la fine dell’Ottocento e gli inizi del Novecento, quando si viaggiava su grandi transatlantici e talvolta su di essi si rischiava la vita.

Charles Maxim è uno studioso con la testa tra le nuvole, ha trentasei anni, parla in inglese con le persone, in francese con i gatti e in latino con gli uccelli; si trova a bordo di una scialuppa di salvataggio, dopo il naufragio della Queen Mary, e sono proprio le sue grandi mani a trarre in salvo una bambina che naviga nella custodia di un violoncello, avvolta negli spartiti di una sinfonia di Beethoven. Dalla coccarda col numero 1 che porta appuntata, Charles stabilisce che quello è il giorno del suo primo compleanno, la battezza Sophie e la porta nella sua casa tutta scale e spigoli, dove la alleva – sotto l’occhio critico dell’Ente Nazionale per l’Assistenza dell’Infanzia – a suo modo, parlandole come ad un adulto, leggendole Shakespeare, sicuro che volerle bene sia più che sufficiente per riuscire nell’impresa. Sophie cresce con un’infinita libertà e diventa alta, generosa, goffa e avida lettrice come Charles, con molte certezze assolute e un solo chiodo fisso: ritrovare la madre di cui ricorda la musica suonata col violoncello e le gambe che ballano nei pantaloni. Anche Sophie suona il violoncello, indossa i pantaloni e mangia sovente utilizzando atlanti al posto dei piatti: tutte cose che vengono ritenute anomale dai servizi sociali, esattamente come il fatto che un uomo solo cresca una bambina ed ecco il motivo per allontanarli al compimento dei tredici anni di Sophie. Non resta che fuggire verso Parigi, città indicata nella targa all’interno della custodia dello strumento che Sophie ha conservato, unico indizio per ritrovare la madre: qui si scontrano con la polizia, che nasconde i registri della nave – una delle tante troppo vecchie, ma certificate comunque come sicure per riscuotere il premio di assicurazione in caso di naufragio, a scapito delle vita di centinaia di persone – e intraprendono la loro personale ricerca. Sophie incontra Matteo e scopre la vita dei ragazzi che vivono in aria, sui tetti, sugli alberi, dividendosi le zone, fuggendo gli orfanotrofi, battendosi tra di loro. Matteo la sfida e la ragazza, che fin dall’infanzia si sente al sicuro solo arrampicandosi, si allena e vince le paure per seguire la musica conosciuta che arriva di notte da tetti non troppo lontani, consapevole dell’importanza dell’equilibrio e di ciò che le ha insegnato Charles: “quasi impossibile” vuol dire che in fondo un po’ è possibile e non bisogna mai ignorare una possibilità.

Poetico e ironico, lieve e delicato come i passi a piedi nudi su una corda tesa tra due tetti, questo libro è stato premiato con il Waterstones children’s book prize 2014, occasione in cui The Guardian ha chiesto alla sua autrice di stilare la sua top ten degli orfani letterari 🙂 ed è nella lista dell’ALA Notable Children’s Book 2014. Ha ricevuto il Prix Sorcières 2015 nella categoria “Romans junior”.

La copertina e le illustrazioni interne, una suggestione per ogni capitolo, sono di Terry Fan (non perdetevi le sue balene! E nemmeno tutte le altre bestie…). In questo video Katherine Rundell parla del suo libro.

L’autrice ha fino ad ora scritto altri due libri; aspettiamo le traduzioni 🙂

Katherine Rundell, Sophie sui tetti di Parigi (trad. di Mara Pace), Rizzoli, 2015, 288 p., euro 14,50

Jemmy Button

18 Set

Più riguardo a Jemmy Button. Il ragazzo che Darwin riportò a casaSe passi la mano sulla copertina di questo albo senti sotto le dita come una corteccia che ti dice quanto la natura sia al centro del racconto. Dentro c’è una storia vera che risale a inizio Ottocento, quando il capitano FitzRoy raggiunse col brigantino Beagle le isole della Terra del Fuoco e decise di portare in Inghilterra un ragazzo nativo di quelle terre, considerandolo un selvaggio e pensando di poterlo trasformare in un gentleman vittoriano. Qualche anno dopo lo riportò a casa, insieme a Darwin che voleva studiarne il comportamento nel suo habitat naturale.

L’albo ha un testo essenziale che dice semplicemente i fatti e permette di immaginare emozioni, sensazioni, l’intorno grazie alle illustrazioni che seguono il percorso di Jemmy, i tentativi di integrazione, i suoi occhi che guardano il mondo, grazie alla particolarità di evidenziarci la sua presenza sulle pagine, più o meno affollate, tra presenze altre che sono sagome, profili di cui non ci importa l’espressione o il taglio degli occhi, perché é il punto di vista del ragazzo quello che le immagini vogliono rimandarci. Così la storia riporta il bottone di madreperla regalato alla famiglia in cambio di Jemmy, gli alberi della foresta, i pesci del mare che accompagnano il Beagle nel viaggio, le vetrine di Londra, le stoffe, i concerti, il cappello a cilindro e poi il ritorno, la pelle nuda, la notte con la luna alta sull’sola, la nostalgia di quello che Jemmy sa per certo essere il suo posto e il ritorno a casa.

Il sito di Jennifer Uman e il blog di Valerio Vidali che hanno illustrato insieme.

Jennifer Uman & Valerio Vidali – testo di Alix Barzelay, Jemmy Button (trad. di Mara Pace), Rizzoli 2013, 48 p., euro 16

Nonno verde

11 Giu

Albo meraviglia di Lane Smith, già autore del fortunato è un libro (sempre Rizzoli): una passeggiata in un giardino quasi magico dove un bambino ci conduce alla scoperta della vita del nonno “ritratta” nelle siepi di bosso che, grazie al taglio esperto del giardiniere, hanno preso la forma degli avvenimenti salienti che l’hanno segnata. Il nonno-gardiniere ha così raccontato della fattoria in cui è cresciuto, della rosolia, della guerra a cui ha partecipato, della donna con cui ha condiviso la vita, dei figli e dei nipoti. Tra carote giganti ed elefanti, torte di foglie e alberi secolari che popolano il parco, il nipotino va incontro all’anziano, raccogliendo il cappello e gli occhali che quest’ultimo dimentica in giro e lo accompagna, come suggerisce l’ultima immagine, oltre la morte, conservandone il sorriso e il profilo ridente.

Honor Caldecott Book 2012.

Ecco il sito di Lane Smith. Il booktrailer originale.

Lane Smith, Nonno verde (trad. di Mara Pace), Rizzoli 2012, 32 p., euro 13