Tag Archives: Maddalena Pennacchia

Due mostri

26 Mar

mostri mckeeTorna in una nuova traduzione e con testo in stampatello maiuscolo la storia dei due mostri dai colori primari contrastanti che vivono ai lati opposti di una montagna, senza mai vedersi, comunicando a volte attraverso un buco. Essendo opposti anche nel dire  uno vede il giorno che se ne va mentre l’altro saluta la notte che arriva: l’incomprensione diventa pretesto per un litigio a lanci di parole e di pietre che progredisce fino alla distruzione della montagna; senza più ostacoli nel mezzo vedono insieme il tramonto, rendendosi conto di quel che si erano detti inizialmente.

Il crescente litigare dei mostri che si fa virtuosismo nel trovare nuove modalità di insultare gli altri è un invito a notare come si possa anche prendersela con qualcuno senza mai usare una parolaccia e mi fa venire in mente quello splendido catalogo di forme per apostrofare l’altro che è un’intera pagina di “Dakota dalle bianche dimore” di Philip Ridley, Salani.

A proposito di McKee, un post sul blog di Prìncipi e Princìpi.

David Mckee, Due mostri (trad. di Maddalena Pennacchia, revisione di Luisa Mattia), Lapis 2014, 32 p., euro 12,50

Nero-Coniglio

5 Mar

neroconiglio

Il piccolo coniglio bianco protagonista di questo albo non riesce a liberarsi dall’ingombrante e minacciosa presenza di un grande coniglio nero che lo segue… come un’ombra, si direbbe. Ed è in realtà davvero la sua ombra, proiettata lunga nella limpida giornata. Sparisce solamente quando si inoltra nel bosco buio e fitto; allora davvero è possibile fare brutti incontri e un’ombra imponente può aiutare, ingannare e salvare (un po’ come accadeva in “La zuppa del coraggio”, prezioso albo di Maryann Cocca Leffler edito nel 2003 da Il punto d’incontro che potete ancora trovare sugli scaffali di qualche biblioteca).

Un albo sulla conoscenza della propria ombra, che sempre – quando la scoprono – incuriosisce i più piccoli. Un albo per fare amico con la sagoma nera che portiamo cucita ai piedi, per farle cambiare forma, allungarla e giocarci a piacere.

Qui l’autrice racconta come è nato l’albo. E qui le ombre da ritagliare e indovinare.

Philippa Leathers, Nero-Coniglio (trad. di Maddalena Pennacchia), Lapis 2014, 40 p., euro 12,50