Tag Archives: Lev Tolstoj

Lev della Radura

7 Lug

Lev TolstojCon la consueta attenzione grafica a cui ci ha abituto RueBallu per la collana “Jeunesse ottopiù”, una nuova biografia per racconto potremmo dire. L’idea alla base della collana, come già saprà chi ne ha sfogliato i titoli precedenti, è quella di raccontare un autore, un personaggio del passato non di certo in modo esaustivo, ma in modo evocativo per far cogliere al lettore certi aspetti, certe sfumature, per introdurlo al suo modo di scrivere, alle sue poesie nel caso ad esempio di Emily Dickinson e Antonia Pozzi.

Qui Federica Iacobelli sceglie di raccontare Lev Tolstoj per quadri: ogni capitolo procede brevemente nella sua vita, da bambino fino alla vecchiaia, incentrandosi sul suo rapporto con la terra, con il luogo in cui è nato, coi campi che circondano la casa e con le famiglie di contadini che li lavorano. Appaiono le sue opere, attraverso la riflessione che l’autore ne fa, le domande che si pone. Il filo rosso è una parola, felicità, che corre lungo tutto il volume, insieme alle illustrazioni di Pia Valentinis che qui sceglie una palette di colori quanto mai apropriata ed efficace.

Federica Iacobelli, Lev della Radura. Un racconto con Tolstoj, rueBallu 2020, 108 p., euro 19

La povera gente

5 Ott

la-povera-gente-9788832070149L’albo che segna l’esordio editoriale dell’illustratrice Chiara Ficarelli incanta: la profondità del buio, il modo che la luce ha di illuminare rughe e pieghe, impreziosiscono sicuramente il testo di Lev Tolstoj che condensa in poche righe, senza alcuna volontà di insegnamento o di moraleggiamenti, il concetto quanto mai attuale di solidarietà.

Jeanne è la moglie di un pescatore che attende il suo ritorno; ha riempito le ore con i gesti quotidiani, ma quando è sceso il buio e con lui la tempesta ha cominciato a temere il peggio. Teme la miseria per lei e per i bambini, se rimanesse vedova, ma teme soprattutto lo spezzarsi del loro legame e la perdita del reciproco amore. L’angoscia per la sorte di Paul le richiama alla mente (o forse potremo dire, non cancella il pensiero per) la vicina ammalata che però trova morta; si fa carico allora dei due bambini e li porta a casa, col pensiero costante della reazione del marito a quel suo gesto immediato e spontaneo.

Come già detto è la luce a sottolineare tutto, a dare voce anche a quel che non è detto: una finestra illuminata nella notte, una candela che rivela, il calore del camino, l’alba su tutto.

Lev Tolstoj – ill. Chiara Ficarelli, La povera gente (trad. di Igor Sibaldi), Orecchio Acerbo 2019, 36 p., euro 15

Salto

6 Set

More about SaltoCome i suoi fratelli di collana, anche questo racconto di Tolstoj che orecchio acerbo pubblica nei Lampi Light si presta ad essere letto ad alta voce, accompagnando la narrazione con la condivisione delle illustrazioni che accompagnano il testo. In questa collana ci sono diversi testi che cattureranno senza dubbio il pubblico dei giovani lettori e che credo siano ideali per avvicinarli ad una considerazione anche dell’illustrazione vista al di là del pregiudizio ancora troppo comune che “i disegni” stiano nei libri dei piccoli. Penso a Janet la storta di Stevenson, uscito in contemporanea al libro in oggetto, che farà la felicità di quei ragazzini che stanno a bocca aperta davanti al coltello che accompagna la prima frase de Il figlio del cimitero di Gaiman (e sicuramente sapranno apprezzare i tratti di Quarello). Questo Salto invece lo si può leggere anche coi ragazzini degli anni finali della scuola primaria: racconto veloce di una scimmia che, incitata dal divertimento della folla, ruba il cappello al figlio del capitano della nave e si fa inseguire fino al pennone dell’albero più alto, in un gioco sospeso tra equilibrio e terrore. E al capitano tocca un gesto impensabile per salvare il suo bambino.

Oltre alla lettura si può “giocare” con le illustrazioni di Maja Celija (che qui si racconta in un’intervista di qualche anno fa, in 1+1 puntata), ad esempio col catalogo di facce che stanno a naso in su, con tante espressioni diverse, a seguire lo svolgersi dell’inseguimento. Unica avvertenza: quando lo leggete facendo vedere le immagini, ricordate che al momento del salto del bambino segue l’illustrazione in cui balzano in mare i marinai, di cui il testo parla solo alla pagina successiva: piccola sorpresa per chi si aspetta la caduta in mare di uno e si trova davanti un tuffo generale.

Lev Tolstoj – ill. di Maja Celija, Salto (trad. di Olga Romanova, postfazione di Goffredo Fofi), orecchio acerbo 2012, 36 p., euro 12,50

e già che l’abbiamo citato:

R.L. Stevenson – ill. M.A.C.  Quarello, Janet la storta (trad di Paola Splendore, postfazione di Goffredo Fofi), orecchio acerbo 2012, 64 p., euro 15