Tag Archives: Janik Coat

Come ti vesti?

12 Ott

Sono delicatissimi questi pop-up per piccoli lettori, con linguette da tirare in sensi diversi a seconda della pagina, uno dedicato ai modi di dormire degli animali e l’altro invece agli abiti da mettersi addosso a seconda del momento. Vanno trattati con cura o meglio, va messo in conto che perderanno i pezzi, si romperanno e magari li sostituiremo, come succede con i migliori cartonati che si vorrebbe  comunque sempre avere a portata di mano.

Pensati da Bernard Duisit, sono in rima: un po’ più lungo, quasi una filastrocca per ogni bestiola quello sulla nanna illustrato da Olivia Cosneau, brevissimo – botta e risposta – quello sull’abbigliamento. Mettiamo in vetrina quest’ultimo per affezione a Janik Coat e perché i suoi personaggi sono sempre una delizia. Scegliere come vestirsi dipende da molti fattori; infilarsi un costume a pois o uno a righe può essere frutto di una scelta ponderata; ci si mettono in mezzo il tempo, la destinazione, l’orario, il cielo e persino la neve. Magari c’è il vento, che solleva la gonna di Rosaria quasi fosse Marilyn Monroe in “Quando la moglie è in vacanza”; oppure detta legge l’umore, come sa bene Salvatore che non disdegna  il colore e gli accostamenti forti.

Janik Coat – Bernard Duisit, Come ti vesti (trad. di Margherita Vecchiati), Panini 2017, 16 p., euro 12

Olivia Cosneau – Bernard Duisit, Come dormi? (trad. di Margherita Vecchiati), Panini 2017, 16 p., euro 12

Il mio ippopotamo

24 Set

More about Il mio ippopotamo

Janik Coat inventa questo albo di grande formato, un cartonato resistente e comodo da leggere sdraiati sul tappeto o sul letto, mettendoci le mani: già perché questo ippopotamo è fatto per spiegare gli opposti, per dire con le illustrazioni concetti come “di profilo”, “ruvido”, “sfuocato”, “leggero”, in compagnia dei due protagonisti, Popov e Samothrace, che danno anche il titolo all’edizione originale di Memo, casa editrice di Nantes specializzata in libri d’arte e per ragazzi di qualità (che della stessa autrice – specializzata in bestiari e animalità varie – ha pubblicato anche un singolare je ne suis pas comme les autres sul tema della diversità/originalità e una serie di libri divertentissimi che giocano sulle parole. Inoltre, nel catalogo, tra gli altri ci piace segnalare, se mai vi capiterà, il poetico e magico Toi di Martine Bourre). Intanto godetevi questo ippopotamo con inserti in stoffa da toccare e buffe pose.

Janik Coat, Il mio ippopotamo, la Margherita 2010, 36 p., euro 20