Tag Archives: Isabella Labate

Tre in tutto

14 Set

Sulla copertina di questo albo si incrociano gli sguardi: c’è una donna vestita di nero al centro che guarda avanti e altre due che guardano i bambini tra di loro. Si tengono per mano questi protagonisti, a dire l’unità oltre la distanza, il legame di affetto anche quando non è di sangue, il filo che rimane per tutta la vita come quando si è fatto un importante tratto di cammino insieme, non importa se lungo o corto. Uno dei ragazzini però si volta verso il lettore, quasi a chiedergli se non abbia voglia di scoprire questa storia.

Un invito allora, questo albo, a scoprire una storia vera, nel caso in cui non la conosceste già: quella dei circa settanta mila bambini che tra il 1945 e il ’52 partirono dalla Ciociaria, da Roma, dalla Campania e dalla Puglia verso il Nord Italia e furono ospitati da donne e famiglie che li nutrirono, li sfamarono e offrirono loro una possibilità di riparo e rinforzo dopo i danni delle guerra.

Scoprirono al Nord la loro povertà, facendo confronti e scoprendo cose che non conoscevano. Partirono su treni e videro tanto mare e poi la neve che credevano essere ricotta e il viaggio pareva non finire mai. Quando finì, c’era ad esempio l’Emilia Romagna, come nel caso dei due fratelli protagonisti del libro, l’angoscia di essere separati e la sorpresa di ritrovarsi a vivere a pochi metri, ospiti delle famiglie di due sorelle. Il testo di Davide Calì – essenziale e lirico il giusto, come in Mio padre il grande pirata – si accompagna alle illustrazioni di Isabella Labate che ancora una volta, grazie alle sfumature della grafite qui virata in seppia come a sfogliare un vecchio album fotografico, riesce calare il lettore a spettatore di quel che accadde nel quotidiano. Ci sono i volti, quelli che sorridono bonari guardando i nuovi arrivati, quelli spaventati dei bambini che non vogliono fare il bagno per paura dei comunisti che dei piccini fan sapone come  minacciava il parroco dall’altare prima della partenza, quelli beati al sapore di un nuovo cibo. Ci sono le mani,che prendono misure per gli abiti, chiudono i tortelli, incidono il pane. E ci sono i treni, chiamati “della felicità” che all’inizio portavano via i bambini dalla loro terra e alla fine li riportano, triste per quello che lasciano. La felicità se ne sta lì, nel gesto dell’accogliere, nell’idea di creare un legame tra terre lontane, nel riconoscere adulti la fortuna che si ha avuto.

Se volete saperne ancora di quel progetto del dopoguerra voluto dall’Unione Donne Italiane e dal Comitato per la salvezza dei bambini del partito Comunista, potete guardare Pasta nera, documentario di Alessandro Piva presentato a Venezia nel 2011, oppure Gli occhi più azzurri, altro film documentario di Simona Cappiello e Manolo Turri Dall’Orto con le animazioni di Marino Guarnieri (2018): a questo si accompagna un libro edito da La città del Sole che raccoglie le testimonianze, i documenti dell’Archivio UDI, gli articoli dei giornali dell’epoca.

Poi, se la graficte di Labate vi ha incantato, andatevi a riprendere il suo Lungo il cammino (Orecchio Acerbo, 2015) e perdetevi in quela storia lì.

Davide Calì – ill. Isabella Labate, Tre in tutto, Orecchio Acerbo 2018, 36 p., euro 15

Annunci

Nove braccia spalancate

19 Gen

9 braccia spalancateNon è certo una scelta scontata quella di proporre in traduzione un romanzo ambientato nel Limburgo, la regione più meridionale dei Paesi Bassi, per di più negli anni Trenta e che riprende in realtà anche vicende a cavallo tra Ottocento e Novecento: si parla di quotidiano, non si fa riferimento a momenti o accadimenti storici quotidiani e quindi è ancora più coraggiosa questa uscita. Il lettore impiegherà forse qualche pagina ad entrare nella storia, ad adattarsi al tempo del racconto (un tempo decisamente “alieno” per i ragazzini a cui ci si rivolge, che non è così lontano in rapporto agli anni, ma che è davvero “un’altra epoca”) e a districarsi tra la folla dei personaggi: ben venga allora la mappa iniziale che permette di mettere in fila i quattro fratelli e le tre sorelle Boon, il loro papà, la loro nonna e i personaggi che – in vita o nel ricordo – si rincorrono tra le pagine. E anche il glossario finale che permette di mantenere nel testo alcune parole in dialetto limburghese per dare maggior senso ai dialoghi tra i personaggi.

La voce narrante è quella di Fing, una delle ragazze, che comincia a raccontare del nuovo trasloco intrapreso dalla famiglia, in un giorno di fine agosto del 1937. I ragazzi, orfani di madre e cresciuti dalla nonna, sono soliti a spostarsi, a cambiar quartiere e abitazione: capita ogni volta che il padre trova un nuovo lavoro o si imbarca in una nuova impresa a suo dire di sicuro successo. E capita decisamente sovente, tanto che si scommette su quanto durerà questa volta. Ma a questo giro tutto sembra diverso: la nuova casa è distante, ai margini della città, attaccata al cimitero; costringe a cambiare scuola e abitudini; sembra nascondere un segreto: forse è stregata, forse è maledetta, di sicuro un letto-lapide scoperto in cantina amplifica la curiosità delle ragazze, specie di Mmulke, che da sempre ama le tragiche tragedie. Se ci aggiungete che la porta d’ingresso è sul retro e la soglia è ad altezza ginocchio, sicuramente qualcosa ve lo chiederete anche voi, e tanto più se la nonna sembra sapere più di quel che dice.

Nella vita di Fing c’è una sorella a cui badare per via di una “spostola”, una vertebra che può spostarsi e causare danni e dolori; ci sono pomeriggi interi a giocare a “tesoro in pericolo”, elenchi di faccende da sbrigare, questioni di soldi e di adulti che cercano di sbarcare il lunario. Ci sono nuove ragazze non proprio amichevoli a scuola e vecchie conoscenze che sbucano fuori a dire che anche se si trasloca e si ricomincia da un’altra parte, alcune questioni viaggiano con la famiglia e ne sono parte. C’è anche il Coccodrillo, ovvero la valigia in cui la nonna tiene le fotografie da cui parte per le sua incredibili narrazioni: proprio lei, con la sua abilità narrativa, svelerà il mistero della casa, raccontando una storia, che si fa romanzo nel romanzo e ripercorre l’incredibile amore e la strana avventura di una ragazza zingara.

Questo libro è un crescendo: grazie al ritmo che pian piano il lettore acquisisce con lo scorrere delle pagine si arriva a immagini finali ricche di poesia, dove Fing condensa il suo sguardo sul mondo, ragazzina che cresce e che apprende a piccoli passi come si fa la vita, cosa possono regalare le curve del destino e i fili che legano le vite più di quanto si possa immaginare. Esiste un seguito alle vicende della famiglia Boon, di cui auspichiamo la traduzione; ci piace pensare che siano romanzi da leggere insieme, ad alta voce, da condividere come fossero appunto storie di famiglia che qualcuno racconta nelle occasioni in cui ci si ritrova insieme (un periodo di vacanza, un incontro speciale, un po’ di tempo passato in una casa di vacanze comune).

Il sito dell’autore. Il blog di Isabella Labate (in attesa di post!).

Benny Lindelauf – ill. Isabella Labate, Nove braccia spalancate (trad. di Anna Patrucco Becchi), San Paolo 2015, 297 p., euro 17