Tag Archives: Giacomo Leopardi

Celestiale

16 Apr

Mentre leggevo questo libro portavo addosso la voce di Gian Maria Testa che snocciola Sono belle le cose, testo di Pier Mario Giovannone che elenca cose, appunto, belle. Qui Francesca Bonafini inanella liste di parole: quelle che piacciono alla dodicenne Maddalena, che le colleziona, ne assapora il suono, ne scrive liste e cerca di convincere le amiche della loro bellezza e della loro potenza. Quelle di Fabrizio, che per timidezza rimane muto davanti alla ragazza, mentre dentro è un mare in tempesta, pieno di parole che rumoreggiano dentro il cuore e tirarle fuori è una fatica bestia. Quelle di Ivano, che di Maddalena è il fratello maggiore, che passa il tempo al bar o in strada anziché a scuola, che finge di fare il duro, ma che dentro in realtà ha un vuoto enorme e gli manca terribilmente il professor Zarri, che sapeva dire e vedere e far dire ai suoi allievi.

Già, perché questo è anche un libro che parla della potenza dei libri, delle storie, delle parole come le mettono giù certi autori e tu ti ci ritrovi dentro e improvvisamente sei meno solo e ti fai cosciente che quello che provi qualcun altro, magari in un altro tempo, magari proprio Leopardi, l’ha sentito pure lui e lo ha scritto. E parla anche di certi insegnanti che ti segnano, che ti sanno leggere dentro e ti cambiano la vita. E di quanto sia difficile dire e dirsi ed essere proprio se stessi; di come a volte la periferia sia lontana mondi interi dal centro città; di come l’inverno si possa attraversare come una primavera e faccia sbocciare miracoli.

Bonafini costruisce un testo a tre voci, con un ritmo giusto per leggerlo a voce alta, presentando tre protagonisti che coprono l’arco delle scuole secondarie e che sono credibilissimi e profondi nei loro dubbi così come nelle loro certezze. Il leggiadro ottimismo di fondo con cui Maddalena guarda alla bellezza delle cose e delle parole ha una consistenza granitica che ci ricorda come il coraggio sia contagioso, e magari anche quel modo lì di vedere il mondo.

Per me questo romanzo (che tra l’altro ha le caratteristiche dell’alta leggibilità) è stato proprio un regalo: finalmente una novità per adolescenti di un’autrice italiana, di una misura che può funzionare anche di fronte a rimostranze di non forti lettori e di una forza e limpidezza tale da render felici. Sarà che amo il suono delle parole, ma una protagonista che fonda un Fan Club delle Parole Entusiasmanti e pensa che nei nomi delle persone covino tutte le bellezze del mondo non poteva che innamorarmi.

A inizio aprile Celestiale è stato libro del giorno a Fahrenheit su Radio3: c’è il podcast da riascoltare.

Francesca Bonafini, Celestiale, Sinnos 2018, 108 p., euro 12

Annunci

In solitaria parte

13 Set

Le stanze a cui fa riferimento il complemento del titolo non sono tanto quelle della poesia, quanto piuttosto le camere della casa di Recanati in cui è cresciuto Giacomo Leopardi. prestando la sua scrittura alla voce della di lui sorella Paolina, Silvia Vecchini accompagna il lettore tra i muri della casa, raccontando di come sia stata piena di vita e soffocante insieme. Delinea la famiglia, le figure e i caratteri di padre e madre, i fratelli, in modo particolare Paolina e Carlo, così vicini per età e compagni prima nei giochi, poi nelle riflessioni sulla vita e sul mondo, e il percorso di Giacomo che “amava il principio delle cose, l’attesa di altre ancora più belle”. Una casa che i genitori volevano fosse protettiva e tenesse lontano i figli da quel che avrebbe potuto contaminarli e distrarli. Una casa in cui Paolina trova posto anche per le stanze dei sogni di Giacomo, per dire del pensiero libero di suo fratello, ma anche di come la trattasse alla pari e alla pari le scrivesse.

Come già nelle altre uscite della stessa collana Jeunesse ottopiù (tra i più recenti La cena del cuore e Siamo partiti cantando), rueBallu dà la possibilità al lettore di avvicinarsi a una biografia in forma un po’ diversa: molto evocativa, accompagnata da illustrazioni d’autore e non scontata, nel senso che dà possibilità di approfondire a proprio piacimento altrove e non è didascalica. In più, come abbiamo sottolineato più volte, è di altissima qualità la parte materiale: la grafica, la carta, la cura di questi libri che sembrano taccuini chiusi con elastico.

Il blog dell’autrice. Il blog dell’illustratrice.

Silvia Vecchini – ill. Emanuela Orciari, In solitaria parte. Breve passeggiata tra le stanze di Giacomo Leopardi, rueBallu 2017, 109 p., euro 19