Tag Archives: genitori

Tonja Valdiluce

16 Nov

tonja valdiluceChi ha letto ed apprezzato Cuori di waffel (Premio Andersen 9/12 anni e SuperPremio Andersen nel 2015) non può che esibirsi in capriole felici di fronte a un nuovo romanzo di Maria Parr, tanto più che questo secondo conferma la felicità di scrittura del precedente abbinata alla caratteristica – nordica, verrebbe da dire – di affrontare con onestà e lieve grazia la vita, come va e come è.

Piacerà questo libro a chi conosce la montagna, a chi riconoscerà nella descrizione della Val di Luce (così prossima al mare, ma così isolata nelle sue altezze) la condizione di chi sceglie di vivere in un luogo poco abitato, non facilmente raggiungibile, che conosce un tempo quotidiano diverso dal tempo in cui è toccato dal turismo, per cui può quindi capitare che ci sia in tutta la valle una bambina sola, abituata a prendere il bus per la scuola in paese, ma abituata anche a sentire la valle sua tanto da essere conosciuta come il bolide di quell’angolo di terra.

Già, perché Tonja – abituata a vivere all’aria aperta, a una mamma che studia il mare ed è sovente via, a cantare a squarciagola e a dare un caloroso benvenuto a chi arriva – è una bambina speciale, che ama con forza la sua terra, che sa avere un rapporto paritario con gli adulti che la circondano, che sa essere spiazzante, intraprendente, con la risposta pronta sempre. Il lettore la conosce mentre sta per prepararsi alle vacanze da celebrare con un salto mortale sugli sci, testando un nuovo slittino costruito dal suo amico Gunnvald e dispiacendosi perché l’unico campeggio della valle vieta la presenza di bambini e quindi a lei l’occasione di farsi nuovi amici. Ma Tonja non si dà per vinta: le ingiustizie paiono darle una carica eccezionale e – si vedrà – anche quelli che considera torti: Gunnvald è il suo padrino e il suo miglior amico, ha settantaquattro anni, è scorbutico come un troll e suona il violino come nessun altro, eppure le ha nascosto un segreto. Anzi, tutta la valle ha nascosto un segreto alla ragazzina che viaggia in bicicletta con un gabbiano sul casco e fa camminare un montone puntando sul rosso dei propri capelli. Il romanzo allora – sempre pungente e ironico – diventa racconto del rapporto tra grandi e piccoli, dell’amicizia che non è questione di età, ma anche della fiducia, di quanto conosciamo gli altri anche quando ci pare di non conoscerli più, dei rapporti tra genitori e figli e della vita. Racconta anche del silenzio, di quel che non si riesce a dire, della potenza che ha in sé la bellezza della natura e dell’amore che ti lega a un luogo di cui ti senti parte.

E poi Tonja fa parte del cerchio delle ragazzine “terribili” della letteratura: piena di entusiasmo, dolce e ruvida, pronta a saltar sulle barricate, a fare una pazzia, a dimenticarsi di avere paura quando il gioco (o il salto o la situazione) vale davvero. E non possiamo non amarla. Siamo di parte sì; voi leggete e poi fateci sapere.

Maria Parr – ill. di Ashild Irgens, Tonja Valdiluce (trad. di Alice Tonzig), Beisler 2015, 278 p., euro 14,90

Annunci

Il tuo corpo adesso è un’isola

12 Set

corpo isolaC’è un isola all’inizio di questo romanzo, vacanza di settembre che il padre propone al protagonista e che blocca il tempo, rallenta l’inizio della scuola. E c’è anche tra le righe “l’idea dell’isola” che prende all’improvviso, che permette di mettere uno spazio tra sé e il quotidiano, di vedere le cose con distanza, di far emergere certi pensieri con chiarezza improvvisa, proprio come si sbuca dall’acqua dopo un tuffo. Ascanio Canti entra in quarta liceo con l’ambizione di lasciare tutto come sempre, a partire dal banco scelto, effetto anestetizzante della quotidianità ripetuta, visita settimanale al nonno, solito giro con gli amici, ritrovo e chiacchiere in quattro sui gradini dell’associazione Amici degli Alpini.

Eppure sotto la superficie bolle il cambiamento. In classe c’è una nuova arrivata, Adele, subito presa di mira dalle compagne che le appiccicano l’etichetta di “ritardata” e così la trattano. A casa della madre – dove Ascanio vive dalla separazione dei genitori – sta per “insediarsi” il nuovo compagno di lei. La rabbia, la ribellione che si fa fuga portano il marchio di due avvenimenti fondamentali nella vita del ragazzo: l’amicizia con Siro ai tempi della scuola media, la morte del fratellino, nato con un ritardo; cose di cui non si parla, come se a non guardare,a non dire ci si potesse illudere di averle cancellate. E Ascanio fugge verso la Germania, verso mesi passati a cambiare casa, arrangiarsi col lavoro, incontrare persone e luoghi. Ma i pensieri non si cancellano e i legami neppure.

Il momento della fuga dà alla narrazione un’accelerazione, quasi la fame di altrove del protagonista rivelasse un ritmo diverso rispetto alla precedente cristallizzazione del quotidiano: il racconto dei mesi in cui scompare e vive in Germania sono veloci, mentre il periodo precedente è un preparare il momento dello scatto ripensando a quanto del passato ha fatto impronta dentro Ascanio. Si affrontano temi come i legami famigliari, il rapporto con le altre generazioni (i nonni) e con gli amici, l’ambiente scolastico, la facilità dei cliché, la necessità di andare lontano per respirare e tentare di trovare il proprio ritmo.

Paola Predicatori, Il tuo corpo adesso è un’isola, Rizzoli 2015, 248 p., euro 16, ebook euro 6,99

Il mio cuore e altri buchi neri

3 Ago

il mio cuore e altri buchi neri

Va bene, potete dire che è l’ennesimo libro per adolescenti che parla di suicidio, che vede protagonisti un ragazzo e una ragazza che finiscono comunque per innamorarsi o quanto meno passarci vicino, che adotta una narrazione coinvolgente (qui un diario giornaliero scritto dalla protagonista contando i 26 giorni che mancano all’ora X; altrove un’alternarsi delle due voci e dei loro punti di vista). Ditelo, così vi possiamo ribattere che è l’ennesimo romanzo di questo tipo costruito, scritto e tradotto davvero bene .

La storia si apre su un giorno di marzo: mentre la primavera bussa alle porte la sedicenne Aysel cerca un compagno di suicidio sul sito Dipartite Serene; pare quasi impossibile, visto che una delle clausole per lasciar questo mondo in compagnia è che si viva a breve distanza, eppure c’è qualcuno, a pochi chilometri in un angolo sperduto del Kentucky, che ha lo stesso obiettivo. Roman si sente responsabile della morte della sorellina, annegata mentre era affidata a lui un pomeriggio di un anno prima; non esce da mesi, è guardato a vista dai suoi genitori e ha rinunciato a tutto, compresa la carriera di giocatore di basket. Aysel invece non ha un posto suo: vive con la famiglia della madre da quando il padre è in prigione per aver assassinato, in un attimo di follia, un brillante studente dal promettente futuro sportivo. Tutti la guardano, la indicano e lei fugge, temendo di portare in sé il germe della pazzia paterna e cercando di allontanare gli altri dalla proprio tristezza.

Concepire e dettagliare i piani di un suicidio significa doversi incontrare, parlare, in qualche modo scoprire; significa mettere tempo nell’ascolto e nell’osservazione dell’altro e poi finire – chissà – a vedersi con gli occhi di quella persona e a intravedere una luce, una speranza nei propri occhi, una postura più fiera di quella che ci si è cuciti addosso. Tutto il tempo che il lettore passa insieme ai protagonisti è attraversato e accompagnato da elementi di fisica, la materia preferita di Aysel. Come il professore chiede agli alunni di fotografare i concetti studiati in classe nel quotidiano, così la ragazza applica le teorie a quel che sente e vede intorno, in particolare quella delle relatività, ma anche il fatto che l’energia viaggia e viene trasmessa quando la gente presta attenzione. Forse l’amore non è allora che coinvolgimento che spinge a prestare attenzione, trasformando così l’energia potenziale dell’altro in energia cinetica. Il modo in cui Roman disegna Aysel sul suo blocco fa scoccare la scintilla: la ragazza sulla carta ha qualcosa in sé che Aysel non ha mai immaginato di portare in sé, di poter sentire finché non è stato lui a leggerglielo addosso.

Un finale non negativo, ma nemmeno scontato ricorda che il romanzo intreccia molti temi importanti: il rapporto con la famiglia e quello con le proprie origini (i genitori di Aysel vengono dalla Turchia, ma la madre fa di tutto per cancellare il passato), l’ambiente scolastico, l’idea che ci si fa di se stessi, la paura di travolgere chiunque con la tristezza, la necessità di essere visti davvero.

Il sito dell’autrice che sostiene #WeNeedDiverseBooks, associazione che si batte per la pluralità (di argomenti, generi, editori,…) nella letteratura per ragazzi. Il romanzo è tradotto ad oggi in 22 Paesi e i diritti cinematografici sono già stati opzionati dalla Paramount: non male per un esordio, no? La copertina originale ci piace assai perché non strizzava l’occhio a uscite passate (Green e simili) e a film, ma lascia che il testo sia semplicemente se stesso.

Jasmine Warga, Il mio cuore e altri buchi neri (trad. di Lorenzo Borgotallo), Mondadori 2015, 279 p., euro 17, ebook euro 6,99

Reato di fuga

12 Mag

reato-di-fugaNon si può non festeggiare la traduzione italiana di un altro romanzo di Christophe Léon che molti lettori avranno già apprezzato in GranPa’, storia densa e breve, spendibile anche con chi conta le pagine prima di prendere in prestito un libro 😉 Anche qui il tono è diretto, la prosa asciutta perché questo autore non spende parole più del necessario e quel necessario spesso è sottile e pungente come una freccia che rivela, nel suo colpire dritto nel segno, come quel di cui si parla possa corrispondere alla vita, alla realtà che qualcuno incontra.

Qui il racconto è fatto da due punti di vista, da un lato il quattordicenne Sébastien che narra in prima persona; dall’altro il diciassettenne Loïc che viene visto dall’esterno, da un occhio che gli dà del tu e che ne descrive i movimenti, le reazioni le giornate. A volte poi c’è un noi, quando i due ragazzi condividono una cena improvvisata, una fretta giornata di pesca in riva al fiume o una partita a domino intorno al letto d’ospedale della signora Marchadet. È la madre di Loïc, finita in ospedale dopo esser stata investita da un pirata della strada, aver passato parecchio tempo in coma ed ora, risvegliatasi, con la memoria alterata che confonde, cancella pezzi del passato, rimescola nomi. Alla guida dell’auto che l’ha investita c’era il padre di Sébastien e il ragazzo era al suo fianco, verso la casa di campagna dove trascorrono insieme il fine settimana. L’uomo ha inscenato un incidente, ha dato fuoco all’auto e ha fatto promettere al figlio di dimenticare tutto, comportandosi come se nulla fosse accaduto. Ma Sébastien cerca traccia on line dell’incidente, trova il numero di telefono di casa Marchadet e dà un volto a Loïc: i due si avvicinano, condividono le loro realtà, le loro situazioni familiari e quell’inizio di amicizia vede l’ombra del segreto allungarsi e poi assottigliarsi nel dubbio.

Come molti altri testi di Sinnos, anche in questo caso viene utilizzata una font ad alta leggibilità per venire incontro a chi ha problemi di lettura come la dislessia. La copertina è di Eleonora Antonioni.

Da questo romanzo è stato tratto un film per la tv francese dove Eric Cantona interpreta il padre del protagonista. Il sito dell’autore.

Christophe Léon, Reato di fuga (trad. di Federico Appel), Sinnos 2015, 153 p., euro 10,50

La cosa più incredibile

5 Feb

cosa piu incredibileIn un compito per le vacanze è richiesto agli studenti di raccontare la cosa più incredibile che sia mai successa loro. Ivan De Rossa, dodici anni, in apparenza scontroso ma molto sensibile, affronta questo compito con impegno, tanto gli preme raccontare la cosa davvero eccezionale e vera, fin nei minimi dettagli, che gli è capitata; mica una di quelle storie banali intrise delle più noiose melensità che racconta il prevedibile Alberto Pitelli, il secchione della classe, ma una vera storia dove nel corso ordinario delle cose irrompe lo straordinario che sconvolge le consuetudini della realtà. L’inverosimile è accaduto a Ivan e ai suoi amici: i due gemelli, diversi tra loro, Paolo e Pietro Contaldi; Melania Giacosa, coetanea pressoché perfetta di Ivan, perché un solo giorno differenzia la loro età di nascita; Rudy Scannarò, bello e atletico, un po’ più grande degli altri e un po’ più saggio. Abitano tutti nello stesso condominio, appartamenti tutti uguali, nella “ridente cittadina” – come dice il padre di Ivan – di Brevie, alle porte di Torino. Famiglie che più o meno si assomigliano, problemi economici che condizionano le scelte di tutti, stesse attenzioni e pressioni sui ragazzi, stessi divieti, alcuni passatempi condivisi e soprattutto un modo inconciliabile di vedere le cose tra ragazzi e adulti. Infatti, secondo Ivan, la cosa più incredibile ha inizio proprio da una grande fregatura. I genitori dei ragazzi disattendono la promessa di andare a vedere tutti insieme il film horror La casa nella brughiera, all’improvviso risultato “spettacolo inadatto”; a pensarci bene tanti altri piccoli fatti, tante altre questioni concorrono all’inizio della cosa incredibile. Ma la questione centrale rimane la certezza da parte dei giovani protagonisti di aver subito ognuno gravi torti da parte dei genitori. Ivan, poi, tanto è infuriato, stende addirittura un elenco minuzioso di tutte le ingiustizie subite in famiglia. E sì che sono tante, tutte per colpa della privilegiata sorella Irene, vegana convinta, creduta erroneamente dai genitori un angelo del paradiso studentesco, che, con la scusa degli esami universitari da preparare, fa in modo che le incombenze più noiose ricadano sulle spalle del povero Ivan. Risentiti per i divieti subiti, i cinque amici si trovano a desiderare profondamente, e in contemporanea, la sparizione dei loro familiari. Con l’irrompere di questo desiderio cominciano a manifestarsi fatti inspiegabili, visibili solo a loro. Dalla Realtà Realtà precipitano in una Reltà Alternativa, controllati e messi alla prova – come personaggi delle fiabe – da due personaggi inquietanti, Franz, l’uomo vestito di bianco e Otto, un nano motociclista.
Il romanzo di Christian Frascella, autore dell’indimenticabile romanzo d’esordio “Mia sorella è una foca monaca” (Fazi 2009), disegna e indaga con levità e profondità il mondo dei preadolescenti facendo spesso sorridere. Da tempo non mi succedeva di leggere un romanzo per ragazzi/per tutti, di un autore italiano, che ci avvicinasse in maniera così convincente a quel nodo intricato che si crea sul finire dell’infanzia in cui si intrecciano fittamente incomprensioni, sentimenti oscuri, desiderio di cancellare ciò che è, bisogno di rassicurazioni, di essere liberi, di strappare le radici, di essere accolti. È bello il linguaggio in queste pagine. Quel linguaggio che l’autore presta alla penna di Ivan intento a scrivere fogli su fogli per il suo compito, con l’intenzione di non tralasciare nulla. Nello svolgimento lambisce il romanzo epistolare, il diario, la fiaba, il racconto horror. È un linguaggio autentico che rivaluta la parola, infatti, “le parole e i desideri da cui scaturiscono sono fondamentali” viene detto da Franz ai protagonisti. In fondo crescere, oltre che imparare a non arrendersi e a fidarsi degli altri, è anche imparare a usare le parole, pensarle per guardare meglio dentro di sé e per comprendere il mondo degli altri.

Il blog dell’autore.

Christian Frascella, La cosa più incredibile, Salani 2015, p. 285, euro 14,90, ebook euro 9,99

E la chiamano estate

14 Ago

E la chiamano estateE la chiamano estate, anche quando il meteo non rispetta le attese, anche quando non è tempo di vacanze, anche quando qualcosa scarta rispetto alle attese. Chi di voi conosce la magica possibilità di avere un luogo in cui ritornare da sempre per un certo periodo di tempo l’anno, in cui fare per una stagione radici che rimangono salde durante tutto l’anno ovunque si vada, ritroverà esatte e perfette le sensazioni che aprono e chiudono le pagine di questo fumetto. Arrivare nel luogo conosciuto da sempre, cercare le certezze e scoprire le differenze, accordarsi con un tempo che scorre in qualche modo a sé e correre a cercare gli amici, quelli a cui ci sono mesi da raccontare nonostante sembri di non essersi mai lasciati. Poi, alla partenza, raccogliere profumi, sensazioni, immagini da portarsi via. In mezzo invece ci sono le novità che ogni estate porta con sé, segnata – nel caso della protagonista – dall’adolescenza, dal corpo che cambia, dallo sguardo un po’ obliquo di chi sta crescendo.

Rose frequenta Awago Beach ogni estate da quando è bambina. Sono identici i riti del viaggio, le battute di suo padre, il cottage e la stanza in cui dorme. Ed è identica la sua amica del cuore, Windy, la stessa da quando ha cinque anni. Ma su quest’estate pesa la tensione tra i genitori di Rose, la tristezza della sua mamma per un nuovo bambino mai arrivato, i silenzi, le liti. Quest’estate è anche quella in cui Rose e Windy si accorgono che forse non ha più senso costruire un fortino o raccogliere sassi; in cui il divertimento è affittare film dell’orrore che non potrebbero vedere per poi accorgersi deluse di quanto si notino i trucchi per gli effetti speciali; in cui osservare un gruppo di ragazzi più grandi, cercando di capirne dinamiche e segreti.

Il racconto dell’estate passa attraverso lo scorrere delle giornate e i rimandi di Rose verso ricordi degli anni precedenti e i pensieri che quel che sta vivendo le suscita. Un contrappunto di racconto, di silenzi e suoni quotidiani, dove c’è posto per parlare di amicizia, di famiglia, di aspettative, di innamoramenti; per farsi domande sul sesso, sulla paura e sulle tette. Dove si intravedono le sfumature, i gesti, le ferite, i legami che contribuiscono a costruire chi sta crescendo, insieme al luogo, dove ritornare ogni estate, dove dare giusta misura all’anno che è passato, dove fare anche rifugio.

Una meraviglia che condensa, nell’essenzialità che non necessita di fronzoli o sbavature (nel racconto come nel tratto grafico), la faticosa bellezza del crescere. Non potete perderlo.

Il sito di Jillian Tamaki e il suo tumblr. Il blog di Mariko Tamaki.

Jillian Tamaki – Mariko Tamaki, E la chiamano estate (trad. di Caterina Marietti), Bao publishing 2014, 317 p., euro 18, disponibile anche su GooglePlay, AppStore e Kobo euro 8,99

Crack! Un anno in crisi

24 Giu

murail_crack

Ritratto di famiglia in un interno, potremmo dire di questo nuovo romanzo di Marie-Aude Murail che ci presenta i quattro membri della famiglia Doinel come entità separate, ciascuno singolo durante la giornata, riuniti solo in occasione della cena e nel finale. Seguiamo i loro pensieri, le loro riflessioni, i sogni di una fuga e una vita diversa davanti alla fotografia di una yurta mongola piantata in Bretagna che campeggia sulle pagine di una rivista in cui tutti si imbattono in casa.

Charline si fa chiamare Charlie, ha quattordici anni e vive immersa nel mondo dei manga che divora, scoprire una certa affinità di letture e una complicità con lo strambo compagno di classe chiamato da tutti il kolchoziano dà una svolta alle sue giornate; il fratellino Esteban, vittima dei bulli a scuola per la sua bassa statura, inventa ingranaggi, modi di salvare il pianeta, metodi per mettere in crisi la psicologa da cui viene mandato; la madre è satura del suo mestiere di insegnante e il padre si trova a fare i conti con la riorganizzazione della ditta di cui è responsabile, assorbita da una più grande.

Il libro contiene uno spietato quanto veritiero ritratto del mondo del lavoro dei genitori dei protagonisti: quello del padre descrive la riorganizzazione di un’azienda attraverso  l’esternalizzazione dei servizi, il licenziamento dei dipendenti e la pressione esercitata su di loro in base ai loro problemi e a vicende del passato, senza praticamente calcolare il lato umano. Quello della madre, insegnante in una scuola materna, suona vero e quasi terribile nelle canzoncine, nelle attività fatte svolgere ai piccoli alunni, nelle schede di valutazioni pressanti che distribuiscono C e A in base a come vengono riempiti coi semi i vasetti dello yogurt. Nemmeno i nonni ne escono così bene, ma il tutto – la famiglia, i compagni di scuola dei ragazzi, i colleghi di lavoro dei genitori, le persone che incontrano – è il ritratto di una varia umanità nelle sue diverse sfaccettature, più e meno edificanti.

Marie-Aude Murail, Crack! Un anno in crisi (trad. di Federica Angelini), Giunti 2014, 253 p., euro 8,90

La prima volta che sono nata

19 Nov

cuvellier

La prima volta che ho sfogliato questo libro ero seduta per terra, a Montreuil, e la gente girava intorno e disegnava ombre sulle pagine, passando. La prima volta che ho letto questo libro ho pensato che la frase che mi piaceva di più tra tutte quelle che contiene era “la prima volta che ho sentito della musica, non era la prima volta”, però ce n’erano tante altre che non erano male. La prima volta che ho regalato questo libro era ancora la versione francese; l’ho dato alla mia mamma e poi mi sono chiesta se leggendo la prima parte lei avesse pensato a me o a lei stessa bambina: perché questo è un monologo tondo di una bambina che racconta di sé attraverso le prime volte (il primo strillo, la scoperta dello specchio che “risponde”, gli amici, i litigi, il dolore della perdita, la consolazione, il treno, il reggiseno, i primi tredici anni, il primo bacio, la prima rottura, il primo cibo bruciacchiato, …) e che a furia di prime volte cresce e il lettore scopre che sta raccontando alla bambina che le è nata tutto quanto per dirle che, insieme a lei, è rinata una seconda volta.

La prima volta che ho chiuso questo libro ho pensato che era dolce, profondo, non stucchevole come può capitare quando si fa un libro del genere (e probabilmente ciò accade perché questo suona spontaneo e a tratti geniale, e non sa di costruito come succede in altri casi), che mi faceva gioia con quella punta di malinconia delle cose belle che non sono di tutti. La prima volta che ho finito questo libro ho pensato “chissà quando lo traducono in italiano” e finalmente adesso c’è, libro da leggere insieme per sorridere, da soli per commuoversi, da adottare in un progetto come Nati per Leggere e non solo.

La prima volta che ho visto il mare – sicuramente – “lui ha detto: Che grande che è, che bella che è, che occhi blu che ha”. 😉

Il blog di Cuvellier. Il sito di Dutertre. Questo libro è anche stato messo in musica: ne potete ascoltare un estratto, naturalmente nella versione originale, letto e cantato.

Vincent Cuvellier – Charles Dutertre, La prima volta che sono nata (traduzione di Paola Balzarro, a cura di Teresa Porcella), Sinnos 2013, 104 p., euro 13

Che forza papà!

6 Mar

Che forza papàTornano i bambini protagonisti di Di mamma ce n’è una sola?, questa volta ovviamente alle prese coi papà. Papà che aggiustano automobili e altri che aggiustano animali; papà che stirano e altri che fanno le pulizie; un papà o due papà. E ovviamente il solito Mario sapientissimo che ha un papà di definizione inglese: single. Confronto a suon di “mio papà è così e cosà” per scoprire che i papà mettono cerotti, fanno i giochi di ombre, leggono storie, fanno il bucato arcobaleno e spaventano i mostri.

Una cosa sola: tra le diverse immagini del papà che si dedica ai lavori domestici, c’è “mio papà aspira la polvere”. L’illustrazione mostra il babbo impegnatissimo con l’apirapolvere, ma io leggendo mi sono immaginata un papà che aspirava la polvere letteralmente… ops!  🙂

P.S.: sapete vero cosa succede a leggere degli albi simili in un incontro di lettura coi più piccoli? Che cominciano a raccontarvi come sono DAVVERO le loro mamme e i loro papà e dopo un po’ – care creature – scatta l’occhiata d’intesa con la maestra…

Isabella Paglia – illustrazioni di Francesca Cavallaro, Che forza papà, Fatatrac 2013, 48 p., euro 13,90

Molto prima di te

25 Lug

Quando ero piccola piccola misuravo i costi delle cose in Playmobil e il tempo in “io c’ero? No? Neanche nei pensieri?”. Questo libro comincia proprio “molto prima di te”, comincia dai pensieri, addirittura prima dei pensieri.

Comincia con un percorso di crescita, da un bambino che disegna un omino di macchie e poi uno di pane e uno di caramelle e uno di sassi che rotola nel torrente e via via, crescendo, fa omini di vita che durano poco, pur incuria, per intemperie, per intervento di pasticcioni che rovesciano o di golosoni che divorano. Finché il bambino diventa uomo, incontra una mamma e arriva un bambino d’amore che rimane.

Un percorso di vita che sembra quasi una conta, che nella più essenziale semplicità dice con leggerezza di come si nasce, nei pensieri non pensati prima ancora che in carne ed ossa e a cui le tavole di Mandana Sadat (alle prese qui con un papà e un bambino, dopo la bambina in attesa della mamma in Sera d’inverno, Boehm Press, 2006) danno la dolcezza che ne fa piccola poesia anche per i grandi.

Un albo che porta in apertura una frase di Serge Gainsbourg (!): “Ma chi esiste senza amore?”. Lo stesso amore che in migliaia di chilogrammi, tonnellate di litri, centinaia di centimetri, bilioni di molecole e miliardi di chicchi, il papà di Coline Irwin le invia da oltre Atlantico da quasi trent’anni. Lei li ha condensati in quello che per me è forse il più bel libro sull’amore di un papà che cerca di dare alla sua bambina la misura del suo bene per lei. Lo conta, mentre si parlano al telefono, nel numero delle lettere di tutti i libri che leggono insieme, delle pecore che i bambini del mondo contano per addormentarsi, dei giorni in cui pareva non germogliare mai quel seme piantato in giardino, degli aghi di pino caduti durante le loro passeggiate, dei fiocchi di neve accarezzati… un piccolo libro quadrato, fotografie a sinistra, evocazioni di ricordi a destra.

Rascal – Mandana Sadat, Molto prima di te (trad. di Tommaso Gurrieri), Cult editore 2012, 44 p., euro 14

Coline Irwin, C’est autant d’amour que je t’envoie, Memo 2010, 68 p., euro 15