Tag Archives: Eoin Colfer

Clandestino

18 Ott

Colfer e Donkin, con Giovanni Rigano, hanno già lavorato insieme all’adattamento a fumetti di Artemis Fowl; qui invece danno corpo a una nuova storia, che prende spunto da tante voci e tante storie diverse , da ricerche e interviste sul campo che convergono nella singola storia di Ebo per dare un volto a chi affronta il deserto, il mare, il rovesciamento dei barconi pur di arrivare in Europa. Ebo ha dodici anni e vive in un villaggio del Ghana, ha una voce splendida per cui è noto a tutti, e un fratello che improvvisamente scompare: è partito per raggiungere l’Europa, dove vive la sorella di cui non hanno più notizie. Ebo non ci sta a rimanere solo ad aspettare e così raggiunge Agadez senza perdere la speranza di trovare Kwame: viene premiato e insieme i due partono. Il racconto procede per capitoli in cui Ebo – mentre è in mare su un gommone, poi su una nave più grande – torna indietro col ricordo e ripercorre la strada, le difficoltà, gli imprevisti, le fortune e le persone che ha incontrato. Gli autori riescono così a dare uno spaccato di storie diverse, di tanti tipi di speranza e di obiettivi e di un catalogo di destini: famiglie divise, persone che cadono dal camion che non si ferma a riprenderle, scafisti, trafficanti di uomini, motori che si fermano, barche che si rovesciano, vite salvate e vite affondate.

Il risultato è un racconto credibile che permette al lettore di avere di fronte tante testimonianze vive, una narrazione-documentario che ha dalla sua la forza dell’immagine e del fumetto, che sceglie di essere minimo (solo l’essenziale, nei dialoghi e nei pensieri di Ebo) e per questo vincente.

Eoin Colfer – Andrew Donkin – ill. Giovanni Rigano, Clandestino (trad. di Tommaso Varvello), Mondadori 2017, 140 p., euro 14

Annunci

Fred l’amico immaginario

13 Lug

fred-l-amico-immaginarioAl tratto di Oliver Jeffers è difficile resistere, figuriamoci se poi accompagna un testo di Eoin Colfer. Si parla di amicizia e amici immaginari, di cui l’editoria ci ha recentemente assai deliziati (il romanzo Il mio amico immaginario, ma anche Le avventure di Jacques Papier fresco di Premio Andersen, e il Che cos’è un amico di Carminati e Valentinis). Si dice della solitudine che punge e fa male e si evocano gli ingredienti magici che, presenti nel medesimo momento, possono dare vita a un amico immaginario. Il problema è che sovente questo viene in fretta dimenticato per un repentino ritorno alla realtà e alle amicizie reali, e allora è lui a provare solitudine. Si parla anche di gelosia, di quel che succede quando arriva un terzo amico e sembra che l’equilibrio si guasti, mentre invece se ne sta semplicemente assestando uno nuovo, sempre che non si rovini tutto con pensieri bui anzitempo, musi e ripicche (come non ricordarci dell’albo Sulla collina pubblicato da EDT Giralangolo e recente Premio Andersen?).

L’albo racconta di Fred e delle caratteristiche di un amico immaginario, di Sam, l’amico reale che lui ha sempre sognato e di quel che succede quando entra in scena Sammy. Racconta di progetti, di spettacoli, di scherzi, di piani, di entusiasmi e fatiche, di un quartetto e di un duo. E di come non sia poi detto che gli amici immaginari spariscano per forza.

Il libro ha una giusta lunghezza per essere letto agevolmente da chi si muove a passi spediti nella lettura appena appresa e a cui quindi può far piacere leggersi una storia in autonomia, una storia illustrata.

Il sito di Jeffers. Il sito di Colfer.

Eoin Colfer – Oliver Jeffers, Fred l’amico immaginario, Mondadori 2016, 48 p., euro 15

Airman – Nato per volare

11 Mag

copj13.aspFine 1800, Connor Broekhart ha un grande sogno: riuscire a costruire una macchina in grado di volare. In realtà ha anche un altro sogno, altrettanto grandioso: riuscire a dichiarare il suo amore a Isabella. C’è un piccolo problema però: si conoscono da quando sono bambini ed Isabella è la principessa di un minuscolo regno su un isola resa ricca da una miniera di diamanti. A complicare il tutto si aggiunge un intrigo che porterà il giovane Connor a rinnegare se stesso e la sua nascita e a rinascere come Connor Finn, ladro e quasi assassino…

Un romanzo d’avventura che lascia con il fiato sospeso. Eoin Colfer ci stupisce ancora una volta, regalandoci un solido libro sulla passione per il volo, sulle passioni in genere e sulla capacità degli esseri umani di trovare la forza dentro di sè per resistere ad ogni circostanza.

Eoin Colfer, Airman – Nato per volare (trad. Angela Ragusa), Mondadori 2009, 376 p., euro 16

La storia a fumetti. Artemis Fowl

3 Nov

Un’altra riduzione a fumetti di un bel libro per ragazzi. Le vicende di Artemis, che a quanto pare saranno a breve anche un film, vengono ridotte a fumetti dalla stesso autore, Eoin Colfer, che affida a Giovanni Rigano i disegni e a Paolo Lamanna i colori.

La vicenda narrata è quella del primo volume, dove facciamo la conoscenza di un giovane Fowl intento a  ingannare il Popolo. Fanno qui la comparsa tutti i personaggi principali della saga: Spinella Tappo, il centauro Polledro, il capitano Tubero, Leale e il miglior personaggio comico degli ultimi anni, il mitico nano cleptomane Bombarda Sterro. Il solo Bombarda  e la spiegazione del metodo di scavo dei nani valgono la lettura di tutti i libri della serie.

Colfer – Donkin – Rigano – Lamanna, La storia a fumetti. Artemis Fowl (trad. Giampaolo Simi), Buenavista 2008, 112 p., euro 9.90

Click. Dieci voci, una storia

23 Mag

Le fotografie sono una forma di sopravvivenza alla morte che anche i ragazzi possono capire, dice Nick Hornby a margine di questo lavoro. La fotografia è il mestiere del protagonista di questa storia, George Keane, fotoreporter che ha ritratto i grandi avvenimenti e i personaggi importanti del secondo Novecento. Un protagonista assente perché la vicenda si apre sulla sua morte, un protagonista in senso assoluto perché il suo sguardo, le sue fotografie, i suoi viaggi sono l’essenza della storia stessa. Una macchina fotografica e una scatola di conchiglie lasciate in eredità ai due nipoti permetteranno loro di imparare a vedere.
Un romanzo singolare nato dalla penna di dieci famosi autori (in ordine, Linda Sue Park, David Almond, Eoin Colfer, Deborah Ellis, Nick Hornby, Roddy Doyle, Tim Wynne-Jones, Ruth Ozeki, Margo Lanagan, Gregory Maguire)che hanno scritto ciascuno un capitolo della storia dove è possibile rintracciare lo stile e le peculiarità di ciascuno: in alcuni casi, l’intreccio è curato al punto che quasi non si sente il passaggio da una penna ad un’altra.
Parte dei diritti del libro saranno devoluti ad Amnesty International, proprio perché si parla di diritti umani.

Click. Dieci voci, una storia, Rizzoli 2008, 267 p., 16 euro.