Tag Archives: ebrei durante la seconda guerra mondiale

L’argine

18 Apr

l-argineL’argine come terrapieno che contiene e acque di un fiume, come riparo, come difesa, ma anche in un certo senso come confine. L’argine che dà titolo a questo fumetto prezioso è quello del fiume Senio, che nasce in Toscana e va a buttarsi nel Reno, qui nel suo tratto nella bassa ravennate, vicino a Cotignola, nel preciso momento storico dell’aprile 1945. Da una parte il paese e dall’altra i campi; da una parte gli abitanti rimasti e le case abbandonate e dall’altra il fronte della guerra che non avanza, gli Alleati che non passano e mandano aerei a bombardare. Ma l’argine può anche essere inteso come atto di resistenza, come argine contro la violenza e l’assurdo (nel gesto estremo di un prete e un capo partigiano uniti da un lenzuolo bianco per chiedere di risparmiare gli abitanti sopravvissuti ai precedenti bombardamenti), come difesa a favore della vita: non si raccontano solo la guerra, gli scontri, la fucilazione dei partigiani, ma anche la generosa ospitalità della comunità di Cotignola che nascose  e salvò tanti ebrei, grazie al coinvolgimento corale orchestrato da Vittorio Zanzi, macellaio antifascista che ricopriva il ruolo di commissario prefettizio.

La storia della comunità cotignolese viene raccontata attraverso gli occhi di un bambino, il piccolo Frazchì che deve attraversare l’argine con la capra Ninetta, unica ricchezza della famiglia, per portarla a ingravidare qualche chilometro più in laà, lungo l’argine appunto, e che si porta appresso i segnali che coglie, le minacce fasciste, il segreto degli ebrei nascosti. Ed è un altro bambino ad ascoltare, il nipote a cui il nonno Frazchì racconta l’episodio dell’infanzia, la grande paura, mediandolo attraverso la tradizione di paese della festa della Segavecchia, carnevale di Quaresima.

La particolarità del fumetto, che ne segna una felice riuscita grafica e narrativa, è la capacità di mescolare due stili differenti: quello morbido, dai colori leggeri di Marina Girardi, e quello dalle linee nette di Rocco Lombardi, quasi a segnare aspetti diversi del quotidiano di Frazchì, l’irrompere della violenza (quella quotidiana della lotta vicina, fatta di minacce e di fucilazioni, di parole e di spari, e quella improvvisa dei bombardamenti), la scelta di mescolare realtà e sogno. Ne nasce un racconto che avvolge il lettore come la nebbia col piccolo protagonista e le tavole dove i due stili si intersecano sono davvero imperdibili.

Arrivate fino in fondo alla lettura, fino alla postfazione di Massimiliano Fabbri del Museo Civico Luigi Varoli, che sottolinea, ricorda, fa memoria e insieme dice anche dell’utilizzo del linguaggio del fumetto, del linguaggio grafico, della possibilità di sguardi e linguaggi plurimi anche nel fare memoria.

Il blog di Marina Girardi. Il blog di Rocco Lombardi.

Marina Girardi  – Rocco Lombardi, L’argine, Becco Giallo 2016, 135 p., euro 15

Lev

26 Gen

LevCome sanno molti di voi che quotidianamente lavorano con bambini e ragazzi, si ottengono buoni risultati con la condivisione in lettura ad alta voce di testi di qualità che raccontano “storie vere”, quelle storie che sempre affascinano proprio per l’aggancio con la realtà, vicina o lontana che sia. Tra le diverse proposte editoriali in occasione del Giorno della Memoria, ecco un albo che parla dei kindertransport che, tra il 1938 e il ’39, nei mesi successivi alla Notte dei Cristalli,videro il Regno Unito accogliere quasi diecimila bambini ebrei accogliendoli e sistemandoli in famiglie, scuole, fattorie.

Il libro permette, attraverso la voce di Lev, di percorrere le vicende di un bambino ebreo e della sua famiglia, separati dal tentativo di salvarsi e poi riuniti a Londra. E sono, appunto, vicende vere: Lev Nelken aveva dodici anni nel 1938, viveva a Breslau ed era un appassionato di francobolli; racconta il progressivo montare dell’odio verso gli ebrei, le proibizioni, i tentativi di scappare, la necessità di denaro che garantisca – come la Gran Bretagna richiede – per il trasporto e in più di soldi per mantenimento e istruzione, la partenza della sorella, la fatica del ragazzo, la solitudine, la fame, il sentirsi isolato nella famiglia che lo accoglie non solo a causa della lingua, ma anche dell’atteggiamento di chi gli sta accanto.

Le illustrazioni accompagnano e suggeriscono letture più approfondite e suggestive oltre il testo (le espressioni dei volti, la pioggia di bottoni che si fa speranza di aiuto), ma sono le parole di Lev a suonare tanto familiari e tanto attuali, specie quando dice “Pensiamo di andare via (…) ma nessun Paese ci vuole. Siamo intrappolati. Qualcuno chiede che vengano dati permessi d’immigrazione almeno ai bambini. Che almeno loro possano salvarsi trovando rifugio all’estero”

L’albo è in doppia lingua: testo italiano ed inglese appaiati sulle pagine.

Il sito dell’autrice.

Barbara Vagnozzi, Lev, Gallucci 2016, 28 p., euro 14

La porta di Anne

13 Gen

porta di anneSi avvicina la ricorrenza del Giorno della Memoria e, come ogni anno, fioccano proposte narrative a tema; il compito di chi propone letture ai ragazzi è anche in questo caso quello di individuare i libri che suonano veri e sinceri, le scritture di qualità, i testi che tornano su personaggi conosciuti e sanno dare una lettura originale e nello stesso tempo coinvolgente e non scontata. Siamo allora felici di potervi raccontare di questo libro, l’ennesimo su Anne Frank potete dire, ma un testo – vi diciamo noi – che sa riproporre la vicenda di Anne in modo nuovo. Sicuramente il “Diario” è ancora il testo più richiesto in lettura dai ragazzi, sulla scorta delle indicazioni degli insegnanti, spesso arrivano a chiederlo al bancone della biblioteca ragazzini che potrebbero – per età e capacità di lettura – scegliere e apprezzare meglio altri libri che testimoniano parimenti della persecuzione degli Ebrei durante la Seconda Guerra Mondiale.  A volte sono gli stessi ragazzini che lo richiedono perché conoscono il nome di Anne, sommariamente sanno la vicenda e sono affascinati dall’idea di leggere di una storia vera.

Questo romanzo ha la capacità di andare oltre la vicenda di Anne e di ricordarci che non era sola: ci racconta infatti degli abitanti dell’Alloggio Segreto che con lei divisero quei due anni di clandestinità, attraverso il meccanismo affascinante di dire e di far vedere al lettore attraverso occhi diversi. Le poche ore dal risveglio all’arresto in quel 4 agosto 1944 vengono infatti narrate da ciascuna delle otto persone che abitano silenziosamente le stanze; le loro voci svelano pensieri, attitudini, sogni e permettono all’autrice di dare un quadro del quotidiano, di fare un inquadramento storico e nello stesso tempo di sottolineare i caratteri, le caratteristiche e insieme i sogni dei più giovani come degli adulti. A loro si aggiunge un punto di vista esterno, ma complementare: quello del sottoufficiale austriaco che fu incaricato si stanare gli ebrei e di eseguirne l’arresto. Il lettore ha allora la possibilità di leggere di due fronti diversi, di vedere paure, timori, spavalderie, sogni; di rintracciare il breve attimo in cui il sottoufficiale – difronte alla scoperta dell’uniforme dell’esercito con cui il padre di Anna ha partecipato alla Prima Guerra Mondiale, davanti alla giovinezza, agli sguardi intelligenti delle ragazze – tentenna, scopre un angolo di umanità, subito ricacciato indietro dall’adesione certa all’assurdo dovere dell’obbedienza.

Se dobbiamo scegliere una nuova lettura per i ragazzi per il Giorno della Memoria, eccone dunque una originale e meritevole, corredata da un apparato di note storiche, cifre, bibliografie per approfondire. Se arrivate fino in fondo (e fatelo, fatelo sempre perché i ringraziamenti finali, come l’esergo, dicono molto di un autore, di un momento di scrittura, del perché sottaciuto di un testo) scoprirete che questo romanzo non è solo stato scritto dalla sua autrice e illustrato da un’illustratrice, ma voluto da un editor che ha saputo pensare alla necessità di un testo di questo tipo e mettere lungimiranza nel progetto. Per cui vi si restituisce il gusto di un libro voluto, pensato e ricco.

Il sito dell’autrice. Il blog dell’illustratrice.

Guia Risari – ill. di Arianna Floris, La porta di Anne, Mondadori 2016, 176 p., euro 16, ebook euro 6,99

La bambina nascosta

14 Lug

bambina nascosta

Alla Fiera di Bologna del 2013 credo di aver fatto una sorta di pellegrinaggio tra gli stand francesi portando in più riprese più persone a vedere questo fumetto: lo trovavo essenziale e delicato allora e non posso non apprezzare la possibilità di offrirlo ora in lettura anche in italiano. La chiara semplicità delle immagini (coi colori che Salsedo ha azzeccato al massimo) e la modalità narrativa – che suggerisce, che lascia intuire al lettore quando può essere successo intorno alla piccola protagonista, che offre briciole di storia per poi eventualmente approfondire – lo rende proponibile anche ai lettori degli ultimi anni della scuola primaria.

Scoperta commossa, o forse un po’ triste, nel cuore della notte, una nonna racconta la propria infanzia su richiesta delle nipotina. Racconta della guerra perduta dalla Francia e della vittoria della sua famiglia, visto che il suo papà è tornato vivo dal fronte; racconta la scuola, le amicizie, la normalità. Fino al momento in cui tutto cambia con la stella gialla cucita sul vestito: non una stella da sceriffo, come suo padre vuole farle credere, ma il segno che la identifica come ebrea, la relega in fondo alla classe, la rende invisibile agli occhi dei compagni, la fa maltrattare dall’insegnante. Dounia racconta i mutamenti della sua vita di bambina, fino alla notte in cui i genitori, giurandole il loro amore, le chiedono di nascondersi in un armadio e rimanere muta nonostante le urla e i rumori che sente. Una vicina la recupera e una catena di persone si occupa di lei e della sua salvezza, nascondendola in campagna.

Il fumetto racconta, attraverso Dounia, la vicenda simile di tanti bambini ebrei che furono salvati nella Francia di Vichy e la vicenda di chi, civile, partigiano, membro di organizzazioni ebraiche si diede da fare per cambiar loro nome e trovare una sistemazione sicura; narra inoltre – cosa non scontata – anche la ricerca dei genitori, dei sopravvissuti al termine del conflitto, il peregrinare davanti ai muri tappezzati di fotografie che ritraevano i sopravvissuti ai campi.

Se masticate il francese, potete cercare il documentario o l’audiolibro che Gallimard ha tratto dal lavoro “Paroles d’étoiles” di Jean-Pierre Gueno dove sono raccolte tante voci e testimonianze di questi bambini.

Attorno a questo fumetto, l’AJPN – l’associazione degli Anonimi, Giusti e Perseguitati durante il periodo nazista nei comuni di Francia – ha costruito una mostra in dieci pannelli: sul sito potete vedere i materiali che la accompagnano e anche le diverse copertine delle edizioni straniere.

Il sito di Marc Lizano. Il sito di Loïc Dauvillier. Il sito di Greg Salsedo.

Marc Lizano – Loïc Dauvillier -Greg Salsedo, La bambina nascosta (trad. di Stefano Visinoni; impaginazione e lettering di Lucia Truccone), Panini 9L c2014, 80 p., euro 15

L’incredibile caso dell’uovo e del Raffaello perduto

16 Mar

l'incredibile caso dell'uovo

Theodora Tenpenny è abituata a scovare tesori: il nonno le ha insegnato a non buttare quello che può ancora essere riutilizzato e a recuperare qualcosa di utile in soffitta o per strada, tra quel che la gente accantona per poi gettar via e i marciapiedi di Manhattan possono celare vere sorprese. Quel che di certo non si aspetta è che, sotto il dipinto che da sempre è appeso sopra il camino nello studio del nonno, quello che ritrae un uovo, si celi un dipinto dal valore inestimabile, forse addirittura dipinto da Raffaello Sanzio seicento anni prima. Le ultime parole del nonno, quel che di arte le ha insegnato sembrano proprio portare in quella direzione allora la ragazzina si mette in caccia di notizie, di pareri, imbattendosi in una storia molto diversa che la porta a scoprire non solo il segreto sotto la stesura  superficiale di vernice, ma anche quello nella vita del nonno che, a differenza di quel che ha sempre raccontato, ha fatto la guerra, ha vissuto l’esperienza dell’internamento ed è stato uno dei Monuments Men la cui vicenda è stata recentemente raccontata in un film.

La ricerca procede per tentativi, intoppi testardaggini e va avanti per colpi di scena e grazie all’aiuto di tante persone che fanno sentire meno sola la protagonista, sulle cui spalle pesa il futuro della sua famiglia, con la madre immersa in teoremi e formule matematiche, e della vecchia casa in cui vivono. Il libro parla di arte, di artisti, di biblioteche pubbliche e bibliotecari, di amicizia e dei beni sottratti agli ebrei in Europa durante la Seconda Guerra mondiale. È un libro che fa ridere, che fa commuovere, che si legge d’un fiato; insomma, finalmente una nuova buona avventura per i lettori della scuola media, non a caso pluripremiata dai librai statunitensi. Una delizia da leggere e una carta vincente da consigliare.

Il sito dell’autrice. La mappa dei luoghi di Theo. L’illustrazione di copertina è di Matteo Piana.

Laura Marx Fitzgerald, L’incredibile caso dell’uovo e del Raffaello perduto (trad. di Giulia De Biase), Fabbri 2015, 223 p., euro 13,90, ebook euro 8,99

La bicicletta di Bartali

9 Mar

 

bicicletta di bartaliSono molti i testi che permettono di rendere più prossimi ai ragazzi le vicende storiche ed in particolare tante sono sempre le richieste che – specie intorno al Giorno della Memoria – arrivano a proposito di storie ambientate durante gli anni della Seconda Guerra Mondiale e relative all’Olocausto e alle leggi razziali. Molto apprezzate sono le testimonianze dirette di episodi reali e questo libro permette di far leggere una storia dal punto di vista non tanto degli ebrei la cui vita era in gioco, quanto di chi si è adoperato per aiutarli mettendo a repentaglio la propria vita. Lo fa riprendendo una vicenda che recentemente è tornata alla ribalta delle cronache nazionali grazie alla popolarità del suo protagonista, Gino Bartali, di cui narra i mesi tra il 1943 e il 1944 quando il campione di ciclismo si prestò a trasportare, nascosti nel telaio della sua bicicletta,  i documenti falsi per far espatriare molti ebrei, figura che percorreva chilometri e chilometri sotto la copertura dell’allenamento.

Il testo è accompagnato da una nota finale in cui Andrea Bartali racconta la discrezione del padre a proposito di questo momento della sua vita, il modo in cui gliel’ha raccontato tacendolo agli altri familiari e la bellezza e lo stupore di questa condivisione.

Il blog dell’illustratore.

Simone Dini Gandini – ill. Roberto Lauciello, La bicicletta di Bartali, Notes edizioni 2015, 61 p., euro 9,50

Questa storia è stata raccontata anche in un altro testo che potete presentare ai ragazzi, dove Antonio Ferrara narra la vicenda chcorsa giustae ha fatto di Bartali un Giusto tra le Nazioni, accompagnandola alle illustrazioni di Sandro Natalini. Un’occasione in più per rispondere alle richieste che i giovani lettori sovente fanno di “storie vere” che molto li appassionano, soprattutto quando si rifanno a periodi storici particolari. Si intitola La corsa giusta ed è edito da Coccole Books (128 p., euro 10). Ferrara sceglie l’escamotage di prestare la voce a Bartali, per cui il racconto è in prima persona e riprende un po’ di storia del ciclista, di come ciclista è diventato, immergendo il lettore nell’atmosfera degli anni Trenta e Quaranta. Proprio la scelta della prima persona e la fluidità della narrazione lo rendono adatto anche per la lettura ad alta voce di alcuni brani, che risulterà sicuramente coinvolgente. Ne potete leggere un estratto qui.

In piedi nella neve

19 Feb

9788866562368

Attraverso gli occhi di una ragazzina questo libro ripercorre i mesi successivi all’Operazione Barbarossa voluta da Hitler nel 1941, con l’invasione nazista dell’Ucraina, la resistenza partigiana per le vie di Kiev, la riduzione dei civili ucraini in “sub-umani” al servizio dei tedeschi, il massacro degli ebrei uccisi a freddo e gettati nel Babij Jar ai margini della città, la fuga verso Odessa e la salvezza per chi poteva permetterselo.

Sasha non è però una ragazzina qualsiasi, bensì la figlia di Nicolai Trusevyč, il portiere della Dynamo Kiev, la squadra più forte del Paese. La incontriamo nel 1942, nei mesi finali del suo anno scolastico che sta scivolando verso le vacanze estive; la sua famiglia vive in un alloggio di fortuna, dopo aver perso la casa durante i primi attacchi nazisti e suo padre lavora nel panificio sottostante: insieme ai compagni di squadra, ha combattuto nelle file della Resistenza per difendere la propria città, è stato catturato dai tedeschi e rinchiuso nel campo di Danzica, da cui è uscito solo dopo aver firmato una dichiarazione di lealtà al regime nazista ed ora è un prigioniero di guerra. Impasta e inforna ogni giorno accanto ai compagni di squadra, assunti da un grande tifoso convinto di poter far rinascere la squadra di calcio, anzi iscriverla al campionato cittadino organizzato dagli invasori.

Il libro racconta la settimane che precedono le partite, quegli incontri che i giocatori ucraini dovrebbero sistematicamente perdere per aver salva la vita, ed in particolare il match del 9 agosto, quando i giocatori sfidarono a viso aperto il regime, scendendo in campo con le divise rosse come la bandiera del loro Paese, gridando “Fitzcult Hurà!” (“Viva la cultura fisica” con quell’ “Hurà” che ricorda il grido dei soldati dell’Armata Rossa) anziché fare il saluto nazista. Parallelamente racconta il punto di vista della protagonista, il suo desiderio di giocare a calcio nonostante sia una femmina, i divieti, le paure, la grande amicizia con una coetanea di origine ebraica, la fatica di crescere, la scoperta del primo amore.

Una buona lettura che invita i giovani lettori a conoscere episodi storici di cui sicuramente poco conoscono, un modo per spostare il baricentro dell’analisi della Seconda Guerra Mondiale rispetto ai temi e alle aree geografiche che di solito vengono trattati coi ragazzi; sono tanti i temi che l’autrice mette in testa e intorno alla sua protagonista, forse in alcuni casi avrebbero meritato un respiro più ampio per coinvolgere maggiormente il lettore senza lasciare molto detto solo in superficie.

La “partita della morte” ha ispirato diversi lungometraggi, tra cui il celebre Fuga per la vittoria (1981) che stravolge però ambientazione e cronaca storica e il più recente e controverso film russo Match, uscito nel 2012.

L’illustrazione di copertina è di Iacopo Bruno.

Nicoletta Bortolotti, In piedi nella neve, Einaudi Ragazzi 2015, 181 p., euro 11

La città che sussurrò

26 Gen

La_città_che_sussurrò Le illustrazioni di questo albo – disegnate con un tratto che pare perfetto per il fumetto – hanno toni scuri: blu e grigi che virano al nero, al verde, con qualche sprazzo di rosso qua e là. Sono toni che invitano alla cautela, al tenere bassa la voce aspettando quello che succederà nella pagina successiva. È bassa anche la voce della gran parte dei personaggi: solo i soldati con la svastica al braccio urlano per minacciare, intimidire, seminare il terrore. La ragazzina che porta per mano il lettore tra le pagine invece conosce l’arte e l’importanza del parlare a bassa voce, dell’usare poche parole, del far intendere con poco: sa che non bisogna mettere in pericolo quelli che a casa vengono chiamati “i nuovi amici” e che stanno in cantina, ma nel contempo sa anche che è importante non far sentire soli Carl e la sua mamma, poter dare loro del cibo e anche dei libri da leggere a lume di candela in attesa della loro partenza . Questo racconto celebra la fuga degli ottomila ebrei danesi quando i nazisti presero il potere nel 1943 ed in particolare quanto avvenuto a Gilleleje, piccolo villaggio di pescatori, dove un intero villaggio cospirò e respirò all’unisono, con tutta l’attenzione possibile per salvare circa 1700 ebrei, nascosti nelle case e poi indirizzati verso il porto, verso le barche che li avrebbero condotti fuori pericolo. Celebra così i tanti villaggi dove la popolazione unita seppe tessere reti nascoste d’aiuto e dove la salvezza di alcuni (tanti o pochi, a seconda dei casi e sovente della sorte) fu opera collettiva: sono tanti, sulle mie montagne in questi giorni ricordiamo ad esempio i gesti degli abitanti di Andonno, in Valle Gesso. La casa di Anett e della sua famiglia è un nido in cui si cova un segreto; un segreto sussurrato al fornaio, alla bibliotecaria, al contadino e a chi può dare un aiuto fidato; quando Anett dice che queste persone “accettarono di aiutarci e spargere la voce nel villaggio”, la voce si fa davvero tangibile: un sussurro che nella notte, di casa in casa, di tratto in tratto, diventa luce per permettere agli ebrei di trovare la strada per il porto. Oggi a Gilleleje ci sono delle pietre che ricordano i nomi degli ebrei che passarono e scamparono, così come in molti Paesi europei la memoria viene tramandata dalle pietre d’inciampo messe sui marciapiedi, davanti alle case, alle scuole. Un’altra pietra, un sasso a forma di cuore, sta nella tasca di Carl che lo ha raccolto durante l’ultima passeggiata sulla spiaggia insieme al padre: è il sasso che regala ad Anett chiedendole di ricordarsi sempre di lui. Scrisse Gabriele Romagnoli “Se in tasca avete una piccola pietra [rossa] offritela a chi può dare un senso alla vostra vita”… Il sito dell’autrice. Il blog dell’illustratore. Il booktrailer dell’albo. Jennifer Elvgren – ill. Fabio Santomauro, La città che sussurrò (trad. di Shulim Vogelmann), Giuntina 2015, 32 p., euro 15

Io voglio vivere

11 Feb

Più riguardo a Io voglio vivere

Mirjam Pressler offre in questo volume una sorta di lettura parallela del Diario di Anne Frank, facendone un complemento non solo per la lettura ma anche per la conoscenza della vita di Anne. I capitoli affrontano diversi temi utili ad avere un quadro più completo sulla vita di Anne, sul contesto storico, ma anche sulla pubblicazione dei diari.

Si parte dal fondo, potremo dire; si comincia infatti evocando quelli che possono essere stati i sentimenti del padre di Anne di fronte alla testimonianza scritta che gli restituiva la figlia perduta nel lager e lo faceva aprendogli gli occhi sulla sua sensibilità di ragazzina e sul suo talento di scrittrice.

L’autrice racconta – grazie anche a brevi note nel testo che spiegano e approfondiscono – dell’alloggio segreto, di ciascuno dei suoi abitanti, delle persone che li aiutarono nei due anni di clandestinità, dei cambiamenti nel suo corpo e nel suo guardare il mondo, del rapporto con Peter, dell’arresto e della deportazione, ma anche di come Anne aveva vissuto gli anni precedenti: la scuola, le amiche, le passioni.

Alcune fotografie allegate permettono al lettore di dare un volto alle persone di cui Anne parla nel Diario e di guardare i suoi occhi, il suo sorriso.

Il sito dell’autrice. Il sito di Matteo Corradini, di cui il libro contiene un commento finale a proposito dei luoghi dove ha vissuto/vive Anne.

Mirjam Pressler, Io voglio vivere. La vera storia di Anne Frank (trad. di Simone Buttazzi), Sonda 2014, 147 p., euro 14

Il bambino di Schindler

24 Gen

Pi\'f9 riguardo a Il bambino di SchindlerPer venti anni Leon Leyson si è chiamato Leib Lejzon e per quarant’anni ha praticamente taciuto il suo nome originario come la sua storia. Nato nel 1929 in un villaggio di campagna nel nordest della Polonia, arrivato a otto anni a Cracovia – dove il padre lavorava da un po’ di tempo – con in testa tutte le avventure che una grande città avrebbe potuto riservargli, conosce dopo un anno appena la durezza della guerra, viene rinchiuso nel ghetto con la sua famiglia e vive l’orrore del campo di Plaszów.

La fortuna sua e di parte della sua famiglia sta nell’essere assunti uno dopo l’altro da Oskar Schindler, alle cui dipendenze già il padre lavorava. Leon diventa il più giovane degli operai che il ricco industriale nazista protegge nella sua fabbrica, ottenendo di poter costruire un campo apposito dove trasferire operai ebrei e produzione in Cecoslovacchia. Così Il bambino, i suoi genitori, un fratello e una sorella si salvano e nel 1993, quando Spielberg consacra quella storia sullo schermo nel film “Schindler’s List”, viene alla ribalta anche la storia di Leon, che – trasferitosi in California nel 1949 insieme ai genitori, diventato insegnante – fino ad allora non ha raccontato nulla se non alla moglie e ai figli già adulti. Da quel momento comincia a raccontare e a testimoniare la sua esperienza in pubblico, in particolare nelle scuole, seguendo la medesima traccia che il libro ripropone, raccogliendone il racconto in prima persona.

Io oggi ho incontrato Leon Leyson. L’ho incontrato nonostante lui sia morto un anno fa. L’ho incontrato nel suo modo di raccontare, così semplice e sincero da catturarti come se ce l’avessi davanti, cosa che ne fa (grazie anche al buon lavoro di traduzione) un testo perfetto per la lettura ad alta voce. Perché queste pagine raccontano dal vivo e raccontano la storia di chi le ha vissute, partendo dall’infanzia, restituendo modi di vivere e sfumature di un’epoca lontana, osservando dalla prima fila la discesa agli inferi degli ebrei polacchi. Chi legge prende rischi col protagonista; piange il fratello di cui non si hanno notizie e quello messo a forza su un treno; sta in bilico su una cassetta per poter arrivare ai comandi della macchina alla fabbrica; esce dalla fila per gridare e farsi portare in salvo; incrocia gli occhi di Oskar Schindler, apprezza il suo modo di ascoltare.

Leyson non lesina nulla all’uomo che lo ha salvato; non nega le contraddizioni della sua figura come non nasconde le terribili atrocità di cui è stato testimone e il dolore che non ha più lasciato la sua famiglia. Insieme racconta i modi di resistere, nel ghetto e nei campi, nei rifugi e nelle fughe: mantenendo un minimo di normalità; facendo scuola di nascosto; allestendo commedie; innamorandosi; imparando ad andare in bicicletta; rispettando l’orario dei pasti anche se di cibo non c’era traccia. E mantenendo il proprio nome: Schindler aveva, ricorda l’autore, la capacità di ricordare il nome di ogni ebreo della sua fabbrica; li chiamava per nome mantenendo vivi la loro umanità e il rispetto per le loro persone, portandoli fino alla libertà.

La storia di Leon sul sito dedicato agli ebrei di Schindler e una sua videointervista. La copertina dell’edizione italiana è di Sonia Maria Luce Possentini.

Leon Leyson, con Marylin J. Harran ed Elisabeth B. Leyson, Il bambino di Schindler (trad. di Egle Costantino), Mondadori 2014, 189 p., euro 14, ebook euro 6,90