Tag Archives: Deborah Ellis

Il coraggio della libellula

29 Apr

Il-coraggio-della-libellula-Deborah-Ellis (1)Ammetto di non aver letto questo libro quando è uscito in libreria perché non sopporto molto tutta la serie di Parvana scritta dalla stessa autrice, non avendone per altro lei colpa, ma perché troppo sovente in questi anni gli insegnanti hanno mandato i ragazzi a cercare queste storie in biblioteca senza darsi occasione di segnalare altri libri, di vedere se c’erano altre storie simili, insomma come spesso succede. Lo recupero adesso, grazie a quella formidabile arma che è il passaparola e il racconto entusiasta che ti viene fatto e che incuriosisce; scopro così un thriller scritto (e tradotto) bene, che regge la tensione fino in fondo e che accompagna la trama ad un andamento temporale che mescola presente, passato, brani di diario e lettere, descrivendo in realtà la solitudine dell’adolescenza, il desiderio di sentirsi accettati dal gruppo anche a prezzo carissimo, la capacità di alcuni di essere comunque e sempre se stessi, di una lealtà pura fino in fondo.

Racconta della scomparsa di una bambina, poi ritrovata cadavere, da un campo estivo e dell’arresto della sedicenne Casey, che al campo era la responsabile del piccolo gruppo di cui faceva parte, attraverso la voce della miglior amica Jess, corresponsabile insieme a lei, dibattuta tra la grande amicizia e la sensazione di esser sempre stata tenuta ai margini: dal gruppo più in voga a scuola, che non l’ha mai considerata, e dal’amica stessa, impegnata a osservare e studiare insetti col sogno di diventare entomologa. Il tutto in una piccola cittadina della provincia canadese, dove tutti si conoscono, dove è semplice dire a posteriori “lo sospettavamo già”, dove tutti voltano immediatamente le spalle e pochi davvero – un’insegnante coraggiosa e la madre di Jess, considerate matte entrambe per motivi diversi –  sanno alzare la voce, prendere parte e tener alta la testa. Casey è innocente, ma basta un nulla per mettere in dubbio, per bollarla come strana e diversa, per fare di dicerie delle verità: Jess viene trascinata nel vortice di quel che tutti credono, ammaliata dal poter avere un attimo di notorietà e perde tutto il coraggio che l’amica le ha sempre attribuito.

Un libro duro come può essere dura la vita a volte, che mi ricorda altri due bei testi su argomenti simili, da cercare in biblioteca perché ormai fuori catalogo ma che merita recuperare per riproporre ai ragazzi: Sai tenere un segreto? di Jennifer McMahon (Terre di Mezzo, 2009) e Avete visto JJ? di Anna Cassidy (Mondadori, 1995).

Deborah Ellis, Il coraggio della libellula (trad. di Mara Pace), Rizzoli 2013, 200 p., euro 12,50

Annunci

Click. Dieci voci, una storia

23 Mag

Le fotografie sono una forma di sopravvivenza alla morte che anche i ragazzi possono capire, dice Nick Hornby a margine di questo lavoro. La fotografia è il mestiere del protagonista di questa storia, George Keane, fotoreporter che ha ritratto i grandi avvenimenti e i personaggi importanti del secondo Novecento. Un protagonista assente perché la vicenda si apre sulla sua morte, un protagonista in senso assoluto perché il suo sguardo, le sue fotografie, i suoi viaggi sono l’essenza della storia stessa. Una macchina fotografica e una scatola di conchiglie lasciate in eredità ai due nipoti permetteranno loro di imparare a vedere.
Un romanzo singolare nato dalla penna di dieci famosi autori (in ordine, Linda Sue Park, David Almond, Eoin Colfer, Deborah Ellis, Nick Hornby, Roddy Doyle, Tim Wynne-Jones, Ruth Ozeki, Margo Lanagan, Gregory Maguire)che hanno scritto ciascuno un capitolo della storia dove è possibile rintracciare lo stile e le peculiarità di ciascuno: in alcuni casi, l’intreccio è curato al punto che quasi non si sente il passaggio da una penna ad un’altra.
Parte dei diritti del libro saranno devoluti ad Amnesty International, proprio perché si parla di diritti umani.

Click. Dieci voci, una storia, Rizzoli 2008, 267 p., 16 euro.