Tag Archives: città

Piccolo in città

14 Dic

Piccolo in cittàUn bambino scende dal tram e attraversa la città fino alla porta di casa. E dice “io so che vuol dire essere piccoli in città”. La sua passeggiata diventa una sorta di mappa che indica luoghi più sicuri e altri meno; vicoli poco raccomandabili e buoni indirizzi a cui trovare del pesce, un sorriso, un aiuto in mezzo al rumore del traffico. Ci sono finestre sotto cui sostare al riparo per ascoltare buona musica, angoli dove riscaldarsi, un noce ottimo per arrampicarsi mentre è bene far attenzione alle spine dei rovi. Intanto che il bambino dispiega a parole la sua mappa comincia a nevicare. I fiocchi cadono lenti, poi la neve comincia a fermarsi sul marciapiede e sugli alberi, si fa fitta. Poi, proprio quando si avvicina la meta, ecco tra il bianco una figura; allora il testo prende un significato diverso, una lettura nuova mentre la tempesta di fiocchi si dirada. Il messaggio del “puoi farcela; io so che sei forte” diventa a doppio filo, a seconda di chi lo dice, di chi offre un appiglio nel viaggio della vita, nell’itinerario del crescere, che tu sia piccolo o grande.

Un albo incantevole che parla a tutti perché anche se sei grande puoi sentirti piccolo e perso tra il rumore e il caos. Un albo dedicato a Sheila Barry che ha curato tanti progetti di libri belli per le edizioni canadesi Groundwood Boooks, ed è bello leggere il suo nome tra queste pagine.

Di Sydney Smith Pulce edizioni ha già portato in Italia il delizioso senza parole Fiori di città (di cui Smith riprende qui la struttura a vignette) e La mia città sul mare, mentre questo titolo è edito da Orecchio Acerbo. Quindi confido che presto potremo avere a disposizione anche I talk like a river: grazie!

Sydney Smith, Piccolo in città (trad. a cura della redazione), Orecchio Acerbo 2020, 40 p., euro 15

Come funziona la città

28 Dic

Cartonato resistente, ricco di informazioni, di alette da sollevare e di finestre da aprire, dedicato agli appassionati che svela come storicamente si siano sviluppati villaggi, paesi e città, per poi lasciare posto agli approfondimenti a doppia pagina dedicati a grattacieli, spazi verdi, municipi e servi vari, a quel che accade sottoterra, a come ci muove e a come saranno in futuro le città. C’è davvero tanto da scoprire, tra un ascensore e una fognatura, tra la caserma dei vigili del fuoco e la galleria della metro, tra orti verticali e musei. C’è anche la possibilità di vedere cosa succede in città di giorno e di notte, quando buona parte degli abitanti ma non certo tutti, dormono.

Questa tipologia di libri ha sempre i suoi appassionati che possono passare ore a osservare tutti i particolari della illustrazioni e a leggere ogni informazione presentata o nascosta sotto le varie alette; in questo caso poi si presenta robusto rispetto ad altre uscite editoriali simili, alette e finestrelle non sono troppo piccole e anche in biblioteca non si rischia di veder subito il libro strappato o con qualche pezzo in meno.

Il sito dell’autore, che – come dice lui stesso – è ossessionato dal re-immaginare e dal reinventare il mondo intorno a lui. E che probabilmente ama molto viaggiare. Del resto, da uno che porta nel suo nome Gulliver e qualche assonanza a James Cock, cosa potevamo aspettarci? 🙂 Godetevi anche il suo profilo Instagram e i suoi papillon…

James Gulliver Hancock, Come funziona la città (trad. di Claudia Valentini), Edt Lonely Planet Kids 2017, 24 p., euro 17,50