Tag Archives: audiolibri

Django, la leggenda del plettro d’oro

27 Apr

djangoUn albo quadrato, dalla copertina accattivante, accompagnato dal cd che contiene l’audiolibro: le tracce sono segnate in alto sulle pagine e permettono di seguire la storia con accompagnamento musicale e di conoscere un episodio fondamentale della vita di Reinhardt e la nascita della sua carriera.

L’albo infatti sceglie di raccontare dei manouche e di questo ragazzo dagli occhi color nocciola, dal dono magico di saper suonare meravigliosamente la chitarra (ma anche il violino, il contrabbasso, il banjo); racconta dell’incontro dal sapor di leggenda con un gigante dal mantello scuro e dal grande cappello, lungo le vie deserte di Parigi, che gli regala un pletto d’oro e gli ricorda la sua abilità di musicista al di là di ogni sventura. Ne avrà bisogna, Django, coinvolto poco dopo nel rogo del carrozzone in cui vive con la madre e destinato a rincorrere il destino di musicista al di là della fatica di una mano che non funziona più come dovrebbe.

L’albo ha anche il pregio di essere una storia “lunga”, se così possiamo dire, cioè di quella misura  proponibile a lettori delle classi seconde o terze della scuola primaria per dare loro la possibilità di leggere in scioltezza, di leggere anche le illustrazioni, di avere una misura giusta per le loro abilità di lettura. Accanto, l’editore propone un altro albo, giocato sul bianco e nero delle illustrazioni di Bruno Liance: Nina, col testo di Alice Brière-Haquet, racconta di Nina Simone, del jazz, ma anche della battaglia per i diritti civili degli afroamericani.

Il blog di Musica da Ripostiglio. Il blog dell’illustratrice.

Paolo Sassanelli – Luca Pirozzi – Musica da Ripostiglio – ill. Chiara Di Vivona, Django, la leggenda del plettro d’oro, Curci young 2016, 46 p., euro 16 con audiolibro

Annunci

L’armonica d’argento

18 Nov

armonica d'argento

Le collane “I gusci” e “I gusci teens” dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia di Roma raccolgono una serie di romanzi rivolti ai ragazzi (alcuni dai sette anni, altri dai dieci) accomunati dalla musica che attraversa le loro pagine, facendosi asse fondamentale del racconto. In questo caso lo spunto per la narrazione è dato, ancora una volta in questo periodo dell’anno, dall’anniversario dello scoppio della Prima Guerra Mondiale, qui ritratta dal punto di vista particolare del confine. Il confine geografico e il confine dell’identità: il protagonista infatti è nato e vive a Luserna, un villaggio allora tra il Trentino austriaco e il Veneto italiano, oggi provincia di Trento e isola linguistica cimbra.

Nel maggio 1915, quando comincia la storia, Angelo ha quindici anni e porta il cognome simile a quello di quasi tutti i suoi compaesani, i Nicolussi, le cui famiglie si distinguono le une dalle altre per i soprannomi inventanti a mo’ di riconoscimento. La guerra scoppiata l’anno precedente ha fino a quel momento solo il suono delle parole scritte in una lettera dello zio paterno, sacerdote arruolato come cappellano militare e spedito in Galizia. Ma ai primi di maggio appunto gli abitanti di Luserna vengono costretti ad abbandonare le loro case e trasferiti dagli Austriaci al di là delle Alpi nei campi profughi allestiti in fretta. Angelo si trova in montagna, al pascolo con le capre e il fedele cane Wolf: al ritorno non trova né il padre né la casa, requisita dai soldati. Arrestato e utilizzato come portaordini, poi a Trento presso un amico di famiglia, il ragazzo assiste prima alla resa austriaca, poi all’esecuzione di Cesare Battisti, infine raggiunge il padre in Austria. Ad accompagnarlo fino alla fine della guerra e nella ripresa della vita quotidiana a Trento l’armonica d’argento che il tenente Emanuel Nebesar gli regala, consapevole di come possa essere una sorta di ancora a cui aggrapparsi, portata in tasca e suonata per alienarsi dall’orrore intorno, per accompagnare i canti spontanei.

Una nota finale dice appunto le caratteristiche e la storia di questo strumento, mentre nell’audiolibro allegato si ritrova la lettura del testo accompagnato dai canti eseguiti dal coro Croz Corona che perfezionano ulteriormente l’alta qualità della grafica (sia nella composizione del testo che nella scelta stilistica delle immagini che lo affiancano), offrendo ai lettori un libro “bello” sotto tutti i punti di vista.

Il sito dell’autore. Per saperne di più sulla storia e sul trasferimento degli abitanti di Luserna nei campi potete leggere qui; a proposito di Prima Guerra Mondiale in Tirolo potete leggere “Amici su due fronti” di Ave Gagliardi, edito da Piemme/Battello a Vapore nella nuova collana “La Grande Guerra”.

Mauro Neri – ill. Federica Periotto, L’armonica d’argento, Accademia Nazionale di Santa Cecilia 2014, 103 p., euro 14 (con cd)

Hank Zipzer e i calzini portafortuna

11 Ott

zipzer calziniZipzer per questo blog è quasi un’eccezione: raramente recensiamo un titolo di una serie se non il primo, ma probabilmente questo caso sta a dire che – in un momento in cui, specie per certe età, si è sommersi dalla serialità – esistono serie di qualità che libro dopo libro continuano ad appassionare, a far venire voglia di dire “Leggilo!” e di aspettare il successivo (che per altro in questo caso arriverà a novembre e avrà un’ambientazione newyorkese).

Dopo la prima, la seconda e la terza avventura, dopo essersi districato tra pagelle e iguane, polpettoni e inondazioni, torna per il quarto episodio l’ormai noto Hank Zipzer, alle prese col suo essere un disastro anche nello sport. È imbarazzante, dice Hank: imbarazzante il non riuscire a coordinare le mani, non sapere lanciare la palla, non sapere colpire con la mazza e nemmeno afferrare. Insomma, Hank è un disastro a giocare a baseball. Fino al giorno in cui, a corto di calzini e in ritardo per l’appuntamento di allenamento col nonno, Hank afferra al volo un paio di calze della sorella. Rossi con delle scimmie rosa: imbarazzanti anche loro, ma potenti. Quando li indossa Hank non sbaglia un lancio. I calzini – insieme alla rivalità con quel cervellone della sorella – gli danno la sicurezza necessaria per candidarsi a far parte dell squadra di baseball alle olimpiadi scolastiche, quella guidata dall’amica Ashley, prima allenatrice femmina nella storia della loro scuola.

Ma anche la sorellina ha bisogno di quelle calze per la gara di Spaccacervello e guarda caso le due competizioni si svolgono in contemporanea… Questa volta Hank affronta i limiti, la rivalità tra fratelli, il sentirsi sempre un po’ inferiore, i dilemmi della superstizione (basterà il suo cane a sostituire i calzini?) e la potenza che deriva dal sapere che qualcuno è certo che tu ce la farai.

Ancora una volta un romanzo ironico e non scontato. E per fortuna sappiamo che di avventure di Hank Zipzer ce ne sono ancora e ancora!

Hank, come sappiamo dalle precedenti avventure, è dislessico: in questo libro, si prepara a una verifica di scienze sociali sfogliando il libro e ascoltando il testo registrato nell’audiolibro. Il romanzo è un’edizione ad alta leggibilità: corrisponde alle precise caratteristiche (impaginazione, font, editing dei testi) di cui Uovonero, insieme a altre case editrici come Biancoenero e Sinnos, ha cura per dare a tutti la possibilità di leggere.

Henry Winkler – Lin Oliver – ill. di Giulia Orecchia, Hank Zipzer e i calzini portafortuna (trad. di Sante Bandirali), Uovonero 2014, 205 p., euro 12

Un audiolibro per l’estate

11 Lug

More about Pippi CalzelungheViaggi d’estate. Allora si può viaggiare o camminare o semplicemente rilassarsi ascoltando un buon libro letto ad alta voce. E siccome non tutti hanno qualcuno che legge per loro (splendido lusso!), cosa c’è di meglio di un audiolibro che ci accompagna per un tratto di strada, per un momento della giornata raccontandoci una storia? Vero che gli audiolibri possono essere utilizzati da non vedenti e ipovedenti, ma regalano a tutti noi il piacere dell’ascolto.  Emons propone una serie di romanzi letti ad alta voce da grandi voci, tra cui una sezione di libri dedicati ai ragazzi.

Abbiamo scelto di mettere in copertina Pippi Calzelunghe, perché è il primo che a suo tempo abbiamo ascoltato, letto da Marina Massironi: se vi piace c’è un seguito, Le nuove avventure di Pippi Calzelunghe, letto dalla stessa attrice. Nella stessa collana potete trovare: Il trattamento Ridarelli di Roddy Doyle, letto da Neri Marcorè, Ulisse. Il mare color del vino di Giovanni Nucci, letto da Giulio Scarpati, Calcio d’inizio di Luigi Garlando che lo legge ai suoi lettori e replica con E ora… tutti in Brasile! sempre della serie delle avventure delle Cipolline; Nina la bambina della Sesta Luna di Moony Witcher, letto da Cecilia Dazzi e tre classici: Il meraviglioso mago di Oz letto da Jasmine Trinca, Peter Pan letto da Alessio Boni e le Favole di La Fontaine lette da Marco Messeri.

Da un mese inoltre è aperta la libreria on line per acquistare gli audiolibri direttamente sul sito (fino a luglio, sconti del 30%). Sulla home è inoltre possibile votare e suggerire quale libro si vorrebbe ascoltare letto ad alta voce. Per ogni prodotto, inoltre, è possibile ascoltare un brano in anteprima.

Marina Massironi legge Pippi Calzelunghe di Astrid Lindgren, Emons audiolibri, euro 15,90.

Il fantasma di Canterville

7 Lug

More about Il fantasma di Canterville. Un racconto material-idealistico. Con CD e MP3Un classico per una novità. Il racconto di Oscar Wilde viene presentato in una nuovissima veste grafica e accompagnato da un cd dove le voci di Franco Collimato e di Simona Massera  leggono per noi i sette brevi capitoli. Il libro fa parte di Junior D, la nuova collana delle Edizioni Angolo Manzoni pensata con un’attenzione per bambini e ragazzi con problemi di lettura, in particolare affetti da dislessia. Il testo infatti è scritto con un nuovo font, il carattere EasyReading, le cui particolari caratteristiche agevolano la lettura: non solo grandezza superiore alla media , spazi ampi tra lettere, parole e punteggiatura, ma anche un’interlinea ampia, i paragrafi brevi e nessun accapo sillabico a spezzare le parole né giustificazione del testo. Il carattere ha ottenuto la certificazione da parte della sezione torinese dell’Associazione Italiana Dislessia; l’ideazione di una collana ad alta leggibilità rientra inoltre nel progetto “Superare le barriere di lettura”, sostenuto anche dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali.. Un nuovo fiore all’occhiello per questa casa editrice che vanta da sempre attenzione verso le problematiche di lettura e che stampa tutti i suoi libri in grandi caratteri. In questo caso, il libro è impreziosito dal CD allegato che ne fa un audiolibro da portarsi magari in viaggio (perché no?) e che può aiutare ancora di più nella lettura.

La nascita di una collana specifica per ragazzi all’interno della produzione della casa editrice ci fa ben sperare per il futuro: si ribadisce infatti, ancora una volta, il diritto alla lettura per tutti e il diritto di tutti, anche dei ragazzi, anche per chi ha difficoltà, ad avere buoni libri scritti secondo caratteristiche specifiche. Sul sito della casa editrice potete trovare l’elenco dei testi pubblicati finora in questa collana e in altre (come la collana Corpo 16 junior), classici e no, di cui vi parleremo prossimamente.

Oscar Wilde – illustrazioni LibellulArt, Il fantasma di Canterville. Un racconto material-idealistico  (trad. di Piero Malvano), Angolo Manzoni 2010, p. 108, euro 19 (con CD)