Tag Archives: Andersen

Brutto anatroccolo

22 Ago

Io. Chi. Sono. Tre parole, una per ogni titolo dei capitoli in cui Daniela Pareschi illustra la storia anderseniana del brutto anatroccolo, offrendo un’interpretazione personale che lascia andare le immagini rispetto al testo: le parole infatti, nell’adattamento di Russo, riprendono i personaggi e l’andamento, mentre l’illustratrice costruisce intorno evocazioni, rimandi, allusioni. Pare un libro d’antan nella struttura profilata dlle immagini; gioca sul concetto di uovo e sulla sua rappresentazione: c’è l’uovo da cui nasce l’anatroccolo, quello intatto, poi crepato, poi rotto, poi mezzo guscio portato in testa quasi a nascondersi e infine guscio vuoto che lascia il cigno svelarsi; ci sono le uova in galleria (di gheppio, di civetta, di gallina, di beccacino…), in suggerimento di tempi di cottura, in ricetta di ciambellone dolce.

Si può leggere qundi la storia – quella non certo di un solo brutto anatroccolo, ma in cui ciascuno potrebbe riconoscersi; si può godere di tutte le illustrazioni, ricamarci sopra, indovinare rimandi, gioire delle sfumature di colore.

Daniela Pareschi – testo di Biagio Russo in libero adattamento da H. C. Andersen, Brutto anatroccolo, Lavieri 2019, 48 p., euro 15,90

da Bologna 2011…

3 Apr

Potremmo raccontarvi un sacco di cose sulla Fiera Internazionale del Libro per Ragazzi di Bologna appena finita: libri italiani, libri stranieri, sorprese, facce, chiacchiere, belle illustrazioni, novità. Ma sarebbe troppo per un post. Allora scegliamo di mettere in vetrina la faccia rinnovata delle due riviste che portano a casa vostra (e in biblioteca e a scuola) le notizie che riguardano la letteratura per ragazzi. Sì, perché per questa fiera sia Andersen che Liber si sono rifatti il look e la grafica.

Andersen compie 30 anni, rivoluziona l’Annuario e ci regala una copertina a effetto, più ampia, più pulita, più minimal come piace a noi. Inaugura anche una rubrica di viaggio per festeggiare il 150° dell’Unità d’Italia andando a zonzo per la penisola in compagnia di Matteo Corradini.

Liber invece fa 90 come numero e 24 come anni e si dà alla pazza gioia del colore, con una nuova impostazione grafica delle pagine iniziali che zoommano sulle novità editoriali, rendendole subito più chiare e più accattivanti. Nel fascicolo della Bibliografia nazionale cambia il sistema di valutazione dei testi, passando (come da qualche tempo Anobii concede ai proprio utenti) da una scala su 4 livelli di stelle di giudizio a una di 5, per poter distinguere meglio i profili qualitativi dei libri presi in esame.

Siccome non c’è 2 senza 3, segnaliamo il volume I libri per ragazzi che hanno fatto l’Italia curato da Hamelin, che si accompagna all’omonima mostra (fino al 18 aprile a Bologna, alla biblioteca Biblioteca d’arte e di storia di San Giorgio in Poggiale, poi noleggiabile): una carrellata che guarda a romanzi, fumetti, illustrazioni di questi 150 anni, puntando lo sguardo a volte sul singolo libro, altre sul genere, su un autore, su un illustratore, sulle collane. Per ogni sezione un colore, per ogni colore un periodo storico, per ogni periodo una scheda su cosa è successo nel mondo e nella letteratura e poi via con le singole schede.