Fuga in soffitta

7 Ott

fuga in soffittaIl lettore ha tra le mani un dettagliatissimo diario, scritto dalla quattordicenne Anouk che ha deciso di scappare di casa: la spingono la singolare situazione della sua famiglia (vive in Alsazia con padre e sorella minore, mentre la madre lavora su un’isola al largo della Norvegia e torna raramente), l’insostenibilità dell’ambiente scolastico dove viene presa in giro in particolare dalla sua ex migliore amica e l’essere in una vita di cui non si sente parte. Però è metà dicembre, tutti gli ostelli della città sono presi d’assalto dai turisti in visita ai mercatini natalizi, fa un freddo cane: Anouk fugge senza uscire di casa, rintanandosi nella soffitta che il padre ha in parte ristrutturato. Lì scrive il diario, annotando le sensazioni della casa vuota, le conversazioni al piano di sotto, l’evolversi delle sue ricerche, l’ingegnarsi per mangiare, scaldarsi, farsi consegnare a casa la spesa.

Il libro presenta una serie di situazioni in cui le persone riconoscono o ammettono di non ritrovarsi: in un certo modo di vivere, nei ruoli prefissati, in quel che gli altri si aspettano da te. E anche una riflessione sulle scuse che le persone accampano per non cambiare. Non è a suo agio la protagonista, ma nemmeno sua madre che non si sente tagliata per il ruolo di genitore, e manco Elliott, il fattorino che consegna la spesa e riconosce la ragazza scomparsa la cui foto è sui volantini: è lui la figura che nel romanzo riesce ad evolvere, a cambiare, a fare quello che vuole davvero nella ricerca di un modo di vita davvero suo.

Il romanzo ha una conclusione forse un po’ rapida e rosea, ma ha il pregio di essere molto divertente, ben scritto e di essere veloce. Edt pesca questo libro tra le uscite delle Éditions du Rouergue, uno dei migliori cataloghi di libri per adolescenti d’Oltralpe che, negli anni, hanno costruito un’ottima scelta di testi vestiti con una grafica che cattura l’occhio e non delude. Sono molti i loro libri, specie della collana “doado”, che sarebbe bello trovare in traduzione italiana.

Coline Pierré, Fuga in soffitta (trad. di Claudine Turla), Edt Giralangolo 2019, 121 p., euro 12,50

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: