In fuga verso un sogno

27 Ago

Molto coinvolgente e davvero non banale questo romanzo un po’ pensalizzato dalla copertina non proprio riuscita; andate oltre (anche oltre la bruttina scelta del titolo italiano) e immergetevi nello scenario immaginato da Zillah Bethell: una Great Britain divenuta Grey Britain, distrutta dai Gas in seguito alle conseguenze dei cambiamenti climatici, dove le automobili, i treni, persino i cavalli, insomma tutto quel che c’era prima, nel Tempo Prima, è solo un racconto, a volte la pagina di un libro, a volte un dipinto.

Serendipity è appena diventata orfana di madre e vaga per le strade di Lohndar, circondata da alte mura, governata da regole spietate, da un Ministro e da bruti poliziotti e divisa in rigide classi sociali. Lei appartiene alla più bassa, quella a cui non è concesso manco il cibo ma solo capsule da ingoiare e viene salvata dal Professore, un anziano Narrastorie (uno cioé di quegli uomini che insegnano a ricordare il Tempo Prima), che le chiede assistenza. Dalle sue suggestioni del passato e da una mappa nascosta nel medaglione della madre, Serendipity attinge la forza di partire per superare il muro nella speranza di vedere i cavalli. Il miraggio di qualcosa che non esiste più, ma che qualcuno pare avere visto la spinge in quella che è una fuga perché i potenti le sono alle calcagna e la vogliono – per motivi a lei sconosciuti – viva e in loro potere.

Il viaggio, intrapreso in compagnia col giovane Tab e il suo cane Topo, diventa la scoperta di un mondo diverso, ispirato a ideali diversi dove c’è gente ci sono famiglie, amici, persone che coltivano la terra, che lottano per essere libere, che cambiano e scelgono, fino ad arrivare in Galles dove incontra persone che non hanno un capo, ma si prendono cura l’uno dell’altro, che accolgono gli ospiti, che si sentono responsabili dell’ambiente che li circonda. Un mondo di cui gustare i sapori, i profumi, i valori fino a raggiungere il mare mai conosciuto.

Il romanzo risulta molto attuale non tanto e non solo per il messaggio ecologico e di riflessione sul cambiamento climatico (e non solo certo per questo scenario dove l’Inghilterra è una cosa e inl Galles un’altra…), ma anche per lo sguardo e la riflessione sul Tempo Prima che è qusto nostro tempo, giudicato dai ragazzini per molti versi stupido; la saggezza di un’adulta dice: “ma noi non c’eravmo, quindi non possiamo saperlo davvero. Possiamo solo sperare che chi vivrà in futuro abbia un’opinione migliore delle nostre azioni”. Ecco allora lo spunto per pensare al valore delle azioni di oggi sul domani, a cosa di noi si lascerà a chi verrà, ma anche una lettura che parla del potere dei sogni, della forza dell’amicizia, della famiglia (ognuno è ciò che è, dice il saggio Narrastorie, non si scelgono i propri genitori), del significato di salvare una vita.

Sui nomi dei luoghi l’autrice gioca con assonanze e cambi di lettera, mette curiosità di sapere se nel testo originale applicava il gioco anche ad altre parole.

Una breve intervista all’autrice sul sito dell’editore italiano.

Zillah Bethell, In fuga verso un sogno (trad. di Maria Bastanzetti), Il Castoro 2019, 322 p., euro 15,50

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: