Chiedimi cosa mi piace

22 Ott

chiedimi-cosa-mi-piaceC’è da chiedersi cosa sia venuto prima in questo libro, se il testo o le illustrazioni, dato che la protagonista è inevitabilmente sorella di quella che abbiamo conosciuto negli albi precedenti di Suzy Lee e intanto cammina in accordo perfetto col testo, in un’interpretazione danzante che fonde quel che viene detto e il modo in cui è rappresentato, per non dire poi dei giochi di rimandi tra il testo e quel che viene suggerito nella pagina. Tutto sembra accordarsi perfettamente senza stonare, in un albo che mi verrebbe da dire è semplicemente naturale o naturalmente semplice perché riprende con specchiata fedeltà il rapporto tra un papà e la sua bambina: lei scanzonata e incalzante nelle sue domande, lui che ben volentieri si presta al gioco del ripetere le domande che gli vengono suggerite perché la piccola possa dire ad alta voce quel che ha in mente.

Il tempo è quello della condivisione di una passeggiata in un’atmosfera autunnale dove i rossi e i gialli la fanno da padrone regalando scorci naturalistici di pura bellezza, grazie anche ai cambi di prospettiva e di punti di vista. Il tempo è quello dell’affetto che permette il ritmo del gioco; quello del dialogo che asseconda dicendo così l’affetto, la bellezza dello stare insieme che basta a se stessa. Al lettore vengono regalate una serie di suggestioni che partono appunto da quel che alla bambina piace: un elenco fatto di orsi, stelle marine, bestioline luminose,storie; un elenco in cui c’è posto per la voce di entrambi e per dire anche il piacere di sentir raccontare.fullsizerender

Per un’analisi più approfondita del libro e del lavoro sia di Waber che di Lee, vi rimando al post di Carla Ghisalberti su Lettura Candita; io mi limito ad invitarvi a prendere in mano questo albo che mi è particolarmente caro perché sa di casa e di affetto: sono stata una bambina ciarliera che tanta natura ha condiviso col suo papà, che ha imparato i nomi degli alberi, ha osservato bestie grandi e piccole e ascoltato i segreti delle stagioni e delle piante. Per cui non posso non amare la veste di alta qualità nelle illustrazioni e nelle parole che viene data riprendendo fedelmente la spontaneità di un momento di affetto condiviso e non forzando in nulla la situazione, ma semplicemente restituendo al lettore la forza vivida del quotidiano, il punto di vista del piccolo, il mettersi a livello in modo intelligente dell’adulto. E intanto guardo dalla finestra i medesimi colori.

Il sito dell’autore. Il sito dell’illustratrice.

BernardWaber – ill. di Suzy Lee, Chiedimi cosa mi piace (trad. di Davide Musso), Terre di Mezzo 2016, 40 p., euro 15

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: