Lo zoo di pietra

30 Giu

cerise_lo zoo di pietra Confesso subito: ho una passione folle per Cerise, fin dalla sua prima avventura uscita in Francia per la collana Métamorphose delle  Éditions Soleil nel 2012 e vederla ora pubblicata in italiano è davvero una gioia. La collana Novellini di Panini Comics, dedicata ai ragazzi e nata nella consapevolezza che esista un catalogo di letteratura grafica per ragazzi ancora altamente inesplorato, almeno a livello nazionale, sta regalando fin dalle prime uscite (ne parleremo prossimamente) delle piacevoli sorprese che la mettono in primo piano tra quanto di qualità è da tenere d’occhio per offrire il meglio ai giovani lettori.

La serie di Cerise, vincitrice col secondo tomo della Fauve Jeunesse al Festival di Angoulême 2014, rappresenta sicuramente una scelta non scontata come uscita editoriale: protagoniste femminili e una struttura affascinante che mescola diario e fumetto. La protagonista Cerise, dieci anni, racconta in prima persona e scrive perché sogna di diventare una scrittrice: lettrice onnivora, si diverte ad osservare le persone intorno a sé, convinta che ciascuno custodisca un segreto che ne caratterizza i modi e l’essere. Per questo forse ama anche investigare e la sua mamma le ha comprato un diario: qui annota le avventure in compagnia delle amiche Line e Erica e quel che le insegna madame Desjardins, scrittrice che vive nel suo stesso paese. Cerise introduce l’avventura e poi il racconto vira in azione e si fa fumetto, per tornare in forma di diario, colorato e fitto, per riflessioni e conclusioni.

Nella prima avventura della serie, che permette di conoscere lei e il mondo che la circonda, è Line a vedere per la prima volta un uomo misterioso che esce dal bosco ricoperto di vernice. Le tre sono nella loro capanna segreta su un albero: già, perché si tratta di avventura vera, libera e spensierata, e di combinarne una ad ogni occasione buona. E si tratta anche di amicizia vera, di incomprensioni, piccoli litigi, di gioia e fatica di crescere, di semplice complessità dell’animo umano. Cerise ha un buon occhio osservatore e certo il suo è un ottimo punto di vista per saper vedere, oltre che guardare, il mondo. Ricordate Harriet di “Professione? Spia!” di Louise Fitzhugh (Mondadori, 1989), uno dei primi volumi della collana Gaia junior? Ecco, Harriet e Cerise, al di là delle differenze generazionali, avrebbero molto da dirsi! Definita “superbe” ad Angoulême, spero vi conquisterà e troverà posto nelle proposte e nei percorsi di lettura prossimi.

Il blog (e il precedente blog) di Aurélie Neyret. A proposito di Joris Chamblain e la sua pagina FB. Un’intervista agli autori.

Joris Chamblain – Aurélie Neyret, I diari di Cerise 1. Lo zoo di pietra (trad. di V. Vitali), Panini Comics 2015, 80 p., euro 15,90, ebook euro 6,99

Advertisements

Una Risposta to “Lo zoo di pietra”

Trackbacks/Pingbacks

  1. Il libro di Hector | Le letture di Biblioragazzi - mercoledì, 4 gennaio 2017

    […] dopo il grande successo in Francia è stata ben apprezzata anche dai lettori italiani.  Come nella precedente, anche in questo caso si tratta di risolvere un mistero: per tenersi impegnata durante le vacanze, […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: