Amelia che sapeva volare

17 Apr

amelia sa volare

Amelia Earthart era bella ed è stata capace di far della sua bellezza fierezza e spavalderia per seguire la passione di volare e i propri sogni, capace di conciliare la realizzazione di un progetto sicuramente anticonvenzionale all’epoca senza piegarsi ai dettami degli anni in cui è vissuta e agli stereotipi che l’avrebbero condannata certamente a fare la bella statuina. Ha saputo farsi ammirare in primo luogo per le sua imprese in cielo, per aver attraversato in solitaria l’Oceano Atlantico nel 1932, senza perdere un grammo di stile.

Per questo la sua storia sta bene in un albo che fa parte di una collana – Sottosopra di Edt – che si propone di lottare contro gli stereotipi di genere e per di più lo fa raccontando la sua infanzia anticonvenzionale di bambina cresciuta tra il Kansas e l’Iowa a caccia di grilli e rane, raccogliendo fiori e lanciandosi nel vuoto dal capanno degli attrezzi. Amelia ha avuto degli adulti complici: è lo zio a costruirle la rampa vicina al capanno, il padre ad accompagnarla sulle montagne russe, la madre a regalarle il primo aereo che dipingerà di giallo canarino; adulti che sono stati in grado di ascoltarla e di offrirle le ali per credere possibile quel che sperava.

C’è molto dell’Amelia che verrà nella bambina delle illustrazioni: la chioma sbarazzina, una sciarpa svolazzante sempre al collo e tanto rosso, quello della passione e della voglia di essere se stessa.

Il sito dedicato ad Amelia Earhart. La pagina a lei dedicata dal Phoenix Project che si propone di riprodurre abiti indossati da alcune icone glamour e che omaggia così la sua passione per la moda – tanto pratica da disegnare una linea di abbigliamento sportivo – e la sua collaborazione a Cosmopolitan. Nel 2009 Mira Nair ha girato un film ispirato alla sua storia, che è valso a Hilary Swank il premio come miglior attrice all’Hollywood Film Festival: al botteghino è stata una delusione, ma se amate le atmosfere anni Venti e Trenta non potete perderlo.

Mara Dal Corso – Daniela Volpari, Amelia che sapeva volare, EDT Giralangolo 2015, 36 p., euro 12

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: