L’equazione impossibile del destino

7 Feb

equazione impossibileNon sono brava nell’attesa di notizie. Forse perché sono abituata ad essere quella che fa e non quella che aspetta; così la scorsa settimana è successo che, dovendo aspettare in una giornata di aria di neve, ho allungato la mano verso la pila di libri che giacciono da leggere e ho preso a caso questo romanzo. Un incipit che conquista e che spinge ad andare avanti, oltre il racconto di quella notte dell’ottobre 1987 in cui, durante una tempesta su Londra, un fulmine colpi una quercia e soffocò ogni altro suono. L’azione vira subito al presente e all’arrivo a Londra di Hazel, ragazzina richiesta in adozione da un famoso architetto che non ha mai incontrato e che non incontra nemmeno una volta giunta a destinazione. C’è un’algida e antipatica segretaria a d accoglierla; la casa pare non essere abitata da nessuno ed è piena di porte chiuse a chiave; di fronte c’è un inaccessibile giardino, dove tutto pare secco e senza vita, ma che in qualche modo attrae e chiama la protagonista.

A scuola, dove presto tutti la chiamano Strega per via dei suoi capelli rossi, solo Colin non la guarda in modo ostile; anzi, non la guarda proprio, sempre immerso in un libro. Del resto anche lui è ai margini, preso in giro per le stravaganze della madre, a suo agio solo nel laboratorio di scienze oppure tra gli scaffali della biblioteca. L’avvicinamento e l’addomesticarsi reciproco porta all’allenza dei due ragazzi per capire davvero come sia possibile che Hazel sappia del giardino; entra in gioco allora quella che per Colin è l’unica spiegazione possibile: ha a che fare con la teoria della relatività di Einstein, i cunicoli spazio-temporali, la possibilità di viaggiare nel tempo e di capire la situazione odierna scoprendo un mistero del passato. Un mistero che coinvolge tutti gli adulti che li circondano; un mistero che dice come quello che vivono oggi ha un senso anche se a prima vista non sembra.

Davvero una piacevole lettura, una bella sorpresa.

L’illustrazione di copertina è di Iacopo Bruno.

Elisa Puricelli Guerra, L’equazione impossibile del destino, Einaudi ragazzi 2014, 187 p., euro 11

Annunci

Una Risposta to “L’equazione impossibile del destino”

  1. Patrizia Fruet domenica, 8 febbraio 2015 a 08:30 #

    E’ vero, questa autrice ha uno stile che cattura il lettore, trame sorprendenti e temi interessanti: quando consiglio un suo libro, di solito faccio centro. Nella mia biblioteca ha molte fan!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: