Prima dopo

26 Set

primadopo

Sullo sfondo nero della copertina si fissa il trascorrere del tempo: dalla ghianda alla quercia, dal bruco alla farfalla e l’eterno dilemma dell’uovo e della gallina. Non c’è una parola nelle pagine interne e del resto non ce n’è bisogno per raccontare il prima e il dopo e per lasciare che il lettore si interroghi su cosa sia davvero prima e cosa dopo, quali le cause e quali invece le conseguenze. Il lettore può trovare rimandi tra le immagini e costruire storie, divertendosi a intrecciare legami, a rintracciare particolari e assonanze, come nelle pagine in cui una giungla di piante e una di grattacieli che si rincorrono.

Un libro tondo come tondo è il tempo, dalla notte al giorno e poi dal giorno alla notte, e in mezzo la vita. Fatta di api e barattoli di miele, di pecore e di lana, di stagioni, di fiori che sbocciano e frutti che raggrinziscono, di semi e rotoballe e grano e pane, di matite che si consumano, di persone che si raggiungono. Ma è anche un tempo più lungo quello descritto: il tempo storico, raccontato dai diversi modi di fare luce (la candela, il lume, la lampada e l’elettricità) o di comunicare  così come dall’incuria e dall’abbandono di una casa disabitata, e il tempo della vita, condensato in un dondolio che si riflette a sinistra in un cavallino di legno e a destra in una sedia a dondolo (e notate anche la luce fuori dalle finestre alle loro spalle) o in un bosco bruciato che ritorna verde.

Ho sfogliato queste pagine anche in pdf, apprezzando la possibilità che avrebbe in formato digitale; vi assicuro che in alcune sue parti il libro è perfetto per un effetto flip-flap: c’è la lingua del camaleonte che si allunga a pescar la mosca e c’è – piccola meraviglia davvero – il ponte che si crea e si tende tra due valli a permettere a qualcuno di attraversare per raggiungere chi è in attesa dall’altra parte. E mentre pensate che ci vorrebbe un collegamento e chissà quale dei due metterebbe piede per primo per correre incontro all’altro, ecco che tutto nasce sotto i vostri occhi. Sotto i nostri occhi come tante delle trasformazioni, degli stati, dei mutamenti che ci stanno intorno ogni giorno.

Il sito di Matthias Arengui. Il sito di Anne-Margot Ramstein.

Anne-Margot Ramstein & Matthias Aregui, Prima dopo, L’Ippocampo junior 2014, 176 p., euro 15

Annunci

Una Risposta to “Prima dopo”

  1. emmanuelstorage sabato, 27 settembre 2014 a 10:06 #

    Bellissimo!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: