L’uomo dei palloncini

17 Set

Giovanna Zoboli e Simone Rea ci regalano un albo illustrato per questa fine estate, periodo per grandi e bambini di ultime sagre, di ultime feste all’aperto.

Come se respirassimo l’atmosfera di quasi autunno, troviamo una storia lieve, delicata e crepuscolare nei toni e nelle illustrazioni.

Arriva l’omino dei palloncini, con il suo camion pieno di torroni e caramelle, di mandorle e di dolcezza, sebbene lui sia un tipo piuttosto taciturno.

Ad accompagnarlo una ragazza tutta bianca, una specie di sposa nomade che sta dietro al camion, consapevole del proprio ruolo.

La piazza si riempie di gente, bambini e adulti e via via si colora, di palloncini e vestiti e anche di ombrelli, perché “se è festa è festa” e l’uomo dei palloncini arriva sempre. Anche se piove, lui non ha paura di niente.

A metà racconto Giovanna Zoboli sposa il punto di vista dei bambini che aspettano di ricevere il palloncino adatto ad ognuno, che sia un animale o un fiore, una stella o un’astronave.

Tutti in trepida attesa e a bocca spalancata, perché l’uomo dei palloncini è un domatore d’aria e non sono in molti a saper fare le sue prodezze.

Con i genitori che si fanno da parte e i bambini che conquistano la scena, ma ciascuno a suo modo, e anche i più timidi trovano spazio.

Per un breve tragitto il palloncino accompagnerà il bimbo che lo tiene legato al polso, come un piccolo amuleto, segno di un legame con il passato e di speranza verso il domani.

Una piccola parentesi di magia, effimera come i palloncini, in attesa della prossima volta.

A questo punto il camion riparte e il libro finisce.

La conclusione è la parte più bella di tutto il racconto; la solitudine dell’uomo che di notte conta le luci mentre il resto del mondo dorme ci restituisce un messaggio sul valore della diversità, quella non appariscente ma praticata nel vivere quotidiano.

Questo libro mi ha fatto pensare al film “Non è ancora domani- La pivellina”, che racconta la vita di un piccolo circo girovago, delle persone che lo animano e dell’incontro con una bambina piccola piccola. Mi ha fatto pensare anche alle canzoni della Bandabardò, ai loro racconti di feste all’aperto (come ne L’estate paziente) che mi hanno fatto ballare da giovane.

 

Il blog di Simone Rea.

 

Giovanna Zoboli – ill. Simone Rea, L’uomo dei palloncini, Topipittori 2014, 32 p., euro 20

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: