Passato, prossimo

27 Set

Più riguardo a Passato prossimoImmaginate di poter tornare indietro nel passato per recuperare gli attimi sfuggiti di mano, gli errori che pensate di aver commesso, le situazioni che in concatenazione vi hanno portato dove non volevate. Leo ha diciotto anni e uno zio che traffica in plutonio con i libici e fa pazzi esperimenti, tra cui una macchina del tempo a forma di passaverdura che serve a svolgere la teoria della treccia, quella cioè per la quale si può sciogliere la treccia del tempo, risalendo a una data prescelta da cui tutto torna a scorrere normalmente cancellando ogni cosa intanto successa. Così Leo prepara il suo decalogo, per non dimenticarsi del motivo per cui ha scelto di usare il passaverdura e del come vuole andare avanti: evitare che finisca la sua storia d’amore con Anna, cambiare i gesti, le parole, cogliere gli attimi e mutare il destino.

Il protagonista ripercorre così il rapporto con Anna, le incomprensioni, i dialoghi e le dispute, i silenzi del disagio e i silenzi della bellezza, in una sorta di remix dove – a detta dell’autore stesso – «”Se mi lasci ti cancello” incontra “Ritorno al futuro” che incontra la “Trilogia del dollaro” di Sergio Leone, passando per “Ricomincio da capo” e “L’ultimo boy-scout”», affiancato dai consigli di Clint Eastwood che compare, come mentore  grazie alle frasi più celebri dei suoi film, lungo tutto il testo a suggerire una strada. Leo torna indietro e poi indietro ancora e il suo decalogo si fa sempre più scarno e arriva a dire che non puoi mai sapere come andranno le cose, che non devi avere paura di essere te stesso, anche quando ti costa fatica e fa male. Fai solo quello che ti senti, adesso che sei arrivato al punto zero e puoi ricominciare. O meglio cominciare, visto che la macchina del tempo cancella esperienze, ricordi, vissuti. Leo si siede accanto ad una Anna che non conosce e il lettore si chiede come andrà in quel mare in cui più ci si immerge più c’è di che esplorare.

Al fondo del testo, la filmografia di riferimento. Non perdete l’occasione però di riconoscere anche i vari suggerimenti di lettura seminati qua e là tra le pagine.

Il tumblelog di Emanuele Rosso. Per sfogliare la graphic novel insieme all’autore. Qualche immagine su Flickr.

Emanuele Rosso, Passato, prossimo, Tunué 2013, 254 p., euro 9,90

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: