Non sparate agli aquiloni

27 Ago

Più riguardo a Non sparate agli aquiloni

Molti insegnanti inseriscono nelle liste di lettura per i ragazzi romanzi che raccontano avvenimenti reali, che si ispirano a fatti storici più o meno recenti. Va segnalato sicuramente questo libro tradotto dal turco dalla casa editrice Scritturapura, la cui autrice è stata ospite del Salone del Libro di Torino lo scorso maggio: una lettura veloce, ma densa di emozione che prende spunto dall’esperienza della stessa autrice, detenuta come prigioniera politica dal 1980 al 1984.

Il libro in realtà comincia nel momento in cui una donna chiamata Inci esce dal carcere e le porte di ferro si chiudono alle sue spalle. A chiamarla a gran voce è un bambino di quattro anni, in carcere con la madre, che spesso lei teneva in braccio e a cui aveva promesso che se ne sarebbero andati insieme.  La voce del bambino racconta – con il suo sguardo di altezza diversa e con una certa dose di ironia – cosa succede dietro le sbarre: i cambiamenti, le proteste, le liti tra le detenute, la requisizione e l’eliminazione di un libro della biblioteca ritenuto pericoloso, l’apparizione improvvisa di un aquilone rosso che nemmeno i soldati riescono ad abbattere. Sono lettere che il bambino scrive aiutato dalle donne incarcerate, lettere che però raramente trovano risposta, a segnare la fatica che quei pensieri fanno a passare le porte di ferro del carcere e della censura, impossibilitate a guadagnare la leggerezza e la libertà che hanno invece gli uccelli.

Il libro, scritto per voce del piccolo protagonista che invia lettere alla donna che ha lasciato il carcere, si presta particolarmente alla lettura ad alta voce. Da questa storia è stato tratto un film che ha vinto l’Istanbul Film Festival nel 1989 e il Prix du Public Rencontres Internationales di Cannes, diventato un cult del cinema turco.

Feride Çiçekoğlu, Non sparate agli aquiloni (trad. di Semsa Gezgin), Scritturapura 2011, 61 p., euro 12,50, ebook 3,99

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: