Storia di semi

4 Giu

Più riguardo a Storia dei semi

L’ambientalista indiana Vandana Shiva racconta in questo libro come si è appassionata alla causa della libertà del seme e ha fondato per questo Navdanya, movimento per la salvaguardia delle varie specie vegetali e per la conservazione e la condivisione delle sementi tra agricoltori. Parla delle Rivoluzione Verde, della pericolosità delle monocolture e dei semi geneticamente modificati che non si rigenerano; racconta le esperienze dei contadini, i semi preziosi; insegna ai ragazzi cosa fare nel piccolo di tutti i giorni.

Mette in fila storie di semi per seminare un inizio di storia di speranza. Per l’agricolutra, per i contadini, per il cibo che mangiamo ogni giorno.

Il sito di Navdanya Italia. Il deposito globale dei semi, che allora è anche un po’ biblioteca e catalogo di tutti i semi del mondo. Un sito per scambiarsi i semi on line, oltre che coi propri vicini di orto e giardino.  E un po’ di Guerrilla Gardening che ci sta sempre bene!

Vandana Shiva – ill. di Allegra Agliardi, Storia di semi (con la collaborazione di Marina Morpurgo; trad. di Gianni Pannofino), Feltrinelli kids 2013, 103 p., euro 13

Annunci

Una Risposta to “Storia di semi”

  1. alessandra starace martedì, 4 giugno 2013 a 15:53 #

    Questo è uno di quei libri che andrebbe letto contemporaneamente dai ragazzi e dai genitori, per potere comprendere meglio gli argomenti più difficili insieme e poter dialogare in famiglia su temi tanto importanti.
    alessandra

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: