A che pensi?

15 Feb

More about A che pensi?

L’ho sfogliato, risfogliato, cullato per poi accorgermi che non ne avevo mai parlato. Ma come si fa a parlare di quel che c’è dentro una testa, dove frulla di tutto: idee, pensieri, sogni? Perché questo è un libro di teste, con tante finestre che permettono di fare quello che ogni tanto ognuno desidererebbe: diventare una proverbiale mosca bianca ed insinuarsi addirittura non solo tra le conversazioni delle persone, ma proprio tra i pensieri. Alziamo le finestre e scopriamo i pensieri: i grovigli che disegnano le preoccupazioni, i serpenti colorati che fa nascere la gelosia, il volo leggero che regala l’evasione di leggere un libro, l’insinuarsi nella mente della persona di cui ci si sta per innamorare, i leggeri ghirigori della musica in testa, l’ammucchiarsi delle lettere quando non si trovano le parole., la pioggia della tristezza che allaga la mente. Per poi scoprire, sulle ultima carte di guardia, che tutte le persone di cui abbiamo scoperto i pensieri sono insieme su una piazza e che c’è un filo, un legame tra alcuni di loro.

La mia testa preferita? Il prato di erbe fiorite di Lorenzo che, coccinella sul dito, non vede l’ora che torni l’estate. O forse Nina che sogna una passeggiata in campagna e quel sogno di fiori e fringuelli somiglia così tanto alla fisionomia del suo volto da farmi venire in mente quando si dice che quel che pensi te lo si legge in faccia!

Il sito di Moreau. Le sue illustrazioni.

Laurent Moreau, A che pensi?, Orecchio Acerbo 2012, 44 p., euro 16,50

Annunci

3 Risposte to “A che pensi?”

  1. matteouggeri lunedì, 18 febbraio 2013 a 10:44 #

    Gran libro, concordo! Appena comprato alla libreria “Noce a tre canti” di Pietrasanta e testato sui nipoti!

  2. Caterina lunedì, 18 febbraio 2013 a 16:48 #

    oh! proprio una libreria che vorrei visitare! diteci diteci…

Trackbacks/Pingbacks

  1. Dopo | Le letture di Biblioragazzi - mercoledì, 29 gennaio 2014

    […] la galleria di teste e pensieri omaggiataci in A che pensi?, ecco una nuova infilata di attimi, in pagine su cui Laurent Moreau fa crescere selve fiorite e […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: