Montreuil 2013 / 4 – Julie Capable

7 Dic

julie capable

julie capable

Julie Capable è un albo di Thierry Lenain e illustrato da Anne Brouillard, pubblicato nel 2005 da Grasset, che racconta la storia di una bambina soprannominata “capace di nulla” perché nulla le veniva bene: né leggere né giocare a pallone né dipingere. I compagni la prendevano in giro e la maestra le gridava di applicarsi di più. Julie non era capace di nulla perché mancava di assoluta fiducia in se stessa; perché nessuno le aveva mai detto quando era brava a fare una certa cosa; perché pensava fosse colpa sua se sua madre aveva deciso di uccidersi. Finché la voce di un gatto la avvolge di calore e di spiegazioni. E lei diventa capace di tutto, nonostante la fatica, nonostante la tristezza. Di tutto quello, dice la storia, che un bambino è capace di fare nella sua vita di bambino.

Julie è diventata capace anche di sostenere un progetto solidale. Riscattati i diritti del libro, Thierry Lenain ha chiesto a ventidue illustratori (tra cui Jolivet, Dautremer, Alemagna, Lacombe) di farne un’edizione a più mani, stampata in 999 esemplari e il cui ricavato di vendita verrà destinato a sostenere un progetto per i ragazzi di Samoa, portato avanti dall’autore e da suo figlio, nella primavera 2013 per l’associazione Project Abroad. Ne è nata un’edizione speciale, dove Julie ha facce diverse, diversi tratti e diversi vestiti. Che forse dicono di come ci siano tante Julie nel mondo o di come tutti almeno una volta, per motivi differenti, ci siamo sentiti un po’ Julie.

Ero molto curiosa del risultato e la busta nella posta mi ha regalato una sorresa davvero piacevole. Qui il progetto Samoa illustrato da Lenain e le immagini della nuova edizione (e tutte le istruzioni per ordinarne delle copie 🙂 ). Per sfogliare il libro on line, qui.

Il Salone di Montreuil ha visto anche un’altra iniziativa di solidarietà che ha coinvolto molti illustratori francesi: sabato scorso, in chiusura di giornata fieristica, si è svolta un’asta di originali a vantaggio di Des Livres pour Tous, associazione che si propone di creare delle biblioteche per ragazzi in Africa. La prima aprirà in Costa d’Avorio, a Yopougon. Sì, proprio la Yopougon del fumetto di Aya (scritto da edito in Italia da Rizzoli Lizard, illustrato da Clément Oubrerie): l’associazione è stata creata dalla sua autrice Marguerite Abouet che sabato ha raccontato di come l’idea le sia venuta quando è stata invitata proprio là e si è resa conto che i bamla-chevre-de-monsieur-seguinbini non avevano alcun libro a disposizione. L’asta è stata in realtà una piccola festa che ha visto alternarsi stili e colori diversi: originali grandi e piccoli, ma anche carnet totalmente illustrati. E tante mani che si alzavano. Con qualche capriccio (la bambina arrabbiata perché la madre – impegnata al buffet – non le aveva comprato il primo Jolivet battuto all’asta) e molti sorrisi.  E la capra di monsieur Seguin sul mio muro.

Qui la carrellata degli originali offerti.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: