Flip

15 Giu

More about FlipLa finestra non era al suo posto. E quelle non erano le sue tende. Quello non era il suo armadio, quelli non erano i suoi scaffali, quello non era il suo stereo, quelli non erano i  suoi poster.

Una stanza insolitamente grande, una voce sconosciuta (una voce di mamma?) che grida di alzarsi dal pianterreno, una luce troppo forte per essere un mattino di fine dicembre. E infatti siamo a fine giugno e Alex si ritrova in corpo decisamente diverso dal suo, in una casa sconosciuta dove lo chiamano Philip, in una scuola mai vista. A quanto pare ha una sorella dark, un cane che si chiama Husky pur essendo un Golden Retriever, due ragazze in contemporanea, la fama di sbruffone e parecchie ore di tedesco in orario scolastico. E quando Alex prova a telefonare alla biblioteca dove la madre lavora, si sente chiedere se ha problemi mentali, se è uno scherzo di cattivo gusto, se vuole che intervenga la polizia. Mentre si barcamena nella nuova vita sconosciuta, Alex prova a rimettere insieme i pezzi: scopre che sei mesi prima, lui, Alex Gray, è stato investito da un pirata della strada e giace in stato vegetativo in ospedale, mentre la sua anima si è trasferita nel corpo di Philip Grayson, nato il suo stesso giorno. Come scopre attraverso internet, è diventato un “evacuato psichico”. Ma Alex non può fingersi ciò che non è. Perché Alex non sa pattinare, non sa giocare a cricket, non ascolta rap. Alex suona il clarinetto, legge e si innamora di Cherry. E soprattutto, rispetto a tutti gli altri evacuati psichici, ha un corpo ancora vivo da cui tornare.

L’ennesimo libro sull’esperienza di vivere nel corpo e nei panni di un altro? Può darsi. Ma questa volta non è solo lo scambio di corpi e di identità per scoprire il mondo da un altro punto di vista, per vedere com’è essere femmina se sei maschio e viceversa; c’è un elemento assai più tragico e profondo teso sotto tutta la scrittura di Martyn Bedford: la scelta dei genitori di Alex, indecisi se staccare la spina o no; la scelta di Alex che si sente diviso. E vivo, vivo come non mai.

Martyn Bedford, Flip. Scambio di persona (trad. di Anna Carbone), Mondadori 2011, 271 p., euro 17

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: