Ti giro intorno

18 Apr

More about Ti giro intornoEra rischioso e inquietante, eppure al tempo stesso bellissimo. Forse la verità è che essere straordinari non dovrebbe mai essere troppo semplice. Altrimenti lo sarebbe tutto. Sono le cose che si conquistano con impegno e fatica a valere di più. Quando qualcosa è difficile da ottenere, bisogna fare ancora di più per assicurarsi che sia più difficile – se non impossibile  – da perdere.

Dopo i primi due romanzi di Sarah Dessen che tanto mi avevano convinto, trovo questo terzo un po’ più faticoso rispetto ai precedenti: sempre scorrevole, sempre gradevole e mai banale, probabilmente però è il concentrato di temi a renderlo più macchinoso. La storia in realtà è molto semplice: Auden è stata la figlia perfetta per due genitori troppo impegnati a giocare agli intellettuali, la studente modello, la sorella adulta di un fratello maggiore troppo infantile. Auden è una che non va alle feste, passa l’estate a portarsi avanti sul programma scolastico dell’anno successivo, non ha dei veri amici, non combina guai, si porta appresso  il peso di non esser stata in grado di evitare il divorzio tra i suoi genitori. I nodi vengono improvvisamente al pettine nell’estate che trascorre in una piccola cittadina di mare, in casa col padre, la nuova moglie e una sorellina neonata. Un mondo nuovo totalmente differente dal suo nido, dove Auden improvvisamente non può più nascondersi. Dove impara che le persone possono cambiare col tempo, che l’apparenza inganna sempre, che gli schemi mentali non valgono nulla, che le regole che ci si impone prima o poi saltano a confronto con la vita e con le seconde occasioni. Dove comincia, nelle notti trascorse a girovagare con Eli, un recupero di tutto quello che non ha mai fatto, da andare in biciletta a lanciare giornali sulle verande altrui. Ecco, mi accorgo adesso che probabilmente non è il romanzo ad essere macchinoso, ma l’andamento della storia riflette la fatica di Auden a conquistare il posto nel mondo che sia suo e solo suo, a diventare se stessa e non quello che gli altri credono di vedere o si aspettano da lei.

Sarah Dessen, Ti giro intorno (trad. di Giovana Scocchera ed Elisabetta Spediacci), Mondadori 2011, 358 p., euro 16

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: