Batti il muro

6 apr

More about Batti il muroIn una città in cui passo per lavoro, il carcere sta in pieno centro, proprio al limitare tra le stradine del centro storico e il parco. Quando cammini vicino ai suoi muri puoi vedere le mani dei carcerati, ascoltare le loro voci, i loro richiami, immaginare i loro volti, le loro vite. A questo ho pensato leggendo di Caterina che nel tragitto verso la scuola passa invece accanto a un manicomio, dalle cui finestre i matti le gridano “Batti il muro!” e ridono contenti quando lei picchia col palmo della mano sui mattoni ruvidi. Anche la mamma di Caterina a volte sparisce in ospedale per alcuni giorni, a curare quella pazzia che in alcuni pomeriggi la spinge a chiudere la figlia maggiore nell’armadio di legno e lasciarcela per qualche ora. Nel chiuso di quella sorta di prigione forzata che accetta per anni senza farne accenno con nessuno, Caterina si salva leggendo e fantasticando, si salva perdendosi tra le pagine dei libri, nelle pieghe dell’immaginazione, lasciandosi portare altrove in luoghi che escono dalle pagine illuminate dalla torcia. Caterina cresce, cammina per la città, guarda il mare, osserva la sua famiglia, trova lavoro in una libreria e riesce a dare voce finalmente a tutto ciò che porta dentro. Non so esattamente a quale lettore si possa proporre una storia come questa che ripercorre la vita e la crescita della protagonista, che si fa spigolo e buio e luce. Di una cosa però sono certa: sono pagine che meritano di essere affontate per le immagini che Ferrara ci semina dentro, alle quali ci ha abituato nei libri precedenti, e che spesso incantano: dai soffitti bianchi come coltre di neve alla felicità improvvisa che è scabrosa e traballante, dalla luna che guarda con volto di madre al sentirsi come il pane e la notte.

Antonio Ferrara, Batti il muro. Quando i libri salvano la vita, Rizzoli 2011, p. 175, euro 10,90, ebook euro 6,99

About these ads

3 Risposte a “Batti il muro”

  1. cassia milani sabato, 26 novembre 2011 a 18:16 #

    ringrazia la lettura di questo libro a mia figlia sabrina che per la scuola a dovuto leggere ,….ma che io per piacere mi sono messa li e per caso il libro ha trovato me “forse perche batteva nel muro della mia stanza.” grazie antonio ferrara

  2. cassia milani sabato, 26 novembre 2011 a 18:18 #

    un saluto a antonio ferrara me piacutto molto il tuo libro e per caso ho letto perche mia figlia era con lui nella stanza e per me ho sentito il muro che batte forse per mi fare leggere anche io.
    grazie cassia milani

Trackback/Pingback

  1. Il ragazzo e la tempesta | Le letture di Biblioragazzi - mercoledì, 23 aprile 2014

    […] Batti il muro Antonio Ferrara propone ai lettori un’altra storia di crescita dolorosa e tagliente come lama […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 4.208 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: