Stecco

28 Giu

More about Stecco. Come ho perso il soprannome e trovato la ragazzaPer essere così intelligente sono proprio uno scemo.

Un altro protagonista maschio sfigato, che adora giocare a Scarabeo (sì, come il protagonista de “Lo sfigato” di Susin Nielsen) e ama leggere classici come “Il buio oltre la siepe” e “Uomini e topi”. Mike ci parla in forma di diario del suo primo anno di scuola superiore, dove sperava che le cose cambiassero, ma a quanto pare il suo soprannome se lo trascina anche lì. Stecco. Perché è un chiodo: troppo alto per il suo peso e troppo magro per la sua altezza, con le gambe da pollo e i capelli crespi. Follemente innamorato di Gina, che conosce da sempre, e ovviamente non ricambiato. Con una propensione per l’invisibilità, la negazione per lo sport, un padre che a stento trova con lui un argomento di conversazione, una madre che esce col suo dentista ciccione e una sorella maggiore popolarissima a scuola. E i consigli di Duke, l’anziano che ogni tanto lo straccia a Scarabeo e che lo ascolta raccontare: di come Gina si sia innamorata di un altro, della prima festa del liceo (un disastro, tutto sommato), della sfumatura di verde degli occhi di Sidney Holland. E una poesia di Robert Frost che torna improvvisamente e che apre gli occhi a Mike.

Ho pensato alla strada che prendo di solito, adattandomi agli altri, aspettando che succeda qualcosa. Aspettando che papà torni al telefono. Aspettando di vedere come sarebbe andata la domenica dopo. Allora ho deciso di prendere una strada diversa.

Un libro in cui si ride molto (anche da soli, leggendolo 🙂  e dove la risata si lascia dietro una scia di pensieri. Un buon libro, a dispetto del sottotitolo. Un libro con alcune regole cardinali sulla vita che Mike mette in fila per noi. Una per tutte? La vita è come lo Scarabeo: il punto non è quante vocali prendi, ma che ci fai.

Questa è la poesia di Frost (The Road not Taken). Questo il sito dell’autrice.

D.L. Garfinkle, Stecco. Come ho perso il soprannome e trovato la ragazza (trad. di Valentina Daniele), Salani 2010, p. 203, euro 13.

Annunci

Una Risposta to “Stecco”

Trackbacks/Pingbacks

  1. Gli ottimisti muoiono prima | Le letture di Biblioragazzi - mercoledì, 14 giugno 2017

    […] dell’autrice. Gli altri suoi libri pubblicati in Italia che abbiamo recensito: Lo sfigato, Stecco, Caro Geroge Clooney, puoi sposare la mamma?, Siamo tutti fatti di molecole. L’autrice sarà […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: