Va a finire che ti amo

27 ott

More about Va a finire che ti amo

Confesso subito: ho amato molto “Tutto accadde in una notte”, almeno tanto quanto ho odiato questo libro dall’inizio: probabilmente perché mi aspettavo troppo, perché volevo una replica del precedente e qui invece c’è di tutto fino a essere troppo. C’è la trama: un ragazzo e una ragazza vicini di pianerottolo, amici inseparabili fin da piccoli, lei segretamente innamorata di lui, lui gay, le due mamme di lui, i genitori separati di lei, i ragazzi di lei, i ragazzi di lui, gli abitanti del condominio, il portinaio più sexy del pianeta e così via. Tutte cose che si assommano,  si mescolano, si affastellano, insieme ai punti di vista diversi (ogni capitolo una voce diversa), fino a sembrarti luoghi comuni anche quando non lo sono. Più il fastidiosissimo rendere la voce di Naomi, dove al posto di alcune parole troviamo i simboli che le rappresentano; più il fastidioso districarsi tra quella coppia di amici dove sia lui che lei si chiamano Robin; più tutti i riferimenti e i rimandi che il libro regala: da Springsteen a Harold e Maude, da Dawson’s Creek a Cosmopolitan, da Scooby Doo a Nicholas Sparks e tutto il resto che non sto a scrivere. Insomma, avrei voluto tagliarlo questo libro e tenere solo le frasi belle. Poi… poi sono arrivata a p. 137, dove comincia il capitolo intitolato “Tracce”, in cui Gabriel prepara una cd per Naomi fatto di 19 canzoni + 1, un cd che racconta un po’ di lui, di lei, di loro, del mondo intorno. Ecco, quel capitolo lì merita la fatica di tutto il resto della lettura. Ascoltatelo, oltre che leggerlo.

P.s.: il titolo originale di “Tutto accadde in una notte” è Nick & Norah’s Infinite Playlist. Il titolo originale di questo libro è Naomi and Ely’s No Kiss List.  Solo a me suonano meglio????

Rachel Cohn  David Levithan, Va a finire che ti amo (trad. di Giuseppe Iacobaci), Mondadori Shout 2009, p. 294, euro 16.

Anche questo libro, come il precedente diventerà un film:

About these ads

Una Risposta a “Va a finire che ti amo”

  1. Alice domenica, 29 novembre 2009 a 13:58 #

    No, Caterina, hai proprio ragione! Anche a noi i titoli originali suonano decisamente meglio!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 4.205 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: