Le lacrime dell’assassino

3 Dic

le-lacrime-dell'assassinoSe c’è una cosa che ho imparato dalla vita è accettare la felicità, anche la più assurda, la più impensabile. Accetti la felicità e faccia silenzio. Tutte le sue domande sono vane… (p. 137)

Se ad un certo punto non apparissero i cibi liofilizzati, le telecamere di videosorveglianza di una banca, i distributori di acqua, questo libro non avrebbe tempo. Sarebbe sospeso ai confini del mondo come il lembo di terra cilena in cui tutto inizia e finisce, ai limiti del possibile come la storia che racconta. Un assassino dall’assurdo nome di Angel Alegrìa uccide una coppia di contadini e si insedia a vivere nella fattoria insieme al loro bambino che ha risparmiato. Ne nasce una storia inaspettata di diffidenza e di scoperta, di convivenza e di sospetto, di gelosia e di cambiamento. Il mondo si affaccia nella vita dei due (padre e figlio? amici? carnefice e vittima?) sotto l’aspetto di un cittadino venuto dal mondo civile, di una donna che cambia l’equilibrio, di un saggio boscaiolo  tratteggiato splendidamente. Pablo – il bambino – assaggia il mondo: le lettere dell’alfabeto, una caramella portafortuna, un cucciolo di volpe, il porto, la fiera, un quadro, le metafore, la musica di Bach. E il mondo cammina, come la macchina della giustizia, come il finale della storia, ma nulla può scalfire il rapporto che si è creato tra un assassino che non riconosce più se stesso e l’innocenza di un bambino. Un romanzo che ha vinto in Francia venti premi letterari in poco più di un anno, da un’autrice coraggiosa che ha saputo portare in primo piano temi che fanno discutere ma che sono necessari.

La scorsa settimana Giorgia Grilli ne ha parlato in un articolo su TuttoLibri.

Anne-Laure Bondoux, Le lacrime dell’assassino (trad. di Francesca Capelli), San Paolo 2008, 187 p., euro 14,50.

2 Risposte to “Le lacrime dell’assassino”

  1. Gian Maria giovedì, 4 dicembre 2008 a 10:22 #

    Ricordiamo, sempre della stessa autrice lo splendido Contro il Destino.Linus Hoppe, uscito per la Giunti Junior lo scorso anno. Un libro che ci fa riflettere sulla nostra società, usando come schermo la fantascienza. Siamo in fiduciosa attesa del secondo volume!

  2. P3P1 martedì, 30 dicembre 2008 a 20:57 #

    ho letto questo libro ieri, tutto in un colpo… è davvero bello, commovente e fa riflettere molto sulle persone e sui legami tra di esse… lo rileggerei tutte le volte che ne avessi tempo… complimenti ll’autrice

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: