I favolosi anni di Billy Marvin

19 Mag

1987: il Commodore 64, le prime confuse informazioni sull’Aids, le foto a piena pagina di Vanna White su Playboy. E tre amici quattordicenni che affittano ripetutamente la videocassetta di Kramer contro Kramer solamente per vedere i cinquantatré secondi di nudo integrale dal minuto 44. Se il massimo dell’aspirazione è procurarsi una copia di Playboy, il piano di guadagno scatta a ruota: guadagnare procurando ai compagni minorenni le agognate foto fotocopiandole con la miglior tecnologia a disposizione. I tre sono goffi, sboccati, legatissimi, ma è Billy a fare da voce narrante e a offrirsi volontario per carpire alla figlia del proprietario dell’edicola il codice per disinserire l’allarme e rubare le copie della rivista. In realtà per Billy, che sogna di diventare programmatore di videogiochi, è l’occasione d’oro per avvicinare Mary, smanettona molto più brava di lui che lo coinvolge in un concorso prestigioso. Il lavoro condiviso, lo studio del linguaggio macchina e le confidenze, il tutto condensato nel poco tempo a disposizione fanno sì che i due ragazzi si avvicinino sempre di più e che Billy si innamori di quella luminosa ragazza che si nasconde sotto ampi abiti neri. Poi ci metterà del suo a rovinare tutto, in una seconda parte del libro dai fuochi d’artificio, non scontato e in cui Rekulak nasconde un colpo di scena mica male…

La lettura è un tuffo negli anni ’80, nel mondo della programmazione, in un tempo ante Internet dove accedere a CompuServe per comunicare significava per gli adolescenti attentare alla carta di credito dei genitori. La musica, i programmi tv, i riferimenti alla politica e alla cronaca, tutto rimanda agli Stati Uniti dell’epoca. E intanto la trama avvolge il lettore e lo cattura, nel crescendo dei sentimenti di Billy, nel suo sentirsi inadeguato e poi improvvisamente forte di fianco a quella creatura che in realtà, come sostiene il padre di lei, lo sta rendendo imbecille. E nella trama c’è Mary, luminosa  e fiduciosa nelle possibilità di Billy, ottimista e orgogliosa, e appassionata programmatrice e giocatrice di videogiochi, guardata un po’ storto dagli altri perché se ne interessa nonostante sia femmina: lei apprezzerebbe molto Girls Who Code, da poco tradotto da Il Castoro. Di questo romanzo invece si apprezza la scrittura fluida, la facilità con cui la trama si fa, la grazia di certe descrizioni in mezzo alle sboccate battutacce di Alf, e ci certo la scena nel giardino della scuola delle suore…

Jason Rekulak, I favolosi anni di Billy Marvin (trad. di Lia Celi), Rizzoli 2018, 364 p., euro 17, ebook euro 9,99

Annunci

Niente paura Little Wood!

16 Mag

little woodIn questo libro ci sono Genie, undici anni, suo fratello Ernie, quattordici, e il tempo di un’estate, anzi di un mese estivo da passare in campagna dai nonni paterni. Di questi nonni Genie sa davvero poco, conosce la voce della nonna che telefona qualche volta, ma ad essergli totalmente sconosciuto è il nonno che tanta di parlare al padre senza riuscirci, che porta una pistola nella cintura, che in casa ha una stanza chiusa a chiave per “gli affari suoi” e che è completamente cieco. Nessuno l’hai mai detto al ragazzo perché il nonno stesso vuol essere il primo a dirlo, quel nonno che sa muoversi da solo in casa, cucinare e rispondere alle tante domande del nipote.

Già, perché se suo fratello è il tipo da occhiali da sole fighi perennemente sul naso e fiuto per le ragazze in gamba (ecco Tess che martella tappi da birra per farne orecchini), Genie è quello delle domande: riempie i taccuini, cerca su Google risposte a improbabili quesiti, prova a dare un senso anche al mistero che aleggia sulla casa gialla abbandonata in mezzo al bosco. Ad aleggiare sulla famiglia è invece la storia: quella del nonno e dei suoi genitori, quella dello zio morto in guerra anni prima, insieme allo spettro della guerra e della violenza, alle paure che possono generare, ai fantasmi che possono venirti ad inghiottire. Se il nonno comincia a fidarsi di Genie fino a camminare con lui di notte in cortile, quel che deve lasciare andare è molto di più dei simbolici uccellini che tiene in gabbia e che cura ogni giorno. Ci sono sentimenti e ricordi e vecchie tradizioni e rancori che devono volare vie; c’è la fatica di crescere e la paura terrificante di non essere adatto: per Genie è davvero l’estate del cambiamento.

Reynolds costruisce un romanzo di formazione ambientato nei giorni nostri, ma se non ci fosse il wi-fi, il riferimento potrebbe essere ad altre guerre e la descrizione dei rapporti personali come il percorso di cambiamento di ciascun personaggio starebbero benissimo in qualsiasi tempo. La riflessione che ne nasce ruota intorno al riparare le cose che si sono rotte, ed è un filo che va dalla prima all’ultima pagina, si parli di un modellino di automobilina, dei denti davanti, di un guaio o di un affetto.

Questo romanzo è anche un alto esercizio di traduzione: Giuseppe Iacobaci cuce addosso al protagonista una lingua che ne segue perfettamente i giochi di parole, i pasticci sui modi di dire, i neologismi che Genie inventa.

Le illustrazioni di copertina sono di Marta Pantaleo.

Jason Reynolds, Niente paura Little Wood! (trad. di Giuseppe Iacobaci), Terre di Mezzo 2018, 328 p., euro 14,90

L’erba magica di Tu Youyou

13 Mag

Di questi tempi in cui si parla molto, e molto si scrive nei libri per ragazzi, di donne e scienza, ecco un albo per lettori dai 7 anni, che riprende una storia vera e poco conosciuta: quella del medico cinese Tu Youyou, che ha ricevuto il Nobel nel 2015 per la cura contro la malaria.

Le grandi tavole colorate ripercorrono la storia della scienziata fin da bambina, ponendo l’accento su quella che sarà la chiave di volta nella sua ricerca: la medicina tradizionale cinese. Si ricorda infatti la figura di un anziano medico conosciuto da bambina mentre coglieva e seccava le erbe fondamentali. E si ricorda la tenacia nello sviluppo del programma che le viene assegnato nel 1969 per trovare una cura per debellare la malaria che venisse appunto dalle erbe medicinali. Dopo studi e sconfitte, tra il 1971 e il ’72 ecco l’artemisinina a cui il nome della scienziata verrà pubblicamente legato solo molti anni dopo. Ancora una volta una narrazione di scienza, una storia vera, nel formato di albo che rende possibile avvicinarla anche ai più piccoli.

Plauso per Alice Coppini, alla sua prima opera pubblicata. Che è anche scritta con un carattere ad alta leggibilità, motivo in più per proporla ai lettori.

Xu Lu – Alice Coppini. L’erba magica di Tu Youyou. La scienziata che sconfisse la malaria (trad. di Beatrice Masini), Editoriale Scienza 2018, 48 p., euro 14,90

Gigi delle caverne

12 Mag

Gigi Unga-Banga ha pochi muscoli e tanto cervello; è un inventore nato, ma anche in questo caso arriva secondo (quando non terzo): è infatti il discendente di una famiglia dove si sono inventate cose fondamentali, come il fuoco e la ruota. Siamo nell’Età della Pietra e il fumetto fotografa la realtà di un gruppo di ragazzini arrivati al dunque: è il momento del Rituale PestaBestia, quando i dodicenni della tribù vengono mandati allo sbaraglio nella giungla per affrontare uno dei terribili sei animali che probabilmente li sbraneranno o li ridurranno in poltiglia prima che loro possano risultare vincitori. Ovviamente Gigi parte svantaggiato: già dalle terribili lezioni di educazione fisica tutti hanno capito che lui è il pappamolle e l’imbranato di turno, mentre lui sa di valere ben di più: è convinto infatti che inventerà la cosa indispensabile. Nella giungla ecco l’imprevisto: un nuovo animale mai visto prima e una nuova sfida per il gruppo dei cinque, che dovranno allearsi, superando preconcetti e stereotipi, e tornando al villaggio vincitori.

Il fumetto di Reynold e McAndrew è divertente, dissacrante e il personaggio di Gigi piacerà sicuramente ai lettori: al di là dell’ambientazione preistorica, infatti, riconosceranno alcuni tratti e problemi dell’adolescente di tutti i tempi: i rapporti in famiglia, quelli con i compagni di scuola, il primo amore, i dubbi, le paure, le proprie certezze anche quando nessun altro ci crede.

Aaron Reynold – Phil McAndrew, Gigi delle Caverne (trad. di Maria Laura Capobianco), Il Castoro 2018, 248 p., euro 15,50

I figli del lupo

10 Mag

Molto spesso le narrazioni che trattano grandi periodi storici, come la Seconda Guerra Mondiale, si fermano alla fine delle guerra e poche volte raccontano, o almeno accennano, al dopo. Ecco invece che Dowswell del dopo ne fa un romanzo intero: è la tarda primavera del 1945 e Berlino vive lo sbando seguito alla caduta del Reich, tra macerie e occupazione dei soldati dell’Armata Rossa. Otto e Anna sono a capo di un gruppo di ragazzini che vive nei sotterranei di un ospedale: con loro Ulrich, fratello minore di Otto, che sogna di unirsi ai Lupi Mannari, ancora fedeli agli ideali nazisti, i gemelli Klaus e Erich, che si divertono a far esplodere granate e ordigni ritrovati per caso, e la piccola Hanna, una bambina che ha perso i genitori. I ragazzi cercano ogni giorno di sopravvivere, facendo la fila per l’acqua, cercando cibo, razziando le case abbandonate per trovare merce da scambiare con qualche alimento al mercato nero. C’ chi li aiuta, chi li studia individuandoli come facile preda, ci sono i soldati statunitensi che arrivano e la divisione della città nelle zone sotto le diverse influenze. C’è la miseria, la fatica di anni di guerra, la certezza della morte di alcuni famigliari e la speranza della sopravvivenza di altri, c’è il futuro che viene avanti e si fa piano piano.

Dowswell costruisce il romanzo come i precedenti, sulla base di una solida documentazione storica che restituisce al lettore una realtà viva e una lettura ben comprensibile e realistica di quei mesi. Peccato però che la narrazione sembri arrivare da un prima che il lettore quasi si sente di dover conoscere (pare a tratti che di quei personaggi sia astato narrato in precedenza) mentre così non è.

L’autroe sarà a Torino al Bookstock Village del Salone del Libro venerdì 11 maggio.

Paul Dowswell, I figli del lupo. Berlino 1945: sopravvivere non è un gioco (trad. di Chicca Galli), Feltrinelli Up 2018, 256 p., euro 15,00, ebook euro 8,99

Mezolith

9 Mag

Se avete già sfogliato il primo volume di Mezolith, uscito nell’autunno 2016, sapete la potenza di questa narrazione e il grande studio degli autori che ne è alla base: una ricerca antropologica, etnografica, archeologica che si riflette anche sul segno di Brockbank. Il realismo con cui si propone al lettore l’ambientazione del periodo mesolitico è di sicuro impatto e fascino, accanto alla sapiente amalgama della realtà dell’epoca in ogni suo particolare con la narrazione del mito, che si fonde nel fumetto come nella vita del protagonista e della sua tribù.

Nell’età della pietra di mezzo, al termine dell’ultima glaciazione, in Inghilterra, il lettore segue le vicende di Poika, ragazzo che fa parte della tribù dei Kansa, destinato a guidare il suo clan verso la salvezza. Se già il precedente volume si presentava come una narrazione di formazione che seguiva la crescita del ragazzo verso l’età adulta, questo si acuisce ancora di più in questo volume, dove il ragazzo impara i termini della vita e della morte non solo attraverso quel che gli succede, ma attraverso le narrazioni degli anziani e il racconto dei miti. Poika si scontra con la violenza e il desiderio vendicativo di alcuni membri del clan, con l’esclusione e le diverse reazioni di fronte alla diversità (in primis quella fisica, la macchia sul volto della giovane Sisu), con i segreti, con i sogni e gli incubi che parlano, con la forza della natura e quella dei sentimenti. Un fumetto quindi che racconta innanzitutto della vita e della difficile bellezza del crescere, dove l’ambientzione storica scelta, così particolareggiata e precisa, è un valore aggiunto.

I pesci

7 Mag

Le illustrazioni di Lucia Scuderi sono sempre di grande effetto e negli animali come nelle piante (avete presente il bellissimo Il giardino delle meraviglie?) rendono sicuramente al massimo della loro potenzialità. Continuo a ricordare con affetto quel gran libro che è stato Urbuq, un bestiario immaginario, ma anche qui non si scherza: sono tutti veri i pesci presentati tra le pagine e a parlarne è un pesce rosso che dialoga direttamente col lettore. Gli appassionati troveranno tante informazioni, curiosità e potenziali  possibilità di approfondimento.

Si parla di pinne, code e squame, di mimetismo e linea laterale, di collaborazione con altri organismi e di occhi che non si chiudono mai, neanche per dormire. I testi sono chiari, accurati e brevi, in modo da risultare facilmente assimilabili anche per i lettori più piccoli. Di sicuro però le illustrazioni sono una gioia per gli occhi e fanno di questo albo un libro bello già solo a sfogliarlo: tra i pesci dalle forme strane, la vita in banco, il giocare a nascondino e qualche primo piano mica da ridere, ecco l’occasione per appassionarsi, approfondire e anche per fare la differenza: le pagine finali sono infatti dedicate a chi pesce sembra, ma non è!

Lucia Scuderi, Ti presento la mia famiglia. I pesci, Editoriale Scienza 2018, 32 p., euro 13,90

La scienza delle cose fragili

5 Mag

Questo romanzo segue il corso di un anno scolastico e segue la sua protagonista in particolare nelle lezioni di scienza del professor Nealy, insegnante nuovo ed entusiasta, patito di hashtag, che sta guidando i suoi allievi in quella che ritiene essere la più grande avventura scientifica di tutti i tempi: la loro personale indagine seguendo il metodo scientifico. Attraverso le varie fasi (osservazione, quesito, tecniche investigative, ipotesi,procedura, sperimentazione, risultati e loro analisi) e i diversi compiti assegnati, i ragazzi dovranno essere in grado di analizzare scientificamente l’argomento scelto. Attraverso le stesse fasi, Natalie analizza quel che le sta intorno e in particolare la situazione a casa: da qualche tempo la mamma, brillante scienziata che sta studiando lo sviluppo delle orchidee blu cobalto e la loro applicazione eventuale in campo medico, non esce più dalla sua stanza. Ha bisogno del suo spazio, sostiene il padre, ma niente è più come prima. Nemmeno a scuola, dove cambiano le amicizie e Natalie lega solamente con la bizzarra Twig.

Quando il professor Nealy la spinge a iscriversi alla gara del lancio del’uovo, rivolta alle giovani menti scientifiche della scuola media della contea, Natalie accetta solo perché pensa di poter attuare un miracolo per la mamma con il denaro in palio. In realtà la gara – e tutte le sue prove scientifiche – la legheranno a Twig e a Dari, permettendole di trovare il coraggio per guardare negli occhi la realtà, diversa da quel che le è stato raccontato e che lei stessa si racconta.

Un romanzo che parla di scienza, di amicizia e di vita; di come la scienza sia fare domande e vivere non avere paura delle risposte. Un romanzo a cui l’autrice ha saputo regalare un finale non scontato, molto realistico, per nulla zuccheroso, ma aperto verso il futuro. Un romanzo di giusta intensità che sta bene nella collana “Contemporanea” di Mondadori accanto ad altre narrazioni lievi e profonde, come L’albero dei segreti o Il giorno in cui imparai a volare, tanto per dirne due non recentissimi da andare a riprendere.

L’illustrazione di copertina è di Alexandria Neonakis.

Tae Keller, La scienza delle cose fragili (trad. di Stefano Andrea Cresti), Mondadori 2018, 306 p., euro 16, ebook euro 7,99

Una grazia di cui disfarsi

3 Mag

Penso sia davvero rara la felice scrittura che riesce, in questo libro, a trasferire sulla pagina l’emozione e il tormento della vita di Antonia Pozzi. Da sempre la collana “Jeunesse ottopiù” di rueBallu ci abitua a libri belli fin dalla grafica e dalla confezione, che sanno dare voce in modo naturale a persone come ad esempio la Emily Dickinson raccontata da Beatrice Masini. Anche questa volta ci sono le immagini di Pia Valentinis ad accompagnare i capitoli, anche questa volta si parla di una poetessa e le pagine finali presentano proprio una scelta della produzione poetica di Antonia Pozzi, che magari i ragazzi possono già aver incontrato tra le pagine di “Nel prato azzurro del cielo”, uno dei volumi della collana “Il suono della conchiglia”, edito da Motta junior nel 2015.

La bravura di Elisa Ruotolo sta nel mettere lei stessa poesia nel modo di raccontare una vita, affidando alla poetessa la narrazione in prima persona, raccontandone in capitoli cronologici la crescita: l’infanzia, la fatica nei confronti di genitori duri che la vorrebbero secondo l’idea che di lei si son fatti, l’adolescenza e l’amore per l’insegnante, coltivato e maturato nel tempo e poi finito per causa maggiore e in fondo mai finito, l’insegnamento nella Milano operaia, la scelta del suicidio. Un discorso interiore in cui Antonia si mette a nudo e spera che gli altri sappiano trovare la giusta prospettiva da cui guardarla. Un discorso che si fonda sul peso: quello dell’anima retta a due mani di cui Antonia risponde a sette anni alla nonna, quello della felicità che non arriva, quello della grazia da lasciar andare, una volta deciso. Il dirsi di Antonia è così onesto che queste saranno pagine importanti da presentare ai ragazzi, a chi potrà riconoscersi nelle pieghe di un verso, in un’emozione, in una ferita.

Ho incontrato questo libro in un giorno luminoso di perfetto cielo azzurro, uno di quei giorni in cui la luce è talmente chiara che toglie persino tridimensionalità e fa la montagna quasi piatta, contro il cielo, come se fosse semplice nel tratto di matita che la disegna. Ho pensato che la stessa luce sta nella poesia di Antonia Pozzi e in questo libro che la dice: una luce che svela, che mette in luce nel senso di mettere a nudo ogni particolare, quello felice e quello faticoso, che mette di fronte agli occhi le cose come sono, vere, che abbagliano nella loro grazia, che è cosa così rara e potente. Scriveva Umberto Fiori in una sua poesia: “Quando si mettono a nudo / in questo modo, di fronte a gente mai vista,/ e la vita – la loro –/ te la mettono in piazza come quella / di chiunque, così, ridotta all’osso, /sono talmente belle certe persone, / talmente pure / che ti fanno tremare”.

 

Elisa Ruotolo – ill. Pia Valentinis, Una grazia di cui disfarsi, RueBallu 2018, 112 p., euro 19

Ollie e i giocattoli dimenticati

2 Mag

Se Joyce aveva già affascinato i lettori con “I fantastici libri volanti di Mr Morris Lessmore”, ecco ora un libro di formato più grande rispetto ai romanzi a cui sono abituati i ragazzi, illustrato con grande cura che intreccia Grandi Venture, come le chiamerebbe il protagonista. I capitoli si alternano su pagine di sfondo diverso, laddove il bianco racconta il quotidiano di Billy e Ollie, mentre il seppia è destinato a dar voce al regno dei giocattoli e ai suoi abitanti.

Quando è nato Billy, la mamma gli ha cucito un pupazzo di stoffa, all’interno del quale, proprio all’altezza del cuore, ha inserito un campanellino che apparteneva alla sua bambola preferita. Ollie diventa il migliore amico del bambino: gli parla, se lo porta ovunque, condivide con lui marachelle e scoperte. Ma esiste un regno in cui domina Zozo, un pupazzo di clown che nel tempo si è rovinato, intristito e ha covato tanto rancore che si scatena soprattutto contro i “Prefe”, i giocattoli preferiti dai bambini, per mano dei Grinfi, i suoi scagnozzi assemblati con pezzi di giochi rotti, che rapiranno Ollie. La grande ventura è allora per Billy quella di uscire da solo nella notte per andare a salvare l’amico, di incontrare aiuti inaspettati, di tornare stanchi e vincitori.

L’autore ricostruisce il filo dei pensieri di Billy a perfetta altezza dei suoi sei anni e mezzo, il suo rapporto speciale col pupazzo e il gioco a cui stanno i genitori, di parlare sempre ad entrambi. Il libro si presta alla lettura ad alta voce e ricalca un tempo quasi sospeso: la notte della grande ventura apre infatti uno spazio diverso dove i giocattoli si rivelano vivi e danno al lettore una fedele rappresentazione del mondo umano, dell’intreccio di sentimenti, del potere del ricordo, della possibilità di redimersi. La traduzione poi trova una felice soluzione per i nomi dei protagonisti del regno dei giocattoli che calzano davvero a pennello a ciascuno.

William Joyce, Ollie e i giocattoli dimenticati (trad. di Giuditta Capella), Rizzoli 2018, 294 p., euro 18, ebook euro 8,99