Che sport, lo sport!

21 Feb

Un albo dal grande formato, copertina morbida e tutte le caratteristiche dell’alta leggibilità a cui si aggiunge l’ironia di Könnecke che traccia, a questo giro, una carrellata di tanti sport diversi per dire che ce ne sono per ogni tasca, molto conosciuti o più di nicchia, ma che comunque fare sport “rende belli e spazza via la malinconia”. Con una garanzia del genere non resta che sfogliare e scegliere il proprio oppure godersi le descrizioni punteggiate da illustrazioni buffe dove gli animali sono, come sempre, assoluti protagonisti. Dalla ginnastica ritmica alle discipline dell’atletica, dal bob al lancio del tronco, dal surf al rugby all’arrampicata.

Ideale per i primi lettori, diventa una galleria che, ancora una volta ci fa pensare a Richard Scarry e a certi titoli di Mauri Kunnas. Ci si può divertire a seguire i vari personaggi, addirittura a cucir loro addosso storie e narrazioni, dando voce ad alcune espressioni davvero impagabili. Ovviamente il lettore scoprirà l’esistenza di sport che ignora o imparerà regole e curiosità di quelli già conosciuti; magari potrà cimentarsi anche a trovare quelli che non sono citati (a caso, ci vengono in mente short track e biathlon dato il momento olimpico, ma siamo sicuri che ne conoscete altri!).

Ole Könnecke, Che sport, lo sport! (trad. di Chiara Belliti), Beisler 2018, 60 p., euro 15,90

Annunci

Lo slip da bagno

16 Feb

Il Libro con gli Stivali, la libreria per ragazzi di Mestre premiata nel 2015 come Miglior Libreria per Ragazzi d’Italia, diventa anche casa editrice e traduce due albi usciti da Père Castor/Flammarion nel 2011 e 2012, in cui si ripropone il talento di Olivier Tallec, in questi ultimi mesi ben presente nell’editoria italiana, in coppia con la scrittura di Charlotte Moundlic.

Il personaggio principale è Michele, detto Michelino, che parte da solo per le vacanze dai nonni, dove sa già si troverà in balia del gruppo dei cugini più grandi di cui è lo zimbello. Il lettore lo segue nel racconto delle sue vacanze, nel tentativo di farsi accettare dal gruppo, alle prese con la lettera da scrivere alla mamma e coi problemi di scrittura, ma anche con lo spettro che gli si aggira intorno: è l’estate dei suoi otto anni, il momento in cui – per tradizione di famiglia – ci si deve tuffare in piscina dal trampolino più alto. Non solo Michele ha fifa, ma la mamma gli ha pure infilato in valigia il costume da bagno del fratello maggiore che non sta su manco con l’elastico. Nel tentativo di non mostrare le chiappe a tutta la piscina, Michele se la caverà brillantemente, proprio come nel secondo volume dove diventa il referente di Carmen, la nuova compagna di classe spagnola, di cui si innamora.

Sono due belle storie, che dicono i sentimenti del protagonista nel ritmo piano del quotidiano. La scelta di un formato più piccolo rispetto all’albo originale, la copertina rigida e il rispetto delle caratteristiche dell’alta leggibilità fanno di questi due volumi un’azzeccatissima riuscita, libri di una misura già consistente per chi si misura da solo nella lettura di un testo non solo piacevole, ma decisamente ironico. L’ironia la fa da padrona anche nelle illustrazioni di Tallec che, ancora una volta, regala ai suoi bambini dalla testa grande la tenerezza dello sguardo adulto, lo sguardo partecipe di chi considera quei bambini dei validi interlocutori nelle cose della vita. Inutile dire che aspettiamo anche il terzo volume della serie che vede Michele protagonista; peccato solo per la traduzione che in qualche punto slitta un po’.

A proposito dello sguardo di Tallec sui bambini, non perdete il suo La vita dei super-mini-eroi pubblicato qualche mese fa da Clichy: nasce dalle illustrazioni che Tallec realizzò nel 2013 per la mostra del Salone di Montreuil che proprio quell’anno aveva gli eroi come tema portante. La coppia Moundlic-Tallec ha lavorato a quattro mani inoltre su un altro libro, il cui necessario splendore da anni non smettiamo di decantare: è La croûte, che parla con una preziosa metafora del dolore della perdita. Chissà che non si stia per affacciare anche questo tra le prossima uscite in italiano…

Charlotte Moundlic – Olivier Tallec, Lo slip da bagno ovvero le peggiori vacanze della mia vita (trad. di Nicola Fuochi), Il libro con gli stivali 2017, 42 p., euro 13,50

Charlotte Moundlic – Olivier Tallec, Il mio cuore in briciole ovvero i più bei giorni della mia vita (trad. di Nicola Fuochi), Il libro con gli stivali 2017, 42 p., euro 13,50

Io e te come un romanzo

15 Feb

Bene, adesso che questo romanzo è tra i finalisti dell’edizione 2018 del Premio Mare di Libri, mandiamo on line la recensione. L’ho scritta felice che arrivasse in libreria un nuovo romanzo di Cath Crowley, di cui bisogna invitare i ragazzi a leggere Graffiti Moon, uscito per Mondadori nel 2011 e di una luminosità rara, che si riflette anche in questo libro. Ancora una volta, l’autrice dà prova della sua bravura nello scrivere storie a due voci, riuscendo a far vedere al lettore talvolta la stessa scena da due punti di vista differenti. Nel caso di “Io e te come un romanzo”, poi, l’intreccio di storie si amplifica ulteriormente per la scelta narrativa di ambientare la storia in una libreria dell’usato in cui esiste una sezione detta “la Biblioteca delle lettere”: i libri non sono in vendita, i clienti possono leggerli, sottolineare le parti che ritengono belle, importanti, scrivere note a margine, lasciarci dentro messaggi: ecco allora che i libri diventano anche una sorta di fermo posta tramite cui ci si scambiano lettere.

Proprio una lettera mai letta è all’origine del silenzio che per tre anni ha separato due grandi amici come Henry, figlio del proprietario della libreria, e Rachel, la protagonista che allora si era trasferita lontano con madre e fratello. Rachel torna a vivere in città, tacendo a tutti la morte del fratello e quel che ne è venuto dopo (la bocciatura, la rottura col suo ragazzo, la mancanza di senso di qualunque cosa). Torna leggera, cercando di lasciarsi dietro ogni cosa; in realtà cammina pesante del non detto, di quel che non riesce a rielaborare, del mare che le manca e in cui lei, campionessa di nuoto, non riesce più a entrare perché ci è annegato Cal. Il romanzo parla un capitolo per bocca di Rachel e uno per tramite di Henry, ma dentro ci trovate anche le storie delle loro famiglie, dei loro amici, lo splendido addomesticamento tra George, la sorella minore di Henry, e Martin, il nuovo commesso della libreria. Ci trovate la forza delle parole, di lettere singole o di epistolari nel tempo, di dediche e di discorsi fatti in testa che non si riesce a pronunciare. Ci trovate tante citazioni letterarie e consigli di lettura; una buona trama, credibile e densa; una riflessione veritiera sull’utilità delle parole e sull’importanza del dire.

Ah, il romanzo merita proprio, la copertina è tremenda. La piantate di mandare in libreria romanzi con copertine che pensiate strizzino l’occhio alle adolescenti? L’unico risultato che ottenete è una grafica orribile, una copertina banale visto il tasso di altre simili sugli scaffali delle librerie e pure che i lettori maschi manco ci si avvicinino. Questa è l’originale e valeva un bel po’ di più. Andava bene anche così.

Cath Crowley, Io e te come un romanzo (Valentina Zaffagnini), DeA 2017, 349 p., euro 14,90, ebook euro 6,99

Non si toglie!

14 Feb

Quando qualche settimana fa ho aperto questo albo in libreria ho cominciato a ridere. Prima piano, poi sempre più forte, dall’angolo degli albi la mia risata ha fatto eco verso gli altri scaffali e, quando ho alzato il naso dalle pagine, Chiara mi sorrideva con la complicità della libraia che sapeva benissimo cosa stessi sfogliando.

Premiato lo scorso anno a Bologna, questo albo esilarante e surreale è forse dedicato ai grandi prima ancora che ai bambini: riflette perfettamente i pensieri di un bambino che, forzato dalla madre a togliersi in fretta i vestiti prima di fare il bagno, rimane incastrato nella maglietta. Cominciano allora una serie di divertenti momenti in cui il lettore segue il muoversi inconsulto della sagoma di cui vede calzini, pantaloni, pancia nuda e ombelico e poi – quasi la corolla gialla di un fiore – la parte superiore del corpo incastrata. Risoluto a farcela da solo, il bambino comincia a chiedersi se crescerà incastrato per sempre, come cavarsela per bere o difendersi da attacchi di solletico e se ci sono altri bambini come lui. Poi pensa alla soluzione di provare a togliersi i pantaloni e l’incastro diventa totale. A quel punto arriva la mamma che, con le spicce, risolve tutto. Almeno fino al momento in cui la creatura decide di riprovare a fare da solo, questa volta col pigiama.

Il flusso dei pensieri del bambino punteggiano la presa di posizione forte di chi crede nell’indipendenza, nelle proprie capacità e anche nella necessità di avere il proprio tempo, ma racconta anche quel momento della crescita in cui si è in bilico tra la ricerca dell’autonomia e il bisogno di una mano.

Shinsuke Yoshitake, Non si toglie! (trad. di Sara Pietrafesa e Francesca Vitale), Salani 2018, 32 p., euro 12.

Björn

12 Feb

Vincitore del Prix Sorcières 2017 e delle Pépites di Montreuil nel 2016 (Pépite des Pépites), Björn si affaccia sulla scena italiana  con la sua andatura dinoccolata e lo sguardo gentile. Abita nella foresta, si appassiona ai cataloghi di vestiti per umani, condivide il tempo con alcuni amici, come la volpe, il tasso, la lepre. Le sei brevi storie raccontano le sue giornate e quel che ci capita dentro: i momenti più lenti, quelli in cui ci si diverte travestendosi coi vestiti “presi in prestito” dai campeggiatori, il regalo di un amico, come si svolge una visita medica nel bosco, come ci si prepara per l’inverno.

La misura è in qualche modo gentile proprio come il protagonista: sono storie brevi, in un formato facile (nel senso che c’è una copertina cartonata, una bella ariosità di testo e disegni sulla pagina), scritte per di più in stampatelo maiuscolo: sembra fatto aposta proprio per chi sta cominciando a leggere autonomamente e ama gli animali. Ma anche per leggerlo insieme, come una coccola. Tutte le storie, un po’ buffe e un po’ poetiche, hanno al centro l’amicizia e la condivisione, di un divano tre posti come del tempo, della festa come del silenzio.

Il sito di Delphine Perret.

Delphine Perret, Björn. Sei storie da orso (trad. di Maria Bastanzetti), Terre di Mezzo 2018, 64 p., euro 12

Un giorno nella vita di Dorotea Sgrunf

9 Feb

Dopo quarant’anni si riaffaccia dalla porta Dorotea Sgrunf. Pubblicato per la prima volta nel 1978 dalla Emme Edizioni di Rosellina Archinto come “Un giorno nella vita di Cecilia Lardò”, segna oggi la nascita sulla scena editoriale italiana di un nuovo marchio, LupoGuido, legato alla casa editrice Guido Tommasi, che si propone di rivolgersi a lettori tra due e otto anni, pubblicando albi e romanzi illustrati di qualità.

Tra le prime proposte di un piano editoriale ricco che sicuramente incuriosisce, ecco questo gradito ritorno: un albo senza parole che racconta del quotidiano, apparentemente così normale e in realtà tanto ricco di spunti e di attività. Le fustellature permettono di sbirciare nella pagina sottostante, di intravedere, di farsi un’idea, di provare una gioia sottile nel voltare pagina. Il lettore è invitato a entrare in casa da una porta socchiusa, a leggere quel che succede nell’arco temporale della giornata, a ispirarsi magari al porcellino protagonista che spara briciole di panettone con la cerbottana e fa schiuma con lo shampoo nel water. Le storie che si possono raccontare intorno alle pagine sono molteplici; si può giocare col punto di vista; si può indovinare il ruolo degli invitati; si può guardare con una sensazione di serena libertà al porcellino monello, ma anche libero di fare da solo, e alla sua mamma mai invadente e mai pressante.

Le immagini della edizione Emme nel racconto di Diletta Colombo, sul blog dei Topipittori qualche tempo fa.

I primi albi del nuovo marchio editoriale saranno disponibili in libreria da marzo.

Tatjana Hauptmann, Un giorno nella vita di Dorotea Sgrunf, LupoGuido 2018, 28 p., euro 22

Bruciare la frontiera

6 Feb

Premessa: questo libro è costruito su e intorno a luoghi, storie e persone che hanno fondato e fondano quel che sono. Appena aperto, rivela una cartina: è segnata la Val Roya, la valle francese che da Ventimiglia sale al Colle di Tenda, poi le vallate occitane italiane con alcuni punti essenziali in territorio cuneese come il Col Ciriegia e quello delle Finestre, Borgo San Dalmazzo, il colle della Maddalena e ben più su, ormai in provincia di Torino, Bardonecchia e la Valle Stretta (potrebbero starci anche Nevache e Briançon giusto al di là del confine e credo siano luoghi di cui avete sentito parlare, ultimamente). Quei luoghi lì, tra Roya e vallate cuneesi, sono casa, dove sono nata e molte delle storie che il libro cita, prime tra tutte quelle degli ebrei che nel settembre 1943 da Saint-Martin-Vésubie cercarono salvezza in Italia, quelli che si salvarono e quelli che li salvarono, quelli internati nel campo di Borgo e partiti sui carri bestiame verso Fossoli, ecco quelle storie fanno parte del quotidiano perché sono nipote di una delle persone che ha lavorato per anni per portarle a conoscenza e, col tempo, sono diventate in qualche modo storie di famiglia, per quel meccanismo che ti fa sentire prossimo e caro chi la cui vita ti è affidata per farne memoria. Cammino sovente sui sentieri di Grimaldi e de La Mortola, sulla riga di confine affacciato sul mare tra Ventimiglia e Mentone, quei sentieri che gli ebrei percorrevano per cercar salvezza durante la Seconda Guerra mondiale e che oggi tanti immigrati tentano (e se uno si chiama da sempre Passo della Morte non è a caso): sono i sentieri dei contrabbandieri e dei passeurs, quelli che Francesco Biamonti sapeva a memoria e che ha messo nei suoi romanzi. So la storia della Valle Roya, italiana e poi francese; di un paese come Briga diviso in due Stati diversi e in tre province differenti, dividendo le famiglie, i campi, i pascoli e le greggi. So gli occhi a capocchia di spillo e la forza di Cédric Herrou, il contadino di Breil, da mesi accusato dallo Stato francese per il suo aiuto ai migranti insieme all’associazione Roya Citoyenne che prende parte in Val Roya e ormai non solo più lì; so la vista sul mondo che Enzo guarda da Grimaldi Superiore; so le meraviglia della Valle delle Meraviglie e non è un bisticcio di parole. So anche di quella curva subito dopo Fanghetto, dove la valle si fa Francia e dove c’è il posto di blocco della gendarmerie che rallenta le auto in salita dal mare: devo avere la faccia da contrabbandiera visto che ogni volta mi fermano; non chiedono documenti, ma sempre e solo di aprire il cofano. Sempre.

Sono cose mie, insomma.

Ecco allora, questo è lo sfondo di un romanzo che parla di ragazzi che cercano di passare il confine: Fra e Kappa camminano sui sentieri intorno al confine rifacendosi a storie di anni precedenti, guidati da una lettera del nonno che parla di una sua esperienza che ha a che fare con l’emigrazione in altri anni ; Abdullah dalla Tunisia cerca di arrivare in Francia dove Céline, conosciuta on line, lo aspetta, anzi viene a cercarlo (in motorino per tutta la Val Roya e poi sulla Maddalena, ragazza, parbleu!). Le loro storie raccontano dei poliziotti alla frontiera, di quelli che battono le carrozze dei treni che oltrepassano i confini, dei cartelli in più lingue che chiedono ai migranti di non provare a arrampicarsi sopra i convogli o ad avventurarsi nella neve pena il rischio di rimanere fulminati o assiderati; raccontano di speranze, dignità umana, storia che si ripete nel tempo e che rende ancora più assurda la cronaca quotidiana dell’oggi. Un libro che fa testimonianza della realtà.

Però, visto che cerchiamo di essere onesti, lo diciamo: come il precedente dello stesso autore, questo è un romanzo costruito per parlare di certi temi e per metterci gli echi storici (il memoriale di Borgo, Cédric, i passeurs della Val Susa di tanti anni fa, il campo di Ventimiglia, i migranti ai Balzi Rossi e via così). Per cui vi può dare, come il precedente appunto, spunti per affrontare questo tema, al di là della valenza narrativa che ha in sé. Se poi cercate altre esperienze e leggete in francese vi consiglio Passeur di Raphaël Kraft, in cui il giornalista francese ripercorre coi migranti i sentieri tra Mentone e Ventimiglia. E poi di andarvi a rileggere Biamonti, in particolare “Vento largo”, con Varì che riprende a fare il passeur e elenca i “suoi” migranti: “Non abbiamo mai lasciato nessuno di qua del confine”.

Di certo ce n’è, anche in questo romanzo, per iniziare una riflessione sul confine, su quel che significa un tratto che ha senso geograficamente, su cosa vuol dire invece per chi ci vive intorno e lo attraversa normalmente, legalmente, per andare a scuola, al lavoro e non lo sente. Né nella lingua né nelle persone né nei luoghi. Crescere in terra di confine (soprattutto qui, dove la lingua unisce) significa anche questo: sapere che quella linea geografica non apparitene al sentire quotidiano e che gli elicotteri che lo pattugliano, braccando chi lo passa, suonano assurdi.

Carlo Greppi, Bruciare la frontiera, Feltrinelli Up 2018, 169 p., euro 13

Che bella parola!

2 Feb

Giocare con le lingue e con le loro parole è sempre affascinante, a ogni età. Questo albo illustrato da Luisa Uribe, ne mette in fila trenta a suo dire intraducibili che permettono di sondare le sfumature che ciascuna lingua ha e costruirci intorno attività e laboratori, magari partendo proprio da alcune di queste per indagare la propria lingua o tutte le lingue conosciute in un gruppo classe. Ogni doppia pagina presenta la parola e approfitta per dare anche qualche informazione sul Paese in cui è utilizzata. Potete così scoprire che in finlandese esiste “poronkusema”, un’unità di misura che corrisponde alla distanza che una renna può percorrere senza fare pipì (più o meno sette chilometri e mezzo, a seconda della vescica della bestia in questione!) oppure impegnarvi a pronunciare la sfilza di suoni che in hopi indica uno stile di vita troppo sregolato per durare o ancora – e qui sono ancora più lettere – quel modo che in tedesco dice il tentativo di migliorare la situazione ottenendo però l’opposto risultato. Alcune parole sono molto poetiche: “gökotta in svedese significa svegliarsi presto per uscire ad ascoltare il canto degli uccelli; “kawaakar” in giapponese descrive l’ultimo bagliore sulla superficie di un fiume al crepuscolo; le “retrouvailles” indicano la gioia di ritrovare qualcuno dopo tempo, i “nakama” sono amici tanto cari da essere di famiglia, “ishq” un amore perfetto tra due persone. Alcune sono molto utili, come quella russa che descrive un bambino che chiede continuamente perché? o quella norvegese che indica tutto ciò che può stare su una fetta di pane.

Insomma, una scelta piacevole alla lettura e un buon punto di partenza per cominciare a baloccarsi, più o meno seriamente, intorno alla lingua. Forse si potrebbe avere da ridire sull’intraducibilità con cui il titolo le identifica: tra gli esempi scelti, c’è “abbiocco” per l’italiano. Nella mia lingua, chi è preso da sonnolenza dopo una bella mangiata o comunque da un sonno improvviso è ‘nciupì e dice anche di quell’attimo in cui la testa ti casca addormentata in avanti. Unico peccato del testo: non avere la possibilità di ascoltare il suono di queste parole.

Nicola Edwards – Luisa Uribe, Che bella parola! Parole intraducibili da tutto il mondo (trad. di Giuditta Campello), Emme 2018, 64 p., euro 15

L’isola del muto

29 Gen

Costruire una saga familiare non è sempre semplice; nonostante gli alberi genealogici iniziali di riferimento, non è da tutti mantenere una costruzione che non si incagli sul succedersi degli anni, ma tenga alta la fascinazione narrativa. Sgardoli ci riesce alla grande per almeno tre quarti del suo nuovo romanzo, grazie a una prosa che si presta alla lettura ad alta voce o a essere intesa, nella lettura solitaria, come il racconto che qualcuno sta facendo a te che sfogli le pagine. Ci sono immagini fortemente poetiche e frasi che avvolgono il lettore e lo immergono in un mondo distante, la Norvegia degli ultimi due secoli, di cui il libro ha il privilegio di svelare parti di storia sicuramente sconosciute ai più, come il movimento che appoggia l’indipendenza ideologica della nazione nonostante nell’Ottocento il suo passaggio alla Corona di Svezia e l’occupazione nazista.

Filo che lega il tutto lo scoglio infido e pericoloso che diventerà l’Isola del Muto, dopo la costruzione di un faro affidato alla cura di Arne Bjørneboe, nocchiere ustionato gravemente al volto in una battaglia tra un vascello britannico e una nave della flotta danese-norvegese nel 1812, che sceglie di non parlare più. Il ruolo di guardiano del faro lo salva dall’alcolismo e il matrimonio con l’unica persona che, ancora bambina, ha saputo guardare oltre le cicatrici ne segna la vita, nella felicità come nella durezza che nasce dal dolore. I suoi discendenti ereditano la funzione di guardiano del faro ed è attraverso alcuni di loro che l’autore ricostruisce in grandi capitoli le vicende della famiglia: chi parte, chi torna, chi scopre una famiglia di cui ha solo sentito raccontare, chi sceglie l’isola e chi la subisce. Sono donne e uomini di grande carattere, con aneliti di libertà che possono riflettersi nella natura che li circonda o nel tentativo di esprimersi altrove, nell’infrangere le regole come nel rifarsi a un’antica leggenda che vuole un tesoro nascosto sull’isola. Una storia di scelte e di sguardi, che dice dell’importanza dei nomi, della ricerca di se stessi, di come si ami non per i meriti, ma nonostante le colpe e di come tutto sia più facile di quanto sembri. Verso la fine, sull’isola si tiene una grande riunione di tutti i discendenti di Arne: ognuno citato con consorte e figli, in un intrico di nomi a cui può parere faticoso stare dietro; è probabilmente l’unico punto in cui la narrazione pare cedere, ma il lettore ha già avuto abbastanza storie di singoli per poter andare avanti tra le pagine, sostenuto dalle figure tratteggiate fino a quel punto.

Come già in The Frozen Boy, Sgardoli offre un romanzo che si presta a più piani di lettura e che diviene trasversale rispetto al pubblico di riferimento: ho sempre pensato che la storia del ragazzino riemerso dai ghiacci sotto gli occhi del ricercatore fosse un’ottima narrazione per parlare dell’importanza vitale delle seconde possibilità per chi le sa cogliere; anche qui, tra le righe, si intravede l’occasione per un’importante riflessione sulla vita, come sulla libertà e sul senso che si dà al proprio stare al mondo, adatta a un pubblico adulto che può far tesoro di questa lettura se non passa oltre pensandolo solo per giovani lettori.

L’illustrazione di copertina è di Cecilia Botta. L’autore presenta il suo libro in un video sul canale youtube dell’editore.

Guido Sgardoli, L’isola del muto, San Paolo 2018, 358 p., euro 18

Lost & Found

26 Gen

Tillie gira per i corridoi della sua scuola con una macchina fotografica al collo, una reflex bella grande e pesante che la aiuta nel tentativo di essere invisibile e le serve da lasciapassare insieme alla sua zoppia. Reduce da un grave incidente d’auto all’età di sette anni, ne porta come conseguenza una evidente difficoltà di movimento e una madre ossessivamente protettiva; come risultato, nessuna vita sociale e tante immagini: i volti dei genitori, gli armadietti e le facce dei compagni. Grazie alla sua capacità di osservazione, ricostruisce passaggi e logicità attraverso le fotografie ed è nota come “Ufficio Oggetti Smarriti” da tutti i ragazzi che le chiedono aiuto. Hanno smarrito cuffiette, bigliettini, libri della biblioteca; poi arriva Jake che ha perso il padre e tutto cambia. Tillie e Jack si mettono insieme sulle tracce, la prima corazzata di diffidenza e voglia di farcela da sola senza farsi aiutare manco a portare uno zaino, la lingua tagliente pronta a confezionare frasi mirate sul suo essere zoppa; il secondo ossessionato dall’idea di ritrovare un padre che descrive come il suo migliore amico e smanioso di riavere un mondo familiare identico a come lo ha sempre conosciuto.

Il lettore sa benissimo cosa è successo al padre di Jake, la scelta che ha fatto e sa anche che Tillie è così in parte perché a casa da anni ha un padre che, sentendosi responsabile dell’incidente e della sua condizione, non la guarda e non la vuole vedere per quella che è. Intanto però segue i tentativi un po’ matti e a volte maldestri della strana coppia di mettere insieme indizi; li guarda zoppicare entrambi nella vita in cui si stanno districando; li segue mentre faticano con la verità: ad accettarla e a farla accettare agli altri. Li vede arrabbiarsi per le taciute verità degli adulti, per la loro incapacità di dire e di guardare in faccia, di ammettere errori e di perdonare. “Perché gli adulti sono così stupidi, Jake?” chiede Tillie a un certo punto. Già perché complicano tutto e non sanno dire? Anche i due ragazzi hanno bisogno di dire a se stessi e la scena in cui si urlano con rabbia quello che pensano dell’altro è un concentrato di voler bene e di tentativo di far sì che ciascuno di loro si veda davvero per quello che è e quello che vale. E poi ridono, i due; ridono tantissimo, anche senza volerlo, anche se non l’hanno mai fatto prima, stupiti di una complicità naturale e della bellezza di saper essere leggeri: Jake sa prendere in giro le difficoltà fisiche di Tillie nel modo migliore che ci possa essere e quando le offre il bastone magico di Gandalf come appoggio non dimentica di indossarne la barba così “sembreremo strani tutti e due”.

Brigit Young poi, con l’ottima complicità del traduttore Alessandro Peroni, costruisce un romanzo fatto anche di bella lingua: i suoi protagonisti usano con proprietà e fierezza parole non comuni come “desueto” e la loro autrice vi regala immagini come “muovendosi piano, alla velocità di un sabato sonnolento”. Si sente una cura linguistica che si incastra perfettamente nell’andamento della narrazione, capace di dire con una certa poesia di fondo (lieve e calda uno di quei sorrisi un poco tristi tipici del papa di Tillie) tutto quel che va detto.

Un gran bel romanzo basato sull’importanza del guardare, del guardarsi, del guardarsi in faccia e del saper vedere.

Un altro libro in cui la fotografia è fondamentale: ricordiamo recentemente Ferma così, L’uomo del treno e il fumetto La guerra di Catherine, fresco di premio ad Angoulême. Un altro romanzo in cui alla protagonista serve guardare il mondo attraverso un filtro: lo era anche la videocamera per Blue in Un altro giorno imperfetto in paradiso, titolo che vale la pena di riprendere in mano nonostante la copertina strizzi l’occhio a lettori più giovani di quelli per cui è indicato.

Brigit Young, Lost & Found (trad. di Alessandro Peroni), Feltrinelli Up 2018, 190 p., euro 14