Tag Archives: Pico Floridi

Che cosa fanno i dinosauri quando è ora di dormire?

18 feb

9788880337829Ecco i primi due volumi di una serie di gran successo negli Stati Uniti dove dinosauri di diverse tipologie giocano il ruolo del bambino all’interno di una famiglia raffigurata in momenti particolari: nel caso di queste prime due uscite, il mangiare seduti composti a tavola e l’ora di andare a letto e spegnere la luce. Forse che un dinosauro col suo bavagliolino candido si rigira sulla sedia, fa volare gli spaghetti, si infila i fagiolini nel naso? Forse che insiste per giocare ancora un po’, frigna, si rifiuta di mettersi sotto le coperte? No, i dinosauri assaggiano ogni cibo, chiedono persino il bis, danno il bacino della buonanotte e ripiegano la coda.

Riprendendo tutti capricci possibili e tutti i comportamenti “da bravo bambino”, gli albi permettono di giocare al “io faccio così o così?”, ma anche, signori miei, di imparare nuovi splendidi comportamenti da dinosauro (magari nel naso proviamo a infilarci i piselli, che dite?). Sarà sicuramente apprezzata dai piccoli lettori la varietà dei dinosauri tra le pagine (riassunti sulle carte di guardia), ma sono varie anche le stanze, le cucine e le famiglie (papà incravattati, altri con cappello da cuoco, mamme sportive o super eleganti, etnie e colori differenti).

Attenzione: la serie originale prevede che i piccoli lettori possano imparare anche come fanno i dinosauri a contare fino a dieci, a pulire le loro stanze, ad andare a scuola, a guarire in fretta, a giocare tutto il giorno, a ridere a gran voce, a imparare i colore, a dire “ti voglio bene”, a imparare a leggere  ;-) e molto altro. Preparatevi, insomma!

Il sito dell’autrice. Un’intervista all’illustratore.

Jane Yolen e Marc Teague, Cosa fanno i dinosauri quando è ora di dormire? (trad. di Pico Floridi), 32 p., euro 13,50

Jane Yolen e Marc Teague, Cosa fanno i dinosauri quando è ora di mangiare? (trad. di Pico Floridi), 32 p., euro 13,50

Schizzo in città

17 ott

Torna la coppia Jolivet-Fromental con un albo tutto da scoprire, buono per passare un pomeriggio di pioggerella autunnale come è capitato a noi: è pieno di colori che sconfiggono il grigio, è ricco di particolari da scoprire e chiede un intervento diretto al giovane lettore, chiamato in causa a completare frasi e rime. Il furgoncino rosso di Schizzo (Rapido, in originale) è pronto per caricare tutti gli oggetti imballati da consegnare in giro per la città. Il lettore è invitato a seguirlo e ad alzare le finestrine dietro cui si nascondono gli indizi/oggetti inseriti in frasi costruite da Fromental sulla base degli slogan pubblicitari degli anni Cinquanta. Così ci si fa un tour cittadino tra il porto e la stazione, tra la scuola e la casa della nonna, tra l’autostrada e la palestra. C’è anche una modernissima mediateca!

Ecco il sito di Joelle Jolivet. Questo è il suo blog, con qualche schizzo su Francoforte (con Fromental era in lizza per il Jugendliteraturpreis 2011 per il libro Oups! Niente premio ma qualche immagine ricordo) e con la splendida copertina di un cd realizzato per Mañana (che vi linkiamo così, anche se non amate il tango, vi gustate comunque le copertine degli altri CD altrettanto notevoli).

Joelle Jolivet – Jean-Luc Fromental, Schizzo in città (trad. di Pico Floridi), Il Castoro 2011, 24 p., euro 18.

Nicola Passaguai

5 lug

More about Nicola PassaguaiNicola è il più piccolo di dieci fratelli topolini. In realtà è piccolissimo davvero, anche per essere un topolino e la cosa preoccupa molto la sua mamma che gli vieta di uscire in qualunque stagione, di saltare, di correre, di vedere il mondo. Insomma, lo tiene proprio nella bambagia, come si dice. Per farlo uscire lo avvolge davvero in un batuffolo di cotone e a quel punto… Nicola diventa per tutti Nicola Passaguai. Un libro dedicato a tutte le mamme preoccupate, a quelle che vorrebbero sempre poterci tenere sott’occhio, a quelle che pensano che combiniamo chissaché quando ce ne andiamo in giro per il mondo (e qualche volta ci azzeccano :-)

Jeanne Willis – Tony Ross, Nicola Passaguai (trad. di Pico Floridi), Il Castoro 2010, 24 p., euro 12,50

Dieci dita alle mani dieci dita ai piedini

27 apr

More about Dieci dita alle mani, dieci dita ai piediniC’era una volta un bambino nato molto lontano. E poi ce n’era un altro, nato molto vicino.  Un filastrocca per le coccole, per ricordare che tutti i bambini (quelli che nascono vicino e quelli che vengono da lontano, quelli raffreddati e quelli tondi, quelli sotto il piumino e quelli sotto la tenda), tutti hanno dieci dita alle mani e dieci ai piedini. E a tutti piace ricevere tre bacini sulla punta del naso. Da leggere ad alta voce ai “nati per leggere” per cullarli col suono della voce.

Questo libro ha ricevuto diversi prestigiosi riconoscimenti, tra cui: Publishers Weekly Best Book; Publishers Weekly Best Book of 2008; New York Times Notable Children’s Book of 2008.  Gli acquerelli che accompagnano il testo sono di Helen Oxenbury: qui trovate alcune informazioni su di lei e su questo libro e qui potete ascoltare alcune interviste, tra cui una con la coautrice Mem Fox. Il libro verrà premiato lunedì 17 maggio prossimo a Torino, durante il Salone del Libro, come  vincitore del Premio nazionale Nati per Leggere sezione Nascere con i Libri. Vedi i vincitori.

Mem Fox – Helen Oxenbury, Dieci dita alle mani dieci dita ai piedini (trad. di Pico Floridi), Il Castoro 2009, euro 12,50.

La famiglia Sappington

24 giu

More

Malvagiamente scritto e ignominiosamente illustrato dall’autrice. E così, fin dal frontespizio, sappiamo cosa ci aspetta… un romanzo gotico, una famiglia irriverente dove i genitori non sopportano i figli e i quattro figli provano lo stesso sentimento verso i genitori. Un libro letto una sera ad alta voce dal padre (perché la mamma è impegnata a fare un golfino per il gatto) dà a tutti un’idea di soluzione… la storia è Hansel e Gretel e quindi i genitori pensano a come abbandonare i loro figli e i figli a come diventare orfani. Benvenuti a casa dei perfidi Sappington, dove la tata è ripugnante, le agenzie di viaggio abominevoli, i bebé disgustosi, i piani per il futuro ignobili. Dove i piani non sempre vanno per il verso giusto, dove i vicini di casa riservano delle sorprese, dove il budino di semolino e uvetta della tata si rivela sorprendentemente delizioso e dove il lieto fine arriva. A suo modo, ma arriva.

Alla fine del libro, ci sono un glossario che spiega le parole più difficili e una bibliografia che indica la trama dei classici per ragazzi (libri del passato che sono zeppi di orfani pietosi ma attraenti, di parenti irascibili e avari, di benefattori magnanimi e di trasformazioni a opera di bambini suadenti) che vengono citati nel testo. Forse non sarebbe stato male avere un’indicazione a inizio libro della presenza di questi due strumenti.

Questo è il sito dell’autrice. Il testo originale lo potete vedere interamente su GoogleBooks.

Lois Lowry, La famiglia Sappington (trad. di Pico Floridi), Il Castoro 2009, p. 160, euro 12,50.

Incantesimi

27 nov

incantesimiC’era una volta un ranocchio che trovò un libro. Non era un normalissimo libro, ma un libro di formule magiche per fare incantesimi, forse anche quello che lui desiderava da tanto tempo: trasformarsi in un principe e baciare una principessa. Il ranocchio è pasticcione, maldestro e sbadato. Il libro è rovinato, strappato e manca qualche pagina. Il libro che tenete tra le mani è un albo fantastico, che permette di giocare con le pagine (tagliate a metà, da combinarsi a piacere) e le parole, di incrociare formule magiche, di vedere se alla fine è proprio il caso di diventare principi azzurri. L’ha realizzato Emily Gravett, il cui ultimo libro Little Mouse’s Big Book of Fears ha vinto la Kate Greenaway Medal quest’anno. Scoprite il suo curiosissimo sito!

Emily Gravett, Incantesimi (trad. di Pico Floridi), Il Castoro 2008, 32 p., euro 15.

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 5.500 follower