Terrestre

9 ott

More about Terrestre !! ANTEPRIMA !!

Si chiese perché stesse facendo la pazzia di continuare a rispondere a quella sconosciuta. “Forse perché non mi guarda” pensò “Perché fa le domande senza alcun imbarazzo, e anche perché sembra tutto un po’ irreale, a dire la verità.” (…) Virgil era confuso. Quella ragazza aveva un modo particolare di ragionare. Ebbe il desiderio che lo interrogasse ancora. Ebbe paura che smettesse di farlo.

Virgil è uno scrittore settantenne che un mattino di pioggia di inizio autunno dà un passaggio a una ragazza che fa autostop. Ha diciassette anni, uno scarabeo sul palmo della mano e una certa facilità a fare domande, senza imbarazzo; domande a cui è naturale per l’uomo rispondere con altrettanta franchezza e dirsi scontento del suo romanzo in uscita, e dire la sua vita e il suo mondo. Una settimana dopo, la scena si ripete: la ragazza si fa lasciare all’altezza di un cartello stradale che Virgil non ritrova più, come se fosse dissolto, come se l’avesse sognato. Eppure lui l’ha visto, così come ha parlato con quella ragazza che sostiene che bisognerebbe dirsi solo cose personali, perché il resto non conta.

Anne Collodi non ha imbarazzi,  ha una leggerezza nel dire tutto, perché non ha nulla da perdere. Anzi. Sulle tracce della sorella, scomparsa improvvisamente dopo le nozze un anno prima, sulla scia di un messaggio arrivato da chissà dove, si avvia sulla strada di campagna per passare il varco verso un mondo altro dove la sorella vive come catturata.  Un mondo rarefatto, i cui abitanti non respirano, non ridono, non conoscono i sentimenti. Dove tutti si vestono nello stesso modo, dove gli oggetti nei negozi non si pagano ma si prendono semplicemente, dove ad un certo punto della vita ci si siede e si muore per noia. Dove ognuno è controllato grazie a un chip sotto pelle e dove il mondo terrestre è una materia che si insegna a chi è destinato ad andarci in missione. Un mondo dove ci sono anche gli ibridi, come Bram, il ragazzo che ha incantato Anne al matrimonio della sorella.

Anne deve imparare a nascondere il suo respiro, le sue emozioni. Ma saranno le brecce emotive che aprirà in coloro che incontra a portarla verso la meta.

Il sito di Mourlevat. L’autore parla del suo libro: qui e qui. Dal blog del Coordinamento delle Librerie per Ragazzi qualche appunto sulla musica dei Keane che culla il respiro della protagonista e del lettore di questo libro.

Jean-Claude Mourlevat, Terrestre (trad. di Bérénice Capatti), Rizzoli 2012, 359 p., euro 15.

About these ads

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 4.208 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: